mercoledì 21 aprile 2021

VELA SPIEGATA


 

Di nuovo

docile pasta di vento

a mitigare il sole;

è allora che,

forse anche in errore,

mi sento concluso.


Di quel concludere

punto di arrivo.


Come una riga scritta

che d'incanto,

è attratta dalla deriva,

e la perdiamo di vista.


In un oltre che sfugge

nell'indistinto.

Dove l'esatta temperatura,

l'esatta luce,

l'esatto silenzio,

divengono vela spiegata

a pasta di vento.


42 commenti:

  1. Questo " a pasta di vento" mi piace tantissimo. Una lirica soffice, malinconica ed al contempo soave proprio come quela vela che naviga sulle nuvole nell'immagine che hai postato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un fine lirico Daniele, immaginavo ti intrigasse la fragranza di una metafora.. ;)

      Elimina
  2. Non ti conoscevo in veste di poeta. Complimenti.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fulvio.. mi piace spesso perdermi tra versi e prose. Rilassa e distrae.

      Elimina
  3. Complimenti per la poesia!Buon pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un caro abbraccio Olga, bisogna rimanere leggeri e sognanti, ogni volta che se ne possa cogliere l'occasione..

      Elimina
  4. io però non so che cosa sia la "pasta di vento"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. eppure chi corre, dovrebbe averne sentore più degli altri, specie quando i chilometri sembrano miglia e l'aria non ti accompagna leggera, ma densa e appiccicosa.. ma questo è solo il lato vagamente negativo, quando pensi che issare una vela sarebbe un sogno non male..

      Elimina
    2. se leggi il mio post, io sogno altro..... :-)

      Elimina
    3. Ahah.. ho letto che tra sogni e realtà cerchi di non farti mancare niente.. ;)

      Elimina
  5. Io conosco la pasta di zucchero😂ma va bene lo stesso.
    Soave e leggiadra questa tua poesia.
    Complimenti

    RispondiElimina
  6. Complimenti.
    Anche nella poesia sei un gradino più in alto.

    RispondiElimina
  7. Sei molto bravo nello scrivere versi , complimenti !!!

    RispondiElimina
  8. Mica ci credo che ti senti concluso ;) arrivato.
    Secondo me ne hai ancora di cose da fare. Anche altre poesie da scrivere.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo sono ma i piedi sulla riva, con noi di qua e tutto l'orizzonte, e il mare, e il vento di là, possono farti pensare di essere arrivato dove in realtà stai solo ripartendo ogni volta.

      Elimina
  9. Ottimi versi Franco, i miei complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie.. ci ritroviamo a volte tra i pensieri che ci raccontano, e diventiamo diario nel diario..

      Elimina
  10. "Impastata di vento" mi è venuto in mente che nelle mie metafore spesso uso "impasto"..chissà che non somigli alla tua pasta di vento..si percepisce appena un punto di arrivo su una linea che è quasi un miraggio..fortuna che è un errore, non dobbiamo mai sentirci arrivati...calma tra le righe e soprattutto nei colori dell'immagine scelta (le sfumature del celeste sono calmanti).
    Riesci a passare da una recensione al pallone, dai problemi esistenziali alla poesia..un piacere sfogliare le tue "pagine"
    Buona giornata Franco😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sento eclettico, non tuttologo, sia chiaro, ma un po' camaleonte; anche a mischiare sorriso e malinconia, fino a fondere, oltre gli orizzonti convenzionali...

      Elimina
  11. Bella poesia. I tuoi versi trasmettono un senso di leggiadria, di delicatezza da cui scaturisce, in chi li legge, un desiderio di sorvolare con leggerezza sui particolari irrelevanti del mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualsiasi cosa trasmettano, ne sono felice. Chi scrive deve aprire, non chiudersi.

      Elimina
  12. Leggerla mi fa venire in mente l'orizzonte, il vento sì ma anche la libertà e questa voglia di evadere a vela spiegata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci mischiamo ad avventure immaginate, che fanno a meno di ogni calcolo.

      Elimina
  13. Un bellissimo ritmo, davvero complimenti.


    P.S. vela spiegata, ma io mica l'ho capita
    come diceva quella pubblicità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Non so se mi spiego" infatti, come disse il paracadute al paracadutista..😁

      Elimina
  14. Ciao Franco,
    era tempo che non ci regalavi una Poesia vera...con la P (di Poesia, Parole e Purezza) maiuscola.
    Cos'altro aggiungere ai commenti di blogger, commentatori e navigatori di blogosfera e dintorni, più esperti (di letture, di libri, e altre arti, anche commentatorie e recensorie) di me....? Nulla di più.
    Gran bella lirica.
    A presto
    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei persona sensibile e mia amica. E questo è già gran bel regalo.

      Elimina
  15. Un arrivo che è nuova partenza, nuova ricerca.
    Bella e delicata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una sponda per rinascere. Perché alcune condizioni ti fanno credere di poter rimanere lì, sospeso nel sole, nell'aria, negli odori. Ma è solo una sosta a ricaricare il cuore.

      Elimina
  16. Ci si sente conclusi nonostante non sia così, perché già il punto di arrivo si trasforma in nuova partenza. Aiutati da quella pasta di vento sulla vela spiegata della vita.
    Che bella, complimenti Franco. Ciao.

    RispondiElimina
  17. Ogni arrivo di solito porta ad una nuova partenza. Speriamo !
    Speriamo che il vento spiri nella giusta direzione per farci uscire davvero da questa situazione deprimente. Bella poesia evocativa e piena di speranza di arrivare alla fine e di poter giungere ad un nuovo inizio

    RispondiElimina
  18. Non ti sapevo poeta, ma avrei dovuto immaginarlo perchè gran parte dei tuoi post sono lirici.
    Quella vela spigata mi ricorda l'inebriante brezza del mare.
    ( penso che a remi te la caveresti bene ugualmente)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una volta adoravo il pattino, prima che gli squallidi pedalò ne sostituissero il romanticismo.. ;)

      Elimina
  19. Pasta di vento
    Conosco le mezzemaniche
    Chi quelle di vento?
    Quel punto di arrivo.. i nel percorso? Chi sa se appagante?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e "l'esatta temperatura" dell'acqua (che non deve bollire a vanvera) può ricrearla divina quella pasta.. ;)

      Elimina
  20. Un viaggio incantevole tra mare , cielo e vento che ti porta senza distrarlo verso una meta anche insperata. Un luogo incantato? O ancora mare da solcare? Ma sempre trasportati dalla leggiadria della natura. Sempre sublime il nostro Franco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo vorrei un luogo incantato dove dimenticare noie e contrarietà. Esiste?

      Elimina

Sottolineature