mercoledì 13 gennaio 2021

THE UNDOING - LE VERITA' NON DETTE



Ci hanno bombardato mediaticamente per settimane con questa serie tv Sky ricca di stars: Nicole Kidman e i suoi abiti da sfoggiare, innanzitutto, nelle sue lunghe passeggiate ("a me piace camminare".. almeno una puntata su sei sono solo passeggiate e cappottini.. ahah), il suo sguardo da cerbiatta impaurita, le faccette sorprese e quelle contrite, il suo mestiere da terapeuta, infine, che è quello che ne esce peggio di tutti.  In teoria arma vincente, ma a mio avviso mooolto maltrattato.


Il giallo è principalmente introspettivo, un gioco di sospetti, di scoperte e di sorprese.. ma non vi svelerò, ovviamente,  nulla.

Non è una novità che sia molto scettico sulle dottrine psicologiche, poi film del genere non fanno che avvalorare le mie tesi. 

Ma la Nicole Kidman sempre in tiro e la palpebra calante di Hugh Grant, tengono incollati fino alla fine delle, per fortuna solo sei, puntate, con un accavallarsi di tesi e contro tesi e un tutti contro tutti da western classico.

I titoli di coda, però, ci lasciano con l'amaro in bocca per ciò che poteva essere e che tutti, anche arditamente, arzigogolavano potesse essere, e che invece, fin troppo semplicemente, non è.

"Alla fine questo rosso, però mo' so fregato..."



17 commenti:

  1. Non rischio di vederla, perchè da quando Berlusconi 'scese in campo' non ho mai più guardato un canali di Mediaset e tanto meno Sky .

    RispondiElimina
  2. Ho visto la pubblicità ma, a parte il fatto che non ho sky, non mi hanno convinta a guardarlo.

    RispondiElimina
  3. Ultimamente ho visto su Sky il film "Hemingway & Gellhorn" con Nicole Kidman. E' un peccato sciupare il talento di questa attrice, la più brava in circolazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ultimamente la trovo fossilizzata...certo se vedi a parità di tempo trascorso come si mantiene lei e come è ridotto Grantino.. qualche domandina sui miracoli degli estetisti te la fai.. eheh

      Elimina
  4. L'ho visto tutto tutto. E nonostante i cappottini di Kidman (tra l'altro bellissimi e che solo lei, esile come un giunco, può indossare) mi è piaciuto. Del resto mi aveva conquistato fin dalle prime scene dedicate all'altra protagonista, ben più espressiva di Nicole, ovvero la mia città del cuore: NYC. Ma sarebbe limitativo visto che ho gradito anche "cazzone avariato" Grant, che dopo trent'anni, finalmente, si è liberato dell'aria da gigione portata avanti con dedizione per tutto 'sto tempo.
    Ma come volevi finisse, col colpo di scena che immaginavamo già dalla prima puntata visti i flash back? eh giàààà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti tiene sulle spine ma robe da ridere dai.. la mamma di lui che non si vedono da secoli e va al matrimonio.. mappeffavore!

      Elimina
  5. Ciao, mi piace la Kidman, ma sono poco televidivoenon ho Ski.
    Ciao Franco, alla prossima.
    fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preferirei il cinema, al cinema..speriamo a presto...

      Elimina
  6. Risposte
    1. Ahahah.. lo sapevo che avresti bypassato i cappottini della Kidman e incastrato nelle tette di Matilda.. ahahah

      Elimina
  7. Personalmente preferisco i film alle serie. Come genere prediligo quello storico ma anche quello avventuroso e umoristico. Un caro saluto a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà le serie troppo lunghe stufano anche me.. ma cinque/sei puntate si seguono tranquillamente.. sempre che ti prendano.. altrimenti meglio un film.. ultimamente Motherless Brooklyn lo sto consigliando a destra e a manca

      Elimina
  8. Io l'ho vista tutta on demand e mi è piaciuta molto anche se non al livello di "Chernobyl" o "8 giorni alla fine del mondo". Mi ha cmq inchiodato e non solo per il "look" di Matilda :-))) o per il il carisma della Kidman

    RispondiElimina

Sottolineature