mercoledì 26 gennaio 2022

L'ELEZIONE FARSA DEL PRESIDENTE



Stiamo assistendo ad uno spettacolo davvero patetico. Da ieri niente più covid, nessun morto sul lavoro, sbarchi in controllo, Ucraina sotto minaccia, ma giusto una scaramuccia.

C'è solo lo spettacolo delle marionette al voto: grandi apparati, schede colorate, maratone televisive, grandi proclami, votazioni burla. La necessità di tre giorni di buffonate per arrivare ad un quorum manovrabile, una liturgia ammuffita figlia di un sistema bacato.

Se ad una ipotetica  Finale di Champions di calcio tra Inter e Milan (e premetto che si tratta pur sempre di un gioco) i giocatori decidessero che non si tira in porta fino al quindicesimo della ripresa, o iniziassero a tirarsi i cartoccetti in campo, ci sarebbe la rivoluzione, insorgerebbero i critici, il pubblico, la stampa, i media tutti. 

Si griderebbe allo scandalo, alla svendita di valori, all'imbroglio, all'indolenza, al cinismo e alla strafottenza. 
Saremmo tutti d'accordo nel voler abolire il calcio e prendere noi a calci i pasciuti e apatici protagonisti.

Se invece la medesima, patetica baracconata, avviene per l'elezione di un Presidente della Repubblica, è tutto normale.
Continuiamo a tenere bloccato un paese votando Amadeus e Frassica (due personaggi, oltretutto, che quasi sicuramente governerebbe meglio, specie il secondo).

Qualcosa non torna.

Ma sono contento che almeno metà di questi pupazzi, al prossimo giro smetteranno di scaldare scranni.   

53 commenti:

  1. Caro Franco, il problema Capo governo, Presidente Repubblica è molto complicato.
    La coalizione di centro destra non ha i numeri sufficienti per scegliere il P.d.R. Mancano 60 elettori. Alla coalizione di centro sinistra mancano 100 voti, o forse 50 recuperando quelli di I.V (Renzi).A questo punto Salvini propone di eleggere un Presidente della Repubblica condiviso tra destra e sinistra ponendo una condizione. Il centro-destra propone una rosa di candidati e la sinistra dovrebbe sceglierne uno. I tre del roseto che non profuma sono Nordio giurista caro alla Meloni con tendenze sovraniste, Pera prima socialista, poi craxiano e infine Forza Italia. Il terzo nome è Letizia Moratti. Il nulla sotto vuoto spinto.
    Chiaramente Letta non ci sta e boccia in blocco i tre. Quindi potrebbe uscire un nome come Casini, oppure Cartabia, un ri-Mattarella o Draghi.
    Senza Draghi diventano inevitabili le elezioni politiche. Molto laboriose. Dopo la riforma costituzionale della Camera e del Senato è indispensabile una nuova legge elettorale perché il *Porcellum* è un sistema maggioritario che frantumerebbe il centro sinistra che preferisce il sistema proporzionale (legittima difesa). Nel frattempo i contagiati dal coronavirus dalle tante varianti che attualmente sono 10 milioni di Italiani, diventerebbero 20/25 milioni.
    L'unica soluzione è Ficarra, capo del governo e Picone, Presidente della Repubblica.
    Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se riescono a far cadere il governo.. di buono ci sarà solo che metà se ne vanno a casa.. ma questo lo sanno, i fenomeni.. e ci tengono a scroccare ancora soldi..

      Elimina
  2. Più che a uno spettacolo patetico stiamo assistendo ad uno spettacolo indegno e vergognoso. Si, Ficarra e Picone proposti da Gus mi stanno bene. Se fossero ancora in vita io avrei pensato a Totò e Peppino: il primo come presidente della repubblica e il secondo capo del governo. Non sappiamo esprimere una classe politica degna di questo nome e, allora, questo ci meritiamo. Per quanto mi riguarda io non andrò più a votare: non serve più a nulla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sogno delle urne disertate da tutti, ma da tutti proprio, lo cullo costantemente.. ;)

      Elimina
  3. Concordo, è tutto piuttosto indecente. E poi se devono fare questi magheggi infiniti, che inizino almeno a novembre, così al momento opportuno fanno subito quello che dovrebbero fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' questo l'assurdo, infatti. E invece sono tutti sussiegosi e seriosi. Come fossimo noi a non capire che loro fanno le cose davvero per bene... :(

      Elimina
  4. Purtroppo siamo diventati un popolo dedito al cazzeggio costante, e i politici esprimono questa realtà. Un tempo c'era più decoro, lo scherzo era riservato ai cabarettes di avanspettacolo e ai film di Totò. Poi col passare del tempo è stato tutto trasformato in burletta, tutto può essere "satira" (molta malintesa in realtà), tutto può essere "libertà di opinione" (ma una stronzata, quantunque espressa come opinione, resta stronzata), personaggi improponibili alla Sgarbi sono stati eletti in parlamento, Berlusconi ha sfondato il muro che divideva il politico dall'entertainer televisivo, il Salvini-style ha fatto scuola e... e niente, la triste verità è che ci tocca rimpiangere Andreotti. Pensa come siamo messi male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo. Di cazzeggio si tratta. E considera che la papabile Casellati è quella che aveva perorato fervidamente la causa di Ruby nipote di Mubarak..

      Elimina
  5. Oppure tutto torna visto chi siede su quelle poltrone anche da dieci anni e più. Quanto alla tua ultima considerazione, è giusta matematicamente parlando, ma se saranno meno rischiamo cmq che siano cmq tanti. Non è il numero il problema.ma proprio la loro presenza massiccia che siano quelli di ora o ridotti in base alle nuove presenze stabilite per il Parlamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto decidono i soliti 3 o 4. Rimanessero loro e risparmiamo un botto.

      Elimina
  6. Quanto mi piacerebbe che li mandassero tutti a casa, coloro che non prendono sul serio tutto questo.
    Fanno venire il mal di stomaco. Povera Italia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrebbero andare tutti a casa, infatti.. vorrei un governo norvegese, subito.

      Elimina
  7. sono d'accordo con te, è una vergogna, una presa in giro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sento davvero ridicolo per loro.. il brutto è che continuiamo a votarli..

      Elimina
  8. Concordo in pieno con tutti voi, mi viene in mente il detto alla "Bartali": lè tutto sbagliato lè tutto da rifare. Ma da rifare veramente tutto a cominciare dai primordi della politica che ormai non c'è più, solo tornaconto personale.

    RispondiElimina
  9. Spariglierei i giochi votando Rosy Bindi. E' una persona politica. E' donna. E' pacata ma ferma.
    E mentre il popolo sta a guardare i giochi svilenti di queste ore, sempre poco consapevole dello spettacolo che viene loro offerto, il paese crolla.
    Il padrone di casa scusi il mio scoramento totale.
    Che questo sia comunque un bel giorno per tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Compreso ogni scoramento, il post, del resto, nasce da un'amarezza di fondo, dettata da questo ridicolo rituale, peggio dei magistrati con l'ermellino, ammirati pochi giorni fa.. tutta gente che vive di etichette e cerimoniali. Oltre che di stipendi da sogno..

      Elimina
    2. Davvero tutto da rifare..ma tutto proprio..

      Elimina
    3. Se fosse ancora in vita, io vorrei Umberto Eco presidente della repubblica. Ovviamente non accetterebbe mai, ma l'idea mi piace.
      Restando tra i vivi, anche a me non dispiacerebbe Rosy Bindi.

      Elimina
    4. Credo che a destra sia abbastanza invisa.. certo una donna mi piacerebbe, non la Casellati però, poi con quei precedenti su Ruby Mubarak.. ahah

      Elimina
  10. E se alla terza continuate senza un accordo? Quante volte si vota??

    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Possono votare per settimane... che gliene frega di tutto il resto?

      Elimina
  11. D'accordo con tutti. Cosa possiamo fare di concreto per non aver da lamentarci di nuovo tra sette anni ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è questione di Presidente della Repubblica.
      la vera questione gravosa è il Parlamento ed il Senato

      Elimina
    2. Dimezzarli di nuovo? Sostituirli con dieci parlamentari svedesi che non sappiano una parola di italiano?

      Elimina
  12. Che i conti non tornano è da un po di tempo che vado dicendo .......... ed oggi è ancora pià grave vista una certa situazione internazionale.
    Non sono contento come dici tu che metà vanno a casa ....... il filo di pazzia corre quasi in tutti ...... e a mio modo di vedere le cose c'è poco da stare tranquilli. Queste Elezioni del Presidente della Repubblica ne è la prova provata di quanto questi politici intendano realmente che l'Italia si rialzi da tutto,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti non sono contento che SOLO metà vadano a casa.. ;)

      Elimina
  13. È diventato tutto uno show, questo paese è la pagliacciata fatta persona. Non c’è più un’idea, un obiettivo, sono solo giochi e il popolo assiste indifferente. Tra l’altro non dimentichiamo che dentro al Parlamento c’è il popolo. Il parlamento altro non è che lo specchio del paese. Del resto credo che non sia un caso che anche per il popolo è diventato tutto un gioco. Come hai ben detto, nessuno d’indigna, anzi addirittura Berlusconi era tra i preferiti dagli italiani nei sondaggi. Che ne vogliamo sperare…

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già.. il teorizzare fino a poco fa di Berlusconi come reale papabile, senza che nessuno abbandonasse fuggendo via.. la dice lunga di quanto se ne freghino di apparire patetici e ridicoli..

      Elimina
  14. Sono anch'io basita e infastidita dalla baracconata. Ho saputo di schede addirittura indicanti Rocco Siffredi. Una buffonata senza senso, oltretutto non credo a costo zero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Costo zero?! Vorrei sapere lo stipendio dei tipi che slacciano il coperchio dell'urna ..😱

      Elimina
  15. Han messo su spettacolo e recitano in varie giornate..poi si sa..oltre alla baracconata..non di potrebbe far le persone serie e riunirsi ..votare seriamente. Stop !! Senza ulteriori spese..fine !!
    Ah ma magari sarebbe un altro mondo..
    Poi i giornalisti che li stan a sentire ..e ci ammorbano con cazzate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I giornalisti ci campano, ci fanno le maratone, servono gli scoop..potrebbero serenamente andare avanti giorni..non oltre Sanremo però...altra baracconata..

      Elimina
  16. Insomma, si guarda al teatrino tutti "zitti e buoni".
    E allora non ci lamentiamo va...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Osservazione pertinente, visto che alla fine ce li abbiamo messi noi...😱
      Ma pure zitto no, e alla prossima spero in qualcosa di mai visto (disse l'illuso)

      Elimina
  17. la politica è teatro con giochi di potere, strategie e slogan.
    a volte è divertente. quasi l'unica cosa apprezzabile :)
    quando non esagerano. allora la farsa può diventare dramma o annoiare.
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La politica era quella di Aristotele. Qui sfigurerebbe pure Scarpetta.

      Elimina
    2. la politica è filosofia di vita. noi abbiamo troppe esigenze e interessi contrapposti

      Elimina
    3. In futuro, nel mio piccolo, non ne avallerò più l'esistenza.

      Elimina
  18. Così in basso non si era mai visto. È un mondo a parte, dalla nazione e dal resto del mondo. E non se ne rendono conto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insistono come fosse normalità, ingoiati dalle loro liturgie medievali..

      Elimina
  19. Non hanno nessun rispetto. Il periodo storico è drammatico e loro si comportano in modo disgustoso. Hanno delle facce come le lastre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensano palesemente ed esclusivamente al loro orticello..😔

      Elimina
  20. Fermo restando che condivido il tuo disappunto nei confronti dell'attuale classe politica, penso però che non si possa ridurre il tutto a una partita di calcio.
    Il capo dello Stato necessita di un consenso molto elevato per essere eletto. Deve rappresentare, secondo Costituzione, l'"unità nazionale": tutti gli italiani, non solo una parte di essi. Conseguentemente, è del tutto naturale che sia prevista la possibilità non solo di più votazioni, ma anche di elevate maggioranze (per quanto distinte tra i primi tre scrutini e quelli successivi), che è funzionale proprio a garantire un ampio comune sentire tra gli attori politici.
    Che poi ciò degeneri in scrutini interminabili (in cui spuntano nomi di potenziali eletti del tutto improbabili) è un altro discorso, cui può ricollegarsi anche quello dell'assenza (meglio: della scarsità) di personaggi istituzionali e di prestigio atti a svolgere il ruolo di Presidente della Repubblica e di Presidente del Consiglio (il dilemma Draghi nasce proprio da ciò: perché togliere dal Governo chi è in grado di farlo funzionare? Non c'è un degno ricambio!).
    Ma ridurre tutto a una partita di calcio mi sembra un poco riduttivo.
    Un caro saluto:)

    EM

    RispondiElimina
  21. L'iperbole era voluta e sottolineata: proprio perché ci arrabbieremmo tantissimo per comportamenti sconsiderati anche in ambito calcistico (alla fin fine un innocuo passatempo), è assurdo dover assistere a simili spettacoli indecoroso per eleggere la più importante Carica di Stato!
    Oggi Renzi ha candidamente affermato che è incivile e irricevibile che la destra si astenga dalla votazione. Mentre votare scheda bianca per tre giorni sarebbe civile?!? 😱
    Hanno avuto mesi per trovare un accordo questi signori, oggi bloccano letteralmente il paese con i dispetti nell'urna.
    Forse hai ragione..certe partite di calcio sono più serie!!

    RispondiElimina
  22. L'unico voto che ho sempre più voglia di fare, sarebbe quello per eliminare questa classe di personaggi fuori dalla realtà, fannulloni strapagati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ci saranno elezioni anticipate, alla fine di questa ennesima commedia, mi farò in quattro per generare e propagandare l'astensione più massiccia mai vista.

      Elimina
  23. adorabile Franchino hai detto tutto tu, che devo ancora aggiungere. Condivido parola per parola e Frassica come presidente non mi dispiacerebbe affatto.
    Ti stringo forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più passano le votazioni, più aumenta la nausea. Forse la Belloni potrebbe lenire il fastidio.

      Elimina
  24. Purtroppo è uno spettacolo che abbiamo già visto e penso che ne vedremo molti altri. Purtroppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non hanno pudore, proprio nessuno. Senso critico zero virgola.

      Elimina
  25. Io sono contenta del risultato ma certo che il teatro dei pupi siciliani è più serio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah.. i pupi siculi sono serissimi, nell'ambito del Teatro delle Marionette. Questi al governo so pupazzi male in arnese.

      Elimina

Sottolineature