domenica 9 gennaio 2022

AUTUNNO INVERNO PRIMAVERA ESTATE


Leggo di persone che aspettano l’estate. E di altre che, ebbre di calore, bramano perenne autunno, e via discorrendo in un rincorrersi continuo, in un sezionare e suddividere a compartimenti stagni, senza alcuno spazio per la contaminazione, per la sorpresa, per l’inaspettato.

Ed a ben guardare, poi, i quattro cicli stagionali non sono affatto così distinti, né consequenziali.
Più facile intravederle incastrate e sovrapposte queste stagioni, mischiate sempre più a casaccio, in un singolare caso di personalità multipla; suddivise e catalogate solo dalla nostra necessità di mantenerle in ordine apparente, quasi una rudimentale semplificazione.

In realtà non esistono quattro periodi dissonanti e separati, ma diversi atteggiamenti meteo che noi tendiamo a "classificare" per comodità ed esigenze merceologiche. 

Non potremmo fare il cambio di stagione altrimenti, né gustarci una quattro stagioni in pizzeria, o ammirarle in Mucha e Monet, e neanche ascoltare Vivaldi..
in realtà la primavera può sussultare d’inverno nostalgico nelle giornate nitide che pizzicano di vento perso, l’estate rendersi decadente in una pioggia improvvisa fuori luogo e fuori sincrono, l’autunno crogiolarsi ad un sole rovente che addomestica nubi stracciate mentre l’inverno odorarsi di tenue tepore a caccia di identità abbozzata.

Un diluirsi di tempo intersecato in costante ricerca di identità mal riposte, che vogliono saperne sempre meno di omologarsi alle nostre necessità, ai nostri desideri. 

Leggo di persone che attendono l’estate, ma capaci anche di coglierla oggi, nel sibilo di vento gelido a scorticare la finestra, avvisando  come un’eco di risacca a colorare l’ennesimo tramonto.


53 commenti:

  1. La stagione è uno stato emozionale o esistenziale..è dentro di noi il porsi e quindi il sentire..sai in questo lunghissimo anno le mie stagioni sono state così "sconnesse" tutto un percepire.. oggi sento freddo e mi sembra tutto molto grigio e pesante, tutt'intorno sento il silenzio.. l'inverno può anche essere magicamente caldo e colorato quando le emozioni le hai dentro..
    Buongiorno Franco buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo meteoropatici in fondo, sensibili ai cambiamenti rispetto ai desideri..

      Elimina
  2. Bella e intimistica riflessione. Eppure non esiste che una stagione: l'estate. Lo diceva Ennio Flaiano. "Tanto bella che le altre le girano attorno. L'autunno la ricorda, l'inverno la invoca, la primavera la invidia e tenta puerilmente di guastarla.” Per me è l'autunno la stagione preferita, la mia stagione dell'anima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, per quanto mi riguarda un'eterna estate con qualche contrattempo.. ;)

      Elimina
  3. Verissimo tutto quello che dici, alla fine è bello quando in una stagione c'è qualcosa delle altre.
    Io adoro le giornate terse e tiepide d'inverno.
    Adoro i temporali improvvisi d'estate.
    Però ecco, io sono di quelli che vivrebbe 6 mesi di estate regolare :D

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricorderò sempre una persona conosciuta alla Canarie. Indicandomi il capo che indossava disse: ecco, noi in maglietta tutto l'anno. Seppi allora cos'è l'invidia.

      Elimina
  4. AMO l'estate e mi rovino le altre stagioni attendendola. Mi piace grondare di sudore.

















    RispondiElimina
  5. Difficilmente penso alle stagioni. Per me quello che conta è sentire freddo o percepire caldo.
    Praticamente Estate e Inverno danno quello che promettono, mentre Primavera e Autunno mi sembrano un ibrido e pure fastidioso. Forse detesto il freddo. Un giorno, era il mese di aprile inoltrato, mentre passeggiavo con un amico mi disse: "Agù, sono sicuro che oggi, a Pescara, sei l'unico a indossare il cappotto".
    Per dire. La temperatura odierna è leggermente sotto lo zero e la parrocchia era freddissima. Aspettavo solo il parroco pronunciare: andate, la messa è finita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che avete rischiato la neve.. che sul mare è sempre stupenda però..

      Elimina
  6. Le stagioni hanno smesso di esistere, meteorologicamente parlando.
    Abbiamo zanzare tutto l'anno, per dirne una, e dalle mie parti c'è stato un capodanno con temperature che sembrava la Festa della Repubblica (2 giugno, per i meno provveduti 😅), per dirne un'altra.
    Non abbiamo più le stagioni perché grazie a varie tecnologie applicate all'agricoltura troviamo quasi qualunque frutto od ortaggio ben lontano dai mesi previsti in natura.
    Trovo anzi poco intelligente che la stragrande maggioranza della gente vada in ferie nel periodo "estivo", andando a intasare e affollare luoghi di villeggiatura, invece di scaglionarsi (o farsi scaglionare, con un criterio che si potrebbe discutere tra le parti interessate) durante l'anno, garantendo così meno caos e più continuità a chi vive di turismo.
    Io oramai riesco a fare soltanto una distinzione tra un periodo con l'ora solare e un altro con l'ora legale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non abbiamo più le mezze stagioni.. ahah.. però io vorrei trovarlo un cocomero adesso, così come un panettone ad agosto.. ;)

      Elimina
  7. No, dissento completamente. L'estate, per quanto mi riguarda, è la meravigliosa sensazione di non avere mani e piedi freddi, alzarsi al mattino senza doversi tuffare nell'aria gelata, andare in giro in t-shirt, bermuda e infradito.
    Se devo indossare quattro strati di vestiario e avere l'aspetto dell'omino della Michelin solo per sentire meno freddo alle mani, se devo fare uno sforzo atroce per sfilarmi da sotto le coperte, se devo avere paura di beccarmi ancora un'episclerite e ritrovarmi con un occhio che sembra una ragnatela insanguinata, se devo sentirmi i piedi gelati in modo costante, io capisco una cosa sola: che è inverno, ovvero (da qui in poi esprimo opinioni totalmente personali) lo schifoso inverno, il vomitevole inverno, il disgustoso inverno, l'inutile inverno, il maledetto inverno.
    (Avrai capito che, se un giorno ne avrò la possibilità, mi trasferirò in un'isola tropicale dove è sempre estate ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo di comprenderti appieno.. eppure continuo a preferire una montagna invernale, e i miei folletti li ho incontrati in una faggeta completamente silenziosa e immersa nella neve, ma non vuol dire.. anche in costume balneare non stanno niente male! ;)

      Elimina
  8. Amo il cambiamento. Il rinnovamento, il susseguirsi dell'una e dell'altra
    E amo la natura che sparglia il tutto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo sicuro, facciamoci servire dalla natura che mischia modi e maniere, ma ho paura che ci mettiamo un po' troppo lo zampino ultimamente..

      Elimina
  9. Vorrei cancellare luglio e agosto dal calendario, ma non è possibile e così mi adatto. Ciao Franco.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non potrei festeggiare il mio compleanno!! Fortuna lasci Settembre..il mio mese preferito, dove il mare diventa mio..

      Elimina
  10. Tutte le stagioni hanno qualcosa di bello, ma è del tutto normale avere delle preferenze, pensare che alcuni mesi ci siano più affini di altri.
    Chi le ama tutte indistintamente mi fa pensare a quelli che non sanno scegliere neppure la pizza da ordinare al ristorante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi ne ama una riesce a coglierla dappertutto.. questo il trucco probabilmente.. io margherita (no quattro stagioni.. ahah)

      Elimina
  11. Io posso dire che preferisco una stagione sulle altre e questa stagione è l'estate. Ma colgo bellezza nelle limpide giornate invernali dal cielo terso e nuvole bianche, nei colori straordinari e unici dell'autunno colmi di ori e di rossi, nei profumi inquieti di quelle primaverili che parlano di attese e di nuove scoperte. Forse sono una di quelle persone di cui parli a fine post, almeno lo spero.

    RispondiElimina
  12. È molto bello quello che hai scritto e molto vero. Più che altro uno le stagioni se le porta nel cuore. Quando sei felice non ti accorgi che fa freddo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima nota Mr. Loto. La temperatura la creiamo noi, come la luce. ;)

      Elimina
  13. Noi giardinicole siamo sempre con il pensiero a cosa si deve fare ogni stagione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io giardinicolo da poco, ho sofferto il caldo d'agosto solo per i fiori che boccheggiavano in terrazza. Una sorta di transfert molto apprensivo sdraiato accanto a loro.. ;)

      Elimina
  14. In inverno sono da dire "niente come l'estate, non fa freddo, posso andare a maniche corte, senza stufe per stare bene..." e poi arriva l'estate e "che intollerabile afa, tutto il giorno bagnato di sudore, quando arriverà il freddo?" L'unica stagione durante la quale non rimpiango le altre stagioni è la primavera, che ha di tutto veramente: in primavera ci sono giornate fredde e altre caldissime ma la cosa interessante sono quelle in cui stai bene sia a maniche corte che lunghe.

    Ciao,
    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adattarci noi ottimo compromesso, in effetti vorrei adattarmi tutto l'anno ..alla manica corta ;)

      Elimina
  15. A me piacciono le mezze stagioni. Non sopporto il caldo torrido, né il freddo invernale. Ad ogni modo l’inverno è una stagione che non amo per niente , perché non solo non sopporto il freddo, ma anche perché non mi piacciono le giornate piovose e grigie . Da noi in Campania si predilige l’estate tanto è vero che in dialetto viene chiamata “ a stagione”, per dire proprio che è la stagione per eccellenza! Però è vero quel che dici, le stagioni in molti casi si sovrappongono, per cui si può trovare un giorno di primavera in pieno inverno. Peccato che con i cambiamenti climatici non si capisca più niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al sud si sopportano serenamente quel paio di settimane fredde, e poi si, si è talmente abituati al caldo, al sole, che un inverno diventa anomalo, la neve un miraggio, il vento tagliente un affronto, la pioggia continua un'anomalia del sistema. E poi le albe? E poi i tramonti?! ;)

      Elimina
  16. apprezzo e condivido lo spirito del post. ma assicuro che per me non si tratta di atteggiamento. il dolore che sento in inverno è molto diverso da quello estivo.
    buon giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo so se un dolore può essere diverso. Ho perso la mia mamma di Settembre, come accennavo anche prima, il mio mese preferito, stagione di vacanza e mare per una vita, mese dove sono raccolti i miei ricordi più belli e vividi, mamma forse ha pensato che l'avrei ricordata meglio, chissà.

      Elimina
  17. Bel post.
    non faccio molta differenza con le stagioni.
    A modo mio li vivo in base al loro senso naturale.
    Buon inizio settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce l'avranno un senso naturale poi? E ce l'avevano, prima che riuscissimo a sconvolgerle?

      Elimina
  18. Ogni stagione ha la sua magia dall'esuberanza dell'estate alla malinconia dell'autunno al romanticismo dinun caminetto in inverno al sorriso di nuova vita della primavera. Anche se è triste ammetterlo ma non esistono più le mezze stagioni 😉😁

    RispondiElimina
  19. Ah, ma allora c'è qualcuno che la pensa come me! Un sacco di volte mi è capitato di sentire il profumo di altre stagioni quando il calendario ed il meteo non indicano propriamente la stessa cosa :D Ad esempio sono riuscita a percepire distintamente l'aria primaverile in fredde giornate di gennaio... E, insomma, a gennaio l'inverno è praticamente appena iniziato!
    Io comunque non sono nè da estate nè da inverno, amo la primavera e quel periodo che va da fine agosto a fine ottobre, a cavallo quindi tra estate ed autunno. C'è quell'atmosfera frizzantina che mi mette addosso una gran voglia di fare, correre, arrampicarmi sulle cose e rotolarmi in mezzo alla terra senza dignità alcuna xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io tendo soprattutto a scoprire tracce di Settembre in ognuno degli altri mesi. Ma è un amia tendenza personale, amando questo mese a dismisura.. ma alla stessa maniera, possiamo scoprire tracce della nostra personalità, della nostra esuberanza e anche della nostra vena malinconica in ogni espressione "stagionale". Credo si tratti semplicemente di sensibilità. Ad averne.. ;)

      Elimina
  20. Ho sempre pensato lo stesso Franco.
    Certo possiamo avere preferenze ma in ogni stagione può esserci qualcosa, un momento, una sensazione... che ricorda e sembra una stagione diversa da quella presente.
    Tutto dipende da noi.
    Come quando in inverno, in un piccolo chalet sulla neve, provi calore, tepore misto a tenerezza. Davanti a quel camino, sorseggiando un buon vin brulé. 😉
    Le stagioni sono tutte belle se vissute nel modo giusto.
    Bello... Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si esatto Pia.. dipende tutto da noi, possiamo fare estate ed inverno in qualsiasi istante. Ed il bello è che ci riusciamo! Un abbraccio! ;)

      Elimina
  21. Bello il ricco autunno ma amavo tutte le stagioni che mi erano gradite proprio per quel loro alternarsi con vesti diverse.Ora, come dici, si sono mischiate e mi spiace vedere quanto le piante si sentano autorizzate a fiorire fuori stagione, ingannate senza speranza e, talvolta, senza possibilità di rifioritura.
    Avremmo dovuto avere cura anche delle stagioni, oltre il resto.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non abbiamo cura neanche di un blog, figurarsi delle stagioni. Cogliamo solo frutti. Come si può. Del resto anche Gesù si inquietò alquanto per un fico che, fuori stagione, non ne voleva proprio sapere. ;)

      Elimina
  22. Per quello che mi riguarda, preferisco le mezze stagioni, autunno in particolare.
    A parte questo però, ho apprezzato molto il tuo scritto ricco di considerazioni a mio avviso anche poetiche.
    Sarebbe bello che tu trasformassi questo articoletto proprio in un testo poetico. Sfronda un po' qua e là, "leva il soverchio", decidi una scansione in versi, anche liberi, punta sui concetti essenziali che hai espresso, scegli i termini più significativi e - voilà - puoi trasformare tutto in poesia anche sul piano formale.
    Ciaooooo!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La poesia mi abita, e non paga neanche l'affitto.. ovvio cerchi di sfruttarla ahah! Grazie Annamaria!

      Elimina
  23. A me non piace l'inverno. Gli alberi spogli, la terra gelata, il freddo...solo quando nevica è un bel momento, ma poi bisogna spalarla, faticare, vederla sporca e ammucchiata tristemente dappertutto. I colori delle altre tre stagioni sono tutti meravigliosi. E poi l'inverno è spesso collegato all'età e l'inverno della vita sta cominciando a farmi un po' impressione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà che mi sento in costante estate... ;) Grazie del passaggio intanto! L'ultima volta che nevicò a Roma ci divertimmo un mondo, non spalammo nulla.. poco dopo si ghiacciò la rampa del garage e le auto rimasero intrappolate, e anche il vialetto per rientrare a casa.. una tragedia.. ahah.. noi adulti, ma in realtà bimbi sciocchini assai..

      Elimina
    2. Ecco, se non si spala, poi sono dolori! E lo spalare toglie tutta la poesia alla neve! :( Grazie per il benvenuto!

      Elimina
  24. Come scrive Sari "avremmo dovuto avere cura delle stagioni" ma sembrava importante solo il progresso ed anche ora pensiamo a noi e mai alla terra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovremmo aver cura del mondo intero..e non accade da tempo, e non sappiamo ancora per quanto tempo.. o forse si.

      Elimina
  25. hai ragione e l'hai detto bene, ogni stagione racchiude le altre tre, in sprazzi, accenni, piccoli eventi imprevisti.
    ml

    RispondiElimina
  26. Qui ha nevicato e come si è sciolta la neve sono apparse le primule, che alla notte sono gelate. E' un evento strano. Mentre la tanta neve sulle piste è normale per la stagione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, basta uno sprazzo di sole, come oggi a Roma da noi, e sembra che il mare ci attenda.

      Elimina

Sottolineature