mercoledì 5 ottobre 2022

CORSI E RICORSI

 


Nel suo interessantissimo intervento su Robinson (Repubblica) di sabato scorso, Stefano Massini notava come patogeni e fenomeni storici sono tutti recidive di virus. 
Una biologia storica e fisica che non tiene conto dell'evoluzione,  mantenendo invariati alcuni polverosi e letali vizi che riemergono comunque anche dopo tempo apparantemente infinito.
Così puoi ritrovarti con l'herpes zoster anche a sessant'anni così come quando collezionavi i primi ormoni, o un fascista che ti governi di nuovo, o una sanguinosa guerra dietro l'angolo in nome di non sa bene quale libertà. 
E' qualcosa di davvero preoccupante, che limita la nostra coscienza, la nostra democrazia; un libero arbitrio malato, un vincolo preistorico cui pagare pegno quando meno te lo aspetti, un'indole feroce che riemerge dal fango e anche mentre sembra che intorno esista solo quieto mare cristallino, è pronta ad oscurare ogni progresso, qualsiasi buona intenzione, ogni evoluzione cosciente, e riportarti in fondo tra gorghi improvvisi.

Certo preferirei ancora mille herpes ad una testata nucleare ma sembra che le recidive viaggino a casaccio e che si debba, ahimè, sperare solo nella buona sorte.                                                                                                                                                                                                                                      

32 commenti:

  1. o nella Provvidenza, che vede sempre più lontano!!!

    p.s. ho visto che hai lasciato un commento da me e chissà perchè non compare sul blog (spam?); ci tenevo comunque a ringraziarti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati.. un piacere.. certo sti spam rompono un pochino..

      Elimina
  2. Frankie, ma cancelli i miei commenti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati!!!... ma non è neanche in spam...ripiazzalo 😁

      Elimina
    2. Io vagheggiavo l'esistenza di una Presenza, accettata da tutti, che spiega e risolve qualsiasi contenzioso tra gli uomini.

      Elimina
    3. Qui è difficile coniugare pancetta e guanciale, e tu vagheggi di quiete universale, di pacatezza d'animo diffusa? Spero si ravvedano magari..

      Elimina
  3. Certi vizi umani mettono radici e chissà perché non si riesce mai a sradicarli. Con i patogeni non puoi farci niente, ma certe azioni umane che ritornano hanno a che fare con delle scelte consapevoli, per questo siamo come specie davvero imperdonabili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' di questa consapevolezza che s'è persa traccia.. non trovi?

      Elimina
  4. È una situazione davvero allarmante, speriamo in bene. Ciao Franco.
    sinforosa

    RispondiElimina
  5. Oggi sono l'incertezza ed il non vedere spiragli di rinascita futura, il vero problema per (quasi) tutti. Quanto alle recidive di cui parlava Massini, quelle legate a certe patologie, come l'herpes per es, possono tornare ma sempre nella stessa forma anche se più o meno aggressiva, invece la Storia ha periodi specifici che possono tornare in auge ma mai nello stesso modo, a volte nemmeno per colpa di di quella parte (se ancora presente nel tessuto sociale del presente) che un tempo li aveva scatenati, ma possono essere legati ad un fenomeno trasversale o perfino causati da una parte politica e sociale che in teoria non avrebbe dovuto essere tentata da una recidiva del genere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che la Storia se la rida delle tendenze e delle ideologia, anzi, può anche peggiorarle.

      Elimina
  6. temo che la favola dell'evoluzione in meglio ci abbia abbagliato, controllando la storia passata c'è continuamente il peggio in agguato... ci piace pensare di essere al sicuro dall'imbecillità degli esseri umani ma non è così

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non siamo al sicuro da nulla.. purtroppo.. e forse è questo timore che genera mostri.. siamo imperdonabili.. :(

      Elimina
  7. Un panorama per niente rassicurante.

    Buona notte.
    podi-.

    RispondiElimina
  8. Beccarsi il covid comporta il risvegliarsi inevitabile di vecchie debolezze...la nostra società ha avuto il covid!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fosse solo il covid.. per le alluvioni continiamo a nicchiare, per le guerre a sperare siano lontane da noi, e intanto tiriamo fuori le coperte della nonna..

      Elimina
  9. Forse qualche testa malata ha pensato che su questa terra fossimo in troppi, meglio farne fuori qualcuno....iniziamo con i suicidi di chi ha un attività e non riesce a pagare le bollette, continuiamo con chi ha una famiglia e si trova disoccupato e non porta più cibo a casa (nel parcheggio davanti a casa mia ci sono due camper con due famiglie e figli che hanno lasciato l'alloggio perchè disoccupati e mia mamma sentita la loro storia gli porta verdura del orto e latte per i bambini, e quel padre piange per la riconoscenza ,hanno un generatore ma quando farà freddo...sperano sia temporanea la cosa e che un agenzia di lavoro gli proponga qualsiasi cosa, facciamo morire le persone che hanno bisogno di una panoramica a sei mesi quando gli hanno riscontrato un problema serio, molti poi sono morti con il Covid. Senza parlare delle alluvioni che arriveranno anche quelle visto che i fiumi lo Stato non li ha lasciati pulire e gli sboscamenti a gogo, la terra e dura, l'acqua scivola...
    E allora queste persone che continuano a dirci che hanno armi nucleari sterminino tutti anche loro, forse si salverà solo chi è al di la del Oceano.
    Comincio a non credere più nella buona sorte. Ciao Franco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci stiamo prendendo gioco di tutto, e qualcuno sta preparando il conto. Scenari negativi purtroppo, come vita, come lavoro, come natura.. veramente non ci si rende conto?!

      Elimina
  10. Il cambiamento non è sinonimo di miglioramento......vorrei sperare nel buon senso, ma al momento ne vedo poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è un peggioramento costante in realtà: nella qualità di vita, nelle prospettive in genere. Sfioriamo in continuazione punti di non ritorno..

      Elimina
  11. La sera vado a letto con tristi pensieri e la mattina mi sveglio con l'ansia di cosa succederà. Impossibile vivere come niente fosse, la situazione è grave e ciò che mi turba di più è che nessuno decida seriamente di porre fine a questa guerra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggevo da qualche parte che un tempo questa escalation sarebbe stata accolta con manifestazioni e dissensi di piazza. Ora sembra che tutti sperino si tratti del can che abbaia.
      Me compreso alla fine. Complice un fatalismo che si acquisice con l'età..

      Elimina
  12. Da un lato faccio il paragone popolo/singolo e mi viene da dire è vero, come noi abbiamo detto ai nostri genitori: "lasciateci fare i nostri errori" i nostri figli hanno detto: "lasciateci fare i nostri errori".
    Dall'altro penso che la storia non è un rotolo che ogni tanto torna allo stesso punto,, c'è una "pienezza dei tempi" che fa da centro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarei anche d'accordo sugli errori, è l'irreparabilità di alcuni di loro che mette ansia.

      Elimina
  13. Tra mille insicurezze, una coscienza latitante o impotente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vaghiamo in balia degli eventi, senza alcuna voce in capitolo, in bilico sull'irreparabile. Non sono belle sensazioni..

      Elimina
  14. Chissà perché a correre e ricorrere non sono mai le botte di culo o i periodi felici, no. Solo virus, pandemie, guerre e tutte le sfighe possibili

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo deire che in qesto senso stiamo contribuendo.. infatti cerchiamo di ritagliarci ogni momento possibile.. ;)

      Elimina
  15. Diciamo che gli eventi ricorrono perché l'uomo lo permette loro, quando non li stimola a tornare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' come fossimo mossi da un profondo masochismo di base.. ad esempio Putin non avrebbe preferito una vacanza in yatch tra fiumi di champagne, ostriche e caviale del Baltico?

      Elimina
  16. bomba o non bomba noi (cioè io :) arriveremo.
    lieto giorno

    RispondiElimina

Sottolineature