martedì 26 gennaio 2021

NOTTE IN OSTAGGIO


C'era una volta il Folletto del Sonno Altrui. 

Arricciava naso e orecchie al giungere dell'alba, mentre riponeva tutti i sogni che aveva distribuito, salutando una notte sfilacciata che a malapena ricambiava,  stanca e ritrosa, mentre se ne tornava esausta a casa. 

Lui avrebbe voluto giocare ancora con lei, narrarle di chimere e strani destini, ma l'ora era impervia, anche per il più tenace nottambulare. 

Ma tanto fece che ottenne di poter scambiare, almeno una volta, il giorno con la notte. 

E quel dì, all'alba, invece di albeggiare, rimase notte, seppur stravolta e un po' stizzita; e finì per offendersi anche l'alba,  perché quel giorno lo avrebbe dovuto attendere il doppio del tempo. 

S'innervosirono tutti. 

Solo io continuai a dormire, facendo uno strano sogno: 

c'era una volta il Folletto del Sonno Altrui...

41 commenti:

  1. Risposte
    1. ..il sogno sgorga ogni volta che le dita scivolano sulla tastiera, o la penna s'impadronisce della mano..

      Elimina
  2. Forse perdendo i ritmi lavorativi sei un po' più anarchico, temporaneamente, nel dormire se ho inteso bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anarchico e favolistico.. mi piacciono le storie che scombussolano la realtà e il quotidiano, o forse piaccio io a loro..

      Elimina
  3. Ho pensato che sarebbe un'ottima metafora riferita al giorno tra i più oscuri della stori, la shoah.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti può starci anche se la mia era una notte di sogni, e non propriamente di incubi..

      Elimina
  4. ahahahahah ... eccezionale ! Bravo !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si svaria.. montagne russe sul mio blog.. mi è sempre piaciuto così.. ;)

      Elimina
  5. Sono con te Franco e quanto ti capisco! Anche a me prende la smania di scrivere se chiudo gli occhi...a dir la verità anche quando punto lo sguardo senza vedere nulla intorno se non il mio mondo colmo di personaggi e luoghi fantastici. In questo siamo molto simili...ciao e buona giornata.

    RispondiElimina
  6. Le parole migliori mi escon fuori sempre quando sto dormendo.
    Anche stanotte.
    Solo che poi al momento della sveglia le ho perse.
    Comunque stanotte non ho dormito affatto :D
    Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Colpa dei folletti.. comunque sempre taccuino e matita sul comodino, per non perdere le ispirazioni migliori.. ;)

      Elimina
  7. Un buon inizio per una storia che si annuncia fantasy, avanti tutta.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte credo che se non ci salva il fantasy...siamo perduti..

      Elimina
  8. A tal uopo, mia moglie mi vieta di bere caffè dopo le 4... ho provato dare la colpa al folletto, però...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io al massimo dopo pranzo.. altrimenti posso spararmi una serie intera su Netflix. Coi folletti che cambiano canale..

      Elimina
  9. Ciao Franco, le storie danno un senso hai nostri pensieri quasi sempre, purtroppo è troppo reali.
    Io dormo poco ma lo svegliarmi in piena notte non mi turba anzi, viaggio con la mente nella oscurità e nella fantasia. Al risveglio ricordo quello che credo forse un sogno o era solo il mio pensiero notturno.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Difficile che riesca a dormire di filato..ed il cruccio è ricordare sempre vagamente i sogni.. ma vedo che la notte piace a tanti..

      Elimina
  10. se vuoi ti racconto i miei sogni

    RispondiElimina
  11. Bel post e commenti interessanti. Metafora della tua vita attuale? Per me sì.Bizzarro questo folletto dei sonni altrui...Il mio mi porta sogni "molto personalizzati" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..non lo voglio sapere... a meno che non si tratti di Chala che torna a giocare.. ahah

      Elimina
  12. Che folletto birichino!
    Bella storia e ben narrata. Non finisce ma ricomincia :)

    Quando sto per addormentarmi mi vengono in mente haiku e poesie ma il sonno vince sulla forza di accendere la luce, prendere carta e penna.... e il giorno dopo, nisba! Tutto sparito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' sempre la fase più creativa quella che precede il sonno.. infatti, come dicevo a Sara, sempre matita e blocnotes accanto, a portata di mano ;)

      Elimina
  13. Ciao! Beato il tempo per scriverti, leggerti e sorridere...ma un folletto così non lo voglio è proprio brutto e dispettoso! A presto? forse. Abbraccione caro amico

    RispondiElimina
  14. Lucia ciaooo!!!! Un abbraccio fortissimo e benritrovata!!! Dai te ne mando uno simpatico che rompe tutte le sveglie di casa... preferisci?! ;)

    RispondiElimina
  15. Chissà perché li hanno chiamati Folletti.
    Di "folle" hanno solo il divertirsi con semplicità ed imprevedibilità, usando la magia ci donano sorrisi... e le tue parole sulla scrittura e i sogni la condivido pienamente. Basta tempo e fantasia. 😉
    Grazie Franco per questo mio sorridere di oggi, lo devo a te. Abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni sorriso provocato è fonte di gioia... grazie a te e un abbraccione anticovid!! ;9

      Elimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni sogno li racchiude tutti, anche quello di sognare. ;)

      Elimina
  17. Il Folletto del Sonno Altrui non fa per noi che dormiamo come ghiri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stamattina m'ha svegliato lui.. a colpi di sveglia!!

      Elimina
  18. bravo: bel racconto.
    mi fa un po' pensare quel "s'innervosirono tutti" :)
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La rottura degli schemi, lo sparigliamento delle consuetudini, innervosiscono chi non vuole sorprese, ne' meraviglie.. ;)

      Elimina
  19. I folletti non mi piacciono ma se mi regalassero sonno in più potrei cambiare idea...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le magie ovviamente non le fanno i folletti, ma noi si.. possiamo regalarcene quante ne vogliamo.. tu poi, non immagini quanti folletti ti si nascondono nelle borse.. ;)

      Elimina
  20. Non so se onestamente c’ho azzeccato con il post.
    Io posso bere un secchio di camomilla o di caffè alla sera prima di andare a letto.
    Penso di addormentarmi ancora prima di mettere la testa sul cuscino ( in volo ahaha!!!) però alla mattina se devo andare al lavoro mi sveglio sempre dieci o cinque minuti prima della sveglia!!!
    Però se la notte ricominciasse di nuovo al suonare della sveglia sarebbe bello ...ogni tanto-:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci pensavo spesso quando..lavoravo (che poi sembra chissà i secoli che sono passati..), ma ora, devo ammettere, mi rimbalza molto che sia notte o giorno.. da quando è sempre domenica, intendo.. ;)

      Elimina
  21. Il mio gatto veglia sul mio sonno, se vede un folletto, gli molla una zampata!

    RispondiElimina

Sottolineature