domenica 27 febbraio 2022

SALGADO


A Roma, al MAXXI, con una incredibile mostra sull'Amazzonia. 

Terra pazzesca, polmone del mondo intero, con una popolazione indigena minacciata da deforestazione e interferenze sempre più pesanti da parte di presunta "civiltà" arrembante.

Siamo figli di questa terra e sempre più ne snaturiamo proprietà e bellezza. Un equilibrio ecologico fragile eppure potentissimo.



Salgado coglie l'essenza e la vitalità, il vigore la delicatezza. Splendide ed eloquenti tutte le visioni di questo immenso fotografo.


 






Ci immergiamo nella naturalezza, nella spontaneità, nell'equilibrio che uomini e natura alimentano e custodiscono. 





E oggi, mentre assistiamo ad un nuovo sconquasso, ci chiediamo ancora di più, perché non possiamo vivere la bellezza.
Perché non dobbiamo meritarla.


49 commenti:

  1. Buongiorno,
    È geniale e creativa la scelta del bianco/e/nero per queste foto.
    Ritengo sia difficile immaginare l'esplosiva potenza dei colori della natura che però, con questa scelta cromatica, risulta annullata dissolta forse dimenticata.
    Di contro tanto colore, accecante come le esplosioni, vediamo in tv, it, WA o Twitter....
    E, appunto, è questi colori che vorremmo dimenticare, relegando al bianco/e/nero questo pezzo di storia.
    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bianco e nero sembra appiattire, ma in realtà crea libertà, ed esalta la visione, la bellezza univoca del territorio diventa luogo a parte, distaccato dalle distrazioni di una saturazione cromatica. Entriamo in un mondo nuovo, dove creiamo colore. E anche l'allestimento, chiarore soffuso su sfondi neri, dona luce incredibile a abbracciare solo noi.

      Elimina
  2. Uno dei più grandi fotografi degli ultimi cento anni. Io ricordo bene anche le sue foto sui "garimpeiros", i cercatori d'oro. Sembrano un inferno dantesco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salgado ci prende ogni volta per mano. Crea foto per trascinarci dentro i suoi paesaggi, i suoi volti.

      Elimina
  3. Ed il mondo è fermo in tal proposito. Già da molti anni si parla di questo taglia taglia alberi di questa foresta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La lungimiranza è dono riservato a pochi, davvero..

      Elimina
  4. Un grande fotografo per delle grandi riflessioni. Ma oggi ai più interessa più il proprio profitto, il proprio agio, degli alti concetti che hai citato. Sarà durissima tornare ad illuminare la nostra anima.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo immersi nella follia, ora più che mai, e tanta bellezza sembra non sollecitare, purtroppo..

      Elimina
  5. Fotografie incredibili, ricordo il film su di lui, che era davvero bello :)

    RispondiElimina
  6. Foto bellissime ma senza colori. Posti meravigliosi che vengono scoloriti dalla follia umana persuasa allo sfruttamento massimo del pianeta. Perché ? Perché gli uomini preferiscono soldi che non hanno odore( per dirla alla De Gregori) alla bellezza del mondo. E’ un mondo assurdo quello umano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E più ce lo porgono così sfacciatemente bello, come riesce a Salgado, meno cogliamo l'aiuto che dovremo recare.

      Elimina
  7. Grande Salgado. Ogni sua foto ci porta a meditare sulla Terra e sulla vita, in ogni sua espressione, che lì vi scorre.

    RispondiElimina
  8. Ciao Franco, Sebastião Salgado, come ho avuto l'occasione di dirti in altra sede, è, secondo me, uno dei più grandi artisti contemporanei, le sue opere, la sua personalità, l'autorevolezza in quanto artista, lo rendono inavvicinabile.
    Ha "preso" un soggetto attuale, quasi scontato, e l'ha trasformato in una narrazione unica, il colore nell'assenza di colori, l'umanità nell'assenza di umanità, il concetto artistico va a colmare un vuoto lasciato da chi vorrebbe denunciare la cultura del consumo senza uscire da questa cultura corrotta.
    Gli scatti che proponi si riallacciano ad un'altra "serie" che ha fatto la storia della fotografia, "Il sale della terra", allora come in questo caso va oltre la denuncia sociale, mette ognuno di noi davanti alle proprie responsabilità, infatti se riusciamo a "conversare" con le sue opere non possiamo limitarci a dire che gli altri stanno distruggendo la terra, il messaggio di Salgado è chiaro: stiamo distruggendo noi stessi.
    Grazie, buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene, colore nell'assenza di colore. Esaltato dall'equalizzazione dei toni, Salgado grida attraverso il suo bianco e nero, denuncia con forza, e noi si resta attoniti dalla ferocia della bellezza che andiamo martoriando.

      Elimina
  9. Un Salgado per ritrovare Dio.

    RispondiElimina
  10. Sapevo di questo tuo post annunciato. Lo attendevo con ansia Franco.
    Non so spiegare il perché sia così bello leggere le sue foto che non solo emozionano e raccontano ma vanno molto oltre...
    Lui usa spesso una 34 mmm. mi sembra ed ho letto che preferisce le Leica.
    Tu poi sei stato fantastico per come ne hai scritto e postato e ti ringrazio tantissimo di ciò.
    Ciao e di nuovo grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un tour suggestivo che ti porta direttamente tra i suoi scatti, grazie anche ad un allestimento davvero efficace, che ricordo solo per una mostra di Steve McCurry a Cinecittà

      Elimina
  11. La fotografia di Salgado è una vocazione e solo lui è in grado di documentare i cambiamenti della vita umana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..e fa rabbia sapere quanti e quali rischi sta correndo quella parte di mondo.. anche se ora ne corriamo di ben più feroci e fatali..

      Elimina
  12. Tutti scattiamo fotografia, ma soltanto dei pochi sanno spiegare il mondo attraverso loro.

    Ciao,
    podi-.

    RispondiElimina
  13. Foto meravigliose. Chissà se la mostra arriverà a Milano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di si, oltretutto non ho evidenziato un allestimento immersivo e coadiuvato dal sottofondo sonoro di Jean Michel Jarre che ricrea atmosfere davvero coinvolgenti.

      Elimina
  14. bellissime quelle tre ragazze: ognuna con una distinta e precisa personalità.
    vidi la mostra precedente all'ara pacis.
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Narra Salgado di estrema disponibilità degli indigeni e divertito coinvolgimento.

      Elimina
  15. Post interessante e stupende queste foto di Salgado che ci mostrano un popolo che vive in armonia con una natura continuamente minacciata dalla violenza e dall'egoismo di chi è interessato solo al profitto. Grazie
    Buona giornata
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una natura ampiamente esaustiva di ogni necessità, ogni felicità possibile..

      Elimina
  16. Salgado ha una sensibilità artistica non comune.
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è sorpresa nei suoi scatti, stupore autentico.

      Elimina
  17. Avevo visto alcuni anni fa anch'io una straordinaria mostra di Salgado a Genova. Uno dei fotografi che amo di più non solo per il suo talento ma anche per le tematiche al servizio delle quali lo mette a disposizione.

    RispondiElimina
  18. Mi angoscia vedere quest'umanità e sapere che inevitabilmente a causa del dio denaro, non avrà più un futuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O magari saranno gli unici a salvaguardarsi dal declino forsennato cui andiamo incontro noi "civili"..

      Elimina
  19. Mi vengono in mente certe immagini di "La sottile linea rossa", quando Jim Caviezel giace ammollo nel ruscello con intorno i bambini della tribù indigena. È per questo che siamo fatti, per questa pace, per questa comunione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Durante la visita pensavo anche a Mission, altro filmone..

      Elimina
  20. Un prezioso, e interessante articolo, su una fascinosa terra, molto apprezzato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia.. sì, riempiono occhi e anima certe immagini

      Elimina
  21. L'Amazzonia e il suo popolo indigeno li ho scoperti grazie ai fumetti di Mister No, che di tanto in tanto si è ritrovato dalla parte degli indios per difenderli da "fregature" operate loro da gente "civilizzata" che voleva sfruttare quella terra e quella gente. Luogo affascinante, continuamente minacciato dalla prepotenza dell'uomo bianco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luogo necessario, oltretutto..e speriamo rimanga in eterno..

      Elimina
  22. Che meraviglia, ho gli occhi in estasi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se riuscite a trovare un attimo, una visita eccezionale!

      Elimina
  23. Meraviglioso Salgado. Sono sempre stato tentato dal prendere proprio il foto-libro Amazônia... ma per ora è ancora proibitivo come costo 😅

    RispondiElimina

Sottolineature