martedì 7 dicembre 2021

MANTOVA COTTA E MANGIATA

Palazzo Te

..e continuiamo a stupirci ogni volta, così come capitato di recente a Ferrara e Padova.
Queste province che trasudano storia e quiete, fascino e stupore, sono l'esempio più distante da ciò che rappresenta il caos romano.

E Mantova non fa eccezione.
Regno dove i Gonzaga hanno dato vita ad un piccolo gioiello colmo di meraviglia; dove case, palazzi, ponti, chiese sembrano volersi fagocitare conglobandosi l'un l'altra con effetto russian doll, spesso riuscendo nell'impresa e moltiplicando ad ogni giro di vista, la sorpresa.

Torre della Gabbia dai portici di Palazzo Ducale

Circondata dal Mincio per tre lati, a formare ampi specchi d'acqua, Mantova acquisisce caratteristiche di città lacustre, con un Rio ad attraversarla ed unire ad est e ovest il Mincio, fornendo scorci di autentica poesia.



Il Mantegna imperversa e la sua Camera degli Sposi, a Palazzo Ducale è tra le pitture più belle di sempre.

Volta della Camera degli Sposi. A bocca aperta e naso all'insù


Le rive del Mincio, specie al crepuscolo, offrono colori e atmosfere da sogno, una pace incredibile con la possibilità di passeggiare tra acqua e meraviglie architettoniche.

 
LungoMincio

Il centro è un coacervo di viuzze, spesso acciottolate, con le case pastello e una marea di palazzi che nascondono cortili fantastici, e noi curiosi ad intrufolarci, appena possibile..



Il complesso del Palazzo Ducale poi, una città nella città, ricchissimo e variegato, con persino un giardino pensile al livello del primo piano, e infinite stanze a testimoniare la ricchezza della dinastia Gonzaga.

Entrata del Palazzo Ducale

Di fronte Palazzo Ducale, Piazza Sordello sembra voler distaccarsi dall'intreccio che di lì a poco, varcato l'arco, ci consegna al vero centro pulsante. Una piazza immensa, ariosa, ritrovo per riunioni, mercati e vita mondana.

Piazza Sordello

Il susseguirsi di vie e piazze poi, con portici e ritrovi, rende fascinosa una passeggiata in centro e costringe l'occhio a continue scoperte, in un apparente disordine urbanistico che arricchisce e rende eclettico il panorama. Il retro di S.Andrea, la concattedrale, è  imponente esempio di stile medievale, praticamente nascosto, se non ci si impegna a seguire tutti i vicoli, sbucando in piazza Leon Battista Alberti, dall'atmosfera pacata, fuori circuito e coi suoi tesori incredibili.

Piazza Leon Battista Alberti (la piaseta)


La Torre dell'orologio a palazzo della Ragione


Uno dei radi ponti con scorcio sul Rio


E avrei potuto mai tralasciare, infine, un cenno ai mirabolanti tortelli di zucca e amaretto immancabili in ogni osteria che si rispetti? O della sbrisolona servita con un pentolino di zabaione caldo?

No.. non avrei mai sorvolato sulla qualità e la valenza gastronomica di un soggiorno a Mantova.. ;)  esatto epilogo per ogni giornata trascorsa a caccia di gemme e capolavori..

Tortelli di zucca burro e salvia. Da paura!


54 commenti:

  1. Mantova è sbrisolona, irresistibile!

    RispondiElimina
  2. Ci sono stato molti anni fa. Mi hai fatto venire una gran voglia di tornarci :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certe città rimangono nel cuore.. e riuscire a tornare è sempre piacevole!

      Elimina
  3. Io non ci sono mai stata, ma me ne hanno parlato molto bene e consigliato di andarci. Visitare una città come Mantova per l’anima è come respirare ossigeno, non solo perché è ricca di storia e di bellezza ma perché ci si ritrova quasi in un’oasi attraversata dalla tranquillità e dal silenzio… è una pausa dal caos cittadino delle nostre città. Roma e Napoli sono rumorose, esce vita chiassosa da ogni pietra. Napoli poi è la città che non dorme mai… io che sto nel salernitano non vivo i ritmi frenetici della metropoli, però respiro ogni giorno caos, smog e cemento… vita stressante della città. Ti faccio i complimenti per le foto che sono spettacolari, in esse si coglie perfettamente la bellezza di questa città nonché la sua essenza. Mi hai fatto venir voglia di conoscerla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono città con doppia valenza per chi viene da luoghi caotici, noi ci siamo ritrovare a percorrere vie e piazze in completa solitudine, anche in pieno centro.. sensazione davvero impagabile.. se riesci, organizza subito!

      Elimina
  4. Ma che foto meravigliose che ci regali ogni volta.
    Mantova non la conosco ma da come sei riuscito a descriverla ora vorrei essere già lì.
    Una bellissima gita avete fatto insieme. Soprattutto adoro i tortelli, mamma mia che bontà. 😍
    Ciao Franco, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'artista sensibile come te, oltretutto amante dei tortelli!! Devi organizzare un viaggetto appena possibile!!

      Elimina
  5. Non conosco.
    Ma dalle belle foto si intuisce che è una gran bella città

    RispondiElimina
  6. Ho avuto modo di andarci una volta, e ci sono tornato una seconda per quanto mi era piaciuta.
    Ho sorpreso tutta la famiglia con la visita al teatro, le donne di casa erano un po' scettiche e poi invece hanno scattato un sacco di foto :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La casa del Mantegna, interamente progettata da lui, altro gioiellino..

      Elimina
  7. Ciao Franco, innanzitutto complimenti per il servizio fotografico che rende l'idea di quanto sia bella questa città, arte, natura, storia, gastronomia, tutto racchiuso dall'abbraccio del Mincio.
    Tra le tante curiosità che ci proponi mi colpisce l'affresco della penultima fotografia, nell'ultima mia visita non l'ho notato (o non l'ho visto o ancora mi è sfuggito in mezzo a tanti tesori).
    Hai riassunto perfettamente il contenuto che questa città "scrigno" custodisce, penso sia difficile, dopo questo tuo articolo, non pensare ad una visita, per chi non ci è ancora andato, o tornare per recuperare quello che si è perso, per chi l'ha visitata in passato.
    Grazie, buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben detto, davvero una città scrigno.. la penultima foto è una finestra del Palazzo Ducale che affaccia sul Cortile d'Onore, uno dei tanti delimitati da sale, corridoi e gallerie, e grazie a te!

      Elimina
  8. L'hai descritto benissimo. Me l'hai fatta rammentare como se io fossi ritornato a Mantova.

    podi-.

    RispondiElimina
  9. Foto meravigliose, scorci davvero spettacolari. Complimenti!
    E si, i ravioli di zucca sono pura perfezione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una città che invita alla fotografia e alla meraviglia.. ti troveresti d'incanto!

      Elimina
  10. Che meraviglia! grazie per avermi fatto conoscere questa città! merita davvero di essere visitata, un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con la cucina poi troveresti mille spunti davvero! ;)

      Elimina
  11. Palazzi, arte, foto, musica e cibo buono... che quiete al termine di una giornata di corsa.
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, a fine frenetica giornata.. un piacere sedersi a tavola!

      Elimina
  12. Veramente molto bella, mi hai fatto venire voglia di ritornarci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un fascino particolare, straniante addirittura, specie per chi vive nel casino costante (per questo - con tutti i dovuti puntini sulle i - ho amato i pochi mesi di lockdown romani..)

      Elimina
  13. L'ho vista e merita moltissimo proprio come le tue foto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piena di meraviglie l'Italia, e anche da te posti incantevoli..

      Elimina
  14. Grazie dello splendido reportage! Mantova manca alla mia collezione di città italiane...Segnata per una prossima capatina in Lombardia.

    RispondiElimina
  15. Credo che qualsiasi città italiana sappia racchiudere un incredibile fascino!
    Splendido articolo, ricco di speciali fotografie.
    Un saluto,silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non voglio essere selettivo ma non mi trovi d'accordo sul "qualsiasi città italiana", anche se siamo davvero un forziere di bellezza inesauribile..

      Elimina
  16. Davvero bella Mantova, con palazzo te forse più bello di palazzo ducale anche se la sala degli sposi e un tiziano, impagabili. Ma tutta la città è molto bella e merita, per me anche un giro per i laghi e il fiume.
    Ottima scelta e bellissime foto.
    Brao, brao, brao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, il giro in barca ci è mancato ma purtroppo, qualche svantaggio, evitando i weekend, bisogna pur scontarlo.. ;)

      Elimina
  17. Zio Peppe, che mi accolse a Milano come un'altra figlia, era mantovano. E mi fece innamorare della sua città oltre quarant'anni fa. Splendido e colto gioiello lombardo.
    Non è mai riuscito a farmi amare i tortelli di zucca, ma in compenso cucino l'ossobuco e il risotto, grazie alle sue ricette, meglio di molti lombardi.
    Che foto magnifiche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono particolari in effetti, specie per chi mal sopporta il tocco di amaretto (come mia moglie..ahah), ma la sbrisolona zabaionata è un must davvero unico! E la torta di rose? E la elvezia? Mamma mia!! ;)

      Elimina
  18. Un mio ricordo ciclistico, arrivando da nord lungo la ciclabile del Mincio si sbuca in riva ad uno dei laghi tra salici piangenti e ninfee un paesaggio incantevole all'interno della città.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pazzesca quella ciclabile fino a Peschiera del Garda, ma davvero fascinosa!

      Elimina
  19. Una città bellissima che ho frequentato spesso anni fa perché mia sorella, archeologa, lavorava in uno scavo archeologico nei dintorni. Che buoni i tortelli. Sono incredibili anche i tortelli cremaschi. Già solo a guardarli in foto ti metteranno voglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ripeto, il fascino di certe province lo si gode ancor più, abitando in una città incasinata e invivibile come Roma, dove solo l'idea di spostarsi, crea disagio psichico..

      Elimina
  20. Bellissimo questo post su Mantova e davvero ottime le fotografie. Sono stata a Montova tanti tanti anni fà, mi piacerebbe un giorno poterci tornare. davvero una città meravigliosa. Un saluto Franco, buona giornata e serena continuazione del mese di dicembre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo perso il giro in battello e sul fiume, conto di tornare anche io per un punto di vista diverso..e anche un altro assaggio di gastronomia mantovana!

      Elimina
  21. Penso che in Italia ogni città sia una vera e propria scoperta... peccato che spesso siano gli stessi italiani a non vedere tanta meraviglia!
    È confortante leggere post come il tuo, che aprono gli occhi sulla bellezza che è ovunque.
    Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luoghi fantastici e spesso sottovalutati, ne abbiamo davvero tanti.. e molte volte senza dover affrontare viaggi massacranti, spesso basta un po' di curiosità..

      Elimina
  22. Visitata, molto bella e tra l'altro si mangia anche bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente. Bella. E decisamente che ci si mangia bene. proprio oggi a Roma ho preso un Sbrisolona da Eataly, speriamo sia all'altezza..

      Elimina
  23. Non conosco Mantova ma le tue foto descrivono molto bene la sua bellezza. Ti ringrazio e ti auguro una buona serata,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una città dal fascino discreto e dalle atmosfere intriganti..

      Elimina
  24. Pensa che non sono mai stata in questa città e invece meriterebbe tantissimo. Belle le foto e il reportage. Nel prossimo futuro non mancherò di farci un pensiero, mia sorella abita a Reggio Emilia, magari approfitto di una delle occasioni in cui vado a trovarla per allungarmi fino a Mantova.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Reggio Emilia la conosco bene.. c'è la sede del Credem, dove ho lavorato fino ad un anno fa, quindi per corsi e aggiornamenti ed altro, ci soggiornavo spesso, girandomela in bici.. ;)

      Elimina
  25. e a palazzo te non sei andato?
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come no! Incantato e sorpreso dalle incisioni dei soldati nella sala dei Giganti, immerso quindi nel tempo tra illusione ottica e Storia che soggiorna..

      Elimina
    2. ..ma comprendo ora il giochino di parole col te minuscolo.. ahah

      Elimina
  26. non per menarla sempre con la bicicletta, ma una delle bellezze di Mantova è la ciclabile del Mincio che parte dal Garda e arriva in città senza attraversare periferie orrende ma costeggiando prima il fiume e poi i laghi e le loro rive curate.
    Complimenti per il taglio delle foto, alcune davvero suggestive
    massimolegnani

    RispondiElimina

Sottolineature