giovedì 8 luglio 2021

IL TERRAZZO PROBLEMATICO

Image by Piaxabay

C’era una volta un bel terrazzo, ampio e luminoso, di quelli che se
ne vedono spesso 
in città a godersi una fetta di cielo, quasi spavaldi.

Ma il nostro terrazzo aveva un problema. Soffriva di vertigini.
E fin da quando era stato progettato, se ne stava coi parapetti chiusi, terrorizzato dal solo guardare giù. 

Che poi era appena ad un terzo piano, niente a che vedere con quelle terrazze vertiginose e panoramiche che dominavano le nuove costruzioni da periferia moderna, palazzi che ostentavano ardite architetture e linee slanciate. Insomma qui si parla di un profilo molto discreto e per nulla impudente. 

Fatto sta che il nostro terrazzo iniziava ad avere paura, specie di notte, ed era facile sorprenderlo in preda a vaghi tremolii, brividi di paura, puro e semplice panico da altezza. Il proprietario dell’appartamento però, si stava preoccupando..  aveva interpretato quelle vibrazioni come sintomi di instabilità dell’intero edificio, e voleva scrivere al Comune, protestando contro presunti lavori che avrebbero minacciato la sicurezza dell’intero stabile, ed era un peccato non percepisse quel disagio naturale invece, anche perché il terrazzo amava i sui proprietari, e loro lo adoravano, lo avevano agghindato di piante, evitavano il troppo sole con delle tende a tutta superficie, e amavano mangiare fuori, ospitare amici e trascorrervi le belle giornate.

Ma la questione
  rimaneva irrisolta e col passare del tempo sembrava acuirsi, il nostro terrazzo accusava quel vuoto sotto e dinanzi a lui, si stava stressando e avrebbe voluto essere tanto un giardino al piano terra, ampio e sicuro, senza alcun problema.

Forse era il caso consultasse uno psicoter(razz)apeuta.

57 commenti:

  1. Il punto è maschio, la virgola e femmina e una bella curva.
    Il punto e virgola è una loro creatura.

    RispondiElimina
  2. Più passa il tempo più le cose cambiano, mi pare sempre in peggio . . . Anche per i balconi è lo stesso discorso - sempre meno spazio vitale. Un saluto e buona estate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fuori come un balcone, si suol dire, ma a volte sono esseri discreti e abbisognosi di confidenza.. che brutte creature che siamo..

      Elimina
    2. Davvero Franco, questi balconi in paricolare, non si può proprio dire che siano fuori ha ha ha

      Elimina
  3. Meglio si tenga stretta la moglie Terrazza, certamente più equilibrata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certe mogli sono fuori come un balcone (dicono a Milano)

      Elimina
  4. Ah! Quanti di noi sono come quel terrazzo!!!

    RispondiElimina
  5. Poverino,... per essere amato dai proprietari doveva trovarsi ad occupare una posizione paurosa per lui, doveva rischiare la sua integrità. Era per loro che non lasciava la sua posizione e se ne andava via.

    Bella storia.
    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ma era una terrazza sul mare e ogni mattina si godeva il sole che nasce.
      E poi lo psicoter(razz)apeuta lo aveva rimesso in sesto.

      Elimina
    2. Se comprendessimo in quanti si sacrificano per noi.. sarebbe un mondo migliore! ;)

      Elimina
  6. Mi hai ricordato certi aneddoti del mio professore di Topografia quando era studente e fece una visita guidata a un cantiere edile. In quel caso non si trattò di tremolii ma di oscillazioni dovute a una eccessiva elasticità delle mensole dei balconi, che a saltarci vibravano tipo trampolini, col muratore fece notare al docente accompagnatore di come sarebbe stato un simpatico giochino per i bambini di quella casa. 😲

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Roma lo scorso anno sbragò una terrazza di un palazzo sopra il teatro Olimpico (Roma nord) portandosi giù i due piani inferiori, perché i proprietari avevano pensato bene di caricarlo di fioriere pesantissime.. (è ancora in analisi quella terrazza..)

      Elimina
  7. Certi amori comportano sempre dei rischi. Quando si ama, come il terrazzo i suoi padroni, si raggiungono altezze pericolose. Se si cade non ci si salva. Però se si resta fermi a terra, stabili, ancorati alla sicurezza, si perde tutto lo spettacolo del cielo infinito. Buona serata, Franco. Racconto breve ma intenso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bell'analisi.. un'apparente sicurezza ci priva spesso di tanta felicità, e anche a volare alto pensando solo che si possa cadere, limite e rimpianto.

      Elimina
  8. Forte, anzi davvero fragile e tremante, il terrazzo con la fobia delle altezze...Non male - ma è una litote - dopo il gas che vorrebbe fuggire. Complimenti.

    RispondiElimina
  9. Io suggerisco di riempirlo di vasi di fiori, così si distrae!

    RispondiElimina
  10. Un terrazzo sotterraneo mi pare una buonissima opzione. Come non averci pensato prima???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un terrazzo sotterraneo con affaccio all'insù!!

      Elimina
    2. Esatto, del genere: non sporgerti troppo che se no caschi in alto

      Elimina
  11. Bizzarro ma molto simpatico. Bravo Franco...bella fantasia. Un saluto e un sorriso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino bizzarrie che considerino noi, assai più bizzarri.. ;)

      Elimina
  12. Hai una grande e fervida fantasia che fa scaturire dalle tue mani storie meravigliose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai che non è vero!! ..diciamo che presto voce alla vita che ci circonda.. ;)

      Elimina
  13. Povero terrazzo. Non possono, i proprietari, creare un parapetto protettivo, magari in vetro, così da farlo tranquillizzare? È che cavolo! 😉
    Che poi anche il giardino a piano terra potrebbe avere dei problemi sai?
    Come disse uno famoso: "Dai che ce la fai!". 😉😉😉
    Simpaticissimo racconto. Ciao Franco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah.. a volte diamo per scontato ciò che, invece, non lo è..

      Elimina
  14. Io che soffro le vertigini un po' mi sono immedesimata. Però da lassù è più vicino a vedere il sole che tramonta o le stelle di notte. Pensa che nel mio giardino ieri sera girava indisturbato un grosso tasso, persino il gatto si è rifugiato sul davanzale della finestra e non si muoveva più. Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che anche io, che sono al quarto piano, se mi affaccio ad un quarto piano di altra palazzina.. mi sembra di stare in cima ad un grattacielo.. ridatemi il mio terrazzoooo!!!

      Elimina
  15. ma il lettino del terapeuta per terrazzi?!?

    RispondiElimina
  16. Oh, facci sapere poi com'è andata la terapia... ;)

    RispondiElimina
  17. Ma che bel racconto... simpatico. ... mi hai fatto sorridere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' uno dei propositi principali (in questo genere di storie).. felice quando riesco ;)

      Elimina
  18. Buongiorno.
    Ho sempre avuto considerazione del valore della "coralità" del/dei lavori.
    I sagaci e simpatici commenti al tuo post dovrebbero indurti a metterli insieme, elaborarli e tirare una sintesi per la seconda parte (attesa e inevitabile) di questo bel racconto.
    Un lavoro corale con la regia egregia delle tue magiche parole.
    Pensaci.
    Ciao.
    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto che il terrazzo ha smosso la sensibilità di tanti, e molti suggerimenti meriterebbero un sequel. Ci sto pensando, affacciato sul vuoto.

      Elimina
  19. Terrazzi e balconi d'Italia dovrebbero riunirsi in sindacato e chiedere risarcimenti, non a Te per il tuo carinissimo racconto, ma alle moltitudini che nel 2020 li disturbarono, a migliaia, per suonare pifferi, cantare inni, gridare andrà tutto bene... Fossi un terrazzo o un balcone, sarei ancora frastornato, traumatizzato e incazzato. :)

    RispondiElimina
  20. p.s. come sai, odio ogni coralità: rimani gelosamente proprietario delle tue storie e della tua fantasia!

    RispondiElimina
  21. E che responsabilità per sti poveri terrazzi sopportare il peso di piante, sdraio, tavolini, persone, aperitivi con amici, relax da soli.. ed essere sempre all’altezza! 😝

    RispondiElimina
  22. Lo capisco, anch'io soffro leggermente di vertigini. Ma certe volte si è messi in posizioni di cui non sembra di essere all'altezza. In questi casi bisogna convincersi che se si è stati messi lì è perché ce la si può fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Importante è mantenere un contegno, perlomeno di..facciata

      Elimina
  23. Molto carino questo tuo racconto!! Facciamo qualche cosa per questo povero terrazzo !! Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è ancora tanta discriminazione in giro, una insensibilità diffusa, non solo ai piani alti..

      Elimina
  24. Oltre il primo piano non mi spiego da un balcone quindi lo capisco
    Noi poveri Ca..sotto siamo sempre incompresi. 😁😁
    Bello davvero!

    RispondiElimina
  25. tenero terrazzo che simboleggia le nostre improvvise vertigini al mondo.
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Metafore del nostro vertiginoso e frenetico volerci affacciare per forza: alla ribalta, da un monitor, dal nuovo attico, dal finestrino del Porsche o dall'oblò di un airbus.

      Elimina
  26. Povero terrazzo, anche lui in preda ai nostri timori e insicurezze...siamo cambiati tutti in questo periodo di covid, anche le strutture più solide cominciano a cedere!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non abbiamo più le certezze di una volta..e neanche le terrazze! ;)

      Elimina

Sottolineature