domenica 25 luglio 2021

FOSTER IL TORNADO



Foster se ne sarebbe voluto stare lì, in disparte, classificato giusto come "innocua brezza", ma i suoi amici no, insistevano.. "dobbiamo crescere!". 
E ogni volta lo costringevano ad uscire con loro bighellonando lungo la costa e facendo volare auto e fattorie..

Ma Foster cominciava ad averne le scatole piene di essere considerato un pericolo pubblico, lui avrebbe voluto aiutare, rinfrescare uomini e messi, donare arietta oceanica e rendere sopportabili le afe estive.
Ma sembrava proprio che il suo destino dovesse essere per forza catastrofico.

Una mattina di luglio si rese invisibile, divenne tutto occhio e niente ciclone, chi ci capitava in mezzo era solo perturbato dal vuoto assoluto d'aria, l'assenza del minimo refolo, il sole folle che bruciava come un ossesso. 

I genitori e gli amici non riuscivano più ad individuarlo.. era uscito di casa vestito da piccolo uragano e nessuno pensava che in un batter di ciglia potesse trasformarsi in anonima depressione tropicale, senza dare nell'occhio, se non nel suo personalissimo "occhio" pacioccone, e dal quale non aveva nessuna voglia di venir fuori. 

Quella anomala quiete prima della tempesta però, iniziava ad insospettire molti, e quando le masse turbinanti del basso Atlantico, decisero di venire a scovarlo di persona, dovette lasciar perdere, aprì l'occhio, diede fiato alle trombe - d'aria ovviamente - e seminò vento così disordinatamente, che chi lo seguiva, avrebbe raccolto inimmaginabile tempesta. 


47 commenti:

  1. Foster è un tornado intellettuale e non sa fare bene il suo mestiere, cioè scoperchiare mezzo mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche i cattivi hanno un'anima.. ma certi non la scoprono mai, solo perché sono già convinti di essere buoni.. ;)

      Elimina
    2. Foster è la metafora di certi uomini?

      Elimina
    3. Quasi tutto è metafora di qualcosa. Anche noi. 😘

      Elimina
  2. Delizioso e arguto racconto che dà adito a una miriade di metafore.
    (sto aspettando il tuo capolavoro)

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. Grazie Nicole! Ci si destreggia.. e Grisham qui a fianco..mi ha fornito lo spunto..

      Elimina
  4. Bel racconto, mi piace. Diciamo che chi nasce tondo non può morire quadro. Buon pomeriggio.

    RispondiElimina
  5. a volte il destino è unb destino crudele, vero per davvero.
    ma pensa se nasceva flatulenza...
    che aria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei fantastico coi tuoi commenti.. te lo riPeto, sempre sul pezzo.. ;)

      Elimina
  6. mi piace quando fai scrittura di animazione.
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Scrittura di animazione".. mi piace.. altrimenti si rimane statici, con troppa poesia.. magari mi aiutano certi amici bloggers che scrivono da paura.. ;)

      Elimina
  7. Fa sempre tenerezza sentire di questi poveri tornadi incompresi. Ci vorrebbe più consapevolezza sociale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sto dedicando alle incomprensioni.. a forza di analizzarle, verrò a capo delle mie..

      Elimina
  8. Foster assomiglia Pinocchio. Lui vuol essere buono, ma la volpe e il gatto possono apparire in qualsiasi momento.

    podi-.

    RispondiElimina
  9. Buongiorno.
    Provocazione: ma che sia, questo racconto, velatamente "autobiografico".
    Comunque gradevole.
    Non l'ho capito molto ad onor del vero ma deve essere un problema di neuroni, pochi e affaticati.
    Ho solo capito che Foster si è "soltanto" incazzato molto.
    Suo malgrado.
    Saluti.
    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che se perdi le staffe e non ti lasciano in pace, puoi venir meno a determinati propositi, e fare danni peggiori, pur non volendo. Ma deve esistere una causa scatenante. Voglio credere. ;)

      Elimina
  10. Diciamo che ultimamente conosco parecchie persone, sarà per il caldo, sarà per il lavoro, che a un certo punto si scatenano come dei tornado e... in certe occasioni, è meglio stare ben lontani. Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo un po' tutti scrigni nascosti, e le nostre reazioni possono lasciare sconcertati. Bisognerebbe fare dei corsi per misurarci e conoscerci. Prima noi stessi, in modo da non recare danno alla collettività della quale vorremmo far parte.

      Elimina
  11. Anche gli uragani buoni, a un certo punto , si scatenano e fanno danni. Un po' come le persone... Buona giornata.

    RispondiElimina
  12. Bellissimo questo racconto, complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cri..se cucinassi altrettanto bene sarei felicissimo.. ahah

      Elimina
  13. Questa Panemia credo che abbia provato molto psicologicamente molta gente, alcuni. molti tra di essi non ce la fanno più a trattenersi e scattano e si scatenano come un'uragano alla prima piccola contrarietà magari. Certo che questa estate di catastofi ce ne sono starte fino ad ora fin troppe. Soltanto da giugno in poi. nQuesti ultimi due anni sono stati poi i peggiori di sempre quanto a disgrazie causate da forze naturali "incazzate nere" con l'uomo ed il suo menefreghisto estremo. Un saluto e bel racconrto !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione.. attorno vediamo solo nervosismo, in noi e nella natura.. spero non sia foriero di cattivi presagi..

      Elimina
  14. Dare sentimenti a un uragano è proprio il colmo... ahaha...
    Un bel racconto...
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa se lo facessimo tenere d'occhio da una telecamera di sorveglianza.. ahah

      Elimina
  15. sempre simpaticamente bravo.
    buon giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Antony.. ci proviamo a fare i simpatici, un sorriso non guasta. Mai. ;)

      Elimina
    2. prego: abbiamo entrambi una predisposizione :)

      Elimina
    3. Immagino. (altra predisposizione..)

      Elimina
  16. Mi hai fatto venire in mente col tuo titoloni bellissimo film su sky

    RispondiElimina
  17. buongiorno Franco, promette caldo e spero nulla di più.
    Grandine e vento forse domani, ma spesso sbagliano.
    I tornado dono brutti di più quelli scatenati dell'uomo.
    da noi solo 2 anni fa e vece una moria di alberi da dove scaricò la sua energia
    Allegria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricorderò sempre un tornado marino, a Scauri, dove andavo al mare, vicino Gaeta, con sconquasso incredibile, alla fine il più fotografato era un pattino, o moscone a remi, infilatosi in un terrazzo al secondo piano di un hotel.. robe folli!

      Elimina
  18. La brezza diviene tornado istigato dagli amici che vogliono diventare grandi trascinando anche lui...
    Sarebbe rimasto un buon venticello se non avesse dato loro ascolto.
    Le scelte sono importanti. Se sai come gestirle bene è assecondarle, altrimenti sfuggendo al controllo irrompono distruggendo ogni cosa. È inutile provare a nascondersi. Alla fine di lui resta il nulla, compreso il male provocato.
    Ciao Franco, immenso "semplice" racconto. 😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alcune scelte sono precluse, altre non vogliamo proprio farle.. e spesso ci barcameniamo nel bel mezzo.. ;)

      Elimina
  19. Gran bel racconto! Con un finale perfetto ;)

    RispondiElimina
  20. Racconto fantasioso e originalissimo.
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie..mi piace donare sensibilità..un po' come riesce la musica..

      Elimina
  21. Bravo Franco, mi è piaciuta la storia di Foster!

    RispondiElimina

Sottolineature