Archivio blog

mercoledì 15 luglio 2020

DISTANZIAMENTO MADDECHE




Le ultime tendenze sembrano fregarsene del distanziamento.
In realtà sembrano fregarsene anche delle mascherine.

A Roma devi entrare nel bar  indossandola, poi te la togli e via.
Quando riesci te la metti, ma ti accorgi che sei in strada e te la togli di nuovo.

La usano come ferma capelli, ginocchiera, paragomito, borsetta trend, massaggia ulna,
braccialino indie, orecchino pendulo, fascia tipo rambo, arreda specchietto retrovisore, parasole in spiaggia;

oppure la portano, ma se ti parlano la abbassano, se ti ascoltano pure, 
se gli squilla il cell la buttano proprio. 
A terra magari, dove solo nella capitale ce ne saranno un miliardo…

Al ristorante si mette a sinistra del piatto, a destra il cellulare, e davanti, invece della forchettina da torta, c’è il gel; per le posate non c’è più posto.

Io ci imbavaglierei tutti gli imbecilli per i quali il covid è stato solo un modo 
per riuscire a finire La casa di carta, ora non c'è più pericolo, 
e probabilmente non c'è mai stato.

E voi che pensavate che i terrapiattisti fossero solo un mito...

30 commenti:

  1. Secondo me la mascherina è assolutamente necessaria nei luoghi chiusi ed anche all'aperto, per ora, se di è troppo vicini. Confido che il virus perda sempre più consistenza per poter spersre in in un autunno senza distanziamento sociale a patto di tenere tutti la mascherina. Es tutti al cinema o allo stadio come prima ma con la mascherina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo è pieno di piccoli superman che si credono immuni a tutto... la gioventù che ci governerà un giorno... ahimè

      Elimina
  2. Io credo che se volessimo eliminare il virus, ora, sarebbero sufficienti 20 giorni di isolamento totale per chiunque viene dall'estero.
    Purtroppo questo non avviene e così abbiamo focolai su focolai.
    Poi capisco che nelle città come la tua si segnalino comportamenti irresponsabili.
    Nel mio piccolo Comune invece c'è grande rispetto della regola. Anche troppo secondo me :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le grandi soffrono di indisciplina costante, e di menefreghismo globale totale. Comincio a non sopportare questi atteggiamenti generati dall'egoismo di massa...

      Elimina
  3. "io sono io e voi non siete un caxxo "
    Questo il motto di una parte degli italiani che, anche se esigua, intralcia gli altri e, purtroppo i salviniani sono ancora troppi.
    Cri

    RispondiElimina
  4. Io qui (qui in Sicilia) esco ancora con la mascherina, la metto sia fuori dagli esercizi pubblici che dentro, e vedo che ancora parecchi, come me, lo fanno. Per cui o non hanno recepito il messaggio che ormai, almeno fuori, non è più necessaria, o sono molto giudiziosi. La seconda tesi sarebbe avallata dal fatto che almeno nel mio paese rispettano ancora il distanziamento sociale.

    (Perché "distanziamento sociale" e non "fisico", fra l'altro...)
    (Se guardi "La casa di carta" già hai qualcosa che non va. Probabile che tu sia uno di quei giovin salviniani - o testedi... - che per non rinunciare alla movida et similia mietono ogni giorno centinaia di vittime nelle grandi città del Nord)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nei piccoli centri è più facile che ci si adegui, ci sono meno teste calde che poi portano, a cascata, sulla cattiva strada tantissime altre pecore.
      Atto d'accusa alle metropoli?! Perché no.
      p.s. comunque La casa di carta l'ho visto pure io ma solo per denigrarlo meglio..(vedi il post se ti va..)

      Elimina
  5. Odio la mascherina ma la uso anche quando vado a pisciare.

    RispondiElimina
  6. Mi manchi. Con o senza mascherina

    RispondiElimina
  7. Detesto la mascherina e la uso per molte ore al giorno a lavoro.
    Ogni giorno devo ricordare a chi entra in negozio di indossarla e tenerla su correttamente. Sono stufa fino al midollo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io faccio uscire chi entra senza, dicendo che rischiamo multe.. ma la mascherina ormai è fissa..tra un po' la porto pure a casa.. ahah

      Elimina
  8. il virus al momento però è scompars

    se e quando torna ci penseremo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nella sua forma letale. o pensi che quelli dichiarati morti per covid nelle ultime settimane siano morti di covid? nei reparti ospedalieri delle 4 province lombardi colpite non ci sono più degenti. chi muore muore per le più svariate patologie risultando positivo al tampone

      Elimina
  9. E niente, l'ennesima dimostrazione di come la civiltà prospera..

    RispondiElimina
  10. Io la mascherina la renderei sempre obbligatoria - anche quando il virus non ci sarà più - in certi locali. Mi è capitato di vedere in un supermercato un signore che palpeggiava, senza guanti e senza mascherina, la frutta esposta su un banchetto, dopo averci starnutito sopra. Per certe persone maleducate e incivili non basta la mascherina chirurgica, serve quella di ferro...rovente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Integralista totale... ma in effetti si... mancano i controlli comunque.. siamo un popolo indisciplinato, da sempre.

      Elimina
  11. Ah ah ah!!! A proposito di midollo!!! Io la mascherina (santa e necessaria) la portavo già prima del covid...
    Con il covid però ho acquisito una consapevolezza diversa: chiamasi rispetto, tutela della salute propria e/o altrui, paura dell'invisibile minaccia Bio batterica... Non so.
    Di sicuro però, a tempo debito, quando questa emergenza sarà declassata da cronaca a storia, auspico che la mascherina venga indossata come complemento necessario in tutti i luoghi di contatto con il pubblico, ad esempio nei negozi, nelle pizzerie (al taglio) nei ristoranti e laddove possa essere utile fare prevenzione con solo 0,40 centesimi di euro al pezzo.
    Vergognandoci di come sghignazzavamo stolti vedendo i turisti giapponesi con questa arcaica maschera a noi ignota.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! Mi hai fatto pensare proprio a questo... in tanti li ritenevamo dei simpatici lunatici alieni, tutti quegli stranieri mascherinomuniti.. dovremmo imparare da loro, dovremo cominciare a prevenire..le pandemie non sono più roba da film...sono qui tra noi...

      Elimina
  12. Lapsus freudiano... Nei luoghi di contatto al pubblico... dimenticavo... Gli sportelli Bancari😉

    RispondiElimina
  13. Mi auguro in qualche farmaco, che possa fermare questo virus.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O perlomeno regolarizzarlo, creando immunità di massa (finché saremo ancora..massa)

      Elimina
  14. Caro Franco, purtroppo i cretini sono sempre attivi, anche se qui'nel profondo Nord-Est ci comportiamo abbastanza bene. Come saprai i triestini sono di mentalità Austroungarica dove le disposizioni vanno rispettate ma il cretinismo, magari in bassa quantità abita anche da noi.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il nord est ha dato un ottimo esempio, sia per scelte preventive che comportamentali, speriamo sia di esempio a chiunque sottovaluti il problema...

      Elimina
  15. Molti di noi, soprattutto chi ha vissuto in maniera drammatica la pandemia e chi, come me, vive nelle regioni ad alto tasso di diffusione, non abbasseranno la guardia.
    Quello che mi preoccupa è tutto il resto. Chi ha vissuto la cosa solo guardando i telegiornali e chi pensa di essere immune. Sono i peggiori, le vere mine vaganti. Quelli che metteranno a rischio tutto il tessuto sociale. I virus non è scomparso, e come tutti i demoni, sta aspettando l'occasione giusta per aggredirci nuovamente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..oltretutto mi hanno spaventato le prime immagini di rilancio movida proprio sui navigli.. dove chiunque, anche senza aver provato la morte e il dolore sulla propria pelle o su quella dei suoi cari, avrebbe dovuto generare una sorta di grande rispetto, a prescindere..

      Elimina

Sottolineature