domenica 6 febbraio 2022

FENOMENOLOGIA DI SANREMO

Una volta i cantanti - non solo a Sanremo - si esibivano.

Ora si vestono, si truccano, o si denudano, si imbellettano, recitano, si muovono, parlano, si autotunano, si agitano, sparolacciano , si toccano un po' tutto, piangono, si riempiono di anelli, orecchini, strass, si battezzano e altre robe strane, anche attorno: attori, pseudomusicisti, fumi, ballerine, megafoni, luci, oggetti, magie, orpelli, introduzioni, smorfie, stop and go, urletti, sospiri, rap, trap, hip pop, gorgheggi e singhiozzi. L'apparire prima di tutto.


Addirittura qualcuno canta.

83 commenti:

  1. Adesso che tutto è finito vedremo se qualche canzone rimarrà nella nostra memoria. Musica e basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammetto che la vincitrice non mi dispiace affatto, stavolta.

      Elimina
  2. E le valette? Una volta stavano lì a fare la bella statuina,ora fanno vedere all'Uomo che le ha scelte quanto sono devote e a noi pagatori di canone una bella predica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oltretutto l'unica a far colpo, è un uomo.. e questa cosa non è carina.. ;)

      Elimina
    2. No, le prime due sere erano vecchio stampo, ai livelli di Pippo Baudo. Ma le altre sere sono state co-conduttrici.

      Elimina
    3. Uno era un co-conduttore

      Elimina
  3. mai guardato il festival. già non m'attirava quel modo di cantare. ora sarebbe perfino fastidioso.
    ma ho gusti particolari.
    buon giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti tanti finiscono per infastidire davvero..

      Elimina
  4. Lo hanno fatto ieri sera, molti bene altri meno.
    E hanno fatto anche il resto, lo spettacolo. Com'è giusto che sia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spettacolo è stato al pomeriggio! (perdonami.. )

      Elimina
    2. Mah, tutti a contestare, tutti a criticare, tutti a scriverne. Ignoralo.

      Elimina
  5. Credo che sia giusto così Franco. Il Festival come specchio esatto della società odierna. Con tutti i suoi profondi cambiamenti. Ieri ed oggi che si confrontano e molto spesso stridono. 😉
    Ciao e buona Domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come giustamente dicevi da Mariella, tu hai notato abiti, sfumature, pettinature.. tutta roba che a me al massimo ha dato ..brividi.. come il vestito giallo canarino della moglie di Amadeus la prima sera. Roba da chiodi (ma firmata) ;)

      Elimina
  6. Buongiorno.
    Mi viene da pensare al Festival come ad una trattoria di periferia dai piatti abbondanti (e "ignoranti" come diciamo a Roma) e dai prezzi bassi..
    Nulla a che vedere con i ristoranti stellati ma forse un po stucchevole.
    La forma ci sta e ci deve essere ma l'eccesso non è reale, è solo ipocrisia.
    Io questo Festival me lo son goduto come un pranzo in trattoria : piatti e servizio tutto compreso nel prezzo.
    E considerato che è in attività da 72 anni (lockdown compreso) direi che si, mi è piaciuto.
    E soprattutto ,,, non sparate sul pianista.
    Infine una "nota" sui vincitori.
    Hanno vinto tre generazioni.
    Mahmood rappresenta la nuova generazione di ascolti.
    Elisa gli utenti degli anni '80.
    Morandi gli albori dello spettacolo e della televisione.
    Fenomenologia del Festival.
    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Restando in tema, più un fastfood 'sto festival.. ahah

      Elimina
  7. Franco, riporto il commento scritto sul mio post delle discoteche.

    *Festival di Sanremo. Non lo vedevo dal tempo di "Volare" di Modugno.
    Sia i testi delle canzoni, i dialoghi, il parlare tra i protagonisti, il linguaggio è scadente, al limite del turpiloquio.
    I due ragazzi che hanno vinto hanno preteso di cantare portandosi due biciclette particolari. E' strano. Forse la voce è l'ultima cosa di una canzone.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le parolacce ormai sdoganate.. da cantanti, comici, commentatori.. bah!

      Elimina
  8. Però non è neppure corretto dare tutta la responsabilità ai cantanti.
    La fenomenologia di Sanremo è anche: presentatore, aiuto-presentatore, spalla dell'aiuto-presentatore, vallette, 14 cambi d'abito, ospite intellettuale di cui non frega nulla a nessuno, pesantissimo monologo di cui tutti tesseranno elogi senza averlo ascoltato, gag dozzinali, altre gag dozzinali, mezzanotte e ancora non tutti i cantanti hanno eseguito il loro pezzo perché in mezzo bisognava inserire il pesantissimo monologo e le gag dozzinali...
    É una cosa talmente trash che se uno prova a spiegarla a uno straniero mica ci riesce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una delle cose più carine sentite su facebook all'indomani della prima serata: "Ma i cantanti che hanno cantato stamattina?!?" ahahah

      Elimina
  9. Se guardi i Sanremo del passato era a mio parere chiaro che "la gara" servisse a vendere il disco. Ora non si vendono più dischi per cui la gara deve vendere altro. Il vincitore non mi è piaciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Kerm, Laura Pausini ha venduto 75 milioni di dischi, una bazzecola nel confronti di Mina che ne ha venduti 150 milioni.
      Brividi di Mahmood e Blanco, è il brano più ascoltato di sempre in un giorno su Spotify Italia. In sole 24 ore il brano in gara al Festival di Sanremo ha collezionato 3.384.192 stream.

      Elimina
    2. Non sono competente in materia ma: quando Mina era al top e volevi ascoltare la sua musica il disco lo dovevi comprare, la Pausini ha prodotto musica in un'epoca in cui la duplicazione "pirata" era la norma e il download "fraudolento" agli albori, secondo me la differenza è tutta lì. Lo streaming è un modo di fruire della musica relativamente giovane, questi numeri lasceranno il tempo che trovano.

      Elimina
    3. Il tuo ragionamento è corretto. Io volevo solo dire che i dischi si vendono ancora. Certamente non si arriva al miliardo e mezzo di copie da parte dei Beatles.

      Elimina
    4. La musica adesso vende ascolti, sfruttando radio, piattaforme, concerti. Il cd o anche il disco, è a margine.

      Elimina
  10. Una volta , tutti si vestivano in modo elegante; ora l'importante è apparire, stupire, più si è appariscenti, fuori dagli schemi e meglio è !! La canzone passa quasi in secondo piano, a favore del fare spettacolo . Bisogna sempre inventarsi qualche cosa di nuovo , tale da meravigliare il pubblico , in modo che se ne parli e la gente sia attirata a guardare. Chi ha vinto, non mi piaceva. Buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono mode e spettacoli che fanno trend, come anche post o articoli che attirano, altri, purtroppo, meno.

      Elimina
  11. Dopo i sette giorni di maratone televisive e di discussioni sul nulla per l'elezione (si fa per dire...) del Presidente della Repubblica, abbiamo dovuto subire sette giorni di Sanremo, a tutte le ore e in tutte le salse: ma è questo che ci meritiamo? Signore, abbi pietà di noi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be'..se con la settimana del Presidente mi sono arrabbiato parecchio, con Sanremo mi sono fatto due risate almeno.. però ti avrei letto con più piacere nel mio post precedente.. ;)

      Elimina
    2. Hai ragione, ci sono cascato anch'io: parlare di Sanremo pur non avendolo visto. Pensiero unico e dilagante. Dicono che il festival sia lo specchio dell'Italia, immutabile da oltre sessant'anni nel suo continuo mutare. Io sono sempre più preoccupato :)

      Elimina
  12. Chi te lo fa fare di guardarlo? Aspetto di sentire qualche bella (?) canzone. Non lo seguirei neanche...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci si ammazza dalle risate.. le cover poi..meglio di Stanlio Ollio!

      Elimina
    2. Ma io non l'ho guardato! Non sono così masochista...critico semplicemente il modo in cui la televisione di stato (purtroppo anch'io pago il canone) ha monopolizzato, per ben sette giorni, l'attenzione su un programma alquanto mediocre, dove non contavano le canzoni ma la visibilità di certi personaggi

      Elimina
  13. In realtà è sempre stato così, che io ricordi (quindi, dagli anni '80).
    Cerca le storie Instagram di Heroica.it, fa un (limitatissimo alle donne, peraltro) excursus negli anni... su questo argomento.
    La musica c'è, e in questa edizione c'è stata pure tanto tra omaggio e ospiti... ma Sanremo è uno show.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vedo un precipitare verso il sempre più assurdo.. e comunque, la musica che conta, anche quella italiana - anche quella degli stessi interpreti sanremesi! - gira fuori festival.. ahah

      Elimina
    2. No, nessun precipitare, anzi: è linguaggio che cambia, evolve; linguaggio televisivo, di uno show comunque garbato e classico, che ha dimostrato di funzionare benissimo...
      Non bisogna essere per forza contro, secondo me. E lo dico io che la musica che ascolto non è minimamente quella del Festival...^^

      Moz-

      Elimina
    3. Contro del tutto no.. io lo guardo ad esempio, un po' cerco qualcosa che possa perlomeno incuriosirmi, un po' mi ammazzo dalle risate.. insomma, un passatempo dai..

      Elimina
  14. Masochista tu che te lo sei visto.

    RispondiElimina
  15. E' proprio tutto questo che non mi piace di Sanremo, la sobrietà che non c'è più.

    RispondiElimina
  16. Siamo nell’epoca in cui si deve apparire ad ogni costo. Però tutto questo mostrarsi mette in secondo piano la musica, che dovrebbe essere l’unica protagonista. Che ci fai, ormai così è diventato il mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oltretutto l'impressione è che oltre poca musica, la stessa sia pure di livello folcloristico, nel senso che per risentirne di simile, dovrai attendere il Sanremo 2023.. ;)

      Elimina
  17. Io non posso giudicare lo spettacolo perché anche quest'anno, come tutti gli anni, non l'ho visto. L'attenzione dovrebbe riferirsi alla qualità delle canzoni e lo spettacolo dovrebbe accompagnare lo spettatore per resistere una settimana di canzoni sanremesi... te lo immagini una settimana di sole canzoni sanremesi senza un minimo di spettacolo? Se guardando il Tg mi ha irritato chi ha vinto non oso immaginare tutte le altre canzoni.

    Buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è un anno che irrita chi ha vinto lo scorso anno, e li evitiamo accuratamente

      Elimina
  18. Non ho visto sanremo, nemmeno quando ero piccolo e di canali ce n'erano due in tutto. Televisione in bianco e nero ancora di petra scolpita, per dire. Ma mi pare che, tutto sommato, sia sempre la stessa cosa. La stessa cosa adeguata un po' ai tempi. Mi sa che siamo noi, ormai, ad non esserlo più. troppo vecchietti! 😬
    😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alberto, anche noi ragazzini parlando ci scappava un piccolo turpiloquio, ma le TV, il Cinema avevano un certo rigore.
      Ora lo sbracamento è totale. Si chiama la libertà senza confini.

      Elimina
    2. Vero, Gus, Ma anche noi (o io se devo parlare per me) parlavamo in una maniera che i nostri genitori non approvavano. Trovo che ci siano cose ben peggiori del linguaggio. Anche se posso capire che dia fastidio

      Elimina
    3. C'è un'insana compiacenza da parte delle donne a usare il lemma "cazzo".

      Elimina
    4. A Sanremo? nei testi? io ho fatto caso a "culo"..

      Elimina
  19. Probabilmente ciò che conta in un Festival della canzone, che per giunta dura quasi una settimana, non è più "la canzone" ma lo spettacolarizzazione di sé stessi. Ormai è sempre più così. Ciao Franco, buona fine di domenica.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una macchina di ascolti che fa guadagnare. Le pubblicità infinite costano un botto. E se ci fai caso la Rai ci si auto sponsorizza le sue infinite fiction (una peggio dell'altra ndr)

      Elimina
  20. Perché sei vecchio Franco, queste sono cose per giovani xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah..bella Paole' ricicci come una rata de mutuo trimestrale, però si..tu sei una da Sanremo tutto d'un fiato, pubblicità compresa.. chi v'ammazza a voi gggiovani;)

      Elimina
  21. "L'apparire prima di tutto." Non lo trovo strano....quando esco di casa non c'è niente e quasi nessuno che non ami apparire. La musica? be, quella di Sanremo citando Bennato "sono solo canzonette".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio..non dico di trovarla al supermercato in cassa, la Rappresentante di lista vestita da abatjour, ma pure ci venisse a teatro, je servirebbero tre poltronissime.. ma avrebbe garantito il distanziamento, questo si.. ahahah

      Elimina
  22. Diciamo che se sei dal vivo secondo me realizzare una piccola performance non è un peccato mortale, lo diventa se quest'ultima copre la canzone o meglio la copre per nasconderne la sua banalità. Diventa un peccato mortale anche quando la performance è volgare o ipocritamente provocatoria. Prendiamo Achille Lauro: a parte che sarebbe stato da squalificare per aver portato di nuovo Rock and Roll cambiandone solo il testo, se voleva davvero essere provocatorio e non banalmente e senza alcun senso, un modo poteva averlo. Io ci pensavo, pensavo al fatto che a Sanremo si poteva cantare anche se non eri vaccinato ma eri tamponato ogni giorno, giustamente direi. Ecco io, ipotizzandolo non vaccinato, avrei pensato ad una provocazione anche forte, Franco, discutibile forse ma legata ad un'idea da difendere. In primis non mi sarei spogliato né mi sarei atteggiato a mossette ridicole, ma avrei messo due magliette Una col titolo della mia canzone, l'altra nascosta invece che avrei mostrato durante l'esibizione togliendo la prima. Quella nascosta sarebbe stata un Gesù in croce con al posto di INRI No vax. Contestabile? Sì ma almeno non furbetta o ridicola come il suo autobattesimo. Certo, va detto che io avrei avuto ben altro testo sul mio brano quindi ma di che sto parlando? Di Achille Lauro? Mi scuso ho solo sprecato il tuo ed il mio tempo. Per il resto, scusa l'off topic ma grazie di essermi accanto con i tuoi commenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto di Sanremo si commenta da solo.. ma in tanti ci sono affezionati, ognuno ha le sue debolezze.. chi guarda le canzonette, chi si strugge con un derby. Nessuno è esente.

      Elimina
  23. Non ho visto Sanremo per intero, impossibile per me sostenerlo. Ho guardato dopo alcuni spezzoni fino a farmene una visione più completa ma il giudizio negativo è rimasto. Una settimana intera di pseudo musica di quel tipo? Una settimana intera di monologhi di quel livello in quel contesto? Un presentatore che grida per 4 ore di seguito quanto tutto sia bello, fantastico, meraviglioso e commovente? Mi convinco sempre più di appartenere a un mondo ormai scomparso e me ne devo fare una ragione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E in effetti ti avrei letto (e non solo te) più volentieri, e con meno sorpresa, su altri miei post. A cominciare dal precedente. Ma non tutto funziona come pensiamo.

      Elimina
    2. Franco su molte delle cose che scrivi non c'è bisogno di aggiungere niente, io vorrei evitare di commentare solo per mettere la presenza. Ti leggo più spesso di quanto tu creda ma, è vero, commento pochissimo. Quando dico di appartenere a un mondo ormai scomparso ( non dico migliore ma scomparso) mi riferisco anche a questo. Ciao

      Elimina
    3. Forse proprio per questo c'è bisogno di comparire dove il sentiero è meno battuto, anche per segnarlo meglio ed offrirlo a nuovi sguardi.

      Elimina
  24. Un testo apprezzabile:

    Ora e qui
    di T. Di Giulio - Yuman - F. Cataldo
    Ed. Leave - Roma

    C’è una strada, tutta curve, tra il cuore e la testa
    Senza mappe, scorciatoie, o un’area di sosta
    A perdersi, io lo so bene, basta niente, come in mare
    Ma quando stavo per arrendermi, mi hai insegnato a respirare.
    Ora e qui, finalmente io
    Riesco a dire che sto bene, se trema un po’ la voce
    Mi fermo e mi godo la luce, anche fosseun istante, sì.
    Ora e qui, riesco a crederci
    Grido forte che sto bene, domani poi, si vede
    Questo è solo l’inizio del viaggio: mi piace,
    Vieni con me.
    Quante liste impolverate dai miei prima o poi
    Notti appese a uno schermo, a fare le sei… le sei!
    A vivere in un film che so a memoria, rinchiuso in un finale sempre uguale
    Ma poi mi hai detto: guarda là fuori, lo so che hai paura,
    Cadrai, ti farai male, ma è così se vuoi volare e.
    Ora e qui, finalmente io
    Riesco a dire che sto bene se trema un po’ la voce
    Mi fermo e mi godo la luce, anche fosse un istante, sì.
    Ora e qui, riesco a crederci
    Grido forte che sto bene, domani poi, si vede
    Questo è l’inizio del viaggio e mi piace,
    Resta con me.
    Ehi, ehi…
    Partiamo anche adesso, dai!
    Hai tenuto insieme il mio mondo, combattuto per due, vedrai.
    Ora tocca a me, dimostrarti che
    Voglio dire noi
    Voglio dirlo più forte
    Ancora più forte
    Ancora una volta, sì.
    Ora e qui, finalmente io
    Riesco a dire che sto bene, se trema un po’ la voce
    Mi fermo e mi godo la luce, anche fosse un istante, sì.
    Ora e qui, riesco a crederci
    Grido forte che sto bene, domani poi, si vede
    Questo è l’inizio del viaggio e mi piace,
    Resta con me

    RispondiElimina
  25. Mi sono sentito diverso

    Sempre ottimisti

    RispondiElimina
  26. Si affannano a volerci stupire ma personalmente trovo che non hanno dignità. Anch'io mi sento diversa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me dispiace che siano queste le trasmissioni più viste, così come anche i post più letti :( (allora perché li scrivi? Touché..)

      Elimina
  27. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sì, apparire. La musica pare essere divenuta un pretesto o forse l'alibi per non chiamare la manifestazione sfilata
      Non guardo il festival ma, attirata dalle pagelle che ogni testata ha pubblicato, sono andata al riascolto e ho trovato cose nuove che mi hanno incuriosita.
      Ho ammirato Elisa, sia per la canzone presentata che per la cover che ha cantato in modo straordinario (altrettanto lo è stata la balleria) ma non ho letto commenti su loro. Evidentemente non c'era nulla da dire... lei è una fuoriclasse sempre.
      Ciao.

      Elimina
  28. Non ho mai seguito il festival di Sanremo perché quelle poche volte che l'ho fatto anni fa dopo un po' mi annoiavo, ed è così ancora oggi. Tuttavia devo dire che vorrei salvare l'edizione di quest'anno per alcuni aspetti che hanno catturato la mia attenzione. Le canzoni dei primi tre classificati per le parole e per i motivi musicali non mi sono dispiaciuti (e faccio anche un elogio a Gianni Morandi che sembra veramente un po' giovane, lo fa sinceramente e ci mette la faccia).

    Salvo anche Drusilla non fosse altro per la battuta che ha fatto alla Zaniccchi che voleva metterla in difficoltà e Drusilla ha risposto: "Sono colta". Due parole sono bastate.

    Per il resto quel poco che ho sentito in diretta, o su altri servizi, mi sembrano canzoni vuote con testi evanescenti, musica ripetitiva, ed è tutto un esibirsi truccati in modo da cogliere l'attenzione solo per apparire, seminudi o in magliette da spiaggia in pieno inverno come dicevi tu nel post-

    Un salutone e grazie per la visita.
    Alla prossima

    P.S.: complimenti, 65 commenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concludo dalla fine. Mi dispiace avere una marea di commenti qui, e molti meno nel post precedente, ma così funziona..
      Per il festival infinitamente meglio, per me, i vincitori di quest'anno. Maneskin mai digeriti, proprio mai. ;)

      Elimina
  29. Renato Zero si è sempre truccato e vestito. Questo fa di lui uno che necessita di apparire e basta? o vale solo per i più giovani questo giudizio?
    L'arte passa anche attraverso l'esteriorità. Non bisogna essere asceti per poter comunicare qualcosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale anche per altri, ovviamente. David Bowie, Elton John...
      Ho citato Renato Zero solo per dirne uno di casa nostra.

      Elimina
  30. Che ricordi!! Sai quanti concerti di Renatino ho visto nella mia vita precedente?!.. e ricordo quando feci ascoltare alla mia ex moglie Dreamer dei Supertramp, versione originale di Sgualdrina, che tanti sorcini hanno creduto di Zero per una vita.. ovvio che ci stanno travestimenti.. penso solo ai miei Genesis.. che si canti e si suoni anche però.. ;)

    RispondiElimina
  31. mi sento un po' strana e fuori dalle righe, forse tutte queste pastiglie fanno uno strano effetto....ma a me questo festival è piaciuto. ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai..con tutto il contenitore e il contenuto.. qualcosa di bello alla fine esce fuori.. un'equa botta al cerchio ed una alla botte.. ;)

      Elimina
  32. A me sí, mi sono piaciuti i vincitori. Devo dire che loro e Gianni Morandi sono gli unici che ho visto, una volta finita la gara. La canzone vincitrice, dapprima, non mi piaceva molto ma poi l'ho riascoltata e sì,... in più, la coppia mi è sembrata tenerissima; gli auguro una buona posizione in Eurovisione.

    Ciao,
    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al primo ascolto ho arricciato il naso, mia moglie invece ha detto "qui almeno avverto una melodia", e allora ho posto attenzione diversa.. chissà se mi avesse detto "Ammazza che schifo questi!!"
      Quanto siamo condizionati dalle consorti? ;)

      Elimina
  33. Credo di essere uno dei pochi a non aver visto Sanremo. Tanto ne hanno parlato così tanto in giro che è come se lo avessi visto lo stesso. 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono immune purtroppo.. e vaccini alla bisogna non credo siano neanche allo studio ;)

      Elimina
  34. Slots & Casino Online - Best Slot Games in India 2021
    The Best Slot Games Online · Jackpot Party: Wild 닉스카지노 West Gold · 슬롯머신 무료 Roulette: Habanero · Blackjack III: Progressive Jackpot 룰렛 판 · Chilli 007 카지노 로얄 다시 보기 Heat: 실시간 바카라사이트 4.

    RispondiElimina
  35. Ma franco vuoi parlarmi dei look della Bertè, di Renato Zero, di come era tirata Patti Bravo... anche il look è studiato per far parlare del cantante e a sua volta della canzone... e se ti devo dire quello di quest'anno era meglio di altri...poi io sembro vecchia ma apprezzo anche cantanti giovanissimi con look che fanno discutere, tatuaggi e smalti sulle mani.... ma se il ritmo mi prende è la cosa che mi colpisce di più già alla prima volta che sento una canzone. Franco ma tu che musica ascolti che ora sono curiosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amica mia ...sono vecchietto e le mie radici musicali affondano nel rock progressive: Yes, Genesis, Emerson, Lake & Palmer, King Crimson (dei quali c'è tuttora una foto a sinistra del mia blog home). Di produzione attuale prediligo soprattutto i Coldplay, che amo a dismisura, ma posso ascoltare anche Rkomi, Cremonini, Elodie e Jovanotti.. insomma se un pezzo mi piace non mi faccio scrupoli da dove provenga.. posso anche ascoltare il rock che spacca (ci sono nato in fondo, prima di affinarmi..), allora metto su i Deep Purple o i Black Sabbath, non i Maneskin.. ;)

      Elimina

Sottolineature