lunedì 24 maggio 2021

IL POSTINO


Arrivava ogni volta, puntuale, davanti quelle quindici buche per la posta condominiale, e paziente tirava fuori cartoline, lettere, bollette, avvisi, riviste in abbonamento; neanche faticava a cercare i nomi dei destinatari ormai, era diventato pratico e, addirittura, ricordava nomi di vecchi condòmini che avevano cambiato casa, e infilava nella cassetta corrispondente posta inviata ancora da chi non aveva aggiornato la nuova residenza, sperando che il nuovo inquilino fosse comunque in contatto. Un lavoro che gli piaceva; non esistevano vento, pioggia o freddo.. nulla lo fermava.. ed era particolarmente contento per quegli scambi di lettere del quale era personale latore, scrivere a mano in un mondo ormai votato ad internet e alle mail, denotava delicatezza d'animo, a suo avviso, e lui era una tassello fondamentale di questa tradizione... quel giorno aveva distribuito tutto, stava richiudendo la borsa quando senti una voce malinconica: "Ma per me mai nulla?" Si voltò sorpreso ma nessuno nei paraggi, solo le quindici, ordinate cassette. Scosse la testa e fece per andar via... 

"Sono io! La numero 9, sono mesi che non ricevo nulla!! Possibile?!" 

Il postino guardò esterrefatto stavolta.. una cassetta parlante?! ..la guardò meglio e si sorprese a rispondere: "Ma sei una buca vuota, senza nome..forse di un appartamento sfitto.." E subito dopo si diede dello scemo per aver accennato ad una conversazione folle.. ma la cassetta ..parlò ancora: 

"Ma io non vedo al mio esterno.. so solo che di punto in bianco ho smesso di ricevere posta, di essere aperta e frugata.. tutto all'improvviso..". 

Il postino stavolta era davvero basito, non sapeva che dire, scosse le spalle e si avviò verso l'uscita del comprensorio.. 

Il giorno dopo tornò, si guardò attorno, e poi, prima ancora del resto della posta, tirò fuori una fetta sottile di panbrioche e la infilò nella buca numero 9. 
Pensò che almeno, il "pane in cassetta", potesse risultare buon viatico alle malinconie dell'interno 9.

Silenzio stavolta. Ma gli sembrò di avvertire come un lieve sospiro di soddisfazione. 
Meglio di un'ingiunzione di pagamento, comunque..  

43 commenti:

  1. E' una storia surreale traboccante di incanto che solo tu potevi scrivere.

    RispondiElimina
  2. Un gesto affettuoso del postino ad una buca delle lettere con un numero che per chi ama il calcio non può non accendere fantasie incredibili... Ed allora speriamo che questo gesto del postino la smuova e si riprenda senza lasciarsi andare un malinconico senso di solitudine.

    RispondiElimina
  3. Mi sembra una metafora dedicata a tutti coloro, per lo più anziani, che vengono zittiti o sistemati e non dico abbandonati, ma frequentati per dovere senza veri slanci d'affetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un giochino nato per scherzo.. davanti una cassetta di un appartamento sfitto..

      Elimina
  4. Ho fatto la postina stagionale da giovane, mi piacque molto, ho visto cassette di ogni tipo, ma parlanti no!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come accennavo a Pia, sotto, mettevo i volantini pubblicitari nelle cassette, ci inventavamo di tutto ai citofoni per farci aprire.. ma la parolina magica che ci apriva più portoni, una volta schiacciati una decina di tasti insieme, alla domanda "Chi è?" era sempre: "IO!" ;)

      Elimina
  5. Il "pane in cassetta" è inascoltabile!!!



    ...te l'invidio molto
    😀

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che si partiva da "pane in cassetta", citato per un qualche motivo, il resto a ritroso, come in tanti racconti.. ;)

      Elimina
  6. Adoro i postini per motivi personali. Soprattutto quelli dalle parti di Bresso (Milano). 😉
    Comunque mi hai fatto sorridere tanto con questo post fantasioso. Chissà perché la cassetta è rimasta senza posta così a lungo. Bisogna raccontare il seguito secondo me. 🤔
    Buona giornata Franco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi abitiamo in un palazzo con un appartamento sfitto.. cassetta vuota.. il proprietario è nell'appartamento accanto.. toglie anche la pubblicità.. e poi è stato il mio primo lavoro, mettere i volantini nelle cassette.. ancora oggi, se passo davanti a palazzoni con un centinaio di cassette a vista, ho come un sussulto... amavamo riuscire a sistemare montagne di volantini! ;)

      Elimina
  7. Orbene, allora esiste davvero!
    Chi ama l'ordine fa questo ed altro. Poi chi è che ama quei terribili volantini nelle cassette... 🤣😅😄
    Comunque sono sempre loro, i ricordi, a farci scrivere cose speciali come questo tuo. Le sensazioni che tornano a galla sono meravigliose. Grazie Franco.

    RispondiElimina
  8. Buongiorno.
    Già dalle poesie, chi ti segue e ti legge da tempo lo sa, per poi passare alle immagino delle foto, tu riesci a far parlare e "parlare" le cose e gli oggetti.
    Quasi non mi stupisce questo racconto che però, concordo, ha bisogno di una seconda parte e meno Cinica del pane in cassetta.
    Di nuovo stupore per come gli oggetti prendano vita: dal tergicristallo alle inferriate.
    Sempre grazie.
    Saluti.
    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tergicristallo difficile.. ogni volta che propongo qualcosa resta lì a dire di no.. ;)

      Elimina
  9. La tua storia mi ha fatto sorridere... davvero carina! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie.. mi piace scovare le anime silenti.. che poi riflettono noi.. un po' come certi specchi..

      Elimina
  10. Ma come ti vengono in mente queste storielle :D ?
    Però bravo, come sempre. Sempre apprezzata la tua scrittura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bel complimento da te.. grazie! ..questa nasce davvero dal pane in cassetta usato a tavola.. ahah

      Elimina
  11. io comunque di posta ne ricevo ancora.... bollette no che ho tutto per mail, ma roba di banca e giornali.... anche io ho qualche problema però....non ho ancora le chiavi della buca delle lettere.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ohi ohi.. con casa nuova mi hanno riempito di chiavi.. di molte ancora non ho capito cosa debbano aprire.. ahah

      Elimina
  12. Fervida fantasia, Franco. Trasposizione dell' umanità nelle cose vuote e inanimate. Bello. Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma saranno davvero vuote poi? ..non le cassette.. ;)
      Buona giornata a te!

      Elimina
  13. Un bel racconto, forse l'inizio di un capitolo di un libro di fantasia, bravo.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un libro è in lavorazione mia cara... ma tempo al tempo! ;)

      Elimina
  14. Molto carino e ironico!
    La mia buca per le lettere (non ho la cassetta degli appartamenti) ne direbbe di tutti i colori come quando i postini non hanno voglia di suonare e infilano a forza nella sua "bocca" roba che non ci sta! xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piacciono tanto quelle cassette della posta, tipo quelle fuori delle villette a schiera americane.. ognuna a forma di casetta, con porticina e tettuccio spiovente, in piedi vicino al cancelletto d'entrata.. però.. m'accontenterei della villetta a schiera.. ;)

      Elimina
  15. Nella cassetta della posta di Franca notifica sempre una cinciallegra E quest'anno credo che abbia messo su 5 pargoli sinceramente da me la posta è sempre piena di cose da pagare ma la postina è una bellissima ragazza

    RispondiElimina
  16. Da noi potrebbero nidificare i piccioni.. ahah.. comunque si, se la multa te la porta Angelina Jolie, si paga più volentieri.. ;)

    RispondiElimina
  17. Ma che bello questo tuo racconto...mentre lo leggevo pensavo....e se scrivessi io un bigliettino per quella buca numero 9...ma poi il tuo finale mi è piaciuto ancor di più. Ciao Valeria

    RispondiElimina
  18. Fantasia, e originalità, in questo piacevole brano
    Buona domenica,silvia

    RispondiElimina
  19. FAntastico!!!!!!!!!!!!!!!
    E fu così che nacque iol pane in cassetta!!!! ahhahaha

    RispondiElimina
  20. Beh, complimenti! Una fiaba moderna ricca di significati più profondi di quanto sembri.
    Oramai i postini, che in alcune realtà urbane sono in sottonumero, consegnano prevalentemente posta massiva e bollette, queste tra l'altro spesso senza l'ansia di doverle andare a pagare se si è fatta la domiciliazione...
    Attualmente conoscono una sola persona che sceglie ostinatamente di comunicare con le vecchie epistole scritte a mano, e gli unici sms che invia (Whatsapp? Facebook? Vade retro!) sono per chiedere a che ora può chiamare per sentirci a voce... A voce, in diretta, non con messaggi vocali che mi fanno soprattutto scemo a doverli usare e in secondo luogo riempiono la memoria.
    Scusa la possibile divagazione... Se i postini e le cassette delle lettere sono "tristi" è perché ci siamo convertiti ad altri mezzi per comunicare, ma anche perché le Poste hanno smesso da tempo di essere "poste" e somigliano sempre più a "banche" e a venditori di SIM!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vecchia, amata corrispondenza... hai ragione.. da qualche tempo partecipo a questo progetto.. guarda se può interessarti.. me lo ha fatto conoscere Patricia di Myrtilla's house ecco il link: https://apri.website/progetto
      parole e sogni scritti a mano.. ;)

      Elimina
    2. Non riesco a raggiungere quel progetto.

      Elimina
    3. Potrebbe interessarmi propormi come autore. Approfondirò, grazie.

      Elimina
  21. Bellissimo racconto. Io, nei 90' era stato postino!

    podi-.

    RispondiElimina

Sottolineature