sabato 19 giugno 2021

GAS

 

Ogni volta che metteva la testa fuori, così, anche solo a dare un’occhiata, diventava fuoco. Una sensazione devastante, caldo atroce a bruciare quell’ossigeno che non serviva più per respirare, ma solo a creare fiamma infinita, e sopra la testa sempre piastre, padelle, caffettiere, pentole, acciaio.. nulla che mostrasse il vero volto del mondo. Solo fuoco telecomandato ad illuminarsi bruciando.

Nel tubo buio invece, lontano da ogni innesco, l’atmosfera era gassosa, ma serena, anche se opprimente, claustrofobica ma fluida, anche se mai nessuna molecola aveva mai pensato ad una esistenza alternativa, ad assaggiare l’aria, librarsi in un volo, incontrare nuovi amici meno lugubri e taciturni o, addirittura, un contatto con quello che dicevano poter essere l’unico e solo papà: il sole.

Poi un giorno, stufo di incendiare energie, decise di tentare la fuga.
Giusto qualche attimo di spettacolosa libertà, a curiosare frenetico..

Ma bastò una scintilla, e se ne accorsero in tutto l’isolato.  


50 commenti:

  1. Buongiorno Franco.
    La genialità di questo scritto sta nella capacità e nella forza di immedesimazione.
    Il racconto di un oggetto, un oggetto che si racconta, diventa soggetto. Soggetto di emozioni e sentimenti e sensazioni che sono noti a noi "soggetti" ma che sorprende possano essere propri di un oggetto.
    Mi è facile associare questo scritto a Icaro: nella sua ricerca di libertà.... si "brucia" le ali...
    Questa è scrittura creativa.
    Grazie.
    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Antonio, spesso alla ricerca di nuova linfa, mi immedesimo in universi paralleli pulsanti, che vivono di loro autonomia. Allora sbircio curioso.

      Elimina
  2. Non è a me, non è a me...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di 'sti tempi i post spontanei dedicati ad altri blogger vanno piuttosto di moda. 😁

      Elimina
    2. Ci sarà modo..sicuramente.. ;)

      Elimina
  3. Mi meraviglia sempre la tua capacità di creare una storia fra gli oggetti più disparati, una storia nel bene e nel male dello stesso elemento. La tua mente che spazia è la tua peculiarità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cri.. la curiosità non va mai chiusa..al contrario del gas!

      Elimina
  4. Il volo di Icaro finisce sempre male!

    RispondiElimina
  5. Bellissima, direi che è perfino geniale.

    RispondiElimina
  6. E per tutte le volte che si è sentito fischiare le orecchie: l'ho chiuso o non l'ho chiuso?!

    RispondiElimina
  7. Anche il gas ha una sua rispettabile dignità! 😝

    RispondiElimina
  8. basta che ce ne sia spempre per il mio caffè, compito eccelso e quasi sovrannaturale
    ;-p

    RispondiElimina
  9. Originale.
    Bravo, bel racconto

    RispondiElimina
  10. Mi piace come riesci a conferire una personalità alle cose inanimate. Un racconto davvero originale. Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' Manganelli che mi ha sempre ispirato a questo riversamento di attribuzioni.. e indegnamente mi diletto.. ;)

      Elimina
  11. Ma che bellissimo racconto, persino il gas mi diventa simpatico.
    sinforosa

    RispondiElimina
  12. piacevole e divertente.
    il tipo di racconto che preferisco: breve, concentrato e insieme fantasioso. bravo.
    ciao

    RispondiElimina
  13. Mi pervade, quasi impercettibile, un moto di bruciante invidia per non averla scritta io una chicca del genere... Ma è una gas-sensazione che evapora presto per ridare aria a più salubri e ossigenati complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria.. sei un tesoro! Invidiato da te?! Uaoo.. mi stò gasando!!

      Elimina
  14. Racconto davvero suggestivo :)

    RispondiElimina
  15. Sarà per scongiurare quel "pericolo" che ho scelto l'induzione da un po' di anni;)
    Bravo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi abbiamo evitato proprio perché affezionati al fascino della fiamma..
      .. ma la sera si chiude tutto.. ;)

      Elimina
  16. C'è una storia simile che si racconta a questo proposito (in realtà falsa, ovvero è una leggenda metropolitana) in cui il gas, sempre con effetti esplosivi, è di provenienza bovina.

    RispondiElimina
  17. Davvero sagace ed originale questo tuo racconto e trovo fantastico questo parallelismo tra uomo e gas con questa voglia sana fi conoscenza e libertà. Forse il gas non ha compreso l'inganno dell'uomo che dpoi la sua prima esplosione gli ha fatto credere che uscire dai ranghi e dslle gabbie imposte da noi sia per lui un errore e sempre per lui pericoloso. Invece è proprio in quella deflagrazione che il gas di kuvers nell'aria è no 8è più nostro servo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi magari, vorrebbe solo respirare un po'.. ;)

      Elimina
  18. Il gas si Libera nell'aria è non è più un nostro servo. ERRATA CORRIGE

    RispondiElimina
  19. Meglio non faccia pazzie e se ne stia calmo calmo tra le sue amiche molecole. 😁
    Bacio Franco, una fiaba super. 😘

    RispondiElimina
  20. Un gas sfruttato e prigioniero, triste per la sua eterna condizione e poi una libertà effimera e una condanna per chi lo ha sfruttato.
    Franco sei geniale.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fulvio.. l'ho pensata mentre facevo il caffé e non mi si accendeva il fornello.. ;)

      Elimina
  21. Bravo Franco, bellissima questa tua descrizione di un elemento di uso comune come il gas. Buona giornata

    RispondiElimina
  22. racconto suggestivo e ben condotto con ambiguità dalla parte del gas
    massimolegnani

    RispondiElimina

Sottolineature