venerdì 14 gennaio 2022

MOBILI


C'è il mobile dove si ripongono stoviglie e bicchieri. Quello con le tovaglie di lino della nonna, quello che arreda le cucine di una volta, o le sale da pranzo con aspirazioni rustiche, quello che dona calore col suo legno in arte povera, le memorie scolpite, i ricordi di natali e riti familiari antichi. 

C'è la madia ricolma di confetture fatte a mano, con l'amore della dedizione, con la pazienza della passione; con gli sportelli che cigolano aromi di pane caldo, bicchieri per apparecchiare, o per riporre biscotti fragranti, crostate che tracimano cuore. 

Ci sono mobili che ristagnano odore di casa antica, tarme addomesticate, sguardi che placano il nervoso, riconducendo ad esistenze remote, sorrisi altrimenti venati di oblio. 

Ma non fidatevi, sono tutte false credenze

Specialmente quelle dell'Ikea.

40 commenti:

  1. Risposte
    1. Non è casa mia però.. da me molta più caciara.. ahah

      Elimina
  2. La descrizione è piacevole, il finale è FAVOLOSO.😀
    Ciao felice giornata.
    enrico

    RispondiElimina
  3. Solo i mobili costruiti con vero legno, sono vivi e quando scricchiolano, forse mi piace pensare, che ci vogliono parlare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Occhio che il chiacchiericcio, a volte, lo fanno i tarli... ;)

      Elimina
  4. sono circondata da mobili...ehhh...e a casa li sposto in continuazione. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non fosse per mia moglie, anche a casa nostra sarebbe giostra continua!

      Elimina
  5. Ci sono credenze e credenze :)))
    sinforosa

    RispondiElimina
  6. forse andrei sui mobili usati per trovare simili atmosfere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che la memoria e l'uso funzioni, alla fine, anche su mobili appena nuovi.. devono avvertire l'amore..

      Elimina
  7. Questo post è meraviglioso, Franco e mi ha strappato un sorriso. Mentre leggevo pensavo proprio ai bei tempi di una volta, prima che Ikea e compagnia invadessero le nostre case.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era l'intento.. dispensare ..serenità ogni tanto ;)

      Elimina
  8. Risposte
    1. Pare che il nome derivi dal fatto che possano essere variamente assemblati nella stanza.

      Elimina
    2. Se no sarebbero immobili..ma forse una credenza anche questa.. ;)

      Elimina
  9. Ma soprattutto... la donna è mobile, e io mi sento mobiliere!😂 (Totò)

    RispondiElimina
  10. Mobili chiari o mobili scuri?

    RispondiElimina
  11. I mobili raccontano il nostro mondo, passato, presente e futuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi affeziono facile..ma visto i traslochi, mi disaffeziono senza problemi, quando lo spazio non permette troppi ghirigori.. ;)

      Elimina
  12. Cose del genere le avevano i nonni... ormai non ci sono più! ^^
    Io mi circondo di librerie. :p

    RispondiElimina
  13. Le credenze sono immobili in quanto fissate nel tempo, i mobili invece si prestano a false credenze.
    Dipende da quale lato della stanza li guardiamo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai colto l'iperbole, e ti dispenso infinite grazie! ;)

      Elimina
  14. passami la ricetta della crostata che tracima cuore ;-)

    RispondiElimina
  15. I veri mobili hanno un vissuto. E se si guarda bene hanno dei segni che potrebbere raccontare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Raccontano molto, poi quando intruppi uno spigolo deppiù..

      Elimina
  16. Risposte
    1. Ahah.. sempre piaciuto giocare coi doppi sensi.. ;)

      Elimina
  17. Sono contento che Ikea abbia svecchiato lo stile mobilesco italiano, dando impulso al nuovo. Peccato che poi Ikea sia diventato sinonimo di scadente e privo di gusto... ma finisce sempre così quando si diventa mainstream...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino che quelli in foto, di mobili, da Ikea non li trovi proprio, ma su Amazon probabilmente si invece.. ihih

      Elimina
  18. E - visto che mio figlio ne ha fatto disastrosa esperienza nella sua casa milanese - i mobili di Mxxxo Coxxxxxxxxa affidabili non sono affatto!
    P.s Sempre un piacere leggerti. Saluti cordiali

    RispondiElimina
  19. False credenze, quelle dell'IKEA, a cui mi piace credere :D

    RispondiElimina
  20. Cosa hai rischiato! Conosco un fanatico dell'Ikea che è attratto dalla mobilia svedese quasi a livello mistico, se gliela definisci "falsa credenza" è capace di risponderti che invece è l'unica religione rivelata :-D

    RispondiElimina

Sottolineature