sabato 17 aprile 2021

NON SONO D'ACCORDO


Mi dispiace ma arrivati a questo punto, a davvero un passo dalla stabilizzazione dei vaccini, con almeno un mese per garantire una riapertura estiva in sicurezza, con la possibilità di un grande ripartenza economica, ecco, questo "cedimento politico" alle riaperture selvagge, lo trovo fuori luogo.

Le conosco le categorie in difficoltà, ho nipoti che verranno licenziate se non torna tutto alla normalità.

Ma queste fiammate di "tana libera tutti" sono un vero azzardo sociale. 

Io sono per il blocco dei licenziamenti, per la cassa integrazione esatta, per i ristori a chi nel 2019 non ha dichiarato 8 mila euro, per i rimborsi alle partite iva che mi dimostrano perdite certe. 

E' indubbio che sono stati distribuiti soldi a vanvera. E' qui che bisognava essere illuminati.
Mentre siamo circondati da gente che fa campagna elettorale e guarda solo il proprio tornaconto, gente che mentre grida al TG di riaprire i ristoranti, vota il ripristino del vitalizio al ladro Formigoni.

Siamo circondati da mille contraddizioni. In maggioranza tutti vogliamo il bene del Paese, tutti vogliamo tornare in vacanza e divertirci in spiaggia, ma c'è troppa gente cui non interessa questo bene totale. 

Gente che ha a cuore solo il suo bene particolare.

73 commenti:

  1. Buongiorno Franco,
    In linea di principio non si può non essere d'accordo con te ma... se la speranza è l'ultima a morire.. allora facciamola diventare la prima ad attivarsi.
    Il passato, e tutti gli errori che son stati fatti e i morti che ha prodotto, non può tornare né si può continuare a discuterne oltre. Quindi ben venga una vaccinazione a base di "speranza".
    Comunque infine ritengo che questo "tana libera tutti" potrebbe creare comportamenti normali giacché è noto che più si vieta un comportamento e piu questo comportamento viene attuato e perseguito...
    Contraddizioni del comportamento razionale.
    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso essere d'accordo ma lo scriteriato "tana libera tutti" dello scorso anno è ancora bello fresco a testimoniare come siamo fatti (male)...

      Elimina
  2. Sono d'accordo. Poi in questo paese si parla tanto di ristorazione e turismo ma la realtà è che, già prima del coronavirus, son state esternalizzate o cedute industrie meccaniche e tecniche per ridurre l'incidenza fiscale e i costi del lavoro . Molti si son dati ai servizi, hanno preso la partita iva ma un paese che ormai non produce come prima e vive prevalentemente di servizi è, per forza di cose, un paese economicamente debole. Era meglio un paese con più industrie e lavoratori dipendenti che garantiscono consumi costanti piuttosto che un paese di partite Iva a volte fasulle e dal reddito precario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto distribuire soldi a chi davvero non ne aveva affatto bisogno. Ma è un discorso vecchio. Tipo il non voler beccare chi evade pur avendone mille possibilità. Storie vecchie. Dove se la cavano sempre i soliti. Speriamo cambi il trend, ma le ultime decisioni non mi sembrano andare in senso virtuoso.. :(

      Elimina
    2. Io ho visto dare redditi di cittadinanza, a seguito ho vomitato. Soldi stracciati, soldi a chi non li meritava.

      Elimina
    3. Siamo ricolmi di ingiustizie, disparità, ipocrisie, cattiverie. Chi più ne è capace, più ne approfitta. E ha già la green card. Quella della propria coscienza. Coscienza fatta in casa. Disegnata a misura della propria grettezza.

      Elimina
  3. Mi spiace ma mettiamola così puoi anche avere ragione sui numeri, anche se secondo me si può già provare, ma se cmq si è giunti a questo punto con numeri di vaccinati inferiori alla Gran Bretagna, se si è solo saputo imporre un obbligo ai sanitari e minacciare chi non era convinto di farlo, se non si riesce neanche adesso ad avere i vaccini per somministrarli alle categorie più deboli, se non hanno saputo neanche porre in essere un vero piano vaccinale, non è colpa mia, non è colpa dei ristoratori, non è colpa degli albergatori non è colpa della gente comune, non è colpa di chi fa spettacolo, non è colpa di nessuno se non del Governo o meglio degli ultimi esecutivi di cui 2 a guida Conte e questo a guida Draghi. Se non si è fatto un vero piano pandemico non è colpa nostra, e sottolineo come in tutti e tre gli ultimi esecutivi Speranza fosse l'anello di congiunzione, e come lui, Ranieri Guerra, Arcuri, Brusaferro, ecc... E non è colpa mia o della gente comune se Speranza ed i suoi accoliti hanno fatto solo danni dimostrando incompetenza e forse, nel caso del ministro, dimostrando un certo piglio sadico nel tenerci rinchiusi senza una logica (mezzi pubblici stracolmi e funzionanti, chiese aperte, ristoranti e teatri chiusi, mah...). Allora se arrivati a questo punto non hanno saputo mettere una pezza come invece è successoin altri paesi oltre alla GB, oramai il tempo è scaduto e non si può impedire la riapertura di molte attività che poi, parlare di riapertura totale è inesatto. I ristoranti solo all'aperto e con distanziamento di due metri, palestre e piscine anch'esse con forti limitazioni, e poi vogliamo parlare dell'assurda Green card tra regioni di colore diverso? Assurda perchè in primis si era detto che vaccinando le categorie più deboli si era già a buon punto perchè le persone di età inferiore dai 59 in giù non rischiavano di prendere il covid in maniera pericolosa. Poi altro punto, se uno volesse andare dalla Calabria alla Sicilia entrambe arancioni o una gialla e l'altra arancione e, per fare un esempio, avesse 35 anni lavorasse come direttore di una filiale di una banca quindi zero contatto con il pubblico agli sportelli, anche volesse non avrebbe modo allo stato attuale dei fatti, la possibilità di vaccinarsi. Quindi lui ed anche i giovani che non potranno vaccinarsi entro quest'estate dovranno sempre vedere ogni giorno se per andare in vacanza, o andare a trovare i propri genitori, i colori saranno diversi o uguali e gialli. FINE PRIMA PARTE

    RispondiElimina
  4. SECONDA PARTE: Questo vuol dire che se esiste un'urgenza si dovranno violare le norme, norme assurde.

    Insomma io tutta questa apertura non la vedo anzi vedo un tentativo di soffocare le libertà individuali e limitare la libertà di movimento. Quanto alla Green card per gli eventi, anche qui abbiamo due contraddizioni: se io posso andare dalla mia regione gialla ad un'altra gialla senza quel documento fascista e liberticida, non vedo perchè per un evento in zona gialla io dovrei utilizzarlo, non ha senso. Se non esiste rischio sulla carta per andare dalla mia regione ad un'altra gialle entrambe, non può esistere rischio per un evento che si tenga in zona gialla. la Green card avrebbe per adesso forse un filo di senso per gli eventi se però questi eventi si tenessero con una capienza di spettatori identica a quella pre covid. Es: Concerto rock al Palafreedom di una città italiana qualunque, capienza 5.000 posti, biglietti messi in vendita cinquemila. In tal caso se non limito il numero dei posti allora avrebbe senso la Green card ma se io limito quei posti a 500 distanziati, che senso ha chiederla? Idem per teatro e stadio: se mi si promette fin da subito apertura totale ossia capienza massima allora non esistendo distanziamento ecco che avrebbe senso quel documento ma se gli stadi possono avere solo al massimo 1000 spettatori e i teatri 200 mi dite che senso ha quando li posso distanziare in tutta tranquillità? In conclusione, non trovo giusto che a pagare sbagli e forse non solo quelli per la gestione del covid sia chi con quegli sbagli e con certe idee non ha nulla a che fare e non trovo giusto che non si sappia porre attenzione e rimedio a certe incongruenze palesi ed assurde.

    RispondiElimina
  5. Di fondo non sono arrivati i vaccini sperati. Prima speculazione su AZ, ora blocco su J&J. Ammetterai che diventa difficile. In GB hanno aperto i pub ieri, praticamente. In Svezia schiattano, in Germania mo' richiudono tutto. Perché noi saremmo quelli più bravi? A questo punto ci spero comunque fortemente, ovvio; ho voglia di (ri)partire, viaggiare, muovermi, mangiare fuori. Ma non col terrore.

    RispondiElimina
  6. Ok allora era meglio riaprire a giugno ma senza green card. In Svezia non schiattano ed in Germania non è chiaro il petrolio di quei dati. Anche io voglio tornare a vivere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non voglio una green card. Falsificabile. Voglio un app che peschi da un database, consultabile dal proprio cellulare.

      Elimina
    2. lo trovo esagerato anche perchè quando raggiungeremo i valori della GB. non avrà più senso, anzi a mio avviso non lo ha neanche ora, avere una green card e spendere soldi per realizzare questa app ed ancora schedarci di nuovo per l'ennesima volta lo trovo assurdo. Mi chiedo come sia logico chiedere la green card per un evento in zona gialla quando se due regioni sono gialle. non ho bisogno della green card per recarmici. Lo trovo un controsenso, soprattutto poi se a quell'evento ci sono quattro gatti: se per es. ci volesse la green card per un concerto rock come ai vecchi tempi, quindi con la capienza del palazzetto o dello stadio uguale a quella ammessa dal legislatore, allora capirei la green card perchè si restituirebbe in anticipo rispetto alla situazione di immunizzazione nazionale, la vita di prima, ma chiedere in zona gialla la green card per andare allo stadio per una partita quando il massimo di spettatori possibile è 1000 su capienze massime, nel caso di stadi di media dimensione come per es. il Luigi Ferraris di Genova di 32.000 posti, è assurdo, visto che si potrebbe tranquillamente porre in essere un distanziamento di oltre i 2 metri, si avrebbero le mascherine e si tratta di un evento all'aperto. E poi che senso ha per uno che deve andare per una visita medica per es. un giorno nella regione confinante, dover fare il tampone se non è vaccinato, tenendo presente che i pochi vaccinati oggi nel nostro Paese sono proprio quelli che non viaggiano, ossia gli anziani ultra ottantenni e le categorie più vulnerabili. Quindi, si dovrebbe ogni volta fare il tampone, farlo entro 48 ore prima, pagarselo, e qui si aprirebbe un'altra parentesi di incostituzionalità se così fosse, e farlo validare dalla Asl. Uno che sapesse adesso, che devo recarsi domattina a Milano dovrebbe. per forza violare le regole e non per propria colpa dato che si dovrebbe prendere l'appuntamento per farsi fare il tampone anche solo salivare e farselo validare dall'organismo competente. Posso capire questo provvedimento assolutamente temporaneo, per le vacanze estive ma non per altro. Aggiungo che se la green card nel prevedere. il tampone, non lo facesse fare gratis, avremmo una palese incostituzionalità della norma in quanto se il vaccino è gratis, se il tampone per poter viaggiare tra una regione ed un'altra di colori differenti, è paragonato al vaccino, se non è una mia scelta farlo ma un obbligo, non è assolutamente concepibile una disparità di trattamento in questo caso anche economico, tra chi non paga il vaccino e chi deve pagarsi il tampone, soprattutto poi se dovendo spostarsi spesso questa spesa incidesse in modo serio sul suo budget. Insomma trovo davvero questa trovata assurda

      Elimina
    3. In GB non mi è sembrato esistesse questo ostracismo oltranzista al vaccino..con percentuali di rifiuto bulgare.. il pass vaccinale serve anche per certi rifiuti "a prescindere"..

      Elimina
    4. Guarda che non esiste questo rifiuto in percentuali bulgare io vedo moltissime persone che vogliono farlo o lo hanno già fatto, ma mancano le dosi: Es: alcune persone che conosco erano state prenotate per fare il Moderna, ebbene hanno visto la loro data spostata per mancanza del vaccino moderna e perfino dello Pfizer, questo nonostante possa dire, se mi permetti con un pizzico di vanto regionalistico :-))), che da noi in Liguria c'è davvero una buona organizzazione e se ti prenoti per la prima dose puoi anche riuscire a farla anche entro e non oltre i setti giorni. Poi sul fatto dell'efficacia dei vaccini, degli effetti collaterali anche a lungo termine, sul fatto che facciamo da cavie in quanto sono stati autorizzati in emergenza e non effettivamente testati ecc..., apriremmo un altro vaso di Pandora ma non è questo il focus del mio commento. Stando all'equazione che loro amano "Vaccini ok, aperture ok e vita come prima" allora mi chiedo perchè porre in essere la green card quando tra l'altro i vaccinati ora sono pochi soprattutto per colpa del Governo. Vero, penso anch'io che sia un modo per colpire chi non vuole vaccinarsi, ma lo trovo scorretto ed incostituzionale e senza motivo anche perchè io vedo molte persone che vogliono farlo. E non capiscono che intanto non andranno lontano perchè voglio vedere controllare tutte le persone che andranno al lavoro il lunedì mattina e credo in questo caso, rientrando nella casistica dei tre punti dell'autocertificazione, senza bisogno alcuno della green card (anche perchè non ci sarebbe il tempo di fare un doppio tampone giornaliero quando parti e quando torni) soltanto per scovare quei dieci soggetti che vanno fuori regione e con colore diverso per ragioni diverse dal ritorno alla propria residenza, lavoro salute o necessità. Questo perchè ripeto non sarebbe possibile per chi non fosse ancora vaccinato poter fare andando a lavorare fuori regione e facendo il pendolare ogni giorno un tampone per la partenza ed uno lo stesso giorno per il ritorno. Non ci sarebbero le strutture ed i tempi. E poi anche fosse possibile dovrebbero essere anch'essi gratis. Quindi di fatto avremmo le forze dell'ordine che in una stazione dovrebbero bloccare tutti i passeggeri che stanno aspettando di prendere il treno col rischio di perderlo, solo per vedere se ci sono quei pochi che dovrebbero avere la green card. Ridicolo, può avere senso per le vacanze anzi lo ha ma solo per quella ipotesi.

      Elimina
  7. Secondo me le attuali vaccinazioni non permettono nessuna apertura. Quando saremo arrivati al 75% nella vaccinazioni della popolazione si può riaprire tutto.
    La Lega è irresponsabile e Draghi è in confusione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Draghi è sotto pressione- Non avrebbe mai riaperto almeno fino a metà maggio. Con dati confortanti e vaccini a pieno regime.

      Elimina
  8. Ma Franco, non eri tu quello che già due mesi fa dicevi che avremmo dovuto attendere solo un mese?
    Di aspettarne solo uno, di pazientare 30 giorni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si. Avevo detto diamo tempo alle promesse di 500mila vaccinazioni al giorno e di dati confortanti. Poi non avrebbero avuto più scuse. Come dicevo a Daniele le problematiche su AZ hanno acuito il problema, le nostre reticenze altrettanto (80% di persone che rifiutano AZ in Sicilia), i ritardi europei nel reperire altri vaccini lo stesso. La Sardegna da bianca a rossa in due settimane è lì a testimoniare l'intempestività di certe scelte. Aprire e dover richiudere - magari ad inizio stagione piena - ti sembra davvero meglio?

      Elimina
    2. Io non dico che sia meglio.
      Dico che non possiamo pagare in eterno per i giochetti di chi ci sta governando.
      Giochetti apri e chiudi che vanno avanti da più di un anno e che ormai hanno minato le finanze e la psiche di moltissimi di noi.

      Elimina
    3. Non vedi Franco che ci prendono in giro? Non vedi che sono promesse mai mantenute come quelle sul Natale e la Pasqua? Non vedi come altrove queste incoerenze non ci sono? Possono stare meglio o peggio ma non ci sono queste incoerenze. E la green card è l'ultima goccia.

      Elimina
    4. Stamattina vedo numeri che migliorano..e spero si continui in questa direzione.. io sono per le aperture, ma definitive.

      Elimina
  9. Io sono più che d'accordo, con te.
    Draghi è sotto pressione e prima che scoppino tafferugli , o peggio, tenta questa soluzione. Non capisco e non sono assolutamente d'accordo con chi denigra Speranza. A questo punto mi auguro che tutto peggiori, per dimostrare quanto sbaglino gli scettici. Salvini vorrebbe fare il Bplsonaro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, io non mi auguro che tutto peggiori.. ma vedo che l'esperienza non insegna.. spero solo che i vaccini facciano la loro parte, che l'esercito venga coinvolto appieno, così come quei passacarte dei medici di famiglia, e le farmacie.

      Elimina
    2. Naturalmente, è un modo di dire che nasce dal fatto che è evidente l'incoscienza di coloro che vorrebbero il 'liberi subito'.

      Elimina
  10. La mia curiosità sarebbe stata quella di vedere la pandemia gestita da un uomo come il Generale Charles De Gaulle. Ovviamente non è possibile ma, sul piano del metodo, ci sarebbero state meno discussioni, più rispetto per le regole e, forse,se ne sarebbe usciti prima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno discussioni, forse, più rispetto delle regole forse, ma sicuramente in cambio si sarebbe ricevuta maggiore efficienza, anzi piena e totale efficienza cosa che da noi è stata la grande assente...

      Elimina
    2. Figliuolo mi sembra solo una persona di buona volontà. Tutto là.

      Elimina
  11. Regole e riaperture! Il contagio avviene nelle famiglie, i ragazzi non andando a scuola, vanno a oziare in giro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I ragazzi ammucchiati in giro li vedo.. ed è deplorevole.. pensa con le riaperture.. speriamo bene..

      Elimina
  12. Ma anche nei ristoranti: qualche settimana fa in un ristorante in provincia di Cagliari son rimaste contagiate 40 persone, una delle quali è deceduta. Sicuramente non è un caso isolato.I contagi non avvengono solo nelle famiglie ma in tutti quei posti in cui si abbassa la guardia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sardegna da bianca a rossa in due settimane. Un tana libera tutti insensato perché la gente non c'arriva. Basta anche adesso vedere come ti si appiccicano al supermercato o stanno dentro ai bar come se la vita dipendesse dal caffè al banco..

      Elimina
  13. Ciao Franco, la nostra classe politica, con l'esclusione di pochi, fa schifo, sono una vergognosa casta che si sostiene ma la colpa di questa situazione è solo degli elettori. Abbiamo i politici che ci meritiamo.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E anche quelli che non votiamo, alla fine, calano le braghe..

      Elimina
  14. Sei proprio sicuro che tutti vogliamo il bene del Paese?
    Io percepisco dall'anno scorso un generale egoismo, un "mors tua vita mea" da parte di cittadini e di politici che nemmeno una pandemia ha unito per fare fronte comune.

    Gli artefici del virus siamo noi stessi che abbiamo violentato la Natura e continuiamo a farlo: è giusto che ne paghiamo le conseguenze. Tanto è inutile: alla lunga nessuna specie la vince contro la Natura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono sicuro che anche i più grandi profittatori - e forse proprio per quello - hanno comunque bisogno di una massa di pecoroni in salute, che sgobbi e consumi per sopravvivere e assicurare la loro sempre più grande ricchezza. Perlomeno ho questa "speranza".

      Elimina
  15. Pienamente d'accordo con te. Ritengo troppo affrettata la scelta di riaprire, dal momento che solo il 10% della popolazione ha ricevuto il vaccino. Bisognerebbe prendere esempio da Israele che ha avviato le riaperture solo dopo che la percentuale dei vaccinati corrisponeva al 50% della popolazione, quando la curva dei contagi era praticamente precipitata, se non quasi azzerata. Vero è che lo Stato di Israele conta meno di 10 milioni di abitanti, per cui è stato possibile raggiungere gli obiettivi previsti in poco tempo. Ma il punto non è questo, il punto è che se non vaccini almeno metà della popolazione, i risultati non li vedi. I dati di Israele questo ci dicono. Purtroppo in Europa c'è un problema vaccini, e io da europeista, sono molto delusa dalla strategia adottata dall'Ue a riguardo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo 4 milioni hanno fatto il richiamo.
      Facciamo ridere.

      Elimina
    2. Ci ha detto anche male con le polemiche AZ e ora J&J.. magari causate da quei volponi di Pfizer che infatti ora hanno quasi il monopolio..

      Elimina
  16. Sono d'accordo con te. È che Draghi non la forza (politica) di resistere a certe invadenti pressioni di chi, come dici, fa un'indecente campagna elettorale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo davvero al "cedimento" politico. Della serie vedetevela un po' voi..

      Elimina
  17. Sono d'accordo soprattutto sulla chiusa: c'è troppa gente (e lo abbiamo visto proprio durante questi ultimi due mesi) a cui non frega proprio nulla del bene sociale. Sul suo bene personale ho i miei dubbi.
    Sono quelli che mi incutono più timore. E poi ci sono gli sciacalli, come dice giustamente Silvia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io spero ci dica bene.. ma avrei fiducia se si cominciasse a vaccinare davvero a tappeto.. le infezioni dovrebbero stare almeno sotto le diecimila..e i morti sono sempre troppi... poi che vengano distribuiti dati fasulli, no.. non ci credo proprio..

      Elimina
    2. Se i vaccini ci sono, Figliuolo farà il suo lavoro. Ma non ha mica la bacchetta magica.

      Elimina
    3. A mio avviso esercito, medici di famiglia e farmacie dovevano essere attive da tempo, a livello vaccini.. poi altrimenti richiami i medici pensionati (e gli togli la pensione..roba che solo in Italia davvero..)

      Elimina
  18. "Chi vivrà vedrà" di questi tempi sembra il riassunto perfetto .. un paese in ginocchio che forse tra la scelta di morire x covid o fame sceglie il primo..vedo situazioni molto difficili gente che "gira le borse x raccogliere spiccioli x prendere il pane"..gestita tutta "all'italiana" questa pandemia e continuiamo a non smentirci..non credo molto in un vaccino libera tutti ci vogliono anni non settimane o mesi..Speriamo bene perché meno gestibile di una pandemia c'è un paese stanco e povero.
    Buona serata😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vorrei comunque vederle le dichiarazioni dei redditi 2019 di tanti che fanno la voce grossa. Perché l'evasione non è un dato minimo di questo paese.

      Elimina
  19. Perfettamente d'accordo conte Franco, purtroppo il nostro paese è questo e dimentica tutto troppo presto, per poi correre ai ripari con delle emergenze. Ciao buona serata e buon fine settimana, Angelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io spero che vada tutto bene.. ricominciare ad uscire, cenare fuori, andare al cinema e viaggiare..lo ribadirò sempre.. non siamo masochisti, non possiamo e non dobbiamo esserlo.

      Elimina
  20. Chissà quante volte ancora si ripeterà questo ciclico circo. Proprio come lo scorso autunno, mentre i tedeschi preoccupati annunciano nuove misure restrittive, da noi si pensa alle riaperture, riaperture con effetto domino: "se riapre lui devo riaprire pure io, sennò non vale e ce lo vado a dire alla maestra!" "Se riapre il calcio ALLORA anche i concerti, se riaprono i concerti ALLORA anche le discoteche"... Parlando di soldi distribuiti a vanvera, poi, sei stato fin troppo gentile. Ricordo i dubbi di tedeschi e olandesi sul fatto che dare miliardi a lobotom-italy significasse una manna per mafie e furbacchioni: tutti a dargli contro, quando invece avevano ragione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul recovery sono d'accordo: "Vi diamo i soldi ma vogliamo vedere gli scontrini di ogni centesimo che spendete. E ai primi spesi a cazzo vi ritogliamo tutto."

      Elimina
    2. Anche perché non è che saranno soldi gratis, come parrebbero voler far credere: vedrai nei prossimi anni le mazzate fiscali su pensionati & affini, cioè sempre sui soliti, vedrai gli appelli a sacrifici di lacrime e sangue, sempre per i soliti... Capace che la già vergognosa iva al 22% sul gas metano (neanche fosse un bene voluttuario, un lusso, e non una necessità per non crepare di freddo) venga portata al 598%... (Esagero e al tempo stesso non esagero...) Sono d'accordo con te sull'aiutare chi davvero è allo stremo e chi lo merita, ma sono giusti i tuoi distinguo sugli evasori seriali, su chi piange miseria e magari ha settanta case intestate a prestanome, e soprattutto, aggiungo io, su chi ha accumulato milioni nei materassi grazie alla mascalzonata del passaggio dalla lira all'euro (ricordi tutti quei galantuomini che fecero impunemente finta che un euro valesse mille lire, e non quasi duemila? Io non li ho dimenticati!)

      Elimina
    3. Ci sarebbe da andare a cercarli uno per uno..ma sempre più convintamente credo non che non si possa, ma semplicemente non si voglia..

      Elimina
  21. Franco io la vedo più o meno come te. Nel senso che dopo tanti sacrifici questa riapertura totale e improvvisa non ha molto senso (allora riaprivamo tutto da un pezzo!). Tuttavia, comprendo anche chi non riesce più neppure a pensare di poter fare la spesa. Allora dove sta l’inghippo? È lo stato che se n’è fregato. Due aiutini e sticazzi del popolo che affonda. Non siamo noi, è chi ci governa che non tiene al bene del paese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indubbio che gli aiuti siano stati dati a pera. Io ero in banca fino a dicembre e ho visto - come si suol dire - fiumi d'acqua andare al mare...😔

      Elimina
  22. Concordo.
    Purtroppo gli italiani non sono famosi per l'organizzazione.
    Se avessimo chiuso per bene tra ottobre e dicembre forse a quest'ora avrebbe senso riaprire, ma considerato che non facciamo altro che parlare di sale rianimazioni piene e contagi in aumento e vaccini che slittano si va incontro ad un'estate con ancor più restrizioni di quella precedente.
    Ho davvero a cuore la situazione dei ristorati e partite iva ma questo è un problema che si doveva risolvere a marzo 2020 e non dopo un anno di stenti. In sostanza, è tutto un casino e per come sta andando non vedo miglioramenti a breve termine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Disorganizzati e senza controlli efficaci e reali. Prevedo tempi bui.

      Elimina
  23. Parliamoci chiaro: il sistema delle regioni colorate ha fallito soprattutto perché è stata concessa troppa autonomia a governatori di regione che si sentono rockstar. La gestione della pandemia dalla seconda ondata è stata un disastro totale con decisioni che servivano a scontentare poco invece che risolvere il problema. Io l'ho detto a maggio del 2020 che caricare gran parte della responsabilità sulle spalle dei cittadini era un azzardo, e infatti si è visto che è successo. Era una follia l'anno scorso, rifarlo quest'anno è masochismo.
    Il tutto per non creare dei protocolli di sicurezza e non incrementare i controlli sul territorio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dicevo a Nicole mi preoccupa infatti la disorganizzazione, l'inesistenza dei controlli e il delirio che ne conseguirà.

      Elimina
  24. Guarda, anche senza il tana libera tutti siamo sempre messi come siamo messi.
    Giusto poche settimane fa, il mio Piemonte in zona rossa (rosso scuro, veramente), e mi sono visto un gruppo di ragazzi tutti assieme sotto casa. Ora, d'accordo niente mascherina. D'accordo, non teniamo il distanziamento a un metro. Ma almeno evitiamo i contatti ravvicinati e gli sbaciucchi tra tutti e cinque?
    Insomma, la cosa funziona se ognuno prende consapevolezza della situazione e fa la sua parte. Solo che ognuno pensa a "IO". Allora visto che la situazione è così, a 'sto punto tanto vale aprire e sperare in bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene. Non esiste la consapevolezza della gravità di un qualcosa che finché non ci colpisce è come se non esistesse.

      Elimina
  25. basterebbe che ti si togliesse il 15 % della pensione a favore di chi da 14 mesi perde e cambieresti idea. comunque non c'è nessuna apertura selvaggia, stai sereno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo hanno proposto. E potrei anche starci. Perché sono tra quelli che si sono arricchiti in pandemia. Se non altro perché non ho speso. Certo mi piacerebbe fossero prelievi in percentuale esatta, con redistribuzione a quelli che nel 2019 hanno dichiarato qualcosa, e hanno Porsche e cabinato non intestati al portiere o alla nonna nullatenente.

      Elimina
  26. soldi se ne sono sempre sperperati. per non dir peggio...
    brutta foto (mia opinione e gusto estetico). ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la foto credo sia studiata a tavolino (a lettiga più che altro..)

      Elimina
  27. niente patrimoniale e liberi tutti… questo è il nostro paese. Ma non impariamo mai.

    RispondiElimina
  28. Credo che in parte abbia ragione. C'è bisogno di ripartire ma in sicurezza. Un saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero venga garantita la sicurezza.. soprattutto nei luoghi critici.

      Elimina
  29. Non ti dico che hai ragione perché già lo sai
    Purtroppo ricascherei in una nuova ondata. Colpa dell'apertura? Colpa degli italiani che non ne possono più di star chiusi ai domiciliari?
    Direi di entrambi. Troppa libertà improvvisa e troppa voglia di godersela.
    Speriamo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti..forse basterebbero controlli nelle zone critiche.. tipo il bordello movida ai Navigli è ridicolo oltre che inaccettabile.. bastano due pattuglie..

      Elimina

Sottolineature