mercoledì 7 luglio 2021

E.I.T.R.D. DA UN'INIZIATIVA DI DANIELE VERZETTI

E.I.T.R.D.   per non dimenticare mai




Saman Abbas non si trova.

Ma ora si parla di Nazionale, di rigori, di Finale.

Saman Abbas è sparita e siamo stanchi anche di cercarla.

Ora basta. L'effetto mediatico è svanito. La notizia non vende più.

Saman è sparita. 

Quante ne spariscono di Saman? Quante ne affogano una volta avvistata Lampedusa? Quante ne sopravvivono nei campi sotto il sole? Quante continuano ad essere picchiate e costrette ad una vita mai desiderata?

Quante ne spariscono in autonomia, sperando che dopo un po' nessuno le cerchi più, e riescano a rifiorire altrove, a ritrovare un sorriso.

Ma continuo a coltivare un sogno: spero che la nostra Saman sia tra queste ultime.

Tra quelle che hanno detto Basta! e sono fuggite via.

Lo spero ancora di cuore.

50 commenti:

  1. Commosso dal tuo post. Condivido ogni parola, e la colpa è molto anche dei media che vogliono facilitare questa amnesia, questo perdere la memoria su fatti non solo drammatici ma anche non ancora conclusisi. D'altronde i media oggigiorno non danno più le notizie, le cavalcano fino a quando sono di moda poi basta si passa ad altro. Questo però non è giornalismo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo concentrarsi sull'attimo, anche bombardando emotivamente e mediaticamente, per poi improvvisamente voltare pagina, dimenticare, di botto. Fa male. Far credere che si stia smuovendo una sensibilità, una nuova presa di coscienza. E poi.. il cadavere non si trova.. ok, passiamo oltre..l'auditel cala, la gente cambia canale.. basta così. Nuovo servizio.

      Elimina
    2. Ed ecco perché importante che le tue iniziative rimangano presenti..per non far scemare mai l'attenzione su un problema più che mai presente.. Grazie Daniele!

      Elimina
    3. Grazie a te di cuore per partecipare ed aver aderito a questa iniziativa. L'unione fa la forza.

      Elimina
  2. Hai ragione, lo spero anch'io.
    Spero che qualcuno continui a parlare di questa ragazza.
    Ciao Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se fosse davvero fuggita.. mi andrebbe bene anche calasse l'oblio, sulla sua storia e sulla sua pessima famiglia..

      Elimina
  3. Mi pare che fughe e intercettazioni non lasciano dubbi.

    RispondiElimina
  4. Ogni cuore che si rispetti dovrebbe custodire questa speranza..
    Buongiorno Franco, buona giornata

    RispondiElimina
  5. Un femminicidio di una figlia da parte dei genitori è qualcosa che sfugge a qualsiasi ragionamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'odio sfugge ad ogni ragionamento. E' istinto. Deleterio ma istinto. Bisogna saperlo convogliare nell'oblio. Renderlo inoffensivo.

      Elimina
  6. Lo speriamo davvero...quanta ingiustizia in questo mondo governato dal maschilismo che poggia le sue fondamenta sull'ignoranza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mancata educazione causa gran parte dei mali del mondo.

      Elimina
  7. Comunque quest'iniziativa è preziosa perchè su questa vicenda si ė fatto anche troppo silenzio.

    RispondiElimina
  8. Sono fatti davvero atroci e chissà quanti ce ne sono stati e ce ne sono che sono passati e passano sotto silenzio, speriamo tutti che quella ragazza sia ancora viva, ma lo sarà?
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finché non si troverà saremo autorizzati a sperare il meglio per lei.. ma i parenti andrebbero puniti comunque..

      Elimina
  9. Questo 'maschilismo' è, più che altro basato su religioni ancora più assurde della nostra.
    Credo che di Saman non conosceremo mai la verità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che tante religioni debbano ancora evolvere..e visto quanto è ancora indietro la nostra..immagino i tempi..

      Elimina
  10. Me lo auguro anche'io Franco! Anch'io vorrei che fosse scappata di sua volontà per liberarsi dalla schiavitù.
    Temo però che non sia così

    RispondiElimina
  11. Non vorrei essere pessimista ma mi riesce difficile credere che sia ancora viva, purtroppo. La realtà a volte è molto cruda e la cattiveria di certi esseri umani ancora di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comincio a credere che la cattiveria serpeggi in dose massicce..

      Elimina
  12. Forse il silenzio è voluto.
    Forse il silenzio serve perché le indagini continuino senza interferenze.
    Questo spero e questo credo. Non può essere che tutto finisca nel nulla.
    Son certa che un risvolto ci sarà, triste ma ci sarà. Questo il mio parere Franco.
    Ma hai fatto bene a parlarne in questa preziosa iniziativa di Daniele. Bravissimo e ti abbraccio. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la sensibilità che non deve finire nel nulla, diverso dal prurito che menziona MAX qui sotto. Quella è un'altra cosa.

      Elimina
  13. Mah…dico solo una cosa , ma la televisione la seguite?
    Credo sia sbagliato dire che i riflettori si son spenti sul caso di Saman.
    Sono ancora accesi , basta seguire Chi l’ha visto o i programmi di informazione tipo Uno mattina alla Rai.
    Ma ho fatto solo due titoli.
    Pazzesco quello che ne esce da questo post.
    Non se ne sono dimenticati assolutamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ne ricorda chi ci campa per fare soldi. Quelli che se non sparisse più nessuno sarebbe davvero una tragedia. :(

      Elimina
    2. Non son d’accordo affatto.
      Il problema è che io non mi vergogno di dire che seguo la televisione.
      E vedi te …ci sono pure programmi che informano…oltre a quelli trash.
      Te e tanti altri probabilmente non l’accendete nemmeno , libera scelta ma non potete sentenziare se non sapete o sparare delle eresie , come in questo caso.
      Come quelli che dicono che non seguono la televisione e non mi riferisco a programmi nello specifico come scrive Mariella.
      Proprio non hanno la televisione!!!.
      Mi chiedo come facciano a parlare.
      Al di là di questo il caso Saman è sotto i riflettori e non parlerei di interessi mediatici ( posso dire che ste giustificazioni - gli interessi mediatici - hanno un po’ rotto il cazzo
      .
      Perché vuol dire tutto e niente .
      Per fortuna che ci sono programmi che ne parlano invece .
      Su Saman è da dire che non se ne esce ..la famiglia è scappata dal Pakistan pure ..non la trovano .
      Il suo promesso sposo pakistano è uno facoltoso appartenente ad una famiglia importante nel paese di Saman.
      Il fidanzato che aveva qua è in televisione ..se per te son tutte trovate mediatiche per far andare su gli ascolti non so che pensare..?
      Io non ci credo te libero di pensarla come vuoi ma non scrivete che non se ne parla .
      Sia te che Verzetti in questo caso avete fatto uno scivolone.
      Basta accendere la tele per dimostrarvi il contrario.


      Elimina
    3. A me le trasmissioni che soddisfano pruriti non mi interessano. Guardo i telegiornali, e qualche talk specifico. A Chi l'ha visto cercano pure i dispersi a largo di Lampedusa?
      Degli intrecci sul fidanzato di là e il fidanzato di qua ne posso fare a meno. E' sparita una figlia, una ragazza, che non voleva seguire dettami familiari.
      Ognuno tira le sue conclusioni. Se abbiamo rotto il cazzo puoi leggere altrove. ;)

      Elimina
    4. Io guardo programmi tv ma onestamente ne posso elencare un paio degni di essere chiamati tali per quanto concerne l'approfondimento giornalistico forse qualcuno in più: Report, Presa Diretta , alcune volte perfino Giletti e poi a volte dei servizi di approfondimento su Skytg24. Il resto lo escludo, o perchè scandalosamente di parte e quindi non fa vera informazione o perchè tocca livelli pari alla D'Urso e quindi non sono informazione,

      Elimina
    5. Diverso è se allarghiamo il campo alle tv straniere, americane, inglesi, sudamericane, ma io mi sono fermato su quei programmi che tutti noi possiamo fruire facilmente

      Elimina
  14. Tra lei e il caso della Pipitone non si parla d’altro in Tv.

    RispondiElimina
  15. Concordo con Max, pur non seguendo quei programmi, bisogna riconoscere che su Saman e altre l'interesse non si è affatto spento. Che poi sia dovuto a speculazioni mediatiche può essere vero, ma il silenzio non è ancora calato. Purtroppo la lista si allunga se solo guardiamo alle due ragazze uccise nel campo di mais...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Liste infinite.. non c'è giorno senza cattive nuove..urgono pene severissime, visto che la "condanna morale", a questi soggetti, gli fa il solletico..

      Elimina
  16. Lo spero, ma la vedo dura.
    Sereno giorno.

    RispondiElimina
  17. Devo essere proprio fuori dal mondo perché non conosco la storia di Saman. Ma so di odiare questo periodo dove le notizie della nazionale fagocitano tutto! Il calcio non mi interessa e "essere felici" perché ha vinto la nazionale lo trovo puerile. Ma io sono strana e mi assumo la responsabilità dell'essere bullizzata per questo.
    Andrò a cercare notizie su Saman.
    Ciao Franco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se prendi Chi l'ha visto hai svoltato..

      Elimina
    2. Non vedo nulla dalla TV italiana e anche quando riuscivo non ho mai guardato Chi l'ha visto.
      Ma sono andata a cercare notizie... tra false piste, strane confessioni e fake news la storia è davvero brutta e il primo pensiero è che al mondo non fregherà poi tanto. Che tristezza...

      Elimina
    3. Storie brutte che alimentano solo un circo mediatico infinito (ancora avvistano la Pipitone) che si nutre di gossip. Gente che fa finta di interessarsi, e poi manda in pasto alla folla il video della cabina del Mottarone che si schianta.. lasciamo perdere che è meglio..

      Elimina
  18. @ Sara Roggeri
    Ciao, meglio tardi che mai ..su Saman.
    Sul discoro fatto sulla nazionale vabbè mi pare retorico.
    Non amando particolarmente il calcio non mi sento comunque di dare tutte le colpe alla nazionale se oscura la notizia.
    Che poi non oscura niente .
    Se segui la televisione alla mattina in tanti programmi parlano della questione di Saman e non solo di quella.
    E guarda pure i giorni che la nazionale ha giocato l’han fatto.
    La nazionale , il calcio è un gioco .
    Unisce gli Italiani come gioco , stop.
    Basta ..usarlo come capro espiatorio per le indifferenze e le divisioni che colpiscono gli italiani di fronte ad argomenti molto più importanti del calcio.
    È vero , lo ammetto siamo un popolo diviso che si sente unito solo quando gioca la nazionale.
    Ma stiamo parlando di un gioco.
    Non colpevolizziamolo.
    Poi questa nazionale è pure una delle più belle e armoniche che ho visto negli ultimi anni.
    Se non siamo un popolo unito non è sicuramente colpa del calcio e neanche di una classe politica , perché poi è facile cadere in altri discorsi retorici.
    Se non siamo uniti è perché nel nostro piccolo cerchiamo di inculare il prossimo ( basta pensare all’evasione fiscale ..proprio dalle basi eh..) pensando che il pensiero del prossimo ( scusami il giro di parole) sia quello di inculare per prima noi.
    Penso che sto ragionamento sia alla base poi di tanti altri comportamenti.

    RispondiElimina
  19. Di Saman preferisco parlarne io, in merito ad un'iniziativa di Daniele che ci rende responsabili e vigili verso delitti verso la donna, reiterati ogni giorno, e ogni giorno dimenticati.
    Col "pippone" sulla Nazionale ti sei superato. Io ci ho scritto mezza riga, ma quando uno indica la luna, tanti si fermano sul dito. Per fortuna c'è Uno Mattina che guarda pure le unghie.

    RispondiElimina
  20. Non capisco il discorso del pippone sulla nazionale sinceramente , è una mia riflessione condivisibile o meno.
    Fortuna che ci siete voi a scrivere poesie sul femminicidio altrimenti nessuno ne parlerebbe …ma dai , fammi il piacere.
    Vedo che continui a capire quello che ti va di capire.
    Comunque nessun problema tranquillo.
    È sempre un piacere confrontarsi con te -:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati.. se c'è una cosa di cui mi vanto, e la tranquillità. Gli isterismi viaggiano su altre latitudini.. ;) La(e) Nazionale(i) la(e) vedo pure io, e l'Europeo non mi distoglie, e non parlo di femminicidi perché devo fare ascolti o pubblicità, ma per dovere civico, almeno quella minima stilla che un personaggio di grande spessore come Daniele riesce a a trasmettere con tenacia e cuore grande. Semplicemente dubito assai del "cuore" che trasmettono i canali cui ti riferisci. Un abbraccio!

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  21. Premetto alcune cose: mi piace da pazzi il calcio sono tifoso del Genoa la più antica squadra d'Italia fondata nientepopodimenoche dagli Inglesi (Genoa Cricket and Football Club) nato il 7 settembre 1893. Aggiungo che ho l'abbonamento da anni prima in Trib Superiore numerata ed ora nel secondo anello dei distinti e che non vedo l'ora di tornare sugli spalti. Detto questo, per quanto mi riguarda contesto il fatto che i media brucino le notizie come fossero cicche di sigarette e questo a prescindere dal calcio. Sul discorso di Franco relativo all'essere uniti solo per la Nazionale, posso capire che lo ferisca ma in realtà a me non ferisce più perchè non è una vera unione, ma solo un'aggregazione spontanea sotto una vera e propria bandiera sotto un unico vessillo. Poi nessuno sarebbe pronto alla morte nemmeno per la nazionale. Credo che sia conciliabilissimo l'amore smisurato per il calcio ed il vedere la realtà senza paraocchi, il problema qui è che sono pochissimi quelli che pur amando il calcio non sanno però anche avere la stessa passione per temi importanti. Ecco questa incapacità di essere in grado di avere più stimoli direi che è il grosso limite del popolo italiano. Quanto alle poesie, (SOLO PER MAX) io non sono mai stato uno che si vanta o fa lo spocchioso ed il presuntuoso, ma permettimi di dirti che SI', menomale che ci sono persone come me, Franco e tanti altri che con poesie, spettacoli teatrali, canzoni, monologhi comici e servizi giornalistici di approfondimento, sensibilizzano o tengono accesi i riflettori su temi assai più importanti del calcio, perfino di un eventuale decimo scudetto del Genoa (o mamma l'ho detto, non ci posso credere :-)))!!! )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. All'ecletticità miro da sempre. Riuscire a commuovere e far ridere. Impazzire per una rabona e struggersi per un bimbo che non arriva a Lampedusa. I compartimenti stagni del proprio essere a volte preservano da eccessiva emozione. Perché in tanti, troppi, preferiscono un mondo piccolo, a loro misura. Non possono e non riescono a volgere troppi sguardi attorno, senza impazzire.

      Elimina
    2. SOLO PER DANIELE
      Intanto mi scuso per il ritardo ..è da quando hai pubblicato il commento che volevo rispondere ma mi son lasciato travolgere dalle emozioni della nazionale e non volevo scatenare eventuali polemiche ,almeno non prima della finale😂.
      Scrivo eventuali perché spero non c’è ne siano davvero.
      Allora per me TE PUOI SCRIVERE POESIE FINO ALL’ARMAGEDDON.
      Io non ho mai messo in dubbio l’utilità di questa tua iniziativa.
      Ci mancherebbe…come non dubito dell’utilità di qualsiasi articolo giornalistico che tenga vivo l’interesse mediatico.
      Ma appunto qualsiasi media che parli al pubblico, non faccio discriminazioni perché penso che nel 2021 il pubblico sa a chi dare retta e chi scegliere di seguire in televisione come nel web.
      @Franco
      Davvero non capisco il tuo risentimento su quello che ho scritto sulla nazionale.
      Per capirci qualcosa ho dovuto leggere la parte del commento di Daniele che ne parla.
      E nonostante non riesco ad uscirne.
      Cosa ti ha ferito di quello che ho scritto sulla nazionale?
      Sui programmi Tv che fanno / danno prurito mi è abbastanza chiara la tua posizione.
      Che dirti : ognuno segue quello che vuole ( come ho già detto a Daniele) e per me su argomenti tipo femminicidio , ma anche altri misteri che riguardano la storia italiana per me vale il detto “ parlatene bene o male ma parlatene😅
      Buona giornata a voi

      Elimina
  22. a me sperare pare uno spreco d'energia (lo scrivo tra il serio e il faceto).
    buon giorno

    RispondiElimina
  23. Chi vive sperando muore cantando.. non siamo lontani dalla verità, ma la speranza non consuma poi tutta questa energia, è forse più la paura, la rassegnazione e la depressione che consumano fisico e psiche. Forse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma la speranza è proprio in relazione spesso con tutto quel che ben fai presente.
      sono più propenso al desiderio. lo trovo più costruttivo. ciao

      Elimina
    2. Il desiderio ti massacra però, consuma sì energia.. senza contare le volte che resti con le pive nel sacco.. ;)

      Elimina
    3. il desiderio, quando non diviene aspettativa e ossessione, consuma la giusta energia.
      buon giorno

      Elimina

Sottolineature