venerdì 23 luglio 2021

TRE FILM, UN POST

Tre film diversi. Forse con nulla in comune tranne la curiosità di vederli fino alla fine. E restarne soddisfatti.

Insomma, mentre tutti parlano di A classic horror show, ennesimo horror splatter e sangue rappreso, io mi guardo - più attentamente - altre cosette.

FINO ALL'ULTIMO INDIZIO

Dei thriller che vanno a caccia di serial killers abbiamo una casistica infinita. Se poi il cacciatore è Denzel Washington, ci mettiamo lì buoni a guardare aspettando che prima o poi, l'ultimo indizio del titolo, risolva l'adrenalitico intreccio, la guerra personale tra Denzel, Rami Malek e Jared Leto. La pellicola acquista un profilo psicologico di altissimo spessore, diventa film nel film, fino a ribaltare certezze e sospetti, rivelando trame insolite ed il finale che proprio non ti aspetti. Certo siamo nell'ambito del già visto, della strizzatina d'occhio a fenomeni cinematografico tipo Seven, forse una durata eccessiva con qualche lentezza di troppo, ma questi sono film dove conta la fine, e cosa hai fatto tu, mentre guardi, per renderla meno sorprendente. Conta se rimani lì a chiederti come mai non hai rovistato abbastanza negli animi, nei tormenti e nei perché. Conta davvero quell'ultimo indizio. 


OSTAGGI


Ci voleva una Casa di carta all'italiana, e pur con mille ma, ne esce fuori un film godibile, con attori in parte (e fuori) che si adeguano divertendosi anche. Gli italiani sanno fare cinema, magari sono lenti coi tempi, non velocizzano, sorprendono poco, manca il montaggio estroso, ma conoscono pregi e stereotipi e, come in questo caso, riescono a lavare molti panni in famiglia, o in panetteria, se preferite. Nota di merito all'Incontrada che non ti aspetti e che si prende decisamente la scena. Per la Ivone un'opera prima diligente e gradevole, supportata da signori attori a garantirne l'esatta fluidità. Alla fine forse il più in difficoltà, come naturalezza, è proprio Tognazzi, ma lo perdoniamo  volentieri.


LONG STORY SHORT


Innamorato subito di questo film, che pesca a piene mani da La vita è meravigliosa e Canto di Natale, fa le pulci a tutta un'epopea di Ricomincio da capo e mette sul piattino dell'emozione questo attore inglese, Rafe Spall, che ti diventa subito simpatico, incastrato in questo loop che gli fa vedere la sua vita dipanarsi, ma solo per qualche minuto, ogni anno all'anniversario di matrimonio. Facendo rendere conto a lui - e a noi - di quante cose facciamo - o non facciamo - senza metterci l'anima, sprecando tempo e occasioni.
Insomma da un canovaccio non certo originale, un punto di vista fresco e acchiappante che coinvolge con brio, ritmo, cuore e feeling. 

 

24 commenti:

  1. I tre film sono tra i preferiti. Ora mi sto dedicando alle storie dei francesi.
    Grazie per i consigli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo è ingarbugliato, ma prevedibile.
      Si salva appena grazie alla bravura di Denzel Washington.

      Elimina
    2. A me ha sorpreso invece, e ne ho visti di thriller.. ;)

      Elimina
  2. Il primo ho registrato, il secondo ho scartato, il terzo evitato, ma dopo quello che hai detto qualcosa potrebbe cambiare, però non è detto, anche perché soprattutto l'ultimo è un po' troppo banale..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sembrava in effetti. Molto, troppo déjà vu.. e invece.. ;)

      Elimina
  3. Sono troppo indietro con i films, cercherò di recuperare. volevo rispondere ad un tuo commento da me, visto appena ho riavuto il pc... ma stamani non lo ho trovato. i fattacci che capitano alle streghe.
    Un sorriso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le streghe ci sono sempre, e recuperano in fretta, specie se travestite da fate.. ;)

      Elimina
  4. Tutti e tre molto interessanti. Grazie di averli consigliati.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Mi dispiace, assai ignorante sul genere. Non ho visto neppure uno dei tre. Buon fine settimana anche da qui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'offerta di cinema è bulimica.. ho voluto segnalarne tre insieme molto diversi.
      E non ho parlato di Boss Level.. ahah

      Elimina
  7. Ciao Franco. Proverò a visionarli e poi magari ti dirò. Grazie del suggerimento e buon Sabato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come accennavo a Maria, tre diversi generi, validi ognuno per il suo.. ;)

      Elimina
  8. Il mio consiglio personale è "Un altro giro", danese, visto ieri sera al cinema. Oscar come Miglior Film Internazionale. Davvero merita, diverte e fa piangere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne avevo sentito parlare.. credo sia disponibile su qualche piattaforma.. ora vedo..

      Elimina
  9. Il terzo l'ho visto e mi è piaciuto molto. Pensavo fosse colpa mia che sono una "romanticona" e invece anche tu apprezzi, hai visto mai😜 Gli altri due sono in lista...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ha colpito, anzi, ci ha colpito molto.. una chiave originale anche per un filone sfruttato.. ;)

      Elimina
  10. Avevo visto già da tempo il primo lonyrovonin thriller straordinario ed era da tanto che non ne avevo uno così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed era da tanto tempi che non ne vedevo uno così errata corrige

      Elimina

Sottolineature