giovedì 8 dicembre 2022

IL VANGELO NASCOSTO

 


Notizia fragorosa, tenuta ovviamente custodita dalla Chiesa per centinaia d’anni. Trapelata solo ora, nell’ambito di quella sensibile e coerente riconversione cui Papa Francesco sembra voler, finalmente, dare corso.

Ne offre autorevole ragguaglio la Biblioteca Universitaria di Bologna presso la quale è custodito l’inedito Vangelo di Tirtullinea, rinvenuto in Algeria prima della II Guerra Mondiale, prezioso papiro rilegato in cuoio e miracolosamente illeso.

Sembra riportare notizie sconvolgenti per gli ortodossi di allora e gli oscurantisti odierni, a cominciare dal clamoroso annuncio di una sorella di Gesù, scesa in terra assieme a Lui, a nome Cristina - inviati da due ovvie quanto naturali e paritarie Divinità Padre e Madre - per manifestare Amore e Misericordia con una sequela di miracoli, incontri, avvenimenti che ricompongono una linea matura anche se rivoluzionaria rispetto all’attuale bigottismo.
Solo in  seguito l’ortodossia organizzata relegò il ruolo di Madre di Dio a via di mezzo, tramite, accessorio; spodestandola dallo scranno più alto con un demansionamento in piena regola, ecco il ruolo della Madonna da allora, Madre di Dio ma esautorata da ruoli decisionali.

In attesa di una puntuale e certificata propagazione del testo, accenniamo giusto qualche anticipazione di profondo significato, ad esempio sulla storia terrena di fratello e sorella e sull’attribuzione di svariati miracoli: 

Gli apostoli erano sarebbero sempre dodici, come canonicamente risaputo, ma sei uomini e sei donne, anche se alla fine, a tradire, fu ovviamente uno degli uomini.

Alla sorella di Gesù è ad esempio attribuita la trasformazione dell’acqua, ma non in vino, bensì in tisana.

Molti miracoli se li divisero serenamente.. ad esempio a camminare sulle acque fu Cristina, grazie anche al suo fisico minuto.  

Il fico fu seccato sempre da  Cristina, non da Gesù,  indispettita perché non aveva prodotto fiori di pesco.

A Lazzaro pensò sempre lei, pare avesse solo un po’ di febbre, evento saputamente catastrofico e quasi mortale per ogni maschio fin dagli albori.

Ad accogliere di nuovo il figliol prodigo fu ovviamente la madre, perché il padre era fuori a bere con gli amici.

Come si può notare una serie di puntualizzazioni che rendono giustizia alla successiva ondata di maschilismo e prevaricazione con la quale ancora oggi dobbiamo fare i conti.

Ma come vediamo, gli archivi e le segrete si stanno pian piano aprendo, disvelando scenari di luce.

Ovviamente si gioca, ma la speranza rimane quella che l'apertuta mentale e di cuore si faccia davvero strada, prima o poi.

Ben venga l’evoluzione.

mercoledì 7 dicembre 2022

CHE VAGANO

 


Non credo nei panorami di mondo,
nei confini offerti dalla foschia,

nei tramonti che mi cercano.

Non credo più nelle parole che vagano,
o nei ricordi di ritorno.

Non credo nel mare che non posso lambire,

nei viaggi alla scoperta,

nello scrivere come terapia.

Non credo nei sorrisi
che covano in superficie,
nel forgiare pazienze.

Comprendo tutti questi limiti,

e per questo li soffro, e li temo,

perché scorgo oltre.

Ma scorgere può non bastare.

Immaginare dipana matasse di buio,
ma rimane esercizio di stile.

Castello di delicate carte.

Soglia trasparente
appannata di fiato esausto.

lunedì 5 dicembre 2022

NIENTE PIU' COVID PER DECRETO

E così il covid sembra sparito, ovvero si prende - noi abbiamo diversi amici e parenti di nuovo covidizzati proprio in questi giorni - ma si sta a casa come quando si busca una normale influenza.
C'è un vaccino contro l'influenza? Sì l'antinfluenzale, ma non è risoluzione matematica.. eppure c'erano tempi in cui si moriva di influenza, si moriva e basta. Chissà se c'erano anche all'epoca i proto no vax..  
 

Insomma, a saperlo comunque, che potesse essere così semplice, avremmo decretato già da fine 2020..tanto per viverla serena 'sta pandemia..  poi dice che 'sto governo non sta facendo nulla!

Per fortuna vedo ancora teatri e supermercati con tantissimi in mascherina, noi compresi ovviamente..

L'ideale sarebbe l'uso continuativo della mascherina a vita, almeno in certi frangenti, esattamente come facevano quei giapponesi nel 2019, quando io ero ero il primo - non me lo scordo - a perculare questa loro abitudine di "mascherinarsi" in autobus, metro o comunque dove l'assembramento umano favoriva bacilli di tutti i tipi, dalla tosse al raffreddore a magari quelli più tosti. 

Ma l'ideale - lo dice il termine - è solo pia illusione, continueremo a vivere alla giornata, senza imparare praticamente mai nulla. 

venerdì 2 dicembre 2022

COME VIAGGIARE GRATIS

 Il mio amore per la scrittura e il blog stanno viaggiando sempre più in simbiosi, questo Dicembre sarà particolarmente dedicato a racconti (anche più lunghi del convenzionale post standard) e poesie.

Spero riesca almeno ad incuriosirvi se non altro, e stimolare anche impressioni, considerazioni, non esclusi suggerimenti ed inviti sul dedicarsi ad altro..  

Non si cresce da soli. 


COME VIAGGIARE GRATIS



Siamo imbarcati per quella crociera di una settimana in Mediterraneo, già con un preciso intento, Lulù ed io. Il ghiribizzo era venuto in mente durante il penultimo viaggio:  qualcuno poteva  rimanere sulla nave, a crociera terminata, senza che nessuno se ne accorgesse, anche solo per qualche giorno? Insomma, era possibile un escamotage per viaggiare in incognito?
Avevamo studiato e rimuginato, più io in realtà, che ho di queste idee strampalate ogni tanto, ed era giunto il momento di agire. O perlomeno tentare.



A inizio crociera ad ogni passeggero viene consegnato un badge collegato anche ad una foto fatta prima dell’imbarco. Questa tessera è nostra preziosa e necessaria compagna per tutta la crociera: apre la cabina di  competenza,  permette di prenotare teatri e spettacoli, di cenare al ristorante,  ordinare bevande e cocktail, fare acquisti a bordo e, fondamentale, ogni volta che si lascia la nave per una visita a terra, il personale si assicura che a scendere e risalire sia effettivamente il titolare, confrontando il  viso con la foto che appare al monitor.

A fine crociera poi, quando la vacanza termina e si torna a terra definitivamente nessuno dei crocieristi ha modo di rimanere a bordo.
Deve verificarsi il cosiddetto “conteggio zero”, i diciamo “mille” passeggeri saliti il tal giorno per una crociera di sette giorni, devono scendere definitivamente, ed esattamente in “mille”, una volta giunti a destinazione, e non avranno possibilità di risalire con quella tessera che esaurirà la sua validità proprio il giorno di ultima discesa a terra.
In caso di incongruenza di calcolo, e la constatazione di qualcuno ancora a bordo, la nave viene perquisita e il trasgressore immancabilmente trovato.
Ci hanno raccontato che a volte è capitato qualche ritardo, con croceristi ubriachi o che ancora dormivano in cabina, ma nessuno mai che avesse tentato appositamente di nascondersi a bordo. 



E la nostra mission tentava di sfatare la regola. A conti fatti, dovevamo ingannare il personale di bordo.  Risultare invisibili, in un certo senso.
Ma non era questo il fulcro principale del nostro piano.

Una volta sulla nave,  una città galleggiante con cinquemila ospiti e oltre duemila tra addetti e maestranze, nessuno verrà a chiederti chi sei e dove abiti. Vitto e alloggio non rappresentano un grosso problema  se non pretendiamo particolari esigenze: per mangiare e bere al buffet non hai bisogno di tessera, per il bagno hai innumerevoli servizi igienici pubblici dove anche lavarti, certo senza farti la doccia, sfruttando oltre ad avveniristici e sempre lindi lavandini, piscine calde o fresche,  con e senza idromassaggio; per riposare la notte invece, non avendo una cabina, si trovano a disposizione bar e poltrone a profusione, la vita in crociera dura praticamente h24, nessuno farà caso se vaghi  o ti addormenti su uno degli infiniti divani.

Insomma il problema principale non era rimanere su.

Ma far credere di essere scesi.

E la nostra settimana “legittima”, regolarmente pagata, a questo è servito: ovviamente uno dei compiti più tosti lo ha avuto Lulù, io avrei tentato il soggiorno in nave una settimana supplementare - aggratis - ma a lei spettava il raggiro più gravoso, scendere a fine crociera riuscendo a scannerizzare anche il mio tesserino, affinché risultassi regolarmente derubricato e non più sulla nave.


Durante la nostra settimana di “studio”, oltre a mantenere un bassissimo profilo (nessuna confidenza col personale, frequentato pochissimo i bar, spesso chiuso in cabina, mai a teatro, ancora meno a chiedere informazioni in reception in modo da risultare - almeno io - un viso il meno familiare possibile a bordo; siamo però scesi e saliti diverse volte, ma molto più spesso Lulù, per studiare e scandagliare tempi e modalità di registrazione da parte del personale: ti avvicini alla postazione, porgi il badge, l’addetto lo prende e lo scannerizza con il lettorino di codice a barre, per nulla dissimile da quello che usiamo per fare la spesa alle casse automatiche dei supermercati che offrono questa possibilità; la tua foto appare in video, lui ti guarda, un invio sulla tastiera e via.. risulti fuori dalla nave.
Avanti il prossimo.
Ora dovevamo fare in modo che mia moglie, al momento della discesa definitiva, riuscisse a distrarre il personale il tempo necessario a prendere lo scanner e passarlo al volo anche sul mio tesserino che avrebbe portato con se.
Abbiamo studiato un momento di poco o scarso afflusso, e con un solo incaricato alla verifica, cosa che, ammetto, non capita di rado. Siamo stati, anche se a debita distanza, nei pressi dell’uscita diverso tempo, fatto lo screening a tutti gli elementi di equipaggio che si alternavano alla pratica di imbarco e sbarco, studiato quale potesse essere il momento più adatto, il meno affollato, anche se l’uscita finale è comunque diversa da una discesa temporanea, sicuramente avremmo dovuto far defluire prima un po’ tutti, ma eravamo avvantaggiati da una fermata temporanea,  e non definitiva, della nave; saliti in circa duecento a Lisbona, saremmo riscesi in altrettanti, il grosso dei passeggeri era a bordo, salito a Southampton, e vi sarebbe rimasto ancora fino in Inghilterra.


Cercato anche di capire quante volte, e in quali momenti, ne rimanesse solo uno al controllo passeggeri, e colta l’occasione al volo, ecco che Lulù si avvicina simulando un malore, chiede aiuto all’addetto che, mollata la postazione  cerca soccorsi all’interno, anche per quel solo attimo  che permette a mia moglie di scannerizzare il mio tesserino e azzerare l’immagine a video.  Io lì, a distanza di sicurezza, a spiare tutta la situazione, vedere Lulù che prontamente si riprende, chiede scusa e imbocca la via d’uscita, da sola, ma nella realtà virtuale anche con me a fianco.. appena scesa mi chiama: “Madonna mi sono sentita una piccola Lara Croft.. se mi beccavano.. ma sembra tutto ok.. certo non ho la sicurezza matematica.. però ho scannerizzato, è apparso il tuo volto e ho dato invio.. speriamo bene..”
Poteva sembrare complicato, ma è riuscito davvero alla grande e proprio quando pensavamo di aver superato lo scoglio più tosto.. non immaginavamo (ma forse Lulù sì..) che il peggio doveva ancora arrivare, e me lo sarei beccato tutto io..

E ora a spasso per questa nuova vita da “inesistente” col mio fido zainetto in spalla e il minimo necessario, un paio di jeans, maglietta, slip anche e lo spazzolino.. .
L’ansia e l’adrenalina mi hanno subito sollecitato l’appetito, mi fiondo al buffet.. poi inizio a girare con nonchalance, ovviamente immagino gli occhi di tutti su di me, ma praticamente non mi vede nessuno.. ricarico il cell a una delle infinite prese di bordo, mi piazzo al sole, ritelefono a Lulù preoccupata per questo esperimento fortemente voluto da me, ma dove finora, a rischiare, è stata solo lei.. il problema sarà che a nave salpata non potrò contattarla per telefono, e neanche via whatsapp perché i pacchetti wifi sono acquistabili a bordo solo col badge di imbarco e io sono un clandestino in piena regola.. per telefonare dovrò attendere  il prossimo porto e far conto sui ripetitori di terra. Intanto leggo, prendo il sole e attendo la sera, la notte anzi, primo probante banco di prova. 




Anche se durante la settimana “autorizzata”, non dico Lulù, perché non gliel’avrebbe proprio fatta, ma io ho voluto simularla una nottata in giro, tra bar, birrerie, spazi comuni e slot machines  e devo dire che mi sono stupito di quante persone si possono trovare a spasso alle ore più piccole, ovviamente non mi sono mai soffermato troppo, per non dare nell’occhio, ma gironzolando ho notato quell’atmosfera da aeroporto, di quelli che vivono h24, e così anche sulla nave, tra piano bar, karaoke, buffet notturno; e simulando poi fantasiosi mal di mare ti accomodi  nel salone principale, leggendo libri vita natural durante.. buona anche l’idea di bivaccare sui divani ai ponti passeggeri, davanti agli ascensori che fanno su e giù ininterrottamente, a volte portando altra gente che gira sola, ma in cerca di compagnia, tipi che poi avrebbero potuto rappresentare un problema durante la crociera solitaria, e notando anche un’infinità di cocktail lasciati a metà sui tavoli.. ne avrei potuto approfittare una volta clandestino e privo di tessera.. insomma, trascorrere la notte privi di cabina non sembrava un problema così insormontabile.. avevo notato almeno due soggetti addormentati su divani e poltrone, magari di bar ormai ampiamente oltre il turno di chiusura.. possibile che stessero facendo tutti il mio esperimento, con una settimana di anticipo?! .. sorridendo all’idea bizzarra ma esausto (erano le tre di notte) sono tornato in cabina, ne sarei uscito alle cinque però, tanto per curiosare sul ripristino delle attività di bordo, e constatare quanti passeggeri stessero ancora, o già, vagando modello zombie... ne ho trovato uno addirittura vestito di tutto punto sdraiato nell’area piscina centrale.. e il personale non fiata, né ti disturba.. basterebbe una segnalazione per far perdere loro il posto, quasi tutti sudamericani, africani, indonesiani, di solito con contratti a otto mesi, e poi a casa ad attendere una nuova chiamata.. figurati se vanno a svegliare un ospite magari danarosissimo e pure permaloso.. la cosa ovviamente volgeva a mio vantaggio, certo un conto è fare sopralluoghi con alle spalle una cabina rassicurante, un altro è ora, solo, occulto e clandestino per davvero,  e adrenalinizzato per di più, convinto che tutti mi stiano guardando capendo pure al volo che sono un intruso irregolare.



Ed eccola allora la mia prima notte in giro, addirittura riesco a chiudere occhio su un divanetto dell’area Casinò, anche se l’idea era di scambiare il giorno con la notte, facendomi lunghissimi sonni diurni sulle comodissime sdraio MSC sparpagliate a decine sui ponti prendisole. Quando sta per fare alba mi chiudo al bagno, fresco di turno di pulizia, almeno non romperanno per un po’,  mi addormento quasi sulla tazza, in fondo sono appena le cinque, tra un’ora apre il ponte colazione..e  l’aurora sarà a salutare solo me e la mia scommessa pazza.

Mi accorgo che distolgo appositamente lo sguardo da camerieri, inservienti e, soprattutto, ufficiali. Se qualcuno mi chiedesse qualcosa sarei spacciato.. che ne so, una verifica o qualsiasi altra cosa, sono un attimo ansioso, sì, vorrei vedere voi.. e in più, mentre me ne sto circondato da uova strapazzate, bacon, succo d’arancia e cornetti salati si avvicina un tizio stralunato: “Italiano?” “Sì” rispondo mio malgrado.. “Finalmente!..tutti inglesi a bordo.. ti dispiace se mi siedo.. sei solo?!”  Proprio quello che non volevo.. “Sto aspettando mia moglie in realtà… perdonami.. “  Ok   scusa.. capisco.. buona giornata!” mi risponde allontanandosi.
Ecco un qualcosa di non preventivato,o comunque non abbastanza: se sei solo, rischi l’avvicinamento, l’approccio; e la crociera è anche luogo per favorire incontri, esistono luoghi ed appuntamenti programmati dedicati alle persone sole, single, vedovi ad esempio, ed anche punti di incontro LGBT.. e io ero entrato in un nuovo campo da gioco, forse anche un nuovo sport.. dovevo destreggiarmi.. e pensare che un sacco di gente soffre di solitudine e non riesce ad incontrare nessuno..io ci ho messo un amen a calamitare un incontro.. indesiderabilissimo tra l’altro.. dopo una settimana trascorsa con la massima accortezza a non avvicinare nessuno.. ahah
Ma gli inconvenienti sembravano appena iniziati. Mentre esco dal buffet una vecchietta riesce a rovesciarmi il suo vassoio e il cappuccino sui pantaloni..arriva un inserviente ma quel che è peggio, anche un ufficiale che si scusa in napoletano per l’accaduto assieme alla vecchietta che lo fa in inglese..”Mi dispiace tanto, mi dia il numero della cabina e le faccio recapitare un buono omaggio per la lavanderia”
Devo essere sbiancato.. “Ma no guardi, non fa nulla! “Devo insistere.. dove glielo mando il buono?”  Vado nel panico e al volo mi viene  il numero di cabina del viaggio precedente..  tutt’al più penseranno che ho sbagliato a riferirlo.. saluto tutti, vecchietta ed ufficiale, e scappo via complimentandomi per la mia capacità di passare inosservato.. uno tsunami dentro un acquario praticamente.. vediamo di non fare più danni per oggi.. c’è un sole già caldo.. cerco la sdraio più isolata dal mondo e mi piazzo a leggere in pace.. dopo un paio riecco lo stralunato della colazione.. “Tua moglie l’hai trovata poi?” “ Si..” replico freddo “Ora è in cabina.. troppo caldo” “Ah ok.. ci si vede allora..”. E questo “ci si vede” che stona decisamente.. non voglio vedere nessuno! Cazzarola.. tanta fatica a non dare confidenza a nessuno.. ed ecco il risultato.. guarda se finisce per farmi scoprire.. e intanto ero preoccupato per il buono della lavanderia, e anche del fatto che quell’ufficiale al buffet l’avrei rivisto sicuramente..mannaggia a me e alle vecchiette sbadate.. ora cominciavo a vedere fantasmi dappertutto e l’ansia montava.. fare i fighetti a bocce ferme in effetti è un conto, poi alla prova dei fatti subentrano sempre mille elementi non considerati o che proprio nel frangente, decidono di palesarsi.. nel caso specifico anche se vuoi fare l’orso e non rivolgere la parola a nessuno, in crociera c’è comunque  qualcuno che incontri per forza quasi quotidianamente: il “cabin attendant”, l’omino che ogni giorno ti sistema la cabina, fa’ il letto, pulisce tutto, ti cambia asciugamani due volte al giorno, ti recapita le comunicazioni di servizio e il programma di bordo.. ma questo tizio io, in cinque crociere, l’ho visto solo ed esclusivamente al piano, nei pressi delle cabine che deve sistemare (di solito ne hanno una ventina a testa di cui occuparsi) e mai, sottolineo MAI, altrove.




E ovviamente, al piano dove avevamo la cabina con Lulù fino a due giorni prima, vedo di passarci abbondantemente al largo.. e quindi perché dovrei incontrare il mio attendant sulla nave, guarda caso l’unico che sa con quasi certezza che sarei dovuto essere sceso?  Ve lo dico io: perché in ossequio alla Legge di Murphy, se qualcosa deve andare storta, lo farà ;)   E allora ecco che il nostro Luciano, questo il nome dell’addetto alla cabina, probabilmente intento a recuperare la cena che qualche turista aveva richiesto a domicilio, stava transitando proprio nel buffet reparto cucina orientale e ovviamente me lo ritrovo faccia a faccia. Mi guarda, lo guardo, distolgo subito lo sguardo ma sento un Buongiorno! sorpresissimo.. lo guardo mio malgrado e m’invento al volo “Ciao!.. abbiamo deciso di fare un altro giro!!” “Ah bene.. salutami la signora allora!!” A voi sembra che le complicazioni possano sciogliersi così come neve al sole, ebbene no.. il nostro Luciano un sospettino lo alimenta e alla faccia della lauta mancia che mia moglie gli ha lasciato il giorno di sbarco (o forse proprio per quella), decide di chiedere in reception se gli occupanti della nostra cabina, avessero davvero prolungato la vacanza.
Ovviamente non risulta nulla e da quel momento, chiesta conferma della mia presenza al nostro pignolissimo attendant, inizia una discreta ma serratissima caccia al clandestino da parte della Sicurezza MSC, e siccome non sono un ago nel pagliaio, alla faccia delle dimensioni della nave, mi beccano praticamente nel giro d’un paio d’ore, anche se cercavo di svicolare per aree comuni, ovviamente con l’aiuto di Luciano. 


“Buongiorno” chiede un graduato dall’innegabile accento napoletano, “Scusi se la importuniamo, ma stiamo facendo dei controlli e servirebbe il suo badge di cabina”. Vorrei inventarmi chissà che ma le mie risorse sono già state grattate tutte dal fondo del barile. “Ok, mi avete beccato.. mi arrendo.. ora finisco in gattabuia presumo?” “Lei ha violato un’infinità  di norme , leggi e disposizioni, mettendo a rischio anche la sicurezza della nave” “Ora non esageriamo.. potrei parlare col Comandante? In fondo sono vostro fedele cliente.. possiamo discuterne?”
No. Sembrava che in presenza di clandestini illegali le Autorità di Bordo incarognissero ancor di più, ne andava anche della proverbiale sicurezza di ospiti e sistemi di controllo.. chiunque allora avrebbe potuto intrufolarsi? MSC avrebbe perduto credibilità.. e proprio a questa eventuale pessima pubblicità involontaria avrei dovuto aggrapparmi.. sembravano tutti imbarazzati, ma soprattutto stizziti. Il Comandante fu praticamente l’ultimo con cui parlai. Volle sapere per filo e per segno le modalità con le quali avevamo eluso i controlli, e finì quasi per complimentarsi, soprattutto con mia moglie...
Ora dovevo solo negoziare uno scambio equo. Il mio silenzio sulla fallibilità delle procedure sbarco/imbarco contro l’immunità, mia e di mia moglie, ovviamente.
Incredibile a dirlo, ma andò anche meglio.
Alla luce del mio acclarato ed innocente tentativo di provare giusto l’emozione di un giro in clandestinità, in cambio del mio mutismo tombale sull’intera faccenda mi offrirono una crociera per due ai Caraibi in esperienza Yatch Club, quella più costosa ed esclusiva.
Ecco perché dovetti rinunciare a vendere  i diritti di pubblicazione del mio avventuroso resoconto ad un giornale di gran tiratura, limitandomi ad esporlo giusto qui sul blog, dove rimarrà disponibile appena per i miei pochi lettori aficionados..

   

mercoledì 30 novembre 2022

QUARTE DI COPERTINA

 


Curiosavamo in libreria e mentre sfogliavo nuove uscite - incredibile la quantità invasiva di libri che ogni settimana cerca spazio tra espositori e scaffali, oltretutto tra pochissimi clienti rispetto a quelli che affollano store di abbigliamento, elettronica o articoli da regalo - ho notato quanto stia cambiando la strategia di vendita, perlomeno sulle "quarte di copertina". 

Stiamo assistendo, probabilmente inconsciamente, alla nascita di nuovi scenari letterari che mai e poi mai, in precedenza, erano riusciti a raggiungere vette così elevate, fornendo al fortunato lettore materiale letterario tale da far impallidire i classici e gli intramontabili che hanno fatto la Storia.

Ecco un breve riepilogo delle definizioni standard che si possono trovare su svariate quarte di copertina: romanzi, saggi, gialli, poesie, viaggi o ricettari che siano.

"thriller tesissimo" "indagine impossibile" "epica conclusione" "incantevole: mette d'accordo tutti" "esordio dirompente" "libro potente, sincero, grandioso, emozionante" "la prospettiva che non conoscevate" "appassiona ad ogni pagina" "la testimonianza più ricca e più intensa" "best seller di valore universale" "la guida che non c'era" "l'eccellenza della capacità narrativa"

E noi che eravamo all'oscuro di tanto genio improvvisamente rivelatosi.

Ho dovuto comprare tutto.  ;)

domenica 27 novembre 2022

INSIDE MAN LA SERIE NETFLIX

 


Per fortuna ci sono serie, brevi, che ti incollano alla tv senza tirarla per le lunghe ma, anzi, accavallando sorprese e sconcerto a ritmi vertiginosi, incastrando eventi a rotta di collo.

Inside man è una di queste, stile Fargo (la serie), dove le casualità innescano e si innescano sfuggendo di mano anche al più astuto stratega; come se non bastasse si intersecano due linee narrative differenti che finiranno per incontrarsi ma solo dopo sentieri contorti. 

Consiglio spassionatamente questi eventi tv perché smuovono dal torpore e aguzzano l'ingegno, la curiosità, l'analisi introspettiva sollecitata a più riprese. 

Se capitasse a noi? Come ci comporteremmo? A quali lati nascosti potremmo dar vita, ossigeno, fiato, occasione?

Quali le priorità? Quali le debolezze?

Gli attori sono semplicemente fenomenali, la regia splendida, la storia ovviamente paga qualche pegno al voler sorprendere a tutti i costi, ma la media voto rimane altissima. 

giovedì 24 novembre 2022

ELOGIO DEL TWEET (QUANDO C'ERANO SOLO I MAGICI 140 CARATTERI)


Leggeva solo sport, cinema e cronaca nera. 

Lo trovarono morto dentro un cinema vestito da jogging. 

Il giorno dopo riempì tutto il giornale.

martedì 22 novembre 2022

SE FOSSI ALTRO DA ME

 


Se fossi altro da me,

non ho idea di chi sarei.

Magari uno puntuale, preciso, calcolatore, stratega.

Mai invidioso, poco attento, ma anche meno sensibile;

distratto, senza grilli per la testa, 

coi sogni contati e la fantasia ordinaria.

Se fossi altro da me, sicuro non mi riconoscerei.

E se qualcuno me lo indicasse, 

questo altro da me,

gli viaggerei accanto in metro allora 

sbirciando il libro che ha tra le mani

e facendo la faccia contrariata

sorpreso dai suoi gusti, proprio mentre lui pensa:

"Ma che c'ha da guardare questo?"

domenica 20 novembre 2022

ESTERNO NOTTE - CI MANCAVA LA FICTION..

Su Moro si è detto tutto senza mai dire troppo. Del resto noi in Italia con i misteri andiamo a nozze. Poi ci si diverte a romanzarli senza tuttavia aggiungere nulla di che se non folcloristiche visioni e raccolte di tic e ossessioni come avviene in questo Esterno notte.

Per quanto Bellocchio specifichi e faccia appello ad ogni fine puntata alla sua libertà artistica e creativa circa le vicende narrate, farebbe forse prima a sottolineare che la sua fiction reca "anche tracce" di dramma che fu autentico.

Sottolineare pratiche estreme come il cilicio di Paolo VI o le fisse di Cossiga, Moro stesso, o Andreotti che si vomita addosso.
Insomma una congrega di disadattati a dominare le scene politiche per anni, e per contraltare, brigatisti degni della Banda Bassotti.

Al regista d'altra parte, se tutto è stato già detto e molto lo ha detto pure lui, non resta che riprendere il filo interrotto, ad esempio dal suo Moro oniricamente ritrovato vivo, sfruttando ancora la botta di genio di Buongiorno notte, e poi infilarsi nel ginepraio di bassissima politica italiota, dalla P2 ai militari, d alle false piste ai fanfaroni indovini, ai brigatisti con le armi inceppate e i comunicati deliranti.  

Un quadretto spesso naif e stereotipato dove mentre i rivoluzionari cogitano ed elucubrano su Moro da liberare si o no, sono circondati da fattoni che si bucano in autobus e scippatori di borsette volanti in una Roma alla deriva, e i politici sembrano tutti automi radiocomandati da ben altri burattinai.. un voler sottolineare epoche ed esigenze in contrasto, la bambina fuori dalla scuola che attende la mamma impegnata nel Salvare Il Mondo, e il Papa che ammucchia banconote sul tavolo stile Zio Paperone.

Tutto un eccesso celebrato come il grande cinema finalmente coniugato alla fiction, uno scavare nelle manie e nei nervosismi in contrasto con una Storia ancora avvolta nel mistero, ma comunque accaduta realmente.
Mi dispiace, non mi ci ritrovo.
Io che all'epoca cercavo spazio con la mia associazione culturale apolitica, e questo "apolitica" terrorizzava destra e sinistra nella mia scuola.
La vera rivoluzione era la non appartenenza. Infatti ci vietarono di attaccare i nostri manifesti novello futuristi: destra, sinistra e Preside. Stranamente allineati per una volta. Vabbè.. ma questa è un'altra storia.

Qui si parla di Bellocchio invece, che si compiace di una Storia che mai ha avuto soluzione e che quindi si può manipolare a piacimento, quando neanche i brigatisti spegarono mai perché Moro li avesse ringraziati (Forse per aver salva la vita magari? Per rivedere il nipotino? troppo elementare dite..).
Bellocchio a sottolineare la moglie di Moro che col marito fresco di sequestro chiede al prete "Ma l'assoluzione non me l'ha data?", la barzelletta dell'istant-movie sul rapimento, la fantasia del prete confessore portato nel covo con tanto di dichiarazioni iperboliche ("lo odio Andreotti") e tanti piccoli bozzetti a cercare di coinvolgere lo spettatore a livello emotivo e scenografico: dalle BR che sparano in spiaggia come i ragazzetti di Romanzo Criminale o la Faranda che corre invasata per i corridoi di casa alla notizia del rapimento.

Una messa in scena ostentata, che non viaggia per sottrazione ma per episodi a incastro; ricca di indovini, suore visionarie, collaboratori americani farseschi,  soluzioni fantasmagoriche, tutto con lo sfondo di un  Moro rassegnato, e disegnato pazzo (ma chi potrebbe non diventarlo?) 

E a noi non resta che prendere atto di questo "capolavoro" bellocchiano, magari controllare che il gas sia chiuso, e lavarci bene le mani (forse la più acuta, magari involontaria, tra le metafore trasmesse).


venerdì 18 novembre 2022

DUECENTOOTTANTASETTE QUADRI

 



Li ho contati davvero.
Ho 287 quadri in casa, comprese foto (mie) e orologi da parete. Ma non è affatto una casa immensa. Sono io che tappezzo il tappezzabile..


I libri non ve li racconto neanche, e neanche cd, lp,  dvd e soprammobili.. 


Sappiate però che amo l'affollamento, l'agglomerato, la ressa estetica, il calore di un arredo.

E con l'inverno, questo particolare inverno che approccia, potrebbe tornare utile.. ;)

martedì 15 novembre 2022

CERTI POST..


 
..e solo certi post, attirano blogger anche da altre latitudini.

Quindi non è il blogger che si viene a leggere, ma il post.

E forse è giusto così. Non ti leggo perché scrivi, ma per ciò che scrivi. Entro nel merito, non mi basta solo che sia solo il tuo ricamo, ma interessa il genere di filo usato, in che verso pieghi la penna.

C'è fabbrica e marchio di fabbrica, spesso fa fede la fabbrica, altre incuriosisce di più il marchio apposto.

Io ho un marchio di fabbrica? Dando un'occhiata ai miei ultimi post scorgo viaggi, scrittura, introspezioni varie.. meno recensioni, meno cinema.. e considerando che provengo da una realtà di recensore di cinema (Film.Tv.it), la cosa potrebbe far pensare.. esistono evoluzioni e involuzioni, pause e ripartenze, entusiasmi e rilassatezze.

Guardo la mia ventina di post di Settembre e Ottobre: raccontini, viaggi, poesie, qualcosina di analisi politica/sociale. Due sole recensioni (di cui una ristampa).

Evidentemente mi muovo verso esigenze personali.

Poi capita che, come con l'ultimo post sulle suore, attiro persone lontane, smuovo considerazioni, o tengo lontano abituali aficionados. 

L'ambizione è che mi si venga a leggere sia il marchio sia da dove scaturisce.

Sbagliato.
Probabilmente l'ambizione vera è che la fabbrica non si fermi mai, perché è il Direttore che se la gode un sacco ogni volta che firma qualcosa.  


sabato 12 novembre 2022

SUORE DI UN DIO MINORE


Mi ha ispirato questo post di Sinforosa 

Si sta davvero evolvendo la Chiesa nei confronti della donna? 

A questo interrogativo molti tendono a deviare sul quanto sia fondamentale la donna in ogni ruolo della società, basterebbe sottolineare il ruolo di madre e generatrice di vita.

Ma intanto si combatte da una vita nel mondo intero per svincolare la donna dal cappio del maschilismo imperante.
Non è un caso che proprio da noi si sia festeggiata, solo ora, la prima Presidente del Consiglio donna, a testimonianza che i costumi, i pregiudizi, le discriminazioni ci mettono davvero tempo a farsi strada.

Paradossalmente però, proprio la Chiesa che dovrebbe garantire per prima questa visione libertaria, conserva indomita, invece, costanti disequilibri.

Se siamo tutti figli di Dio è assurdo che proprio la Chiesa perpetui questa disparità di genere. Dov'è l'uguaglianza?
Possibile rimanere indissolubilmente legati a un Dio con la barba, a Gesù figlio, ai dodici apostoli tutti maschietti, alla donna che proviene giusto da un costola di uomo? Un derivato insomma, un accessorio?

Spesso si tiene a precisare che lentamente si sta crescendo. Alcuni posti chiave nel Vaticano non sono più a solo appannaggio di personale maschile: è una donna la Segretaria del Sinodo, è una donna la Direttrice dei Musei Vaticani, eludendo comunque l'altro - e più importante - genere evoluzionale nella Chiesa, non quello riguardante ruoli laici, ma quello fondamentale, sul quale si basa la comunità dei credenti e tutta la struttura della religione cristiana, quel magma vitale e necessario: il suo corpo vivente, il suo cuore pulsante, vale a dire il Ministero ecclesiale: preti e suore (e suore più del doppio dei preti!).

E' in questo campo che persiste il blocco granitico, l'ostracismo oltranzista.

Le suore neanche al diaconato possono accedere.
Probabilmente vengono indottrinate e  catechizzate in maniera così potente fino ad accettare come inevitabilmente "sacrosanta" questa differenzazione di ruoli, compiti e servizi.

Un'accettazione passiva di gerarchie patriarcali che si perdono nella notte dei tempi e fanno sì che, per le suore, rimanga notte fonda ancora oggi. 

Ricordo ancora un intervento di Papa Francesco che, in risposta a chi poneva il problema sulla mancata valorizzazione del ruolo della donna nella Chiesa, chiamava in causa Maria "La Chiesa è donna e madre" (21 maggo 2018)

Non rimane che sorridere. Amaro.

Lascio in calce anche questo interessantissimo articolo, per chi volesse approfondire.. 

Perche le suore non possono celebrare la Messa



giovedì 10 novembre 2022

Pothos

 


Si era alzato in dormiveglia, con una strana sensazione, come di soffice moquette sotto i piedi; lunghe foglie di pothos, in corridoio, attorcigliavano il tappeto dopo essersi impadronite delle pareti.
Il salone appariva come un intreccio variopinto, la cucina una serra, con le piante grasse in terrazza che erano tracimate dai vasi e premevano sul vetro della finestra, crepandolo.
Le orchidee sul davanzale oscuravano la luce schiacciate sul soffitto.
Era senza fiato, ma non perché tutto quel verde stesse divorando l’ossigeno.

Stava ingoiando casa. 

Anemoni spontanei che incartavano sedie e divano, erba a bordo mobilio, e tutto in un tangibile moltiplicarsi.

Urlò alla moglie: “Oddio Liana vieni a vedere ..roba da pazzi!!”
Sull’altro terrazzo la bouganville aveva inglobato tenda e parapetti, oltre si intravedeva la punta del pino che fino a ieri sfiorava a malapena il primo piano.
E loro erano al quarto.
Cercò la via all’esterno tra i fiori che impazzano, scavalcando rami di ciclamino e autentici arbusti di geranio,  e lo sguardo alla strada gli lascia il cuore in gola: la via non si scorgeva più, un tappeto rigoglioso di verde, scoordinato, scomposto, intrecciato, ricopriva auto e via, i giardini praticamente bosco, gli alberi lungo il marciapiede creavano mura, i palazzi di fronte avevano di gran lunga superato le fattezze del milanese bosco verticale, erano rettangoli verdi macchiati di fiori dai colori sgargianti, un arcobaleno di vegetazione viva, pulsante..  il tentativo di accendere il televisore, ricoperto di muschio lattiginoso, fallito miseramente..il cellulare se l’era fagocitato il pothos probabilmente.. suona la porta.. fa fatica pure ad individuarla nel corridoio giungla.. ne apre un filo a fatica immaginando il vicino terrorizzato pure lui e invece scorge.. Tarzan:  “Buongiorno, cercavo una liana”.
“ Amore, te cercano..”


martedì 8 novembre 2022

CARICO RESIDUALE


 

Impazza la polemica sull'aver definito i migranti "carico residuale", mentre la destra si difende dimostrando che il termine carico, anche riguardante persone, è applicato dalla Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare.

Sfugge a questo governo che a far male è il residuale

Da Treccani:

residuale. residüale agg. [der. di residuo ]

r. di un materiale, di un’area lottizzata, di un debito

Ecco, forse tutti noi di residuale abbiamo un debito: di coscienza.
Certo non possiamo andare a Lampedusa, ad esempio e mettere su hotspot almeno accoglienti, dovrebbe pensarci qualcun altro, però abbiamo un piccolo potere, e lo esercitiamo quando si vota, e se questi sono i risultati, dobbiamo sentirci almeno responsabili.

Se abbiamo ancora un po' di giudizio residuale. 


sabato 5 novembre 2022

IL BUONO DELLE CROCIERE

 

Azulejos di Lisbona

Potrebbe bastare il "dettaglio" di cambiare città quasi ogni giorno senza neanche disfare la valigia? 
O di riconoscersi a casa propria, ma nel senso efficace; di familiarità, accoglienza, protezione?
Oppure quel sentirsi viaggiatori tangibili, di un percorso anomalo, non di cielo d'aereo iperveloce, né di strada noiosa, e neanche di mare lagunoso a lambire terra.
Ma di oceano spalancato, maroso immenso e tu incollato alla balaustra a mordere con gli occhi incantati di spuma d'onda, frangente di chiglia, perso in un vortice di vento addosso, non di cabina pressurizzata, nè di cintura di sicurezza o aria condizionata a palla. 

Direi di sì. 

Lisbona

Londra

La Rochelle

Santiago de Compostela

Santiago de Compostela

La Coruna

La Coruna


Mont Saint Michel

Mont Saint Michel

Mont Saint Michel

Southampton

MSC Virtuosa

Lisbona

Londra

Bilbao

MSC Virtuosa

Bilbao

Londra

La Rochelle

Oceano Atlantico

Bilbao




mercoledì 2 novembre 2022

NESSUN LIMITE

 



Nessun limite
allo scoprire ancora
cose di me.

Mi incontro in corridoio:
Buongiorno! Tutto bene?
Certamente, e lei?
Non c’è male grazie!

Proseguo poi chiedendomi
se ci conosciamo davvero
con quel tizio.

Che sogni accarezziamo,
se stiamo completando la medesima
collezione di sorrisi,
se riconosciamo finalmente
i malintesi.

E mi dico di si.
Ma forse lui qualche dubbio
su chi io sia davvero
lo nutre ancora.
E allora rimaniamo
legati alle formalità d’uso


giovedì 27 ottobre 2022

NOVECENTO BIS


Vagavo su quella nave da mesi, era stato divertente all’inizio, poi è diventato inquietante, dormivo nei bar o nei corridoi, visto che non avevo cabina accreditata sulla mia tessera, e ad ogni cambio crociera sembrava avessi diritto al pieno vitto ma non all’alloggio, e ovviamente non a scendere, e viste le difficoltà che mi avevano fatto la prima volta, ho preferito non insistere.

Difficile di certo esibirmi come un novello Novecento di baricchiana memoria.
Non sapevo neanche suonare il pianoforte...


domenica 23 ottobre 2022

GOOGLE MAPS TIMELINE

Un sevizio Google che a fine mese riepiloga i tuoi spostamenti: paesi, città, nazioni, luoghi visitati. Un'applicazione che autorizza l'account Google a segnalarti ogni punto, contrada, villaggio, metropoli dove mettiamo piede.. e ammetto che ad Agosto e Settembre lo abbiamo fatto diventare matto.. 

Ieri invece, mi è spuntato il sorriso quando mia moglie cercando il telefono portatile per casa ha esclamato: "Eccolo in bagno.. tanto, conoscendoti, poteva stare solo là, sul divano o sulla scrivania del pc"

Allora ho pensato ad un'applicazione:
Google maps apartment timeline.

Un qualcosa per statisticare la nostra vita di casa: ovvio il tempo trascorso a letto, quello sul divano a leggere o davanti al televisore, ma anche con la playstation, quello passato sul pc a scrivere post improbabili, o al bagno - utilizzato anche per leggere, lo ammetto -.
Eppoi in cucina a sbizzarrirsi tra i fornelli e mangiare e lavare i piatti (sono io il lavastoviglie, risparmio energetico AAA+++), in terrazzo ad innaffiare, chiacchierare o prendere il sole, e davanti alla libreria a cercare libri teoricamente in ordine, o cd da ascoltare spesso in giro per casa, a passeggio a cercare cose perse, negli armadi, nei cassetti, tra gli scaffali.

Ecco Google ha statisticato così il mio ultimo mese a casa:

Cinque stanze visitate, vince la camera da letto, poi il salone, terzo il bagno quarta la cucina, a seguire ingresso, il secondo bagno (c'è la doccia..capisci a me) poi terrazzo e corridoio. Interessante ma pure inquietante il numero di aperture del frigo: 112.  Sportelli vari: 168  cassetti: 81 accensione/spegnimento interruttori: 278! entrate/uscite da casa: 77
6 km di persorso intercasalingo, 13 film visti 3 serietv 23 talkshow
18 appisolamenti sul divano, 1 pericoloso incidente domestico, due cene con amici, 3 ore e 50 al telefono! Machedavero?!

Ma allora meglio Alexa, che almeno si fa gli affari suoi...