martedì 19 luglio 2022

SCRIVE BORGES





Scrive Borges, con arguto calembour filosofico:
essere immortale è cosa da poco: tutte le creature lo sono,
giacché ignorano la morte”

tranne forse noi, poveri bloggers impantanati di emozioni pixellate,
che gozzovigliamo di fantasmi e vite extra terrene,

che passeggiamo con la testa tra le nuvole e gli astri,
a sfiorarci continuamente di sogni iperbolici e strani futuri,

che immaginiamo mondi paralleli a strapparci via dai tramonti offuscati.

Stiamo forse sprecando tempo 
nella nostra mortalità chiassosa
anziché goderci l’ampio respiro dell’esistere?

33 commenti:

  1. Pensa gli storici del futuro quante informazioni troveranno nei nostri blog!

    RispondiElimina
  2. Franco, lo spam ha rubato la mia risposta?
    Se così non fosse significa che hai cancellato, oppure che io ho solo sognato di commentare.

    RispondiElimina
  3. io credo che le parole siano sempre tracce importanti

    RispondiElimina
  4. Franco non mi sento immortale, anzi ti dirò che a quanto pare chissà chi, non mi vuole ancora mi rimanda sempre indietro. Forse perchè qualcosa qui lo devo ancora fare. Ma non ho paura della morte, non più perchè ora i miei figli sono grandi, prima si Ora sono pronta qualunque giorno. Immortale sarei un super eroe ma non ho neanche idea a che super eroe potrei paragonarmi.
    Dove finirò bho di sicuro in una bara, dove andrà la mia anima non lo so. Spero solo che li sul uscio ci sia un volto noto che mi conduca da qualche parte...non vorrei perdermi Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono immortali i nostri sorrisi, i pensieri, il bene che vogliamo, la pazienza che mettiamo, i sogni che ci avvolgono..😘

      Elimina
  5. ..ma lo scrivere e il bloggare sono un altro modo, complementare, di "goderci l'ampio respiro dell'esistere"
    ml

    RispondiElimina
  6. Non aspiro all'immortalità ma desidererei essere amata qui... per poi essere felicemente scordata.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dobbiamo aspirarvi, perché finché in vita, lo siamo..😁

      Elimina
  7. Mai sentita immortale, blogger o meno.
    Né vorrei esserlo.
    Sono fiera del mio essere terrena e della mia presenza temporanea su questa Terra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti siamo terreni e deperibili, ma felici..😘

      Elimina
  8. Immortale? No grazie, mi basta vivere.
    Ciao

    RispondiElimina
  9. Ma sì, andiamo a vivere la vera vita: al bar, a leggere la gazzetta del gossip sportivo intavolando discussioni col tifoso laziale all'altro tavolo su chi vincerà lo scudetto quest'anno ;-)

    RispondiElimina
  10. L’immortalità a dire il vero non mi interessa, stiamo sprecando la nostra esistenza perché viviamo di emozioni e corriamo dietro chimere e sensi di vita irraggiungibili ? Credo che anche questo è vivere, il mondo interiore vuole la sua parte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti continuo a sfiorarmi di sogni iperbolici e camminare tra le nuvole. Nel mio presente immortale 😘

      Elimina
  11. io direi che è un modo molto costruttivo di perderevtempo.
    Di Borges ricordo le grandissime partite contro Mecchinrò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immortali i suoi rovesci dal fondo. Dopo pranzo..🤣

      Elimina
  12. Ho sempre pensato alla mia dipartita, ed oggi, che il più della mia vita è trascorsa il pensiero è costante. Non è negativo pensare alla morte, forse se l'umanità ci riflettesse di più, la vita su questa terra, sarebbe migliore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare che ci stanno pensando per bene...alla morte di tutti!! 😱

      Elimina
  13. Ammiro lo stile di Borges, ma credo che abbia passato l'immenso tempo che aveva a disposizione come bibliotecario, oltre che a leggere, a limare i suoi scritti talmente tanto da farli sembrare qualcosa, mentre ha tralasciato la meditazione, e di sviluppare un pensiero proprio che sia tale. Mi sembra evidente la fallacia dell'assunto che hai citato: conosco bene la morte, sia in teoria sia in pratica, giacché ho visto più di un morto coi miei occhi, e anche una persona al momento del trapasso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finché non vediamo la nostra, siamo immortali..bizzarro ma profondo..😊

      Elimina
  14. Non siamo noi ad essere immortali ma il ricordo che lasciamo di noi, ricordo che parte dall'essere stata una persona importante per qualcuno, o per i nostri sorrisi come osservavi in un commento o per le nostre opere, per il nostro pensiero, per la nostra generosità ma noi non siamo immortali ed il segreto non è nel fingere di esserlo, ma nel dimenticarsi di non esserlo tanto non ci si può fare nulla, e vivere al meglio la vita il più intensamente possibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Saremo quello che siamo ora. Possiamo lasciare positività o negatività. Alcuni sono molto bravi nelle seconde. Maestri direi.. ahah

      Elimina
  15. ognuno lo spreca come preferisce. questo fa la differenza. antonypoe dixit :)
    buon giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte probabilmente ci sfugge l'utilizzo, crediamo di essere protagonisti e subiamo condizionamenti infiniti.. ;) ..come quando vengo a risponderti 8 giorni dopo.. ahah

      Elimina
  16. Borges scrisse grandi cose, tra queste sull'immortalità e sulla morte come pochi altri. Apprezzo la citazione all'inizio del tuo post.

    RispondiElimina
  17. Ci stiamo godendo il tempo di leggere e scrivere, lo trovo bellissimo. L'importante è che i nostri blog non siano di una noia mortale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fondamentale, intanto, è che non lo siano per noi.. il resto è tutto un di più; piacevole e corroborante, ma comunque un di più.. ;)

      Elimina

Sottolineature