venerdì 13 maggio 2022

GENOVA PER NOI...

 

Pesto 

Ebbene si, Genova per noi è soprattutto pesto, in tutte le sue declinazioni.  Ma non siamo poi così edonisti. Ci siamo dedicati anche alla città, alle sue caratteristiche, al suo centro storico, e soprattutto ai caruggi, agli angoli impervi e meno battuti.




L'abbiamo respirata Genova, odorata, ascoltata: negli echi dei passi, nelle ombre e nei silenzi, nella gentilezza, la disponibilità e la cordialità di tutti, quel loro piacere di dedicare bellezze e rivelare piccoli segreti.



E poi ci siamo immersi dove sentivamo di poterci sentire davvero suoi, accolti e percepiti a nostra volta, quindi non tanto al cospetto del neogotico fiorentino, non solo nei suoi stradoni ricchi di classicismo e di liberty che furoreggia nell'ampio passeggio a mare (fino a Boccadasse, quartiere vero e letteralmente una "sesta terra" pienamente inserita),






ma anche dove l'aria si infila a fatica, con l'ombra rappresa a serpeggiare ed il sole spesso solo un riflesso e i chiaroscuri a disegnare una città a parte, dove si tocca con mano la quiete di un tempo immobile, dove risa e rumore si attutiscono ad ogni ulteriore svolta.

 




Punti di vista dall'affaccio costretto, dal respiro comune. Vicoli infami per il nemico che giungeva a fare razzia. Dove penetrare diveniva fatale, caratteristica affascinante del telaio urbanistico del centro storico, che ho trovato molto similare ai quartieri spagnoli napoletani: medesime atmosfere e tantissime analogie.
Due città di mare che si "specchiano" su tanti fronti, aromi e colori che ti parlano..




C'è una tosta, rude e splendida poesia, "Litania" di Giorgio Caproni, segnalatami da una cara amica, che esalta il dettaglio e la bellezza anche primitiva, grezza, di Genova, e la definisce con molti tratti incisivi che non facciamo fatica a riconoscere e interpretare percorrendola longitudinalmente e in altezza, perché Genova non si allarga ma si allunga e si arrampica.


 

E noi passeggiamo senza tirare fuori la cartina dallo zaino, ci facciamo portatori di inquietudini e sbuchiamo tra cortili e portici, negozietti di etnicità radicata, chiacchiere da Medina, dove l'orientale e l'africano attecchiscono su terreno fertile e ospitale, dove hijab, chador e minigonne convivono serenamente e noi possiamo solo apprendere nuove dimensioni. 



Genova compendia una miriade di mondi e di modalità di viverli, ha conquistato ed è stata conquistata, ecco la sua universalità, il respiro di brezza che di giorno scalda e la sera intirizzisce e rende spigoloso il procedere, e ti spia dai portoni austeri o dall'acciottolato malmesso.
Ma non respinge mai, anzi, offre complicità.
Che sia di chiostro improvviso o di casa sovrapposta, con le grondaie a rubare luce.




Prendiamo per mano anche i nostri piccoli personali tormenti, i disagi, e li sciogliamo portandoli a spasso dove sembrano fare docilmente amicizia, calpestare con noi selciato premuroso, quasi in cerca di sguardi indulgenti, e farsi rapire da creuze de mà (incroci di mare) che riportano a sonorità indimenticabili...




79 commenti:

  1. Che belle foto! Genova è una di quelle città che, purtroppo, pur avendoci fatto l'università e pur essendo ligure, conosco poco e ogni volta che ci vado riesce a stupirmi per la quantità di angoli nascosti e piccole perle da vedere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una caccia continua all'angolo nascosto, un ingolfarsi di stupimenti..

      Elimina
  2. Amo Genova. Stupendo il tuo servizio fotografico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Splendida città.. "Di una città non apprezzi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà ad una tua domanda" (Calvino). E Genova risponde, diligentemente, a tutte..

      Elimina
  3. Non ci sono mai andata, anche se so che è una città molto affascinante. Dalle foto, come anche tu hai detto, ho colto delle similarità con i colorati quartieri di Napoli. Inoltre non sapevo che Genova si fosse estesa in altezza come la città partenopea, però se pensiamo a quanto è stretta la Liguria, è una logica conseguenza. Le città che si arrampicano ti catturano. Le foto sono bellissime, hanno un qualcosa di magico che ti fanno venire voglia di partire subito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conoscendo Napoli, avvertirai sicuramente familiarità; decisamente una città "del nord" anomala in questo senso.. ;)

      Elimina
  4. Ci sono dovuto andare varie volte negli ultimi anni per motivi famigliari. Effettivamente sono rimasto sorpreso, non me l'aspettavo così... superba, come invece, d'altronde, è sempre stato il suo appellativo storico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Superba ma nell'accezione più positiva del termine.. una città che accoglie e abbraccia..

      Elimina
  5. Bello!!! Chissà all'Hotel Genziana, quanta vita più o meno clandestina è passata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Genziana è già roba da benestanti.. la "vita" è su camere da letto affacciate direttamente sui vicoli, "vista mondo".. ;)

      Elimina
  6. Hai colto l'anima della mia città e l'hai fatto alla grande. Vedere Genova con i tuoi occhi è incredibile, nessuno può riuscire ad evitare di innamorarsi ed è molto merito tuo e dei tuoi scatti. Onorato di questo reportage un reportage d'amore verso questa città

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice di aver intuito qualcosa che solo agli indigeni puri è dato riconoscere, ma come ripeto, Genova non nasconde, offre e si offre, e attraversarla è un continuo cogliere - per chi è disposto -, ovviamente..

      Elimina
  7. Grazie per questo splendido servizio giornalistico, della mia amata Genova. Le foto sono bellissime e emblematiche dei vari territori. Sono nata qui e non riuscirei a lasciarla per nessun motivo al mondo. Se torni ,ti consiglio di prendere la centenaria cremagliera di Genova-Principe, che parte dalla stazione marittima e arriva al mio paesello medioevale di Granarolo. Sono 15 minuti di vera magia. Dal mare raggiungi gli innumerevoli forti. Ciao e spero che Genova ti accolga ancora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parli della ferrovia Casella? Perché ce l'hanno consigliata in molti.. ma ritorneremo sicuramente.. ;)

      Elimina
    2. No parla, credo, del tratto Genova Principe - Granarolo. Tu per prendere il trenino di Casella eri più vicino a Stazione Brignole ed eri ad un soffio di. fiato da Piazza Manin

      Elimina
    3. La cremagliera di cui ti parlo, parte vicino alla stazione Principe, precisamente sul ponte della ferrovia.Dal mare, la vecchia "Signora" raggiunge i monti, in 15 minuti. Un panorama mozzafiato, la città vecchia ai tuoi piedi. La ferrovia di Casella è un trenino che parte da Piazza Manin e ti conduce a Casella dopo 1 ora di viaggio.

      Elimina
    4. Dobbiamo farli tutti e due allora!!! ;)

      Elimina
    5. fino a Luglio il Sindaco ha deciso che tutte le funicolari, gli ascensori e la cremagliera sono gratuiti. Vedi che non siamo tirchi come si pensa?.

      Elimina
    6. Pensa che noi stavamo pagando il biglietto in metro.. senza fare caso al cartello anche piuttosto evidente, e un signore molto gentile ci ha avvisato della gratuità del viaggio, anche per funicolari e ascensori.. ;)

      Elimina
  8. Sai Franco noi a Genova ci lavoriamo spesso portiamo infissi e porte. Le vie strette ci impediscono di arrivare spesso a destinazione e il peso delle finestre non è quello di una cassa d'acqua, ma un giorno abbiamo trovato un signore con un ape e gli abbiamo chiesto se potevamo caricare attrezzi e finestre nel cassone, naturalmente lo avremo pagato per il disturbo disse di si. Fece molti giri per che nel cassone non ci sta molto, poi ci diede il suo numero di telefono per chiamarlo alla sera che avrebbe portato gli attrezzi al camion. Bene quel signore è sempre disponibile con la sua ape ogni volta che siamo a Genova e lo chiamiamo e a fine lavoro gli paghiamo una bella cena a base di pesce. La prossima settimana saremo di nuovo giù da mia cugina e lui è già pronto. Lei è una farmacista e ha l'età di Andrea e si è trasferita per amore. Con questo volevo dirti che Genova non è solo bella , ma i genovesi sono ospitali. Un Altra cosa la mia amica Silvia Genovese, viene sempre a mangiare da me e porta il suo pesto buonissimo. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi siamo rimasti davvero sorpresi dalla cortesia e la disponibilità, quando abbiamo chiesto qualsiasi cosa siamo stati inondati di notizie e curiosità supplementari.. ;) ..ti assicuro che in altre città del nord, pur splendide, non abbiamo mai avuto riscontri idilliaci con i residenti..

      Elimina
    2. Vedi che ho ragione, hai mai mangiato la torta di patata che fanno a Genova, non so se è proprio tipica ma la mia amica Silvia la fa e va a ruba. Hai mai sentito parlare un genovese che cerca di parlare il piemontese Silvia lo fa e già solo per questo l'adoro

      Elimina
    3. Farinata a gogo' e poi pizze con cipolla, patate, pesto.. è stata una goduria mangereccia!!

      Elimina
    4. Franco devi mangiare la nostra focaccia, la migliore non solo a mio parere, Via San Vincenzo 61r Panificio Mario

      Elimina
    5. Una marea di focaccerie devo dire.. e quelle provate tutte ok.. come i ristoranti anche ma la Locanda Spinola, come anche Vico Palla, al porto antico, un gradino più su.. ;)

      Elimina
    6. La seconda la conosco ci ho già mangiato anch'io la prima ora la vado a cercare....

      Elimina
  9. Buongiorno Franco!
    A memoria non ricordo un blog con tante foto come oggi...!!
    Un gran trionfo di colori.
    A dopo.
    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meritava.. in più volevo che i due volti della città, quello classico e quello di borgo, apparissero intrecciati come in effetti lo sono.. una convivenza di stili e urbanistica indissolubile.. da Via Garibaldi, la pietra preziosa di Genova, si scende nel "peggior" caruggio all'istante.. senza alcuna stortura..

      Elimina
  10. Buongiorno Franco Bellissimo quello che hai fotografato E condiviso e le parole allegate Però per me Genova e Bruno Lauzi che ancora adesso rileggo le sue poesie diventate canzoni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In tanti l'hanno cantata e celebrata, ognuno con la propria sensibilità, e ad ognuno tributiamo emozione autentica..

      Elimina
  11. Genova resta una città magica nella sua unicità. Le tante foto sono splendide. Ho apprezzato molto tutto quanto. Grazie Franco, buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Felice.. adoro viaggiare, e quando un luogo mi emoziona diventa splendido ed elettrizzante scoprirne le mille sfumature che ti accarezzano..

      Elimina
  12. Io sono attratto, più che dalle immagini, dalle parole quando si racconta un luogo: le parole sono tue, le immagini no. Nel senso che le immagini (di una stradina, di un monumento, di un angolo di città…) sono lì, nel luogo che stai visitando, a disposizione di tutti. Basta avere un telefonino (stavo per dire una macchina fotografica…ma io sono rimasto indietro), per raccoglierle. Lasciamo, poi, perdere la bravura del fotografo…questo è un altro discorso. E poi le immagini non hanno la potenza evocativa delle parole. Per ammirare una chiesa, devi stare sul posto, perchè nessuna immagine può descriverla. Le parole, invece, arrivano laddove non arriva l’immagine. Però sono difficili da riprodurre, nascono dalla testa e dal cuore e raccontano – prima ancora di ciò che vedi - le emozioni che provi. E, diciamolo, non tutti sono capaci di descrivere sentimenti ed emozioni. Devo dire che tu – caro Franco - te la cavi in maniera egregia. Mi piace molto questo tuo modo di raccontare Genova. Le foto? Niente di che! Le tue parole, invece, sono belle. Bravo! 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione ma credo fino ad un certo punto. Mi sento giocoliere di immagini e parole, a volte le trovo inscindibili, una affabula l'altra, la stana e la rende partecipe ad un unico progetto di scoperta, di meraviglia personale. Posso fotografare un crocevia col cielo che vi si immerge fino all'asfalto, oppure descriverlo senza renderne la medesima luminosità oppure donandogliene una differente, ma importante, a mio avviso, è creare curiosità, un'immagine ulteriore, da scoprire comunque tra le ombre o tra le righe. Grazie per l'attenzione e le ottime sottolineature!

      Elimina
  13. Bellissime descrizioni per Genova, che sono un invito a visitarla visto che "non ti respinge mai"...Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta!..ed è vero, è stata una delle percezioni più forti: quella dell'accoglienza ;)

      Elimina
  14. Ci son stato una sola volta più di 20 anni fa, sfortunatamente non abbiamo potuto visitarla (la tappa era il Gaslini), ma il pesto è rimasto nel cuore, e soprattutto nella pancia ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un grande, Pietro..ti auguro una nuova visita.. (senza Gaslini..) abbraccio!!

      Elimina
  15. Ci sono stato proprio ieri a Genova per la discussione della tesi di dottorato di mia figlia, una città dai molteplici volti, dalle infinite sfaccettature, al contempo elegante e trasandata, presente e passato si mescolano in continuazione, luoghi d'arte e di degrado si scambiano di posto ad insaputa dell'osservatore.
    Abitazioni arroccate le une sulle altre ad occupare ogni parvenza di spazio libero, paesaggi comunque emozionanti, ammantata dalla luce del tramonto diviene poesia.
    Vicoli, chiese, piccoli angoli di meraviglia, la visione dall'alto della "spianata" dei tetti non ha eguali.
    Tantissimo da vedere e poco tempo a disposizione ma la certezza che alla prossima occasione vedrò cose che nelle mie visite passate non avevo visto, Genova ci sorprende sempre.
    Grazie Franco per l'interessante reportage, buona giornata e buona vacanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS. L'unico aspetto che non riesce a "catturarmi" è quello legato al cibo (so che potrei essere accusato di blasfemia) pesto e focaccia, tra le eccellenze gastronomiche del luogo, non suscitano in me alcuna attrattiva, la cosa fa di me obbiettivo di scherno da parte di tutti.
      Permettimi una battuta, spero che Daniele Verzetti, se mai leggerà ciò che ho scritto, non si offenda, in un suo commento consigliava un panificio che eccelle nella produzione della focaccia, proprio in questi giorni ho assistito ad una discussione tra genovesi su quale panificio sfornasse la migliore focaccia, inutile ribadire che nessuno citava lo stesso luogo, evidentemente sono in molti a "creare" focacce superbe.
      Un saluto a tutti.

      Elimina
    2. Azzeccatissimo il tuo "elegante e trasandata", elemento constatato a più riprese, stato di fatto che convive serenamente però, e quasi fisiologico in quel "occupare spazio" elemento di forza di un'urbanistica che lascia spesso senza fiato. L'aspetto gastronomico è ovviamente stra soggettivo, così come a Roma ti indicheranno dieci posti diversi dove fanno la migliore carbonara e a te ne piacerà sicuramente un undicesimo.. poi ci sta che a uno non piaccia il pesto (con l'aglio poi! ahah) o non digerisca affatto il guanciale e la pasta al dente.. ahah). Pensa che abbiamo mangiato farinata a Genova e cecica a Pisa scoprendo poi che sono esattamente la stessa cosa (salvo qualche dettaglio irrilevante..)

      Elimina
  16. Gran belle foto, come sempre. Non ce n'è una che non mi colpisca.
    A Genova sono stata solo una volta, oltre 20 anni fa. Era una giornata piovosissima e allora non mi piacque. Dovrei tornarci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale la pena scoprire i mille pertugi che una giornata di sole aprono tra i caruggi.. direi che è ora di riprovare.. faresti miracoli coi tuoi scatti! ;)

      Elimina
  17. Che meraviglia !!! Conosco un pochino Genova, ci sono stata alcune volte . Adesso è diverso tempo che non vado più. Allora avevo preso la ferrovia di Casella, un viaggio bellissimo . C'è ancora questa fwrrovia ? Io credo di sì ma non ne sono sicura. Mi piacciono molto le tue foto. Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente esiste ed è sempre una meta turistica.

      Elimina
    2. Queste ferrovie e cremagliere che invitano al panorama sono sicuramente tutte da godere.. anche scendere dal Castelletto a piedi è stata una bella scoperta, piena di angoli altrimenti nascosti..

      Elimina
  18. Che meraviglia !!! Conosco un pochino Genova, ci sono stata alcune volte . Adesso è diverso tempo che non vado più. Allora avevo preso la ferrovia di Casella, un viaggio bellissimo . C'è ancora questa fwrrovia ? Io credo di sì ma non ne sono sicura. Mi piacciono molto le tue foto. Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ferrovie e cremagliere saranno il prossimo obiettivo.. ;)

      Elimina
  19. Bellissimo reportage fotografico, ricco di curiosità, non sono mai stato a Genova, ma prima o poi colmerò questa lacuna. Complimenti per il post un saluto Angelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da un fotografo sempre un bel complimento, grazie! ..sono sicuro che andando di persona potrai stupire ancor di più!

      Elimina
  20. che città "bellerrima" deve essere questa 🏰 Genova, quasi verrebbe voglia di viverci...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Venendo da Roma, io, ad esempio, vivrei dappertutto.. ahah..

      Elimina
  21. Io la amo: l'ho vissuta molto da sola. Mi manca il periodo in cui ci andavo tre, quattro volte alla settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci hai studiato immagino.. una città che accudisce.. ;)

      Elimina
  22. Genova ti abbraccia con un calire che non le avresti mica dato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, a priori l'avrei giudicata più distaccata.. anche perché le precedenti esperienze erano state davvero un mordi e fuggi troppo indistinto..

      Elimina
  23. pure io l'ho respirata, soprattutto artisticamente (hai veduto il "cannone"?).
    e l'altra sera ho mangiato gnocchi al pesto :)
    niente di paragonabile alle trenette locali tradizionali, con accompagnamento di patate e fagiolini.
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veder affiorare gli gnocchi dove hai cotto fagiolini e patate, gran bella soddisfazione.. provaci.. gnocchetti piccoli però, che il pesto li abbracci fino alla resa incondizionata..
      p.s. di cannone solo quello a bordo della nave de "Pirati" di Roman Polansky.. ahah

      Elimina
    2. esiste pure la pizza stracchino pesto fagiolini e patate... una roba buonerrima, che dopo tre giorni la devi ancora digerire :)

      Elimina
    3. Danno pure il Geffer gratuito sul bancone..

      Elimina
    4. la digestione è sempre stata un combattimento corpo a corpo per me.
      buon giorno, amici cari :)

      Elimina
  24. Molte belle le foto: io sono ligure, non genovese, ma da quando sono stata a Genova per l'università e poi qualche anno per lavoro me ne sono innamorata. Anche voi ne avete sentito il fascino e spero tornerete per scoprire tanti nuovi aspetti.
    Creuse non sono incroci, ma particolari sentieri mattonati, incassati fra i muri degli orti e dei giardini che scendono dalla collina verso il mare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la puntuale precisazione.. ero stato tratto in inganno.. ;)

      Elimina
  25. Genova per me è la città che può essere osservata da su essendo giù.
    E poi è pure la città con quattro cinque città diverse dentro di se.

    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti sì.. tante città anche a brevissima distanza..

      Elimina
  26. Belle foto e bel testo di accompagnamento. Io sono dell'estremo Ponente ligure, vicino alla Francia e quando scendo in treno da Milano mi fermo ogni tanto qualche ora a Genova per farmi un giretto e mangiare qualcosa a Caricamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho abitato proprio lì, una Genova verace..anche se di sera tardi, al rientro, mia moglie non era proprio felice.. ahah

      Elimina
  27. una Genova fuori dagli schemi, o meglio fuori dai preconcetti miei, non solo grazie alle ottime foto ma anche per le parole che fanno assaporare il fascino nascosto della città-
    ml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace scoprire sempre qualcosa. E chi ha voglia di ascoltare spesso viene accontentato.

      Elimina
  28. Wou! Un reportage fantastico! Genova è una città bellissima, e tu con tutte queste foto e la minuziosa descrizione fatta, l'hai resa ancora più interessante! Sempre bravo, sia come fotografo che come scrittore😉🤗!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei troppo buona Angela..e mi vuoi bene.. felice di vederti sabato!!

      Elimina
  29. Come dicevo anche da Daniele, Genova non mi ha mai catturato. Forse perché le visite sono sempre state brevi. Dovrei avere la possibilità di perdermi come avete fatto voi e di cogliere l'anima quotidiana della città. Che dalle tue foto sembra simile a quella di Napoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è tantissima Napoli.. per questo dovresti tornare, e perderti.. per te sarebbe doppia bellezza!!

      Elimina
  30. Ciao Franco: condivido goccia a goccia le tue impressioni sulla 'nostra' Genova. Splendide foto, complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria..e perdona se ti ho "sollecitato"..ma tengo particolarmente al parere di chi conosce bene questi luoghi! ;)

      Elimina
  31. GEnova è una città stupenda! Ricca di storia e musica

    RispondiElimina
  32. La mia amata Genova, bella e da scoprire e potrebbe anche essere meglio se solo l’amministrazione comunale non pensasse solo ai fuochi d’artificio. Complimenti per le foto!!!

    RispondiElimina

Sottolineature