giovedì 15 luglio 2021

PREOCCUPA..

Immagine by Pixabay    (free copyright)



 ...l'impoverimento mentale, 

la rinuncia alla fantasia, 

l'apologia del volo pindarico, 

il ricorso sistematico alla metafora assassina. 


Preoccupa il disordine d'animo, 

l'autoflagellazione, 

la condanna estrema, 

il non ritorno, 

questo sommesso brulicare d'incomprensioni, 

i sogni arsi in un unico falò. 


Preoccupano il disfattismo e l'alienazione, 

i cumuli d'acredine, 

preoccupa il groviglio di nervi e contraddizioni che ci lacrimiamo addosso.


Preoccupa l'ipocrisia, assieme alle false preoccupazioni, 

la saccenza in prima e seconda pagina, 

il sapere tutto, il condannare tutto, la perfezione vantata.  


Preoccupa questo autocompiacimento latente, 

questo costante monito all'immaginario 

ridotto ad incubi notturni e fughe oniriche traghettate su terapeutici post.

39 commenti:

  1. "Preoccupa l'ipocrisia, assieme alle false preoccupazioni,

    la saccenza in prima e seconda pagina,

    il sapere tutto, il condannare tutto, la perfezione vantata".


    Sì, preoccupa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essere coscienti di poter sbagliare. Vorrei fosse l'unica preoccupazione.

      Elimina
  2. Preoccupa l'ignoranza galoppante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella credo sia uno dei mali peggiori, se non il peggiore in assoluto.

      Elimina
  3. Concordo con te su ogni singolo tuo verso Franco.
    Preoccupa soprattutto il non voler più essere semplici, naturali e sereni. Tutto deve essere tormento. No, io non ci sto.
    Abbraccio enorme!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manca la spontaneità, la voglia di aprirsi, la capacità di essere noi stessi.. chissà tanti di cosa hanno paura, cosa li/le blocca..

      Elimina
  4. Preoccupa, a mio avviso, l'isolamento sociale dei giovani che non riescono a comunicare se non attraverso il cellulare, come dicevo poc'anzi sul blog di Gus, il loro narcisistico egocentrismo, . la loro necessità di crearsi un'identità ; basta fare un giro Instagram.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I giovani mi preoccupano, perché non si preoccupano, ma il futuro sempre più incerto è il loro, non il nostro.

      Elimina
  5. Preoccupa perché tutto quel che hai scritto è il tratto distintivo di questa società. Credo sia lo scotto da pagare per aver venduto la nostra anima al povero mondo virtuale. Tutti interconnessi e sempre più lontani. Non ci si parla più, non ci si guarda più, non ci si ascolta più. Non si interagisce più tra umani, non ci si arricchisce più di esperienze di vita vissuta e di valori che si basano sull’altruismo e l’amicizia. Stiamo perdendo molto in termini di umanità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo lontani. Ma bastano poche parole per sentire una persona vicina ;)

      Elimina
  6. Qui tocca salvarci da soli, citando una delle mie scrittrici preferite. Non so, più che preoccupata sono spaventata dall'incalzare di tutta la pochezza che ci gira intorno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salviamoci da soli, si, a qualcuno saremo di esempio..

      Elimina
  7. Mi preoccupa il piagnismo dilagante!

    RispondiElimina
  8. io sono preoccupato per questo post

    RispondiElimina
  9. Risposte
    1. Importante è credere nel proprio agire.. e metterci passione, come fai tu.

      Elimina
  10. Si, è pieno di persone che criticano tutto e condannano tutti..."sapere tutto, condannare tutto"... Sono persone pericolose che rovinano le vite di molte persone. Fanno soffrire. Tu vorresti starne lontano ma, loro ti penetrano nella mente.
    Bella grazie, Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe bello conoscersi a fondo invece, andare oltre le convenzioni.. e tu riesci a scalfire molte di queste "difese", mettendo l'interlocutore a proprio agio..

      Elimina
  11. Sono troppo avanti negli anni per preoccuparmi, vivo egoisticamente sereno,oggi siano i giovani a preoccuparsi io ho già dato.
    Un cara saluto.
    fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli anni passano ed è vero che subentra certa rassegnazione, ma preoccuparsi smuove comunque cellule e stimola pensieri, continuiamo ad allenarci..

      Elimina
  12. Preoccupa anche la mancanza di speranza e la rassegnazione a tutto questo.
    :-(

    RispondiElimina
  13. bravo. ma devo dire che non sono poi tanto preoccupato. in fondo siamo di passaggio.
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però mi piace esprimere intimismi il blog, esternalizzando. Lo farò di nuovo, magari è pure terapeutico.. visto che siamo di passaggio.. ;)

      Elimina
    2. esprimere fa sempre bene, anche di passaggio :)
      buon giorno

      Elimina
  14. Preoccupa l'indifferenza verso i problemi del mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ipocrisia di quelli che hanno spostato il summit per il clima al 2030.. :(

      Elimina
  15. Belle e purtroppo molto vere queste parole.

    Mi preoccupa soprattutto l'ultima frase: che la terapia a tutte le nostre preoccupazioni sia un blog e non il confronto diretto che di fatto è sempre la cosa migliore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il blog può anche funzionare, se parliamo di noi con almeno un pezzo di cuore in mano, e lo stesso è quello che si riflette dall'interlocutore. A volte, invece, andiamo incontro a delusioni cocenti, perché di fronte abbiamo un dieci per cento di persona vera, ed un novanta di fuffa. Quella fuffa che prima o poi si rivelerà tale. Perché il virtuale può anche essere così, ci buttiamo dentro tutte le frustrazioni, le tristezze, le impotenze per salvaguardare una maschera di noi stessi. E ce ne freghiamo di chi si sta fidando e ci vuole anche un po' di bene sincero.

      Elimina
  16. A me preoccupa anche il fatto che non sono solo queste le preoccupazioni!
    Bellissimi versi ma soprattutto veri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho provato a sottolinearla, la preoccupazione che permea le cose ingovernabili della vita: vita, morte, malattia, fato, incidenti, perdite, sconfitte, tradimenti. Attorno a tutto ciò che temiamo, c'è una preoccupazione latente che tentiamo di somatizzare, irretire, aggirare, scherzare. Anche con un post. Grazie per aver colto il focus. Sfuggito probabilmente anche a chi scrive.

      Elimina
  17. Più di tutti il disfattismo: se si pensa che nulla possa cambiare non faremo niente per cambiare nulla
    E io voglio che cambi
    😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le cose storte devono poter cambiare, devono essere affrontate, dobbiamo esserne convinti, volerlo. Hai perfettamente ragione.

      Elimina
  18. concordo su tutto tranne che sulla "metafora assassina".
    usata bene è un ottimo strumento per dire senza dire
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. Ce l'ho con l'esasperazione dell'utilizzo. ;)

      Elimina
  19. Quando si tocca un argomento vero si voltano tutti ad ascoltare. Anche la scrittura si adegua e fa riflettere...mi chiedo quanto resterà di tutto questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per ora tiene, e se non terrà, scriverò comunque, e inevitabilmente, per me.

      Elimina

Sottolineature