Archivio blog

martedì 15 settembre 2020

NON CAMBIANO I LUOGHI

Scauri

 

Non cambiano i luoghi,

forse neanche il tempo scorre.

 

Sono i nostri occhi

che viaggiano famelici,

a ritroso.

 

Scorgono quello che c’è,

sottraendo ciò che era,

in un viaggio dove la memoria

gioca sporco col presente,

perché accumula forza

ad ogni istante che passa,

ad ogni risacca,

ad ogni grida di bimbo,

ad ogni aroma di pasticceria.



Non cambiano i luoghi,

ne’ tutto il ricordo che vi si annida,

in profondità.

 

Sono i nostri occhi macchine del tempo,

che grattano mille riverniciature,

rivivono giochi, baci, pedalate...

vedono locandine di cinema

davanti vecchie arene ricoperte di edera,

riconoscono mare mosso

di infinite intemperie,

mentre è solo onda quieta, ora,

a creare brusio indistinto.




 

24 commenti:

  1. I luoghi cambiano, invece. Eccome se cambiano.
    Piccole grandi mutazioni di cui a volte non ci si accorge ma che poi si scoprono piano piano.
    Tutto cambia. Luoghi, persone. Persino i ricordi. Che se ci pensi oggi o domani possono essere diversi.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O certo Sara, i luoghi cambiano, ma poi torniamo in posti da dove sembra non essere mai andati via... e dove hai vissuto mille vite, mentre tieni dolcemente per mano l'ultima.. ;)

      Elimina
  2. Mi piace questa tua romantica provocazione sui luoghi..nel senso che è vero ciò che dice Dama, che i luoghi cambiano, ma è altrettanto vero che ci sono luoghi che rimangono sostanzialmente uguali, ma ai nostri occhi sono molto diversi...Soprattutto se un luogo lo vediamo o lo viviamo in dolce compagnia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luoghi che ci hanno visto crescere, vivere, maturare decisioni, amori, abbandoni.. non possono cambiare: sono un palcoscenico pazzesco di commedie e drammi. Un teatro che palpita...

      Elimina
  3. I luoghi non cambiano , cambiano le nostre prospettive e ce li fanno apparire diversi.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ritorniamo con bagagli incredibili ad ogni viaggio in qualche luogo familiare... ;)

      Elimina
  4. Foto e parole, una vera poesia.
    Ciao Franco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pia! fotografia e scrittura viaggiano a braccetto, a mio avviso..

      Elimina
  5. Franco, è l'effetto dell'ultraviaggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli ultraviaggi ci proiettano dove altri non riescono a guardare oltre la banchina in attesa di un treno.

      Elimina
  6. Nessun luogo è lontano.
    Ed ogni luogo ha una cellula di noi.
    Un alito che l'ha umidito
    Uno sguardo che l'ha plasmato
    Un passo che l'ha consumato.
    Ad ogni angolo
    Ritrovi il luogo che hai conosciuto
    Ma anche il te che eri
    E che forse sei ancora
    Nuovo diverso e antico
    Come quei luoghi
    Lontani da nulla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un incanto quello che hai scritto.
      Ciao Antonio.

      Elimina
    2. Gus!!!
      Sono anni che scrivo versi e nessuno mi ha mai fatto un complimento simile.
      Grazie.
      Fa attenzione.... Rischi che ti mando in rete sul tuo blog altre cose scritte..., 🙂

      Elimina
    3. Ps
      Senza nulla togliere a Franco di cui sono onorato essere ospite del suo Blog.

      Elimina
    4. "un passo che l'ha consumato": fantastico e incredibilmente centrato.. ;)

      Elimina
  7. bellissimi versi anche se a volte i luoghi cambiano e sono i nostri occhi sono feriti da quel cambiamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I nostri occhi colgono tutto il tempo in uno sguardo: passato presente e futuro si fondono in abbacinanti immagini mentali.

      Elimina
  8. Commovente.
    Un anno fa circa feci un viaggio che quando scesi dall' aereo mi cadde la valigia dalle mani dalla bellezza che videro i miei occhi.
    A distanza di tempo rivedo la bellezza di quel momento negli occhi della persona che era con me e che ha visto ciò che c'era.
    Ci penso a quel luogo.
    Là è rimasto un pezzo di me e un pezzo di quel posto l'ho riposto nella mia anima e nei miei occhi ancora colmi di quella luce mai vista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certe "fotografie" rimangono indelebili... se poi ritrovi quei luoghi..la magia è fatta.. ;)

      Elimina
  9. Non ho messo una virgola.
    Come se te l'avessi detto più che scritto e tutto con un solo respiro.

    RispondiElimina
  10. I luoghi cambiano, anche se nel nostro cuore sono sempre identici. Sono i ricordi, fotografie alterate dai nostri sensi e dalle nostre passioni.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se viaggi col cuore che ti palpita, i luoghi non cambiano di una virgola che è una. Il post è malinconico, si..sarà l'età.. ;)

      Elimina
    2. Per me la malinconia è solo voglia di sentire.

      Elimina

Sottolineature