mercoledì 17 marzo 2021

DI CHE COLORE E' LA VERITA'?


Riflettevo su questo sollecitato da un contraddittorio tra due personaggi di un film che verteva  sull'argomento: uno diceva che la verità è sempre grigia, fluida. L'altro ribatteva che la verità è unica, incontrovertibile, di un bianco inequivocabile.

Il tutto andava sorprendentemente ricollegandosi alla lettura dell'editoriale di Laura Pugno, sull'Espresso.

"Il tutto è più della somma delle sue parti?" Certamente direi. E quando quel Tutto è la Verità, scopriamo che l'interdipendenza tra valutazioni e circostanze, e a mio avviso la rendono indistinta, grigia, soggettiva.  

La vita è fatta di comportamenti complessi quasi mai prevedibili e catalogabili.

Esiste una inspiegabilità di base e, come afferma Laura Pugno, 

di fatto "dobbiamo prepararci a restare sempre sorpresi".

Non riusciremo mai a spiegare qualcosa che accade e perché accade in quel modo e non in un altro, in quel frangente e non in un altro.

Troppe le sfumature di verità che finiscono per sfuggire. 

Troppa le persone che ci si nascondono, tra quelle sfumature, finendo per crederci.

29 commenti:

  1. La menzogna è rossa di vergogna e di conseguenza l'opposto del rosso è il bianco con effetto dissolvenza e ci svela il colore della verità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La verità credo sorprenda in maniera sorprendente.

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

  3. Il colore della verità... stavo pensando che nel film paradossalmente i due personaggi danno quasi una risposta simile. Il primo parla di verità fluida e quindi con più sfumature ecco perché dice grigia, ma il bianco in realtà non è uno ma è l'insieme di tutti i colori e quindi anch'esso è pieno di sfumature anche forti e paradossalmente verità forse anche in opposizione tra loro. Detto questo la verità può avere delle sfumature anche importanti e questo perchè la verità può essere complessa ed articolata e magari essere il compendio di due verità di parte, ma a volte la verità è davvero una, oggettiva ed incontrovertibile e non dobbiamo permettere oggi che con la scusa delle sfumature si vadano ad inficiare e mistificare anche quelle verità incontrovertibili e che proteggono spesso principi e diritti inalienabili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il principio e il diritto sono inalienabili. Ma sono teorici. In verità ti direi sempre mal difesi. Ma è verità? In base a cosa esiste una verità incontrovertibile? E' verità incontrovertibile che un bimbo nel 2021 non dovrebbe poter morire di fame. Ma accade. Che ci facciamo con questa verità incontrovertibile? Se non la si applica forse non è verità?

      Elimina
    2. Se non la si applica è perchè la si vuole censurare, abiurare, nascondere e soprattutto infangare e far passare come fake news ma una verità incontrovertibile è e resta tale così come i principi ed i diritti inalienabili non sono teorici ma il punto è, anzi la verità è che non sono rispettati e vengono regolarmente calpestati.

      Elimina
  4. Potremmo essere un mondo e infiniti mondi insieme. Ma decidiamo di esserne uno solo.
    Un saluto anche qui

    EM

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decidiamo di essere un mondo? O decidono altri per noi? Altri mille mondi che si intersecano.
      E spesso noi che saliamo in corsa e ne scendiamo scalciati via.

      Elimina
  5. Prima che del suo colore, mi interrogherei su cosa sia la verità.
    Se ne esista una sola ed inequivocabile, o se esista una verità differente per ciascuno che la racconta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si metaforeggiava sui colori ponendo il tuo stesso quesito: quante verità a seconda dei punti di vista?

      Elimina
  6. basta non sdoganare tutto però

    ed in un paese cattolico come il nostro il liberi tutti ad ogni comportamento è facile

    RispondiElimina
  7. La verità è un arcobaleno di colori e questa è per me la verità soggettiva, tutti, però, dovremmo cercare la verità oggettiva, questo per vivere una vita piena, coma, una vita appagata e appagante.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E la verità oggettiva esiste davvero? Scevra da ogni condizionamento esterno? Tipo la verità su Ustica o su Papa Luciani? O noi ne scegliamo una che taccia le coscienze, e ce la appiccichiamo sopra?

      Elimina
  8. La verità è policroma e poliedria.
    E questa è una grande verità.
    😐

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La verità non solo è grigia, ma anche gelatinosa o forse gassosa, comunque impalpabile, indefinibile.. plasmabile.

      Elimina
  9. Ci sono le opinioni, che sono tante sfumature di pensiero.
    E ci sono i fatti, che sono invece..Monocolori.
    Ma la stampa spesso sfrutta quelle piccole sfumature di verità per sbiadire quel colore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi riallaccio alla risposta a Sinfo. Ustica e Papa Luciani (che tu neanche hai mai visto) sono fatti monocolori?

      Elimina
  10. Il mio pensiero di base è molto semplice, dovessi colorare la verità sarebbe sicuramente bianca, la menzogna nera..le sfumature non esistono. Il bianco forse "acceca" , il nero forse ci fà precipitare in una sensazione di oscurità, e quindi inventiamo le sfumature. Il grigio è il colore che sta in mezzo e lo accettiamo fin quando una situazione diventa bianca o nera. Perché poi la vita e le emozioni non possono restare in balia di un colore non definito.
    Buona serata Franco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vita ed emozioni magari no, ma verità e inganno ne fanno parte a pieno titolo. Con tutti colori che si sovrappongono e offrono nuovi spunti, nuove tonalità.. ad ogni pennellata, come un tramonto che in un minuto sforna infinite tavolozze...

      Elimina
  11. La verità ha infinite sfumature di colore.

    RispondiElimina
  12. Il problema è, secondo me, l'inevitabile visione soggettiva delle cose. Non possiamo avere un punto di vista obiettivo, universale, ma sempre condizionato dalla nostra posizione, fisica o di pensiero, su quanto accade.
    Sappiamo che un cubo ha sei facce uguali a squadro, ma lo vediamo in prospettiva con gli spigoli non paralleli come sono in realtà. Lo stesso ritenga accade per tutto: non soffriamo forse più per una singola morte vicina rispetto a centinaia di morti lontane e sconosciute? Il dolore rispetto alla morte non dovrebbe essere proporzionale, per evitare innanzitutto di farci del male l'un l'altro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intrigante e profonda riflessione: circostanze e prospettive avvelenano il giudizio. Lo accecano. Irrimediabilmente.

      Elimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su questa terra non esiste la verità, e per questo Fëdor_Dostoevskij ha detto che se la verità fosse da una parte e Cristo dall'altra, lui sceglierebbe la Cristo.

      Elimina
    2. Non dovrebbero essere due cose all'opposto. Il Cristo delle Scritture è un qualcosa di meraviglioso. Col tempo è miseramente rimasto impigliato in quelle pagine, purtroppo, ce lo lasciano per primi proprio quelli che tanto ne esortano la lettura, gli insegnamenti e le gesta. E sono quelli che tanto cianciano di Verità. Ovvio che Dosto viri dall'altra parte.

      Elimina
  14. Forse è difficile stabilire il colore della verità. Può essere rossa di vergogna oo rabbia, o verde di serenità. Credo dipenda dal tipo di verità. Dal momento.
    Se ogni volta però riesce a sorprenderci è fantastico per la sua forza e la nostra capacità fi continuare a farlo

    RispondiElimina

Sottolineature