domenica 12 dicembre 2021

E.I.T.R.D. DA UN'INIZIATIVA DI DANIELE VERZETTI

 


E.I.T.R.D. è qualcosa che dovrebbe essere ben presente nella testa e nel cuore di tutti, specialmente quest'anno che ha visto ancor di più salire numeri e vittime di comportamenti assurdi da parte di maschi della specie umana. Che di umano hanno ben poco.

Continuo a stupire ad ogni notiziario, ad ogni efferatezza, al constatare quanto si manchi di semplice umanità, ed ogni tentativo di risposta resta ogni volta inevaso.
Pazzia collettiva? Perché i numeri spaventano davvero, è come se ci fosse un bacino di potenziali assassini che girano tra noi e da un giorno all'altro possano esplodere come vulcani sopiti.

Gente che vive e lavora, che ci saluta, che scambia opinioni, ma intanto cova dentro un male assurdo.

Spesso non so più cosa pensare. In altri frangenti e circostanze diverse, ho conosciuto persone schizofreniche, anche in rete, persone rivelatesi poi totalmente inaffidabili, dalle quali, tuttavia, non mi sarei mai atteso reazioni squilibrate, perché si parte sempre da una base di buona fede e fiducia, almeno io ragiono così, e continuerò a farlo. Ma capita. 

Nel caso di soggetti che arrivano ad uccidere, a fare comunque del male feroce, ovviamente, dobbiamo scomodare ben altri squilibri, ben altre patologie. Ma ugualmente troppo spesso ci sfuggono (o non vogliamo vedere) indizi importanti, segnali che potrebbero indurci a ravvedimenti, o a mettere in guardia persone a rischio. 

Ringrazio Daniele intanto, per la sua sensibilità e la sua costanza.

La speranza di tutti noi è che nessuno muoia più per mano di un altro uomo,  e anche se l'utopia fosse solo un sogno splendido,  sarebbe delittuoso non sognarla. 

34 commenti:

  1. Buongiorno e buona Domenica Franco.
    Questa è stata una grande ed importante iniziativa, apprezzata da molti.
    Il male purtroppo sì nasconde molto bene e spesso è capace di fare molto male, soprattutto ai buoni, gli ingenui, gli indifesi e quelli che aborrano la cattiveria nel mondo. Spesso sono quelli più potenti a commetterlo e spesso non se ne rendono neanche conto, confondendolo con il bene ed un falso senso di giustizia. Il Potere fa questo. Ma anche tra i più piccoli può covare qualcosa che neanche conosciamo.
    La donna finora ha subito il peggio e Daniele ha fatto in modo che si potesse mostrare in ogni sua forma. E questo anche grazie a voi che avete aderito a propagare questo errore ed orrore umano facendolo conoscere e mettendolo ben in evidenza.
    Spero sia servito. Ma bisogna continuare a parlarne come hai fatto tu oggi e per questo ti ringrazio.
    Nnostante ciò continuo ad aver fiducia nel prossimo. Non sono e non siamo tutti così.
    C'è ancora speranza, almeno per me.
    Ti abbraccio forte, ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti abbraccio anche io Pia, e idealmente tutte le donne che non riescono a vivere serenamente perché vessate, sfruttate, incomprese.. c'è da forgiare in tutti un nuovo modo di pensare, di approccio, di delicatezza. Forse questione solo di educazione, come spesso insisto anche io, di esempio anche, perché ciò che facciamo vedere, rimangono impressi, nel bene e, purtroppo, nel male.

      Elimina
  2. P.s. La tua foto è bellissima! 😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E quel raggio di sole, tra le nubi di Montepulciano, vuole essere appunto luce di speranza che penetra comunque..

      Elimina
  3. "La speranza di tutti noi è che nessuno muoia più per mano di un altro uomo, e anche se l'utopia fosse solo un sogno splendido, sarebbe delittuoso non sognarla." Ecco, lacrimuccia a parte, miglior chiosa non potevi trovare. Grazie Franco la tua sensibilità, la tua profonda umanità mi hanno accompagnato in questo viaggio attraverso tutto questo orrore, che quasi si fatica a credere che sia un uomo a farlo, ma è così ed allora aggrapparsi alla tua utopia la trovo una soluzione meravigliosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sognare è il peggiore dei delitti, ne hanno diritto soprattutto diritto le donne maltrattate ed impossibilitate, spesso, ad uscire da situazioni pessime in autonomia, devono avere gli strumenti e tutto l'aiuto per salvaguardarsi. E non deve essere solo un sogno.
      Grazie ancora Daniele. La tua idea magnifica, perché solo l'insistenza porta risultati.

      Elimina
  4. Franco, quello che raccontiamo non lo leggono nemmeno gli utenti di questo piccolo spazio di internet. Come possiamo sperare di arrivare a chi potrebbe affrontare e legiferare sulla sicurezza delle donne?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sperare sempre caro Gus, se nessuno fa nulla certo non smuoveremo nemmeno briciole, tu poi dovresti essere maestro di speranza, perché la Fede insegna questo, non altro.

      Elimina
  5. La violenza imperante, ci spaventa moltissimo. E quanto hai enunciato in questo articolo, di grande realtà, va tenuto presente, perchè a volte persone inoffensive, che magari frequentiamo, potrebbero essere dei potenziali assassini...
    Un saluto,silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non riuscire a percepire un vulcano sopito deve diventare oggetto di analisi profonda, secondo me, perché tanta, troppa gente, gioca sul filo di ipocriti doppi giochi.

      Elimina
  6. Che succede nella mente di certi uomini? Io non lo so però sono così tanti che credo che pochi siano quelli affetti da patologie mentali, molto ha a che fare con l’educazione e con la cultura maschilista della nostra società. Buon pomeriggio, Franco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in pieno..troppi sono legittimamente convinti della loro supremazia. Un assurdo da contrastare in tutti i modi possibili.

      Elimina
  7. L'aggressività che ci si porta dentro è un fattore che non giustifica il fare del male ad altri o a se stessi. Ciò che manca secondo me è l'educazione. Troppe persone credono che le leggi siano qualcosa di coercitivo inventato dall'uomo. Per molte persone uccidere non è una cosa gravissima, specialmente dal punto di vista della coscienza, ma semplicemente una cosa che si può fare, basta deciderlo ed esserne capaci. Per alcuni è addirittura una manifestazione di forza o un diritto in certe circostanze. Ahiaiahi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimostrazione di forza. Dici bene, da parte di persone debolissime che non hanno altro modo, e soprattutto paura di chiedere aiuto, nonostante abbiano apparentemente bisogno di prove di coraggio :(

      Elimina
  8. Siamo bombardati da modelli vincenti, uomini che non devono chiedere mai e o sei il primo o non sei nessuno. Ma bisognerebbe insegnare a perdere, altroché.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come accennavo a Filippo.. chiedere aiuto davvero prova di coraggio, invece pieni di falsi miti..

      Elimina
  9. Sognare è lecito ma bisogna che le donne che educano i loro figli maschi, li aiutino fin dalla loro tenera età, a non diventare uomini che ... odiano le donne. Personalmente, sto lavorando con mio nipote Pietro, con il quale spesso, ragioniamo su questo triste fenomeno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho sottolineato spesso. L'educazione è fondamentale, l'esempio anche. Io a casa faccio serenamente faccende domestiche, perché fin da piccolo ho sempre visto mio padre farle. Ancora oggi qualche coetaneo mi guarda strano quando esce fuori che i piatti li lavo io.

      Elimina
  10. Ci sono realtà così lontane e diverse dal nostro vivere quotidiano.. realtà che quasi mai si scontrano con la nostra vita.. realtà che non giustificano nessun operato..ma spesso sono il risultato di tanta "inspiegabile" violenza..io purtroppo sto incrociando ed a volte attraversando "strade" parallele alla mia realtà di vita.. spesso cerco spiegazioni ed il mio compagno mi risponde che non tutti hanno avuto la fortuna di nascere e crescere nel fantastico mondo di Emily..
    Buongiorno Franco, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' che c'è un mondo fantastico solo se lo creiamo tale, ed è compito di tutti, indistintamente.

      Elimina
  11. spesso sottovalutiamo indizi importanti, perché non vogliamo arrivare a credere che proprio di indizi si tratti... speriamo sempre di esserci sbagliati.
    forse dovremmo fidarci di più del nostro istinto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si perché certi sospetti fanno davvero paura, incrinano il nostro mondo "ideale", ma non esiste il mondo ideale, esistono solo un sacco di errori, coi quali convivere, certo, ma senza sottovalutarli mai..

      Elimina
  12. La violenza è sempre da condannare, quella sulle donne come su quella su ogni altro essere vivente. Però non so, a me sembra che le parole e basta servano più a pubblicizzare e a dare potere a una cattiva azione piuttosto che a fermarla...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho pensato che troppo clamore a volte sortisca effetto contrario, di emulazione ed esaltazione dei bastardi che hanno "solo" la violenza per dimostrare di esistere, agli altri e alla povertà di se stessi. Ma in questo caso dovremmo mettere davvero in campo qualcosa di eclatante, che faccia passare voglia e prurigine a queste bestie.

      Elimina
  13. sicurametne la violenza è sempre da condannare, ma in modo particolare ed ancora di più quando è perpetrata verso coloro che sono più indifesi e/o che non hanno abbastanza forza per difendersi da questi vili attacchi, C'è da dire che troppo spesso succede ancora, e questi due anni di pandemia sicuramente hanno dimostrato che l'effetto peggiore del Covid è stato che troppi hanno perso la capacità di usare correttamente il proprio cervello. Le violenze sono aumentate, soprattutto quelle verso le donne, ma non solo, in modo molto pesante e preoccupante. Non si può più fare finta di niente . . . c'erano già in precedenza, certo ma in maniera meno pesante. Ora direi che è davvero tempo di agire - non so bene come, ma bisogna dissuadere questa gente dal credere di poter continuare ad agire nello stesso modo rimanendo impuniti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mentre scriviamo continuo ad ascoltare al TG notizie di violenze sulle donne, stiamo veramente in condizione di dover prendere contromisure efficaci, bisogna iniziare a parlare a chiare lettere ai potenziali assassini, che sembrano crescere esponenzialmente.

      Elimina
  14. Anch'io penso che una persona non possa, da un momento all'altro, trasformarsi in un assassino. Secondo me, c'erano già dei segnali che si sono manifestati, che sono stati sottovalutati, fino all'esplosione finale. Siamo tutti sgomenti , davanti a questi omicidi che, nonostante se ne parli sempre, sembrano aumentare, invece che diminuire. Non so dire, arrivati a questo punto, cosa si possa ancora fare ma bisogna andare avanti, questa violenza si deve cercare di arginare, di fermare, non si può andare avanti così !!Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paghiamo lo scotto di un'educazione dove il maschio viene esaltato.

      Elimina
  15. Purtroppo in questo mondo siamo immersi nella violenza, qualsiasi iniziativa può essere utile per invertire questa deriva.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono anche io per qualsiasi iniziativa, anche eclatante.

      Elimina
  16. Certo Franco che mette paura pensare che accanto a me ti possa annidare in un conoscente o di un estraneo una nascosta violenza. Morituri te salutan... se ricordo bene ma spero he non sia cisi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mette paura lo so, ma bisogna entrare in quell'ottica. Alleviamo serpi inconsciamente.

      Elimina
  17. Io continuerò l'iniziativa proponendo un post ogni 25 del mese. Se vuoi unirti ne sarò felicissima❤

    RispondiElimina
  18. sapete Franco e Daniele, cosa si sente dire dopo queste atroci violenze, dai vicini, dai famigliari, dagli amici....per noi era una brava persona, per noi non c'erano problemi e intanto tutti giorni figli che uccidono genitori per l'eredità, uomini che uccidono donne, figli, interi nuclei famigliari. Mi chiedo cosa stia succedendo, spesso hanno piani programmati, non sono persone malate psicologicamente. Grazie che ne parlate Valeria

    RispondiElimina

Sottolineature