sabato 29 gennaio 2022

PER NORMA E REGOLA

 


La regola se ne stava lì, mogia e annoiata. Ferma nella sua essenza.
Qualcuno l’aveva stilata un giorno, altri dovevano costantemente controllare che non fosse disattesa.
Lei non avrebbe avuto modo di ribellarsi, contravvenire, disinnescarsi. La sua era una vita abitudinaria, consapevole. Oltretutto iniziava ad essere ormai desueta, conosciuta a memoria da tutti, difficile che qualcuno non la ottemperasse  anche solo inavvertitamente.
Il giorno che decise di sregolarsi mandò in tilt il sistema.  Di regola, si dovrebbe immaginare cosa può accadere quando un po’ tutto si dilegua, ma proprio venendo a mancare la prerogativa principale,  si era andati verso la congestione.
Quasi a regola d’arte, oseremmo dire, se non ci fossimo trovati, anche in questo caso, di fronte ad un’iperbole azzardata, che non percepiva più neanche l’eccezione che la confermasse; una norma rimasta orfana, un insieme che doveva essere servito, a regola.
Ad averne.

Ed invece no. La regola - o quel che ne era rimasto - guardava con distacco il caos che aveva provocato, astenendosi stavolta. Essere in regola era un pio desiderio, e lei era fuori di sé, altro da sé, ormai le mancava il desiderio e il rispetto necessario per rimettersi, come dire, in se stessa.

32 commenti:

  1. Bellissimo il tuo sconcerto.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, di sconcerto trattasi, magari irregolare, ma nella norma. ;)

      Elimina
  2. In questo Paese spesso le regole latitano oppure sono a senso unico.
    Sereno giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un paese senza regola alcuna.. disconosciute e abbandonate a se stesse.. ovvio scatti la depressione, ed un deciso senso di smarrimento..

      Elimina
  3. Ci sono regole giustissime e sacrosante.
    E ce ne sono altre fatte solo per rovinare la vita di chi si sente costretto a seguirle.
    Buon week end.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon weekend anche a te.. attendo foto da paura, il sole istiga. La validità delle regole spesso dipende dai punti di vista. Ma alle regole, qualcuno chiede mai il parere?

      Elimina
  4. Le regole vanno annaffiate e curate in continuazione. Se il caso potare qualche ramo secco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo scoprirne un lato nascosto, un orgoglio sottile, una vita a se stante. L'eccezione latente a confermarne l'esistenza.

      Elimina
  5. Vabbè, qualche scatto d'orgoglio di sregolarsi dobbiamo concederla alla regola intristita.

    RispondiElimina
  6. Una bella responsabilità per la regola essere tale.

    RispondiElimina
  7. La regola è una forma di ordine, e tutti hanno bisogno di ordine, ecco perché tutti si danno regole. Pure i malviventi ne hanno, pure i ladri un loro codice d'onore, leggere "Ivanhoe" per vedere come gli sregolati seguaci di Robin Hood, capo di ladri fuorilegge, avessero un loro codice interno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che pure nel parlamento esisterebbero regole, e talvolta norme.. ahahah

      Elimina
  8. La regola ormai è l'irregolarità, potremmo dire.
    Che però se l'irregolarità diventa regona non è più irregolarità... ma regola appunto ...
    Chissà che crisi d'identità, quindi

    RispondiElimina
  9. La regola, dentro della regola, ha fatto che dopo sette volte, tutto rimanga come prima.

    podi-.

    RispondiElimina
  10. Purtroppo le regole sono state in gran parte soffocate dal disordine. Accettare le regole e seguirle è diventato per la maggioranza dell'umanità un comportamento sbagliato.
    Per quanto mi riguarda le regole vanno sempre rispettate!

    RispondiElimina
  11. quella non era una regola ma una comunissima norma. normale che non avesse una morale :)
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche perché l'etica non sembra essere più una consuetudine.. ;)

      Elimina
  12. La prima cosa che ho pensato è stata la Pasta Alla Norma ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco vedi.. ci stava bene.. insaporiva anche.. ahah

      Elimina
  13. finalmente sono riuscito a entrare! Mi piace come usi il surreale per dire cose reali contrapponendo regola e caos.
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! detto da te poi, ciclista acrobata anche sulle righe..un onore!

      Elimina
  14. In questo momento difficile dobbiamo avere tanta ma tanta pazienza! Sono solo dei poveri diavoli che non sanno rinunciare al titolo di "onorevole"!Quindi trattiamoli pure con disgusto e.....rimandiamoli alle loro quiete casette. Bacio Franco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra elezioni e Sanremo, credo che il secondo disgusterà meno.. ;)

      Elimina
  15. Le regole che incrociano le braccia e non fanno più il loro dovere per dimostrare quanto siano bistrattate e non rispettate e perfino ignorate. Forse sarebbe davvero necessario che questa fantasia si trasformasse in realtà

    RispondiElimina
  16. Ahahah bello! La regola ribelle. O sregolata. O forse solo stufa.
    Oppure ancora dubbiosa e stranita da quanto ha intorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stranita, ecco.. dici bene; soprattutto stranita ;)

      Elimina
  17. troppo spesso le regole non sono rispettate, anche le più semplici. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte non vogliamo saperne di norme e regole. Ma non siamo Robinson Crusoe..

      Elimina

Sottolineature