venerdì 2 dicembre 2022

COME VIAGGIARE GRATIS

 Il mio amore per la scrittura e il blog stanno viaggiando sempre più in simbiosi, questo Dicembre sarà particolarmente dedicato a racconti (anche più lunghi del convenzionale post standard) e poesie.

Spero riesca almeno ad incuriosirvi se non altro, e stimolare anche impressioni, considerazioni, non esclusi suggerimenti ed inviti sul dedicarsi ad altro..  

Non si cresce da soli. 


COME VIAGGIARE GRATIS



Siamo imbarcati per quella crociera di una settimana in Mediterraneo, già con un preciso intento, Lulù ed io. Il ghiribizzo era venuto in mente durante il penultimo viaggio:  qualcuno poteva  rimanere sulla nave, a crociera terminata, senza che nessuno se ne accorgesse, anche solo per qualche giorno? Insomma, era possibile un escamotage per viaggiare in incognito?
Avevamo studiato e rimuginato, più io in realtà, che ho di queste idee strampalate ogni tanto, ed era giunto il momento di agire. O perlomeno tentare.



A inizio crociera ad ogni passeggero viene consegnato un badge collegato anche ad una foto fatta prima dell’imbarco. Questa tessera è nostra preziosa e necessaria compagna per tutta la crociera: apre la cabina di  competenza,  permette di prenotare teatri e spettacoli, di cenare al ristorante,  ordinare bevande e cocktail, fare acquisti a bordo e, fondamentale, ogni volta che si lascia la nave per una visita a terra, il personale si assicura che a scendere e risalire sia effettivamente il titolare, confrontando il  viso con la foto che appare al monitor.

A fine crociera poi, quando la vacanza termina e si torna a terra definitivamente nessuno dei crocieristi ha modo di rimanere a bordo.
Deve verificarsi il cosiddetto “conteggio zero”, i diciamo “mille” passeggeri saliti il tal giorno per una crociera di sette giorni, devono scendere definitivamente, ed esattamente in “mille”, una volta giunti a destinazione, e non avranno possibilità di risalire con quella tessera che esaurirà la sua validità proprio il giorno di ultima discesa a terra.
In caso di incongruenza di calcolo, e la constatazione di qualcuno ancora a bordo, la nave viene perquisita e il trasgressore immancabilmente trovato.
Ci hanno raccontato che a volte è capitato qualche ritardo, con croceristi ubriachi o che ancora dormivano in cabina, ma nessuno mai che avesse tentato appositamente di nascondersi a bordo. 



E la nostra mission tentava di sfatare la regola. A conti fatti, dovevamo ingannare il personale di bordo.  Risultare invisibili, in un certo senso.
Ma non era questo il fulcro principale del nostro piano.

Una volta sulla nave,  una città galleggiante con cinquemila ospiti e oltre duemila tra addetti e maestranze, nessuno verrà a chiederti chi sei e dove abiti. Vitto e alloggio non rappresentano un grosso problema  se non pretendiamo particolari esigenze: per mangiare e bere al buffet non hai bisogno di tessera, per il bagno hai innumerevoli servizi igienici pubblici dove anche lavarti, certo senza farti la doccia, sfruttando oltre ad avveniristici e sempre lindi lavandini, piscine calde o fresche,  con e senza idromassaggio; per riposare la notte invece, non avendo una cabina, si trovano a disposizione bar e poltrone a profusione, la vita in crociera dura praticamente h24, nessuno farà caso se vaghi  o ti addormenti su uno degli infiniti divani.

Insomma il problema principale non era rimanere su.

Ma far credere di essere scesi.

E la nostra settimana “legittima”, regolarmente pagata, a questo è servito: ovviamente uno dei compiti più tosti lo ha avuto Lulù, io avrei tentato il soggiorno in nave una settimana supplementare - aggratis - ma a lei spettava il raggiro più gravoso, scendere a fine crociera riuscendo a scannerizzare anche il mio tesserino, affinché risultassi regolarmente derubricato e non più sulla nave.


Durante la nostra settimana di “studio”, oltre a mantenere un bassissimo profilo (nessuna confidenza col personale, frequentato pochissimo i bar, spesso chiuso in cabina, mai a teatro, ancora meno a chiedere informazioni in reception in modo da risultare - almeno io - un viso il meno familiare possibile a bordo; siamo però scesi e saliti diverse volte, ma molto più spesso Lulù, per studiare e scandagliare tempi e modalità di registrazione da parte del personale: ti avvicini alla postazione, porgi il badge, l’addetto lo prende e lo scannerizza con il lettorino di codice a barre, per nulla dissimile da quello che usiamo per fare la spesa alle casse automatiche dei supermercati che offrono questa possibilità; la tua foto appare in video, lui ti guarda, un invio sulla tastiera e via.. risulti fuori dalla nave.
Avanti il prossimo.
Ora dovevamo fare in modo che mia moglie, al momento della discesa definitiva, riuscisse a distrarre il personale il tempo necessario a prendere lo scanner e passarlo al volo anche sul mio tesserino che avrebbe portato con se.
Abbiamo studiato un momento di poco o scarso afflusso, e con un solo incaricato alla verifica, cosa che, ammetto, non capita di rado. Siamo stati, anche se a debita distanza, nei pressi dell’uscita diverso tempo, fatto lo screening a tutti gli elementi di equipaggio che si alternavano alla pratica di imbarco e sbarco, studiato quale potesse essere il momento più adatto, il meno affollato, anche se l’uscita finale è comunque diversa da una discesa temporanea, sicuramente avremmo dovuto far defluire prima un po’ tutti, ma eravamo avvantaggiati da una fermata temporanea,  e non definitiva, della nave; saliti in circa duecento a Lisbona, saremmo riscesi in altrettanti, il grosso dei passeggeri era a bordo, salito a Southampton, e vi sarebbe rimasto ancora fino in Inghilterra.


Cercato anche di capire quante volte, e in quali momenti, ne rimanesse solo uno al controllo passeggeri, e colta l’occasione al volo, ecco che Lulù si avvicina simulando un malore, chiede aiuto all’addetto che, mollata la postazione  cerca soccorsi all’interno, anche per quel solo attimo  che permette a mia moglie di scannerizzare il mio tesserino e azzerare l’immagine a video.  Io lì, a distanza di sicurezza, a spiare tutta la situazione, vedere Lulù che prontamente si riprende, chiede scusa e imbocca la via d’uscita, da sola, ma nella realtà virtuale anche con me a fianco.. appena scesa mi chiama: “Madonna mi sono sentita una piccola Lara Croft.. se mi beccavano.. ma sembra tutto ok.. certo non ho la sicurezza matematica.. però ho scannerizzato, è apparso il tuo volto e ho dato invio.. speriamo bene..”
Poteva sembrare complicato, ma è riuscito davvero alla grande e proprio quando pensavamo di aver superato lo scoglio più tosto.. non immaginavamo (ma forse Lulù sì..) che il peggio doveva ancora arrivare, e me lo sarei beccato tutto io..

E ora a spasso per questa nuova vita da “inesistente” col mio fido zainetto in spalla e il minimo necessario, un paio di jeans, maglietta, slip anche e lo spazzolino.. .
L’ansia e l’adrenalina mi hanno subito sollecitato l’appetito, mi fiondo al buffet.. poi inizio a girare con nonchalance, ovviamente immagino gli occhi di tutti su di me, ma praticamente non mi vede nessuno.. ricarico il cell a una delle infinite prese di bordo, mi piazzo al sole, ritelefono a Lulù preoccupata per questo esperimento fortemente voluto da me, ma dove finora, a rischiare, è stata solo lei.. il problema sarà che a nave salpata non potrò contattarla per telefono, e neanche via whatsapp perché i pacchetti wifi sono acquistabili a bordo solo col badge di imbarco e io sono un clandestino in piena regola.. per telefonare dovrò attendere  il prossimo porto e far conto sui ripetitori di terra. Intanto leggo, prendo il sole e attendo la sera, la notte anzi, primo probante banco di prova. 




Anche se durante la settimana “autorizzata”, non dico Lulù, perché non gliel’avrebbe proprio fatta, ma io ho voluto simularla una nottata in giro, tra bar, birrerie, spazi comuni e slot machines  e devo dire che mi sono stupito di quante persone si possono trovare a spasso alle ore più piccole, ovviamente non mi sono mai soffermato troppo, per non dare nell’occhio, ma gironzolando ho notato quell’atmosfera da aeroporto, di quelli che vivono h24, e così anche sulla nave, tra piano bar, karaoke, buffet notturno; e simulando poi fantasiosi mal di mare ti accomodi  nel salone principale, leggendo libri vita natural durante.. buona anche l’idea di bivaccare sui divani ai ponti passeggeri, davanti agli ascensori che fanno su e giù ininterrottamente, a volte portando altra gente che gira sola, ma in cerca di compagnia, tipi che poi avrebbero potuto rappresentare un problema durante la crociera solitaria, e notando anche un’infinità di cocktail lasciati a metà sui tavoli.. ne avrei potuto approfittare una volta clandestino e privo di tessera.. insomma, trascorrere la notte privi di cabina non sembrava un problema così insormontabile.. avevo notato almeno due soggetti addormentati su divani e poltrone, magari di bar ormai ampiamente oltre il turno di chiusura.. possibile che stessero facendo tutti il mio esperimento, con una settimana di anticipo?! .. sorridendo all’idea bizzarra ma esausto (erano le tre di notte) sono tornato in cabina, ne sarei uscito alle cinque però, tanto per curiosare sul ripristino delle attività di bordo, e constatare quanti passeggeri stessero ancora, o già, vagando modello zombie... ne ho trovato uno addirittura vestito di tutto punto sdraiato nell’area piscina centrale.. e il personale non fiata, né ti disturba.. basterebbe una segnalazione per far perdere loro il posto, quasi tutti sudamericani, africani, indonesiani, di solito con contratti a otto mesi, e poi a casa ad attendere una nuova chiamata.. figurati se vanno a svegliare un ospite magari danarosissimo e pure permaloso.. la cosa ovviamente volgeva a mio vantaggio, certo un conto è fare sopralluoghi con alle spalle una cabina rassicurante, un altro è ora, solo, occulto e clandestino per davvero,  e adrenalinizzato per di più, convinto che tutti mi stiano guardando capendo pure al volo che sono un intruso irregolare.



Ed eccola allora la mia prima notte in giro, addirittura riesco a chiudere occhio su un divanetto dell’area Casinò, anche se l’idea era di scambiare il giorno con la notte, facendomi lunghissimi sonni diurni sulle comodissime sdraio MSC sparpagliate a decine sui ponti prendisole. Quando sta per fare alba mi chiudo al bagno, fresco di turno di pulizia, almeno non romperanno per un po’,  mi addormento quasi sulla tazza, in fondo sono appena le cinque, tra un’ora apre il ponte colazione..e  l’aurora sarà a salutare solo me e la mia scommessa pazza.

Mi accorgo che distolgo appositamente lo sguardo da camerieri, inservienti e, soprattutto, ufficiali. Se qualcuno mi chiedesse qualcosa sarei spacciato.. che ne so, una verifica o qualsiasi altra cosa, sono un attimo ansioso, sì, vorrei vedere voi.. e in più, mentre me ne sto circondato da uova strapazzate, bacon, succo d’arancia e cornetti salati si avvicina un tizio stralunato: “Italiano?” “Sì” rispondo mio malgrado.. “Finalmente!..tutti inglesi a bordo.. ti dispiace se mi siedo.. sei solo?!”  Proprio quello che non volevo.. “Sto aspettando mia moglie in realtà… perdonami.. “  Ok   scusa.. capisco.. buona giornata!” mi risponde allontanandosi.
Ecco un qualcosa di non preventivato,o comunque non abbastanza: se sei solo, rischi l’avvicinamento, l’approccio; e la crociera è anche luogo per favorire incontri, esistono luoghi ed appuntamenti programmati dedicati alle persone sole, single, vedovi ad esempio, ed anche punti di incontro LGBT.. e io ero entrato in un nuovo campo da gioco, forse anche un nuovo sport.. dovevo destreggiarmi.. e pensare che un sacco di gente soffre di solitudine e non riesce ad incontrare nessuno..io ci ho messo un amen a calamitare un incontro.. indesiderabilissimo tra l’altro.. dopo una settimana trascorsa con la massima accortezza a non avvicinare nessuno.. ahah
Ma gli inconvenienti sembravano appena iniziati. Mentre esco dal buffet una vecchietta riesce a rovesciarmi il suo vassoio e il cappuccino sui pantaloni..arriva un inserviente ma quel che è peggio, anche un ufficiale che si scusa in napoletano per l’accaduto assieme alla vecchietta che lo fa in inglese..”Mi dispiace tanto, mi dia il numero della cabina e le faccio recapitare un buono omaggio per la lavanderia”
Devo essere sbiancato.. “Ma no guardi, non fa nulla! “Devo insistere.. dove glielo mando il buono?”  Vado nel panico e al volo mi viene  il numero di cabina del viaggio precedente..  tutt’al più penseranno che ho sbagliato a riferirlo.. saluto tutti, vecchietta ed ufficiale, e scappo via complimentandomi per la mia capacità di passare inosservato.. uno tsunami dentro un acquario praticamente.. vediamo di non fare più danni per oggi.. c’è un sole già caldo.. cerco la sdraio più isolata dal mondo e mi piazzo a leggere in pace.. dopo un paio riecco lo stralunato della colazione.. “Tua moglie l’hai trovata poi?” “ Si..” replico freddo “Ora è in cabina.. troppo caldo” “Ah ok.. ci si vede allora..”. E questo “ci si vede” che stona decisamente.. non voglio vedere nessuno! Cazzarola.. tanta fatica a non dare confidenza a nessuno.. ed ecco il risultato.. guarda se finisce per farmi scoprire.. e intanto ero preoccupato per il buono della lavanderia, e anche del fatto che quell’ufficiale al buffet l’avrei rivisto sicuramente..mannaggia a me e alle vecchiette sbadate.. ora cominciavo a vedere fantasmi dappertutto e l’ansia montava.. fare i fighetti a bocce ferme in effetti è un conto, poi alla prova dei fatti subentrano sempre mille elementi non considerati o che proprio nel frangente, decidono di palesarsi.. nel caso specifico anche se vuoi fare l’orso e non rivolgere la parola a nessuno, in crociera c’è comunque  qualcuno che incontri per forza quasi quotidianamente: il “cabin attendant”, l’omino che ogni giorno ti sistema la cabina, fa’ il letto, pulisce tutto, ti cambia asciugamani due volte al giorno, ti recapita le comunicazioni di servizio e il programma di bordo.. ma questo tizio io, in cinque crociere, l’ho visto solo ed esclusivamente al piano, nei pressi delle cabine che deve sistemare (di solito ne hanno una ventina a testa di cui occuparsi) e mai, sottolineo MAI, altrove.




E ovviamente, al piano dove avevamo la cabina con Lulù fino a due giorni prima, vedo di passarci abbondantemente al largo.. e quindi perché dovrei incontrare il mio attendant sulla nave, guarda caso l’unico che sa con quasi certezza che sarei dovuto essere sceso?  Ve lo dico io: perché in ossequio alla Legge di Murphy, se qualcosa deve andare storta, lo farà ;)   E allora ecco che il nostro Luciano, questo il nome dell’addetto alla cabina, probabilmente intento a recuperare la cena che qualche turista aveva richiesto a domicilio, stava transitando proprio nel buffet reparto cucina orientale e ovviamente me lo ritrovo faccia a faccia. Mi guarda, lo guardo, distolgo subito lo sguardo ma sento un Buongiorno! sorpresissimo.. lo guardo mio malgrado e m’invento al volo “Ciao!.. abbiamo deciso di fare un altro giro!!” “Ah bene.. salutami la signora allora!!” A voi sembra che le complicazioni possano sciogliersi così come neve al sole, ebbene no.. il nostro Luciano un sospettino lo alimenta e alla faccia della lauta mancia che mia moglie gli ha lasciato il giorno di sbarco (o forse proprio per quella), decide di chiedere in reception se gli occupanti della nostra cabina, avessero davvero prolungato la vacanza.
Ovviamente non risulta nulla e da quel momento, chiesta conferma della mia presenza al nostro pignolissimo attendant, inizia una discreta ma serratissima caccia al clandestino da parte della Sicurezza MSC, e siccome non sono un ago nel pagliaio, alla faccia delle dimensioni della nave, mi beccano praticamente nel giro d’un paio d’ore, anche se cercavo di svicolare per aree comuni, ovviamente con l’aiuto di Luciano. 


“Buongiorno” chiede un graduato dall’innegabile accento napoletano, “Scusi se la importuniamo, ma stiamo facendo dei controlli e servirebbe il suo badge di cabina”. Vorrei inventarmi chissà che ma le mie risorse sono già state grattate tutte dal fondo del barile. “Ok, mi avete beccato.. mi arrendo.. ora finisco in gattabuia presumo?” “Lei ha violato un’infinità  di norme , leggi e disposizioni, mettendo a rischio anche la sicurezza della nave” “Ora non esageriamo.. potrei parlare col Comandante? In fondo sono vostro fedele cliente.. possiamo discuterne?”
No. Sembrava che in presenza di clandestini illegali le Autorità di Bordo incarognissero ancor di più, ne andava anche della proverbiale sicurezza di ospiti e sistemi di controllo.. chiunque allora avrebbe potuto intrufolarsi? MSC avrebbe perduto credibilità.. e proprio a questa eventuale pessima pubblicità involontaria avrei dovuto aggrapparmi.. sembravano tutti imbarazzati, ma soprattutto stizziti. Il Comandante fu praticamente l’ultimo con cui parlai. Volle sapere per filo e per segno le modalità con le quali avevamo eluso i controlli, e finì quasi per complimentarsi, soprattutto con mia moglie...
Ora dovevo solo negoziare uno scambio equo. Il mio silenzio sulla fallibilità delle procedure sbarco/imbarco contro l’immunità, mia e di mia moglie, ovviamente.
Incredibile a dirlo, ma andò anche meglio.
Alla luce del mio acclarato ed innocente tentativo di provare giusto l’emozione di un giro in clandestinità, in cambio del mio mutismo tombale sull’intera faccenda mi offrirono una crociera per due ai Caraibi in esperienza Yatch Club, quella più costosa ed esclusiva.
Ecco perché dovetti rinunciare a vendere  i diritti di pubblicazione del mio avventuroso resoconto ad un giornale di gran tiratura, limitandomi ad esporlo giusto qui sul blog, dove rimarrà disponibile appena per i miei pochi lettori aficionados..

   

50 commenti:

  1. Ho goduto la lettura... di questa rocambolesca avventura. (rima, spontanea?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rocambolesca davvero.. ma la crociera offre molteplici spunti!!

      Elimina
  2. E poi dicono che in crociera ci si annoia e non succede mai nulla di particolarmente eccitante...

    RispondiElimina
  3. mamma mia Franco sono mesi che viaggio nella tua valigia attraverso le tue foto, viaggiamo in posti fantastici, tu non mi vedi ma io sono appiccicata alla cintura della tua macchina fotografica, a volte sono quel moscerino sul obbiettivo che cerchi di scacciare ma poi ci ritorno. Ho visto posti fantastici. Vedi ora siamo saliti su una nave da crociera, mai salta una nave da crociera solo un traghetto mica è così lussuoso.....mi piace l'idea di viaggiare in incognito con te e di vedere tutto questo Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono strafelice di portarti in viaggio con noi, riuscire a trasmettere anche solo un pochino di sogno.. spero tu possa goderti un viaggio magnifico, e farci sognare tu, a noi, come riesci sempre..

      Elimina
  4. laudio.daleo2 dicembre 2022 alle ore 11:52
    Caro Franco hai descritto tutto così bene e con dovizia di particolari che mi sono introdotto tra i tuoi "periodi" come se m'avessi invitato a farti compagnia e io, felice di questo, avessi vissuto con te tutto quello che tu hai brillantemente raccontato e argomentato.
    Il saper raccontare è un dono di natura. Il saper descrivere posti e luoghi e accadimenti come se si usasse la macchina fotografica e non già una penna, è un dono tra i doni.
    Tutto fa rima con cultura e conoscenza; tutto quello che si vive e si sa raccontare è esperienza che si trasmette da cuore a cuore, da mente a mente, da generazione a generazione affinchè tutto ciò non vada disperso ma si traduca in cultura, esperienza e dunque memoria storica a vantaggio di tutti noi e di chi verrà dopo di noi. L'essere colti, il "saper di non sapere" per cibarsi sempre più di Cultura, Poesia, Libri, Arte e Natura, il saper vivere di tutto questo è un servizio che va reso con gioia per migliorare, attraverso il dialogo civile e garbato, i versi e i racconti, non solo noi stessi ma i frutti, che noi stessi con il nostro essere e il nostro divenire siamo e saremo in grado di far nascere e maturare. E mi riferiscono ai nostri giovani, sperando che anche essi possano fare altrettanto assorbendo da noi come noi abbiamo assorbito dai nostri padri. Un forte abbraccio, complimenti e ad maiora semper!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Claudio.. l'idea era quella.. portarvi con noi nei meandri di una nave da crociera.. con un po' di sana tensione.. ;)

      Elimina
  5. Il racconto mi è piaciuto, così come l'originalità dell'argomento. Occorre sangue freddo e tanta voglia di avventura per potere mettere in atto un simile progetto ardimentoso.
    Bellissime le foto, come sempre.
    Ritenterete, ora che avete un poco di esperienza?
    Ciao Franco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando l'ho prospettato a Lulù, sbragati su un divano della longue, sorseggiando un cocktail .. mi ha guardato e mi ha detto: basta alcool per oggi. ;)

      Elimina
  6. Risposte
    1. Arrivano arrivano.. come i tramonti la sera.. immancabili.. ;)

      Elimina
  7. Direi... bellissimo racconto, ovviamente totalmente inventato... grazie per il divertimento e l'avventura, mi sono proprio immedesimata sui personaggi ogni secondo. Ciao, Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse se avessi viaggiato davvero con Lara Croft, si poteva tentare.. ahah

      Elimina
  8. Un po'd'avventura non deve mai mancare, il tuo racconto mi ha fatto ricordare anche l'emigrazione italiana, dove tanti viaggiavano in clandestinità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordi reali e davvero inquietanti. Si viaggiava per disperazione, abbandonando tutto..

      Elimina
  9. Gli scrittori di thriller andrebbero sempre denunciati perché forniscono idee su come infrangere la legge. Nel tuo caso mi chiedo se è tutta un'idea tua o se ha contribuito la consorte... Bello il finale che fa pensare possa essere accaduto davvero...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La consorte mi ha fatto da editor e probabilmente la intrigava la sua parte da protagonista.. ma non sarebbe in grado di rubare neanche una bustina di zucchero al banco del bar.. ;)

      Elimina
  10. Ciao Franco, innanzitutto grazie di essere passato da me e di aver gentilmente commentato :) Mi sono appena aggiunta ai tuoi lettori fissi, complimenti davvero per il tuo stile di scrittura, davvero bravo, approfondirò poi con calma i tuoi post. Alla prossima, allora!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te! L'interazione tra blogger serve a fare rete e conoscenze.. questo uno dei valori aggiunti del blog.. oltre al poter scrivere, ovviamente!

      Elimina
  11. Accipicchia, questo tuo racconto sembra parlare di un fatto accaduto veramente! Io sono stata in parecchie crociere e quindi ho potuto vedere proprio tutto con gli occhi del ricordo e dell'immaginazione. Bello il lieto fine, a me piacciono tantissimo i finali positivi! Però, mannaggia, immedesimandomi in tua moglie ho provato una terribile tremarella alle gambe e alle mani. Mi sa che io non ce l'avrei proprio fatta a scandire quel tesserino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci abbiamo studiato e probabilmente è anche fattibile.. ma dubito che un finale reale potrebbe essere altrettanto positivo.. ;)

      Elimina
  12. All'alba quanto apro la finestra, arrivano quelle navi tutte illuminate, che sembrano alberi di Natale. Non le amo perché dobbiamo respirare tutto il giorno i loro fumi e pulire le nostre case dalla polvere nera e unta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo appieno, dovrebbero stare lontane dalle grandi città, specie quelle d'arte. Anche perché si può scendere a terra con apposite lance che funzionano perfettamente quando si è in prossimità di porti non attrezzati per l'attracco di grandi navi. Basterebbe la volontà e anche che le amministrazioni si impuntassero in tal senso.

      Elimina
  13. Franco mi hai lasciato con il dubbio se sia vero o inventato..ma credo inventato ...ad ogni modo mi è molto piaciuto questo racconto che mi ha fatto pensare al Fu Mattia Pascal e a come sia difficile poter vivere senza un'identità, rendendoci conto quanto sia in realtà necessaria. Complimenti per lo stile, incuriosisci il lettore riga dopo riga, racconto ammaliante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti volevo catapultarmi nella realtà di un'invenzione, dando peso agli imprevisti, ai fuoriprogramma, ai contrattempi.. bisognerebbe provare però.. ahah

      Elimina
  14. Cavolo che storia Franco. Minuzioso in ogni dettaglio, complimenti davvero. Divertimento assicurato e sorprendente qui da te, come sempre. Foto meravigliose! Ciao e buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pia.. sempre un tesoro.. secondo me un fondo di ossibilità ci sarebbe pure.. ;)

      Elimina
  15. Non c’è dubbio che tu sappia scrivere, bravo, un racconto che prende.
    sinforosa

    RispondiElimina
  16. Grazie Anna.. .diciamo che ci si diverte.. e la fantasia a volte può superare la realtà.. ;)

    RispondiElimina
  17. Che bella storia! Mi è sembrato di vederti!

    RispondiElimina
  18. Prima o poi lo farai per davvero ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' che solo a pensarlo ti viene l'adrenalina.. poi scrivi e scarichi l'emozione.. siamo fortunati..

      Elimina
  19. Rubare è un lavoro serio, io più che lavorare...
    😂
    Però io ti avrei fatto gettare in mare dal ponte più alto che non si può turbare le crociere delle ricche vecchiette. Non si può

    RispondiElimina
  20. Se è come mi è sembrato di capire, solo un divertimento, un modo di raccontare una storia è davvero un bel racconto che prende il lettore. Bravo Franco un ottimo lavoro. Una avventura con aspetti della vicenda che non erano previsti. Buon fine settimana e felice mese di dicembre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli imprevisti fanno parte del gioco.. se ci provassi davvero , dato che non sono Diabolik, andrebbe tutto storto (esattamente come deve andare.. ahah)

      Elimina
  21. Ti giuro che ho avuto il sospetto che lo avessi fatto davvero :-D
    Comunque - consiglio mio - nel momento in cui ti beccano è sempre buona regola buttarsi per terra, portarsi una mano sul petto e lamentarsi "Oddio, il cuore, sto male". Probabilmente non ci credono, ma magari nel dubbio decidono di risolvere la cosa senza troppi clamori ed evitano di chiamare la polizia o cose del genere ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'aveva già fatto Lulù e sarebbe stato un plagio imperdonabile.. ahah

      Elimina
  22. Solo Novecento è stato in grado di nascere, vivere e sparire in una nave...

    Complimenti per il tentativo.
    PODI-.

    RispondiElimina
  23. pensa se una volta nei Caraibi vi sbarcavano a forza sull'isola delle scimmie dello sceicco!
    ml

    RispondiElimina
  24. Caro Franco, sei pericoloso!!
    È cosa nota come gli atti o eventi criminali possano attivare azioni o spinte emulative.
    Orbene, io sono il 47mo commento ovvero il 24mo commentatore... Non è verosimile che il tarlo della trasgressione è della rivolta possa ingenerarsi nei lettori e quindi a fronte di una aumento massiccio di prenotazioni in agenzie di viaggio (mi raccomando!!) ci sia in parallelo un aumento della tendenza a delinquere, trasformando qualcuno di noi aficionados in improbabili emuli del miglior Lupin che abbia mai solcato i mari??!!
    Pensaci Franco!!
    Pensaci.
    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci ho pensato sì, in realtà, al poter ingenerare il tarlo del "possibile", far assaggiare l'adrenalina del proibito, senza tuttavia procurare eccessi di delinquenza perniciosa, dissolutezza da braccio della morte. Un piccolo giochino ad incastro, alla stregua di una sala bingo da bordo. Del resto sono finiti i tempi in cui ti gettavano in pasto agli squali.. a ben guardare, sono finiti pure gli squali.. grazie amico mio!

      Elimina
  25. Una nave, una complice e un'idea singolare...hai scritto un racconto coinvolgente che ho letto con molto piacere. Bravo Franco, aspetto il prossimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La fantasia è uno stimolo continuo.. o siamo noi a stimolarne risvolti inimmaginabili? ;)

      Elimina

Sottolineature