giovedì 5 novembre 2020

A COSA STAI PENSANDO?

 


Mi chiede Facebook ammiccando.

 

Blogspot non ammicca invece.

Forse perché sa che il blog è più posato.

Non basta postare la prima cosa che ti passa per la testa.

Che poi capita pure, è chiaro, così come ci si perda in disquisizioni filosofiche su facebook, o tra poesia e saggi diversi.


Ma di fondo, su facebook, si cazzeggia.

Sul blog anche (e io sono il primo), ma probabilmente in maniera più articolata, ponderata, intensa.

Esempio forse sciocco, e che riguarda me: il pc lo uso per il blog, lo smartphone per facebook. Rarissimo il contrario. 

Possibile che il supporto detti la qualità (presunta), lo spirito, l'atteggiamento?!


E forse è qui la chiave: il cazzeggio o comunque, la brevità, lo scatto.

Facebook è un diario minimo, ma minimo davvero. E’ morto questo, è nato quello, lutto mondiale, Totti è positivo, il Milan è forte, la Juve ruba, ho perso il gatto, buongiorno, buonanotte… e poi foto di pastasciutte, tramonti, mari e monti.

Concisi, telegrafici, tanto per segnare la presenza.

Ecco il vantaggio, o la pecca, di facebook. Un graffio e via, si scrolla la pagina e non ci pensa più, un algoritmo egoista ti propagherà tra i tuoi millemila amici, oppure ti renderà invisibile, vai a saperlo.

 

E voi, bloggers spesso attivi su entrambi i fronti,  a volte in maniera che la sinistra non sappia cosa fa la destra.. che mi dite?












36 commenti:

  1. FB nella discarica.
    Kamala Harris nel cuore.
    Biden ha 78 anni, ma mi dà l'idea di una persona molto lucida.
    Trump è un esagitato isterico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facebook non va demonizzato, noi possiamo divenire demoni o meno.
      p.s. che c'entrano Biden e Trump qua? Perché ho parlato di destra e sinistra?! Ahahahah

      Elimina
  2. Non ho mai compreso quel social. Lo avevo “creato” insieme a Tw come prolungamento del blog. Ho cancellato tutto perché non riuscivo a seguirli entrambi. Sto scoprendo sempre di più Instagram: veloce, immediato e creativo.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Twitter non mi ha mai preso. Instagram è un album fotografico molto pratico. FB si può usare. Senza venirne fagocitati.

      Elimina
  3. mi iscrissi quando le mie nipoti , ancora piccole, cominciarono ad usarlo. Ora è nel dimenticatoio. Twitter lo uso quando mi ricordo. Comunque il mio mezzo di comunicazione è il blog.
    Cri

    RispondiElimina
  4. ho facebook e non ne esco perchè ci sono da troppi anni. poi ho un account falso di IG per vedere la figa

    RispondiElimina
  5. "usare facebook come un blog, e il blog come Facebook, tentare una mediazione e un'ibridazione virtuosa di nuova generazione".

    Già, proprio così. Sono sempre pezzi di noi, mezzi con cui comunichiamo e con cui ci esprimiamo. Sta a noi farlo nel modo che riteniamo migliore..
    Come un messaggio vocale su whatsapp, come una chiacchierata davanti un caffè...siamo sempre noi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..sai che i messaggi vocali non mi piace farli?! Perché mi rendo conto che l'orribile voce che rilasciano, è proprio quella che ascoltano gli altri.. ahahah

      Elimina
  6. Quello che hai detto tu... Facebook è una cosa, il blog è un'altra.
    Io uso Fb per rilanciare i miei post, però. E funziona.
    Per il resto, penso sia ovviamente sbagliato usare il blog come un social, ma anche il contrario... :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti facebook dovrebbe "servire", da volano o cassa di risonanza, visto il di solito ampio bacino di presunta utenza.. ma quanti di questi vengono raggiunti davvero?

      Elimina
  7. Fb mi sta stufando.... Il blog è meglio, ma si passa momenti che non si ha proprio voglia di niente. Sto lasciando perdere un poco tutto. Un saluto e grazie x essere passato. Ale

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Io uso fb come il blog solo pubblico più post in prosa con link a notizie anche se non
    disdegno di mettere delle mie poesie anche, pure in video. A parte questo uso tecnico diverso, quello che posto e la linea editoriale sono identiche in quanto scrivo di sociale qui ed anche su fb. Unica eccezione: ho postato per mesi lo scorso anno sul Chile e sugli scontri per avere maggiori diritti postando anche video di Opal prensa media cileno mentre sul blog tento di non renderlo uno spazio monotematico anche su col covid è più difficile. Cmq di sociale mi occupo di sociale posto, a volte qualche piccola divagazione calcistica

    RispondiElimina
  11. Semplicemente evito su FB, perché penso non mi trattenerei..

    RispondiElimina
  12. Non ho cellulari...non ho FB. Ho solo un vecchio PC che uso per scrivere sul mio blog...e ogni tanto vengo a trovarti sul tuo.

    RispondiElimina
  13. "A cosa stai pensando? "
    Direi che se fosse l'argomento di un post lo troverei assolutamente intrigante e interessante.
    Ciao Franco, non ho un blog, non sono sui social. Commento in giro se ho qualcosa da dire, se conosco l'argomento o se mi piace il post come in questo caso.
    Non sono attratta dai social e come varie volte mi sono trovata a dire non credo assolutamente che il blog sia arrivato al capolinea. Probabilmente ha conosciuto periodi d'oro, io non li ho conosciuti, è solo un anno che frequento la rete ma uno ne chiude, due si aprono. Ritengo sia uno spazio interessante per conversare, conoscere e condividere. Gli argomenti da trattare sono molteplici, poi sta alla bravura e anche all'empatia di chi scrive nel trattare con chi interviene e questa non è cosa da poco. Poi uno lo può usare come un diario personale, ma da 'ignorante' dell'argomento nello specifico perché non ne ho fatta esperienza, credo che il blog riesca a creare e a rendere più salde delle conoscenze che col tempo possono anche trasformarsi in vere amicizie. Non mi sembra che i rapporti su Facebook siano altrettanto costanti, si va di fretta, a volte neanche si legge il post, questo è quanto mi dicono tra l'altro.
    Spero di non essere andata fuori tema, sono certa che il blog riprenderà alla grande, mia sensazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dell'intervento, sempre più diverse persone scrivono senza avere un blog o un profilo facebook.. è un eterno peregrinare senza l'obbligo di una casa propria.. come abitare sempre in hotel, ma sono scelte, come innumerevoli sono le dinamiche che regolano i rapporti sul web, ma anche facebook può favorire incontri reali e dibattiti di una certa rilevanza... certo io considero il blog la mia "casa" virtuale per eccellenza..

      Elimina
  14. A parte la disamina di Lory che apprezzo e faccio mia, da FB sto alla larga. Non vedo il motivo di perdere tempo in un posto dove più che darsi il "buongiornissimo" non si fa e a quelli che lo usano per veicolare i loro post direi di aprirsi un sito che a mio parere è meglio... i blog resisteranno perché sono i luoghi migliori per i confronti e gli approfondimenti. E che ognuno faccia della propria casa quel che vuole come vuole, sia chiaro😉

    RispondiElimina
  15. Sono molto asocial, solo il blog che pure mi affatica assai.
    No feisbuc, no istagram, no niente.
    Che stia diventando troppo pigro?
    Non lo so, ma almeno ci sto provando
    😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io farei fatica a postare video.. ognuno è pigro a modo proprio, direbbe Tolstoj.. ;)

      Elimina
  16. Anche io uso facebook più che altro per cazzeggiare. Mi ci diverto, devo ammetterlo. E il discorso è sempre lo stesso: non è un social da demonizzare, perché tutto sta nel come lo si usa. A me risulta anche molto utile per scoprire eventi, concerti e via di seguito. Ed è appunto un social che uso anche da smartphone, cosa che, come te, non faccio col blog, che uso rigorosamente da PC.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si.. mi sembrerebbe strano il contrario.. riguardo i mezzi e gli utilizzi.. con che nome sei su FB? Chiedimi l'amicizia..io sempre Franco Battaglia sono.. ahah

      Elimina
  17. Ho un profilo Facebook che uso raramente e solo per un saluto a qualche amico. Per i miei pensieri uso Blogger, mi basta e avanza.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
  18. Ho lasciato perdere FB da qualche mese, troppo noioso per me. Per tenermi in contatto con gli amici uso il telefono, mi infastidisce leggere della vita altrui su fb, uso molto di più instagram che è molto più creativo e dove non sono in contatto con nessuna delle persone che conosco e dove seguo profili tematici, di artisti, di attivisti, di divulgatori. Il blog è una specie di terapia, è il miio diario segreto dove scrivo senza ragionarci troppo su.
    Ciao R.

    RispondiElimina
  19. Io FB non ce l'ho, ma ormai uso prevalentemente il telefono sia per il blog che per instagram essendo spesso fuori casa per lavoro

    RispondiElimina
  20. "Possibile che il supporto detti la qualità (presunta), lo spirito, l'atteggiamento?!"

    Assolutamente sì!!!
    Sono rimasto l'unico al mondo, lasciatemi nella mia mania, ma io sono e continuerò a essere convinto che il mezzo E' il contenuto.
    Un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho postato robetta leggera e veloce su facebook recentemente, ma per certi versi permeata di profondo sarcasmo malinconico, tipo: "Ma i daltonici in quale regione crederanno di essere?!", che in effetti non è stata cagata. Forse avrebbe meritato il palcoscenico del blog.

      Elimina
  21. Usavo il faccialibro solo per alcuni eventi di tango che imponevano di avere un'identità su di esso per l'iscrizione. Sil faccialibro non ho foto, scritti, amici, nulla.
    Per FB ci vuole tempo che non ho. Inoltre mi dicono (pure qui) che in esso ci sia molto fumo e poco arrosto.
    Buondì

    RispondiElimina
  22. Quando non c’era ancora Facebook, le piattaforme dei bloggers ERANO Facebook. Scriveva chiunque, della qualunque.
    Poi con l’avvento dei social media la maggior parte sono passati a Facebook, e sono rimasti solo i blog di chi aveva la passione della scrittura in quanto tale. Facebook mi restituisce la dimensione del cazzeggio che c’era all’epoca dei primi blog, ed è obiettivamente un veicolo più immediato.

    RispondiElimina
  23. Pochissimo Facebook (quand'ero più giovine lo usavo invece davvero tanto!). Ho iniziato a usare molto Twitter: è insolito, ma va "compreso", è meno "molesto" e "graffiante" di Facebook e ci si abitua subito. Quando riesco, scrivo sul blog (come te, uso il PC per scrivere sul blog e lo smartphone per Twitter; raramente faccio il contrario).
    Un caro saluto,

    EM

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, anche il mezzo di utilizzo ne stabilisce le differenze.. velocità, immediatezza, cazzeggio istantaneo...questo è facebook.. ;)

      Elimina

Sottolineature