martedì 8 febbraio 2022

PIU' LO DICO


Non mi va di scrivere poesie, estorcermi sensazioni,
confessare stati emozionali che non conosco,
che non parlano, che mi abitano soltanto.
Non mi va di ascoltarmi attraverso le righe,
di dovermi leggere per sorridere o compatirmi. 

E più lo dico più scrivo, più mi scrivo,
come fosse l'unico modo per accogliermi.

Non mi va di scrivere poesie
che si attorcigliano al nulla attorno
disegnandolo ingombrante, saturo,
fino a renderlo nebbia fine.
Ma più lo dico, più scrivo di me, 
e per riflesso di te, di quanto sei con me
ad ogni più piccola ansa di respiro,
ad ogni minimo dubitare.



54 commenti:

  1. Hai scritto una poesia.
    Ossimoro anomalo.

    RispondiElimina
  2. Buongiorno
    Questa poesia l'avrebbe sicuramente apprezzata anche la Merini.
    Immagina noi...
    Bellissima.
    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammetto l'autoreferenzialità, ma a volte serve a smarcarsi dalla pigrizia.

      Elimina
  3. La poesia è l'arte di esprimere sensazioni, sentimenti che si provano. Spesso i versi ci aiutano come i sogni a scaricare le tensioni. Buona giornata.
    Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le sensazioni pullulano e cercano vie d'uscita, la poesia è decisamente un bel pertugio a cercare luce..

      Elimina
  4. Bellissima, soprattutto la prima strofa.
    Non so come tu faccia, ma lo fai alla grande. Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sara, gran complimento da una accurata collezionista di immagini quale sei, scritte e visive.

      Elimina
  5. Concordo con Gus, la tua poesia è un ossimoro. Apprezzo sempre l’originalità dei tuoi testi e delle tue poesie. Proponi alternative interessanti!!! Ti faccio i miei complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricerco l'originalità, e ogni tanto viene lei a stuzzicarmi..

      Elimina
  6. Bello lo sguardo stupito della foto, le bici a tentar di coprire quella bocca che fa ooohhh...
    Evocativa anche la poesia: volentieri leggerò le prossime che non-scriverai 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non scrivo da una vita, difficile non smettere.. ;)

      Elimina
  7. Vedi - caro Franco - quando tu vuoi confessare i tuoi "stati emozionali", sublimandoli, cosa fai? Prendi i tuoi turbamenti...le tue sensazioni...i tuoi scompigli interiori - anche quelli che non ti parlano ma ti "abitano soltanto" - li mescoli con un pò di fantasia (che non ti manca), aggiungi una spruzzata di colore per rendere più viva l'immagine, e ne fai una bella poesia. Ecco, io non sarei mai capace di elevarmi così: posso solo provare a cercarli - i miei sentimenti - tra le righe di una poesia, leggendo però quelle degli altri...:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo le analisi interiori tengono banco, e le ringrazio, assieme ai turbamenti e alla voglia di raccontarsi, di leggersi, di farsi compagnia. Nessuna depressione l'avrà mai vinta su chi sa parlarsi, ed ascoltarsi.

      Elimina
  8. Bellissima tutta. Per quanto scrivi e il modo con cui lo fai, direi proprio che sai
    "accoglierti" a braccia aperte.
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  9. Preferisco non aggiungere altro.
    Bravo e grazie per avermi fatto riflettere. Ciao.

    RispondiElimina
  10. Non ti va ma la fai, e non ti rimproveriamo per ciò, anzi, ti diciamo "non ti va, lo sappiamo, ma che bello leggerti".

    podi-.

    RispondiElimina
  11. Molto carina davvero. Complimenti
    E concordossimo con te, per cui tu continua a non scriverle e io continuerò a non leggerle
    😉
    Ti do la mia parola, ma non perderla, non rivendertela, abbine cura che un giorno magari me la restituisci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su quello non ci piove. Dobbiamo restituire ad ogni istante, siamo portatori sani di regali immensi. Grazie di esserci, intanto. E la tua parola è ben custodita.

      Elimina
  12. Come avete già sottolineato, hai fatto un pregevole ossimoro. Complimenti!
    Buona giornata.
    enrico

    RispondiElimina
  13. E meno male che il tuo "io" più profondo si ribella visto che capolavori escono da quelle parole che assembli con intensa magia.

    RispondiElimina
  14. Alla fine hai scritto una poesia, estorcendoti sensazioni e confessando stati emozionali!! :-)

    RispondiElimina
  15. E invece:
    "Continua a scrivere poesie
    che si srotolano nell'universo
    disegnandolo vuoto e immenso,
    un'infinita pioggia di coriandoli."
    E' il mio modo - per nulla irriverente - di farti i complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente per nulla.. non avrei mai dubitato.. un abbraccio!

      Elimina
  16. Ti abitano le parole che sai trasformare in poesia. Bravo😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci abita un sacco di roba.. prima o poi un censimentino lo tiro fuori.. ;)

      Elimina
  17. Ma è una poesia :))
    Le tue emozioni vere e sincere, cercano sempre espressione e spesso anche apprezzabili versi.
    Mi manchi amico mio.

    RispondiElimina
  18. Un serpente che si morde la coda poetando.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che mordere si fa il solletico, un salto carpiato a riscoprirsi..

      Elimina
  19. Ad ogni minimo dubitare, che vita sarebbe tutta di certezza di cose dritte che non si incontrano mai
    Cerchiamo casomai di non contorgere i nostri sentimenti di modo da non riconoscere più il bene dal male

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molti arrivano a quel punto, e non sanno più chi è persona e quale personaggio.. e non volerlo ammettere la loro resa più malinconica.

      Elimina
  20. Risposte
    1. Ahah.. se leggessi quello che ispira Chalanoglu.. ;)

      Elimina
  21. E meno male che più lo dici e più scrivi;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero meno male.. meno male soprattutto per me, che mi scrivo parlandomi..

      Elimina
  22. A me piace. Solo la poesia è capace di dare corpo a certi pensieri, a certe emozioni. Se li hai pensati, se le hai provate, vale la pena scriverli. È un modo per comunicarli e così esorcizzarli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li ho provati si, la pagina bianca si esorcizza così, svuotando di colpo vecchi armadi, cassetti malmessi, pagine di memoria appiccicate tra loro.

      Elimina
  23. non ho badato alle date di pubblicazione, ma questa mi richiama, per assonanza e per contrasto, la poesia di Palazzeschi appena letta sulle pagine ingiallite di Pino.
    massimolegnani

    RispondiElimina
  24. Risposte
    1. Grazie Sinfo.. ogni tanto si fanno due chiacchiere con la propria ispirazione..

      Elimina
  25. E meno male, che non ti va di scrivere poesie e non ti va di scrivere di te! Questa è la vera poesia che parla di te! Non smettere mai! Un abbraccio 😊

    RispondiElimina
  26. Sarà un effetto voluto ma è una delle tue poesie migliori finora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nick, l'ultima nata la coccoliamo sempre un po' di più.. ;)

      Elimina
  27. di noi resteranno forse soltanto questi attimi. questi brevi, intensi bagliori.
    ciao e grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O forse neanche quelli.. ma che bella luce in quegli istanti!!

      Elimina

Sottolineature