sabato 8 giugno 2019

NIENTE FUSIONE


...alla fine non se ne farà nulla, la fusione tanto annunciata rimarrà al palo.

Pane e Nutella rimarranno entità separate.

Sembrava il connubio del secolo, che avrebbe spazzato via il mercato delle colazioni, ma diverse interferenze tra segmenti importanti dell'alimentazione, quali Marmellata e, in second'ordine,  Cornetti, sembra abbiano tramato per far saltare l'affare.

Altalenante in borsa il valore dei due colossi, l'amministratore delegato di Pane, visibilmente contrariato, ai microfoni della stampa ha ribadito che l'offerta rimarrà valida, e che le invidie degli altri partners della colazione, non potranno fermare una joint venture destinata a successo planetario.

Un portavoce della minoranza azionaria di Nutella, invece, Olio di Palma, ha fatto sapere che certi azzardi finanziari andrebbero concertati di comune accordo, con chiarezza, alla luce del sole e senza troppi giri di parole, pane al pane, insomma.

L'idea è che il prezzo dell'operazione potesse rappresentare un ostacolo insormontabile, ma ambienti ben informati hanno fatto intendere che i costi sarebbero stati, comunque,  spalmati. 

giovedì 6 giugno 2019

PROGETTO BLOG "ALLA GIORNATA"



Ringrazio Ferruccio Gianola per avermi fornito l'assist.

Si parlava di necessità di un "progetto" per portare avanti un blog.
Ebbene, io il progetto non ce l'ho.

Non devo costruire un ponte, non devo raggiungere un budget, non devo partire per un viaggio.

Ovvero, ogni giorno costruisco, raggiungo, viaggio.
Ma senza  ansia, senza programmare, senza snaturarmi, senza forzarmi.

Scrivo d'istinto, pubblico per piacermi, prima che per piacere.

In questo il blog è davvero "alla giornata".

Non ho infinite bozze a scadenza, robe che scrivo oggi e che magari quando le pubblico ho pure cambiato idea, non ho una bussola ed una direzione, non studio mappe, vento, nuvole e stelle.
Non ho statistiche, contatori, monitoraggi.

E' il vento che studia me, e con le stelle ci gioco a nascondino.

Compro avido libri che poi neanche termino, me ne capitano per caso, altri, che divoro famelico, e così è per i film, per i luoghi, per le persone anche, e per le idee.

Siamo animali in evoluzione.

I progetti li lascio agli ingegneri
Quelli bravi però, che i ponti non li fanno cadere.

domenica 2 giugno 2019

CONTROSENSI


Oggi si festeggia la Repubblica ostentando le nostre Forze Armate.

Uno schiaffo al nostro deficit.

Un Ministero che da solo si mangia mezzo pil, senza servire a nulla.

Con le nostre frecce che ormai servono solo a fare esibizionismo colorato
in questo immenso Barnum dello spreco.

Chi può, dia un'occhiata a Catch 22, la nuova serie antimilitarista in onda su Sky.
Veramente esemplificativa della miseria umana
che si alimenta attorno ad ogni malsana idea di esercito.


sabato 1 giugno 2019

C'E' CHI SI PRENDE LA BRIGA


Questo pensavo, rileggendo vecchie pagine.

E' da pochissimo trascorso il compleblog, sei anni di diario, di vita vissuta, di attenzione dedicata soprattutto a me stesso, inutile negarlo - e guai se così non fosse -, sei stagioni di di una serie che continua ad attizzarmi ed intrigarmi... ricco di conoscenze, di punti fermi, di meteore; 
di personaggi che scompaiono, e altri che hanno timore di comparire... e la domanda sorge quasi spontanea, di questi tempi frenetici dove l'obsolescenza sembra dettare legge peggio del Capitano...

qual è la differenza tra un (a)social network ed un blog?

Forse solo quella del titolo: su un blog c'è chi può prendersi la briga di sfogliare all'indietro, di scoprire il passato, le origini, le motivazioni, gli stimoli, 
gli step fondamentali di una scelta e di una crescita.

Sui social, fiume in piena, il controcorrente non ha senso, non può averlo.
Paradossalmente anche il presente perde validità all'istante.

Forse per questo quella "a" tra parentesi inserita poche righe fa, non è per nulla fuori posto.

perché la socialità dovrebbe donarla il nostro essere, ed il come siamo giunti ad esserlo, 
a viverlo, a raccontarlo.

Lunga vita al blog.
E applausi a chi si prende la briga di sfogliarli all'indietro.

giovedì 23 maggio 2019

GUARDIAMO GIUSTO L'INCOMINCIO...


INCOMINCIO come sostantivo singolare maschile,
e non come voce del verbo incominciare.

E' un neologismo imputabile alla creatività della mia consorte:
"Amore stasera c'è un bel film" e lei:
"Guarda..io giusto l'incomincio..."

Ed è così che, arrivati stracchi alla sera dopo cena,
di gran parte delle serie tv, film, varietà, sceneggiati, dibattiti etc etc...
noi si veda, moltissime volte, solo l'incomincio.

E se il canovaccio non è abbastanza convincente da far fronte a montagne di sonno prevaricatore...
infinite di quelle trame spezzate, non verranno terminate neanche con la tecnica delle "riprese multiple",
vale a dire ti registro e ti rivedo più in là, dovessi anche metterci una settimana...

ma si preferisce, invece, passare direttamente ad un nuovo "incomincio",
il quale, in assenza del necessario appeal, rimarrà anch'esso,
un incomincio incompiuto.

Facendo onore ad una dei più sacrosanti "diritti imprescrittibili" di Daniel Pennac:

Il diritto di non finire un libro (ma anche un film, una serie tv, un dibattito pre europee... )

mercoledì 22 maggio 2019

MA SE FOSSE UN ALTRO SOGNO, A SOGNARE NOI?


Se fosse un Qualcosa a forma di sogno a sognarci?
Forma di sogno perché unica possibilità di replicarsi, moltiplicarsi, condividersi.

Se non esistessimo se non nella fervida mente di chi ci immagina,
e immaginandoci, ci immagina sognatori,
per favorire l’incremento e la propagazione del sogno, e ancora e poi ancora.

In modo da non avere responsabilità sugli attori del sogno,
per non far trapelare che sia lui medesimo l’artefice dell’inganno,
e non destare sospetti sui sognati, che crederebbero, la loro, una vita da sognatori
e affatto da sognati;
interpreti del loro agire e del loro volere,
e solo – saltuariamente – vittime di sogni fuori della loro portata.

Quel tipo di sogni dove potrebbero giusto - ma giusto immaginare -
qualcuno che ordisca alle loro spalle.

Un’entità esistente che se la diverte in mille mondi paralleli,
creati da lui medesimo e a suo esclusivo uso e consumo,
e noi tutti manovrati come fili di altrimenti inermi burattini.

Se fosse un sogno a dettare i parametri, i ritmi e gli algoritmi,
se fossimo polvere di nulla a programmare universi inesistenti,
se non esistesse davvero altro che un big bang alla stregua di allucinazione collettiva?

Se fosse realtà solo questo sogno in cui sogniamo di essere sognati?

Ora ho paura, ora che ho congetturato la verità.