mercoledì 18 novembre 2020

ELOGIO DEL RICICLO

 


La riflessione mi è sorta spontanea l'altro giorno quando, in centro a Roma a ritirare lenti da vista per mia moglie, ci siamo imbattuti, a Via della Croce,  in un'enoteca divenuta, giocoforza, una rivendita di mascherine (roba che solo a febbraio giravo con la carta forno addobbata con gli elastichetti gialli..)

E pensavo quando, appena un anno fa, vedendo i non radi giapponesi, aggirarsi tra i monumenti e in metro, con la classica mascherina chirurgica, mi veniva spontaneo un sorriso sottotitolato: "Ma anvedi questi..".

Ed ora eccoci qua. A non stupirci più. 

In piena psicosi da pulizia/nontavvicinà/stammelontano/haifattoertampone?


A breve mi aspetto lo store del gel igienizzante.

L'atelier del guanto monouso.

Balconi prefabbricati per permettere canti nei lockdown anche ad appartamenti con sole finestre.

Speciali lingotti da 10 kg di lievito quotati in borsa della spesa.

Intere linee di abbigliamento fashion dressing riconvertiti esclusivamente a pigiamini e tute da divano e Netflix.

Palestre online per baci e abbracci a distanza.

Spray tascabili per sanificare ogni cosa che pensiamo anche solo di poter/dover toccare.

...e intanto vi scrivo da tastiera all'ozono negativa, dotata di anticorpi con autotest molecolare immunizzante.



34 commenti:

  1. Un negozio di mascherine, quindi? Immagino di vari tipi... Io ne ho solo una di stoffa, con una piccola bandiera italiana ai lati, ma anche se essendo di stoffa è figa preferisco quelle normali, chirurgiche: anche perché soffocano di meno e fanno meno calore.

    - V

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mascherine in tutte le salse... ma poi, alla fine, anche io preferisco le chirurgiche..

      Elimina
  2. Qui, anche i calzolai cinesi vendono le mascherine. E i lingotti da chilo di lievito sono già in vendita dal primo lockdown😉

    RispondiElimina
  3. La tua non è una tastiera, è un oggetto alieno dalle tecnologie igienizzanti più avanzate che si conoscano :-)))

    Molti temo facciano di necessità virtù in attesa che tutto finisca e ciascuno riprenda le sue competenze per sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetto anche un rivenditore di vaccini non testati, a breve... ;)

      Elimina
    2. Franco, magari su eBay lo trovi ��

      Elimina
  4. Palliativi per arginare un problema senza risolverlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che altro un inevitabile adeguarsi a nuove esigenze.. speriamo non eterne..

      Elimina
  5. per aggiungere una nota divertente, vorrei ricordare che...
    quando sbucò questa foto (in tempi non sospetti):
    https://www.vesuviolive.it/wp-content/uploads/2020/02/mascherina-napoli-600x338.jpg.webp

    tutta l'Italia rise di lui!

    RispondiElimina
  6. Bene bene. Blogger ha risolto i problemi ai pulsanti dei gadget pagina e elenco blog.
    L'Abruzzo si è autoproclamata zona rossa. Il nostro Governatore voleva chiudere tutte le scuole ma la bella Azzolina si è opposta. Scuole aperte la materna, le elementari e la prima classe della scuola media.
    La motivazione? Da imbestialirsi. Ufficialmente la Scuola è stata definita "area parcheggio per bambini". Azzolina ha detto che i genitori che lavorano non sanno a chi lasciare in custodia i bambini.
    Niente colf perché costano assai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scoperto l'arcano: non è in ballo il futuro educativo dei bimbi, ma il non sapere a chi cacchio mollarli!! :(

      Elimina
    2. Già Franco, tristissimo

      Elimina
  7. E si devono sbrigare con questo business, perché tra un anno questa bruttura sarà finita...!
    E torneranno a venderci tutti la merda di sempre.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io voglio le mascherine di Lidl!!! Lo sponsor in faccia ormai un must imperdibile!!

      Elimina
  8. Balconi prefabbricati per permettere canti nei lockdown anche ad appartamenti con sole finestre.
    Mi sa che in questo lockdown di canti se ne faranno pochi ☹️

    RispondiElimina
  9. È iniziato un nuovo mondo dal 21 febbraio scorso, ma molti non lo hanno ancora compreso o accettato.
    sinforosa

    RispondiElimina
  10. Il nuovo mondo ha il pregio di averci mostrato come era il vecchio. Stronzi dappertutto. Essì, prima c'era gente che la domenica andava al cinema, una passeggiata nel centro, un caffè, un gelato, qualche incontro piacevole. Questa gente diceva che era una vita di merda e ora si lamenta che si è persa la libertà e nega l'esistenza di Covid-19. Un complotto. In Germania una sommossa di negazionisti dispersa con gli idranti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Francia e in Germania e Francia sembrano aver risolto con un polso leggermente più di ferro.. qui siamo ancora alle mezze misure per non scontentare troppo.. e non risolviamo una mazza...

      Elimina
  11. "Nulla si crea,nulla si distrugge e tutto si trasforma". Forse questo ci è più chiaro di prima e ormai non oso pensare quali ricicli ci proporrà il futuro.Un saluto a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti gli scenari evolutivi possono inquietare non poco..

      Elimina
  12. Mascherine? Chirurgiche, quelle spesse e con tasca interna regalate dalla regione Piemonte, quella con scritto I love Italy, quella con la stampa di Wolfy, il micio di mia figlia.... Continuo?
    Se le portassero tutti però! Se non fossero così... Fessi... Da evitare baci abbracci e resse....
    Beh... Forse non saremmo nemmeno in Italy
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se bastasse farle trendy per garantire la correttezza.. invece no.. :(

      Elimina
  13. Finalmente un post allegro ironico e intelligente.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
  14. Tocca sdrammatizza'.. finché possibile.. ;)

    RispondiElimina
  15. Sicuramente il Covid ha cambiato le nostre abitudini.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  16. Buongiorno Franco...noi umani siamo fatti così e finiamo per abituarci presto anche alle cose più brutte...purtroppo. Un saluto e un sorriso.

    RispondiElimina

Sottolineature