martedì 7 settembre 2021

"TRA I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA"


Lieve polemica su facebook, dove poco tempo fa mi sono lamentato del proliferare sistematico, praticamente ad ogni palesarsi di quattro case in croce, della dicitura "tra i borghi più belli d'Italia".

Per cui ho deciso di rincarare la dose anche qui. 
L'Italia è il Paradiso terrestre, se consideriamo solo le "bandiere blu" e "i borghi più belli" sembra non batterci nessuno.

Io preferirei consapevolezza, più fatti e meno chiacchiere. Ma ovvio che vantarsi ormai è sport nazionale e legittimato a tutti i livelli.
A scapito della bellezza reale, non sempre riscontrabile.

L'Italia è un paese meraviglioso, e sono il primo ad evidenziarlo, sul nostro territorio troviamo perle spesso nascoste e non considerate, fuori dai soliti circuiti turistici; spiagge, paesini, siti archeologici, eremi, cascate, laghetti, boschi raggiungibili spesso non facilmente e pochissimo propagandati. Di contro, molti siti "pompati" per i più svariati motivi, economici innanzitutto, non corrispondono affatto alle aspettative. Oppure - quel che è peggio - soddisfano pienamente il visitatore tipo.

Si potrà dire che subentra anche una questione di gusti personali, e non fa una piega. Ma spacciare bellezza in ogni dove, non può rendere giustizia all'eccellenza. E su questo credo non possa pioverci.

Se proprio deve esserci livellamento, che sia verso l'alto.


37 commenti:

  1. Tra un grattacielo "moderno" e un austero palazzo sabaudo che prendono fuoco e vanno in fumo, beh... credo che qualunque "quattro case in croce" diventa Uno dei Borghi più belli d'Italia.
    O no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci piove, ma stiamo spostando il baricentro della questione, e non parlo della tua casetta al Turano, splendide "quattro case in croce" che sicuramente si fregeranno della didascalia di cui sopra. Di fronte ad un mostro in materia infiammabile o a Tor Bella Monaca, qualsiasi sgorbio diventa Borgo più bello dell'Universo Tutto. La soggettività innanzitutto, come ben sottolineo. Poi se ne può discutere. ;)

      Elimina
  2. Siamo il Bel Paese no?
    È un po’ come il migliore ristorante , il miglior film , la migliore canzone …tutto soggettivo.
    Fortuna che per il momento non è ancora uscito il più bel Blog d’Italia 😂
    Tutta pubblicità…alla fine spero nel buon senso della gente.
    Della serie non credo bastino quattro belle parole in croce ad intortare un pubblico attento.
    Poi come si dice ognuno fa del suo meglio per tirare l’acqua al proprio mulino.
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello sempre! E quattro parole in croce non si negano mai.. ahah

      Elimina
  3. I "borghi più belli d'Italia" in effetti credo siano un'organizzazione privata alquanto autoreferenziale. Comunque subentra anche un gusto personale nel gradimento. Per dire: quei borghi letteralmente scolpiti nella roccia tipo Fumone per me sono deliziosi esteticamente, ma magari troppo "vuoti" e servono solo a scattare qualche foto. Tolfa io la adoro, è un paesino vivo, vitale, però mi rendo conto che rispetto a Fumone non ha nulla di caratteristico. Ma ci vado più volentieri ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo senso le Bandiere Blu ancora più ridicole.. pensavo a Pentidattilo in Calabria, meraviglia abbandonata.. vabbè..

      Elimina
  4. È vero, il nostro è un bel paese, ma si può fare di più. Ci sono tanti bei posti anche all'estero e perciò dobbiamo cercare di tenere meglio il patrimonio naturale, storico e artistico di cui siamo depositari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..e questa è un'altra brutta parentesi.. manutenzione e salvaguardia ridotti spesso allo zero virgola.. :(

      Elimina
  5. Sono d'accordo con te: "vantarsi ormai è sport nazionale e legittimato a tutti i livelli". Anch'io ho un paese - il mio buen retiro - ma non mi sognerei mai di dire che è tra i più belli d'Italia. Non bisognerebbe mai confondere la Bellezza, declinata nelle sue innumerevoli sfaccettature, con il gusto personale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il gusto personale può anche andare, ma anche un pochino di sana obiettività, spesso assente, non sarebbe male..

      Elimina
    2. A tal proposito ricordo sempre la mia amata Scauri, "ridente" località marina palcoscenico della mia infanzia, adolescenza, giovinezza e maturità.. la prima volta che la vide mia moglie disse "Ma quando c'è stato il terremoto qua?" ahah.. e aveva ragione.. un posto davvero brutto al netto di tutto lo scrigno emozionale del mio amore imperituro.. ;)

      Elimina
  6. Potevi fare un po' di nomi, già che c'eri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di paesini brutti? .. niente pubblicità nociva.. ;)

      Elimina
    2. Penne è il borgo più bello dell'Abruzzo.

      Elimina
    3. Allora fanne a quelli che ritieni davvero belli così magari un giorno ci vado ;)

      Elimina
  7. I sindaci dei piccoli centri per motivi elettorali cercano di convincere la popolazione che tutti i mali sociali guariscono con il turismo. E la gente ci crede.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il turismo serve anche, sia chiaro, ma dietro si muove sempre una rete utilitaristica.

      Elimina
  8. Condivido pienamente le tue osservazioni, infatti ho sempre scelto luoghi speciali d'Italia per le mie vacanze, non provando attrattiva per pubblicizzati paradisi dell'estero...
    Un saluto,silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E spesso è girando senza meta che arrivano deliziose sorprese..

      Elimina
  9. È vero quel che dici, ci sono molte mete pompate che vengono frequentate a discapito dei veri gioielli di questo paese. Forse il fatto che soddisfino i visitatori tipici dipende dal fatto che questi ignorano che ci sono posti più belli, magari perché non hanno una vera cultura di arte e bellezza. Molta gente viaggia e si muove più per divertirsi che per apprezzare la bellezza. Credo che potrebbe essere un motivo, ma forse mi sbaglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanti cercano svago e serenità. Staccare la spina. Serve anche quello per carità. La mia era solo una denuncia sui generis. La moda di "certificare" per guadagnare Qualità. Ormai tutto è DOC e segnalato: dallo stracchino, al vino rosso fino, appunto, a qualsiasi agglomerato inurbano con stradino annesso, come sottolinea Massimo più avanti.. poi i gusti restano gusti e a Roma, ad esempio, l'Altare della Patria, rimane il "monumento" più fotografato della Capitale e, rimanendo in tema, per fargli spazio, è stato cancellato un borgo fantastico, di cui sopravvive solo una labile traccia di bellezza, proprio tra l'Altare e la Basilica dell'Ara Coeli..

      Elimina
  10. Ci sono tanti piccoli borghi, che spesso vengono dimenticati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..e non sapranno mai di essere tra i belli d'Italia..

      Elimina
  11. "L'Italia è un paese meraviglioso, e sono il primo ad evidenziarlo, sul nostro territorio troviamo perle spesso nascoste e non considerate, fuori dai soliti circuiti turistici; spiagge, paesini, siti archeologici, eremi, cascate, laghetti, boschi raggiungibili spesso non facilmente e pochissimo propagandati. Di contro, molti siti "pompati" per i più svariati motivi, economici innanzitutto, non corrispondono affatto alle aspettative. Oppure - quel che è peggio - soddisfano pienamente il visitatore tipo."
    Concordo pienamente, parola per parola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un po' la grancassa italica, vizio genetico al quale non mi sottraggo ;)

      Elimina
  12. Io dico che ogni tanto dovremmo perderci per trovare qualcosa di bello... sorpresa, sorpresa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spesso è proprio girando per caso, magari incuriositi da un cartello, o da una deviazione impervia, che scopriamo posticini incredibili.. e lì è proprio sorpresa! ;)

      Elimina
  13. Abito a Urbino che non è proprio un borgo per cui potremmo definirla "Un non borgo tra i più belli d'Italia" detto ciò mi pare che se mettiamo quattro pietre sovrapposte su uno stradino sconnesso in un posto semi deserto il gioco è fatto, la bellezza è altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abiti un posticino delizioso, non proprio un borgo.. da cittadino stufo delle città individuo ormai il mio luogo ideale in province tranquille (Lucca il top), ma trattasi di sogni. Amo visitare gli infiniti paesini dimenticati spesso dal mondo e decisamente fuori circuito, ma viverci anche no. Arrivo, respiro, fotografo, mi godo lo spettacolo. E girando vedo anche una miriade di posticini anche con un loro perché, fatto di silenzi e storia povera accumulata ma, come giustamente sottolinei, la Bellezza da certificare, è altro.

      Elimina
  14. Credo che questo autoincensarsi voglia essere un tentativo pe compensare e far dimenticare carenze serie.
    Basta considerare pure tutto il clamore intorno alla vittoria agli Europei di calcio,le medaglie alle Olimpiadi e Paralimpiadi...

    Un caro saluto

    RispondiElimina
  15. Sono stata ieri in una borgata poco lontano da me, che grazie a dei finanziamenti Europei i proprietari e il Comune ha rimesso a nuovo...spersa nei boschi, ma abitabile tutto l'anno. Questa volta questi fondi sono stati ben usati, probabilmente servirebbero a molti altri Comuni ma ci sono sempre i cavilli burocratici e altri mille intoppi. Io preferisco sempre frequentare posticini non troppo pubblicizzati. Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosco agglomerati spersi nei boschi toscani dove si vive come in un tempo antico, ovattato. Non hanno targhe, non partecipano a festival, respirano semplicemente.

      Elimina
  16. qualche anno fa c'era la paranoia del "borgo fiorito", bastavano due gerani su un davanzale fatiscente per guadagnarsi (o autonominarsi) con quella targa che compariva all'ingresso del paese.
    Ora vanno più per le spicce e si autoproclamano il borgo più bello del reame.
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto.. tra un po' l'universo dovrà misurarsi con diverse nostre "quattro case in croce".. ;)

      Elimina

Sottolineature