venerdì 17 settembre 2021

CONFESSIONI DI UN TERMOSIFONE


Sapete quanti termosifoni vanno in terapia a metà agosto?

No, credo non ne abbiate la minima idea.
Elementi rimasti freddi per mesi, mentre attorno imperversava l'afa.
E loro lì, inutili, depressi, sconsolati, con la voglia di ardere, bruciare metano, riscaldarsi, più che riscaldare, sentirsi vivi, creare atmosfera..

E invece no. Terapia. E noi psicanalisti, pochi sopravvissuti nella città svuotata, accettiamo di monitorare anche di queste richieste. 

Che poi si ascoltano anche storie interessanti, tipo di caloriferi abbandonati, poi ristrutturati e assurti a nuova vita, ma con questo blocco primavera/estate che li fa sentire orpello inutile in case ventilate dallo scirocco. E cosa possiamo fare noi?
Quando solitamente neanche a svariati umani riusciamo a suggerire diagnosi azzeccate?

A volte raccontano di serate torride, festicciole dove la gente ti poggia il drink fresco sopra, roba impensabile per uno che di solito dispensa tepore.. invece diventi mensola, quando non scomodo e ingombrante accessorio, si secca la linfa nei tuoi circuiti e il gelo ti attanaglia i pensieri, mentre fuori fa serenamente trenta gradi che erano una tua, esclusiva, prerogativa.. il mondo alla rovescia.. maledetta estate!

Come consolarlo un radiatore che ti parla così, con la valvola del termostato in mano?
E una lacrima a scendere giù per la ghisa temperata? 


53 commenti:

  1. Sono degli stagionali, se ne facciano una ragione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stagionali ma in fattura, sia chiaro questo. In regola innanzitutto. Purché col green pass altrimenti fuori. ;)

      Elimina
  2. Risposte
    1. Dettando legge. ("Poggia lo spritz mo' se hai coraggio..ahah")

      Elimina
  3. Amico caro, è un problema non adeguarsi alle nuove tecnologie. I termosifoni li trovi tutti nei cimiteri.
    Ecco il progresso:

    Pannelli radianti.
    Pavimento, parete e soffitto radiante
    Oltre ad essere un ottimo sistema di riscaldamento per l’inverno, l’impianto radiante è la soluzione anche per il raffrescamento estivo.

    Con un unico sistema è possibile climatizzare in tutte le stagioni (caldo e freddo). La pompa di calore diventa così l'unica macchina necessaria, con un interessante risparmio rispetto ai sistemi tradizionali.

    In un ambiente climatizzato con il sistema radiante la sensazione di benessere che si prova è immediata, la temperatura è gradevole sia in raffrescamento che riscaldamento grazie al naturale principio di irraggiamento. L'umidità viene regolata a livelli ideali per il corpo umano tramite il deumidificatore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A casa mia per l'installazione è venuto Jeff Bezos di Amazon che come regalo offre film in Prime e partite di calcio con DAZN, dotato di sintesi vocale e previsione di parola.

      Elimina
    2. Credo che Bertone nel suo superattico ne usufruisca serenamente.. ;)

      Elimina
  4. Bello dare voce a chi in realtà non ne ha. Tranquilli, fra poco ritornerete ad ardere e a farci spendere, ma sopratutto
    ritornerete a farci sentire a casa.
    sinforosa

    RispondiElimina
  5. Ecco il perchè di quel gorgoglio, quando tornano in funzione.
    E' una lamentela e chissà quante ce ne dicono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O magari non volevano essere svegliati..valli a capire!

      Elimina
  6. Da me c'è il teleriscaldamento ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La televisione che irradia calore!! Che canale? CamiNetflix? ;)

      Elimina
  7. Fra un po' dovremo riaccenderli.Io ho ancora quelli tradizioali.Buona giornata.

    RispondiElimina
  8. POVERI TERMOSIFONI|! Non ci avevo mai pensato, ora tolgo il vaso di fiori che ho appoggiato su quello sotto la finestra e faccio una carezzina agli altri.😄
    Ciao Franco buona giornata
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari una carezzina potrebbe anche bastare a volte.. la considerazione è importante! ;)

      Elimina
  9. Beh potrebbero apprezzare l’idea che d’estate svolgano altre mansioni, tipo quella di diventare mensola per il drink. Dovrebbero riconsiderare la loro natura versatile, i ventilatori, ad esempio, non sono altrettanto fortunati. Sempre originali i tuoi racconti, complimenti, Franco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, prova a poggiare uno spritz sul ventilatore.. anche quelli in crisi comunque, con l'av-vento dei condizionatori.. ahah

      Elimina
  10. Ma è bellissimo! Bravo....in camera dei miei ragazzi in questi mesi che è spento è diventato un attaccapanni eheh! buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ricordo da piccolo quando ci mettevo il cuscino sopra, d'inverno, e poi me lo godevo una volta a letto!!

      Elimina
  11. una vitaccia quella dei caloriferi, roba da accenderli in piena estate per non farli sentire inutili.
    :)
    ml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma lo sai che un giorno, in pieno luglio, si è acceso un termosifone, dopo che la caldaia stava facendo bizze per l'acqua calda.. la rivoluzione dei circuiti!!

      Elimina
  12. Mi ha fatto sorridere: bravo! Mi ha fatto commuovere invece 'sangue donato', letto da Daniele. Grazie per entrambi gli scritti.

    RispondiElimina
  13. Tranquillo sifo, oggi a me domani a te - disse mister Daikin aggrappato alla parete - Toccherà anche a me, tra poco, stare a guardare, mentre tu te la spassi. Certo, un vantaggio ce l’ho: non sarò una mensola per nessuno. 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al tuo Daikin-geco al massimo appendono il cappello. E buio fu.

      Elimina
  14. Dev'essere colpa della legge del contrappasso.
    Dopo anni passati a contatto, anche e soprattutto fisico, con "l'oggetto" e il "mezzo" per antonomasia, ora da poco più di un anno, liberato finalmente da quella schiavitù, ecco scoprire l'anima delle cose e degli oggetti.
    La loro vera essenza, per quanto romanzata e fantasticare.
    Ma è un modo diverso di vedere le "cose", e tutte le cose.
    Dallo stendino al termosifone, dal pesce al tifone.
    E si scopre, dal di dentro, una realtà degli oggetti, impensata e impensabile.
    Originale e fantasiosa, quindi fantastica.
    La fantasticheria di quando, bambini, vedevamo in una sedia rovesciata una astronave in viaggio verso Marte o con un cappellacci in testa eravamo il quarto moschettieri.
    Leggere queste short stories mi evoca quelle emozioni infantili: la capacità evocativa delle cose "comuni" elette a rivoluzionari scenari.
    E forse solo chi vive questi "insight" ti ringrazia.
    Anche io.
    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Antonio, che ti appassioni e rievochi. La fantasia dovrebbe farla sempre da padrona, specie quando ci perdiamo troppo nella realtà.. ;)

      Elimina
  15. Un articolo originale, che ho apprezzato nella sua densa lettura
    Un saluto,silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le metafore offerte in svariati punti di vista. Uno dei modi per comprendere ciò che sfugge..

      Elimina
  16. Io non lo trascuro mai... in estate gli ripeto sempre che non vedo l'ora che sia inverno per usarlo abbinato al pigiama di pile e il piumone! xD

    Quello che tratto male è il ventilatore perché in inverno gli dico che vorrei non usarlo nella successiva estate e invece non accade mai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi che disparità di trattamenti? Io poi il ventilatore lo chiudo pure in cantina, col cappuccio scuro.. altro che psicologo!! ahah

      Elimina
    2. Ahahahah! Trauma a vita per sequestro di ventilatore! xD

      Elimina
    3. ..rischio la denuncia penale!! ;)

      Elimina
  17. Io credevo che gli piacesse andare in ferie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse il problema è proprio questo, una crociera potrebbe far bene se non fosse murato vivo..

      Elimina
  18. Da noi è così breve l'estate che manco si accorge di essere diventato un soprammobile😜

    RispondiElimina
  19. Assai carino questo post. In un momento storico in cui siamo un po' tutti fuori di testa, quasi pare ovvia la depressione del termosifone, usato e bistrattato, sfruttato e dimenticato.
    Poi rileggendo, il racconto appare come favola triste, ma pure un po' metafora. Nel primo caso ritorna la parte ingenua di Te, che dà volto e voce alle cose, quella che salva ognuno la sappia custodire. Nell'altro si ravvisa quella rassegnata, che piange ma poi s'affida per essere aiutata.
    Complimenti Franco. E' sempre un piacere leggere ciò che scrivi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mary, credo che siamo sempre noi ciò che scriviamo, dalla fantascienza più astrusa, al colpo d'occhio più innocuo..

      Elimina
  20. puoi rincuorarlo dicendogli che il tempo è galantuomo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stanno avvertendo già l'aria che cambia.. ma resisto!

      Elimina
  21. e i termopsicanalisti incassano :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah.. quelli incassano comunque: "Tutto bene la vedo migliorata/o, sono cento euro, ci vediamo settimana prossima.."

      Elimina
  22. Nella mia vecchia casa giravo lo schienale della sedia al contrario e poggiavo la mia, di schiena, proprio sul termosifone tiepido. Una tazza di tè in mano e un po'di musica in sottofondo. Qui ho il riscaldamento a pavimento. Molto meno romantico. Ti sorrido.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai quanto ho studiato io di fianco al termosifone, con la spalla che finiva per rosolarsi?! ;)

      Elimina
  23. E con il riscaldamento climatico che avanza sempre più...
    ...meglio si cerchino un altro lavoro prima che sia troppo tardi

    RispondiElimina
  24. Mi piace questa umanizzazione del termosifone. Per quanto mi riguarda sono mensole prendipolvere praticamente tutto l'anno: con il clima che abbiamo se tieni chiuso e non hai spifferi non trovo neanche il bisogno di accenderlo. Ma io sono strano, non soffro per niente il freddo.
    Chissà se esiste davvero uno psicanalista dei termosifoni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Roma riscaldamento è roba davvero di pochi mesi.. una delle poche fortune della capitale..

      Elimina
  25. Sarà per questo loro stato d'animo estivo che poi me li ritrovo a inizio inverno pieni d'aria...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti fanno pure qualche scoreggina di inizio lavori magari.. ahah

      Elimina

Sottolineature