sabato 14 novembre 2020

QUANTI

 


Quanti piccoli errori

da revisionare,

quante sbavature

ricordi da spolverare

scuse da offrire

telefonate da fare

libri da inviare

risposte da dare

sorrisi da restituire

imbarazzi da sciogliere

preghiere da indirizzare

pensieri da cancellare

lacrime da non trattenere

mani da stringere

occasioni da cogliere

tramonti da non lasciare soli.

 

Qualcuno conosce

un’officina autorizzata?

 

23 commenti:

  1. La vita, caro Franco..hai descritto.
    Soprattutto errori, sbavature e ovviamente relazioni, relazioni con tante persone, in alcuni casi non sviluppate come dovremmo per ragioni di tempo

    RispondiElimina
  2. BE-LLI-SSI-MA!!
    Ha ragione Riky: la vita.
    Nello spazio dello schermo.

    RispondiElimina
  3. Sarà un caso che i primi due commenti arrivino da due delle mie officine preferite?! ;)

    RispondiElimina
  4. Gli errori a volte son necessari per conoscere e conoscerci.
    Ma se ci sono state profonde ferite è inutile tornare indietro, nessuno vuole soffrire ancora e ricadere nell'errore.
    Si va avanti e si perdona. Gli altri e soprattutto se stessi.
    Ciao Franco e grazie per le tue parole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Pia.. anche il perdono è roba tosta.. da studiarci e, possibilmente, da imparare.. ;) ma è davvero e, soprattutto, su se stessi, che bisogna lavorare.. se stiamo a posto con noi, possiamo solo essere d'aiuto, senza seminare rancore..

      Elimina
    2. Bravo Franco, giustissimo.

      Elimina
    3. Piuttosto dammi una mano.
      Il blogroll non mi funziona più. Clicco su salva e non si muove.
      Ciao.

      Elimina
    4. Riky può aiutarti, lui è mago davvero..

      Elimina
  5. Più che un'officina, ci vorrebbe una di quelle macchinette 'taglia e cuci', per poter eliminare gli errori e sostituirli con un una pezza più accettabile.

    RispondiElimina
  6. Gli errori fanno parte della vita. O forse sono la vita stessa.
    Chi non sbaglia non impara mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'era un mio collega siculo che amava ripetere: chi mangia fa molliche. Metafora del chi non fa un cacchio magari non sbaglia, ma non serve a niente.. ;)

      Elimina
  7. Quanta parte di noi sono i nostri sbagli. Non ne potrei mai fare a meno.

    RispondiElimina
  8. Però è proprio vero che "sbagliando si impara !!". Io ho sbagliato ma ne ho tratto anche delle lezioni e ho cercato di migliorarmi e di non ripetere gli stessi errori. Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certi errori è come se facessero parte di noi.. dice bene Mariella, ci affezioniamo e finiamo con l'adottarli...

      Elimina
  9. Siamo noi l'officina.
    Assolutamente: per sbagliare e godere, sempre.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però seguiamoli i corsi d'aggiornamento!! ahah

      Elimina
    2. Franco, errore che ho segnalato è da attribuire al Sistema. Dovrebbero ripararlo. Il bottone "Salva" è bloccato sia nel blogroll che nel gadget pagina.
      Prova ad aggiungere, oppure togliere un blog e controlla se a te funziona la modifica.

      Elimina
  10. Non per vantarmi, ma io ho imparato così bene dagli errori del passato che ormai li ripeto ad occhi chiusi
    😁
    Bella la poesia, comunque

    RispondiElimina
  11. Che bella descrizione di tutto ciò che ci capita. Ah... se dovessi trovare quest'officina, fammi sapere ;)

    RispondiElimina

Sottolineature