mercoledì 7 dicembre 2022

CHE VAGANO

 


Non credo nei panorami di mondo,
nei confini offerti dalla foschia,

nei tramonti che mi cercano.

Non credo più nelle parole che vagano,
o nei ricordi di ritorno.

Non credo nel mare che non posso lambire,

nei viaggi alla scoperta,

nello scrivere come terapia.

Non credo nei sorrisi
che covano in superficie,
nel forgiare pazienze.

Comprendo tutti questi limiti,

e per questo li soffro, e li temo,

perché scorgo oltre.

Ma scorgere può non bastare.

Immaginare dipana matasse di buio,
ma rimane esercizio di stile.

Castello di delicate carte.

Soglia trasparente
appannata di fiato esausto.

39 commenti:

  1. Complimenti, sei il Montale de noantri.
    Per Montale la vita è una terra desolata in cui gli uomini, gli oggetti e la stessa natura sono soltanto squallide e nude presenze senza significato. In tal modo il Vivere precipita verso il Nulla.
    E' stato definito il “poeta della disperazione” perché, chiuso in un freddo e insensibile dolore, proietta il suo “male di vivere” sul mondo circostante, dando quasi origine ad una sofferenza che non è solo umana, ma addirittura cosmica e universale. La sua visione pessimistica dell’esistenza, specie nella consapevolezza della negatività di ogni mitologia o ideologia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però è sempre quell'oltre che pure scorgo a dover ergersi a faro, ridonare tossine positive al fiato, alla speranza, alla capacità di superare. Altrimenti ci si adagia. E allora val bene anche fingere una resa, mentre oltrepassiamo il castello di carte.

      Elimina
  2. E' bella ma credimi, un anno di merda questo per me, eppure io sono di nuovo con il sorriso, pronta a dare un sorriso a te, a tu moglie, a chi entra in negozio, a chi vedrò domani....non sempre i castelli di carte cadono con un soffio a volte sorprende che non succeda e riesci a fare più piani o ad allargarli. E guarda il tramonto, lui e li che aspetta che lo guardi, in ospedale mi svegliavo presto e l'infermiera mi diceva dove va le devo dare la terapia, e io... vado solo a vedere il tramonto da quei bei finestroni e poi tornavo in camera. Franco devi sempre sorridere, è il tuo compito anche per chi ti è vicino, io stessa voglio vederti sorridere, si cade e si risale, si ha male al cuore e si curano le ferite...sorridi Ciao Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di vederti e poterti abbracciare! ;) Non credo ma è solo stimolo a credere sempre.. scorgere oltre splendido mestiere.. ;)

      Elimina
  3. Risposte
    1. Grazie Cav.. la bellezza offre molteplici sfaccettature.. bisogna lavorarci..

      Elimina
  4. Buongiorno Franco,
    Sempre più intime queste tue riflessioni presenti nei tuoi scritti recenti.
    Recenti e autunnali.
    Ma presto, credici, arriverà il caldo e il calore.
    Di nuovo.
    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimo buongiorno, con la malinconia vado a braccetto e renderla protagonista aiuta la somatizzazione, il superamento, ma dobbiamo essere sempre consci dei nostri lati deboli, degli inciampi, delle tentazioni alla rinuncia, così quell'oltre diviene magia, e sul fiato esausto disegniamo faccine sorridenti, come esattamente indica Alberto, altro amico col quale mi sento particolarmente in sintonia.. ;)

      Elimina
  5. I tuoi versi sono realismo puro. Il terzo occhio ci fa vedere lontano e quello che scorgiamo non ci piace. Siamo in perfetta sintonia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che scorgiamo cozza spesso con quello che vogliamo scorgere; con quello che dobbiamo scorgere per superare quella soglia e ridonarci serenità. Se disimparassimo anche sognare, ad inondarci di fantastico Oltre, soffriremmo e basta.

      Elimina
  6. Il disagio interiore, si fa forte, in una situazione generale che non lascia intravedere sbocchi di positività.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io voglio intravedere, per quanto sommerso di negatività, voglio volare oltre lo stile e oltrepassarla quella soglia. Credo che fondamentale sia, anche nel percepirsi immersi e col respiro strozzato, districarsi nel labirinto, meravigliarmi di nuovo a matassa dipanata.

      Elimina
  7. Versi che esprimono rassegnazione e sofferenza. Voglio credere che è solo un periodo passeggero, come una folata di vento che svanisce in fretta. Non smettere di credere, soprattutto nello scrivere come poesia. Detto questo la poesia è davvero bella, meditativa e profonda dipinta da note di eleganza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Caterina, sai bene che scrivendo ci muoviamo tra mondi in apparente collisione, scorgiamo i dark side assieme al lato luminoso, teniamo entrambi presenti, come su una bilancia virtuale, ma in nessuna maniera ci si concede alla rassegnazione, forse non ci è addirittura permesso.. ;)

      Elimina
  8. Mi hai un po'spiazzata con questa poesia, l'ho letta stamani appena l'hai pubblicata e mi è sembrato un ritratto malinconico di te, diverso da come ti immagino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono compagno di merende di angeli e folletti, sorriso pronto, lacrima facile; mi faccio immaginare come meglio si desidera, magari ci sta anche il rimanere delusi, ma la malinconia è marchio di fabbrica, edulcorato come meglio posso, brillantini e fantasia fanno da sempre uno sporco ma efficace lavoro, e li pago a nero. Di recente solo in contanti. ;)

      Elimina
  9. Nel vetro appannato disegnaci con il dito faccine sorridenti. Come si faceva da bambini, da bambini quando eravamo più grandi di adesso. Più grandi e più saggi
    Molto carina comunque.
    Bravo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è piaciuta davvero tanto la tua immagine, la soluzione e il pensiero. Ma ormai sei un must! Chissà quando cresci cosa potrai inventarti! ;)

      Elimina
  10. Chi sa se questi limiti non sono una provocazione per esplorare le altrui capacità e volontà
    La nostra porta deve rimanere aperta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soprattutto un'esplorazione dei nostri, limiti; come scommettere sul futuro, scenari tutti da decifrare, sfidare in qualche modo..

      Elimina
  11. molto bella, ma scrivere non è mero esercizio di stile, è trasmettere emozioni, coinvolgere chi legge usando i pensieri e le parole nel modo migliore che conosciamo.
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Coinvolgere gli altri e rivolgendosi a noi stessi (ricordi il "perché nuora intenda"?..), trovando stimoli e spunti ..

      Elimina
  12. dov'è finita cristina? sei prodigioso! :)

    RispondiElimina
  13. "Immaginare dipana matasse di buio,
    ma rimane esercizio di stile". Beh, intanto immaginare a volte è un esercizio che fa molto bene allo spirito. In certi casi meglio ovviamente che l'immaginazione non si leghi alle aspettative, per evitare delusioni poi. Chissà. Io immagino tanto :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immaginare l'oltre comporta dubbi e riflessioni. Importante è evitare lo stallo.

      Elimina
  14. Ahah...posticipato alle 18..(miracolosamente!)

    RispondiElimina
  15. Finalmente una poesia :D
    E anche bella, intima, introspettiva. Grazie.

    RispondiElimina
  16. Un uomo che si è stancato di certe solite cose, come i tramonti o il potere delle parole, ma che non si fida troppo nemmeno di ciò che può fare l'immaginazione, perché troppo incerta anch'essa... Questo è ciò che colgo. Mi piace la scelta di parole, decisa, vivida e risvegliante...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un uomo che scopre fragilità e misura forze, cercando l'equilibrio ..

      Elimina
  17. Salve. Io penso che la vita come il mare sia mutevole e non sia mai la stessa. Il nostro è il tempo del mare "mosso" e con questo dato di fatto dobbiamo fare i conti. Penso anche che sono talmente tante le difficoltà alle quali oggi siamo esposti che nutrire un pò di sfiducia e di disappunto per tutto quello che ci accade e ci riguarda sia davvero umano oltre che il minimo sindacabile possibile. Serve reagire, serve non arrendersi mai. I problemi sono tanti: da quelli economici e politici a quelli lavorativi; da quelli prettamente esistenziali a quelli che attengono ai rapporti umani, familiari, amicali, sentimentali e al confronto quotidiano con tutto ciò che a varo titolo ci circonda e ci riguarda. Stare sereni e viaggiare ad ampio raggio in questa palude emotiva che è la nostra vita non è per nulla semplice. Ritengo che il poeta non debba essere spettatore soltanto attento di tutto questo ma credo invece che coi suoi versi, finalizzati a descrivere se stesso nella realtà in cui vive e a cercare un contatto alchemico con chi quei versi li legge, debba dare nuove motivazioni di lotta e di vita e incanalarsi coi suoi lettori, partendo dalle basi in narrativa, verso una realtà e una società migliori. Chi si ferma è perduto e non è un semplice modo di dire. L'unico modo che abbiamo per tutelare noi stessi e i nostri cari e vincere la depressione è quello di accettare tutto ciò che ci viene dato o inflitto semprechè non dipenda dalla nostra volontà. Non possiamo non accettare le sconfitte, le delusioni, la morte, i mutamenti anche corporei che ci assillano, le cose belle, quelle brutte. Bisogna reagire per noi stessi e mettere le nostre esperienze a vantaggio dei nostri cari, delle generazioni future e dei nostri amici. Solo così ci renderemo partecipi di questo tempo e costruttori di scenari migliori a vantaggio nostro ma anche ddi chi verrà dopo di noi. Il poeta deve trasmettere forza e coraggio e non solo accusare e descrivere i duri colpi che la vita distribuisce. Chi legge, studia, ascolta e guarda, non può che trarne ristoro ed è più attento di quanto si creda. Cerca solo di attraccare nel più vicino porto possibile per sfuggire al mare in tempesta. Il poeta deve aiutare a vivere e a capire dialogando con garbo e serenità con chiunque voglia attingere alla sua fonte per credere in se stesso, lottare per un avvenire migliore interiorizzando ogni dato presente possa essere bastevole per tutto questo. Un compito delicato, un messaggio da dare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo fragili, mutevoli, sensibili. Il poeta crede nel mondo ma lo patisce anche, si espone senza corazze, difese, ipocrisie; urla nelle tempeste e offre approdi, ma ugualmente ne è alla ricerca.
      Grazie Claudio!

      Elimina
  18. Ciao Franco, grazie per essere passato da me - se vuoi davvero dare un'aria natalizia al tuo blog con un pò di neve che cade, puoi farlo anche tu è facilissimo. Basta che vai sul blog di Iole Iolecal sempre su piattaforma blogspot e prelevi il codice giusto dagli script che trovi in altro nel blog cliccando sul 6 spazio in alto partendo da dx e scegliendo il gadget giusto. Poi vai nel layout del tuo blog ed aggiungi dove c'è posto un gadget Java dove incolli il codice copiato dal blog di Iole, poi basta salvare il tutto. Se non vuoi più l'effetto poi basta togliere il gadget java che hai aggiunto al layout. P.S. Avverti Iole con un commento del fatto che hai preso il gadget, se decidi di provare. Buon venerdì a te

    RispondiElimina
  19. Bellissima! Cercare di vedere la verità anche se dolorosa non solo le apparenze addolcite da nebbie mezognere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non nascondiamo dubbi, debolezze, difficoltà...fanno parte di noi e del nostro combattere..🥰

      Elimina
  20. Consapevolezza di vita che fa il suo gioco...

    RispondiElimina

Sottolineature