martedì 26 luglio 2022

LENTO SGRETOLARSI

 


Il mondo si stava sgretolando e lui, che se n'era accorto suo malgrado, cercava volenterosamente di fare qualcosa.

Una rattoppatina al ghiacciaio esausto, una soffiata su un maxi incendio, i feltrini ad una placca che non si teneva su.. ma era troppo il daffare.. c'era anche l'universo che remava contro, il sole che perdeva vigoria, le stelle sempre più cadenti, quella pioggerellina, almeno a rinfrescare, che proprio non voleva saperne..

Quando giunse l'Irreparabile constatò con una sorta di fastidio che il più era comunque fatto e si defilò irretito.

Forse per la prima volta, un maldestro fai da te ottenne un brillante successo. 

E continuammo a sopravvivere, belli e assembrati.

31 commenti:

  1. Nel nostro mondo ci vorrebbe altro che un maldestro fai da te , forse ci vorrebbe che tutti ci impegnassimo in un "fai da te" universale , per dare un pò di sollievo al nostro povero pianeta in sofferenza !! Un bel racconto, mi è piaciuto, buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie.. dovremmo metterci tutti del nostro, ma credo che non si faccia abbastanza, nessuno fa abbastanza..

      Elimina
  2. Bisogna non sottovalutare Madre Natura, si dice che è molto permalosa, che non ama essere presa in giro e detesta chi le manca di rispetto, potrebbe in un impeto d'ira potrebbe risvegliare i Titani per dare una piccola lezione di civiltà a noi umani.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho come l'impressione che la sveglia inizi a trillare..

      Elimina
  3. siamo messi male, siamo riusciti a distruggere l'unica cosa bella che ci era stata donata, che doveva essere in vita per intere generazioni, per i figli e i nipoti e pro nipoti e invece abbiamo rovinato tutto- Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stiamo sistematicamente bruciando risorse e opportunità. A volte mi sento egoisticamente felice di non avere figli.

      Elimina
  4. L'irreparabile non l'avrà mai vinta... all'ultimo, proprio all'ultimo, quando la terra sembrerà sull'orlo della catastrofe, guarderà indietro e interverrà, e sarà il suo regno, cieli nuovi e terra nuova, che mai avevamo immaginato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace questo tuo guardare alternativo.. del resto, siamo maestri dell'arrangiarsi..

      Elimina
  5. Un bel racconto con un bel finale, un'apertura sul possibile e sulla speranza, però io son troppo pessimista, non credo che l'uomo l'avrà vinta, la natura non perdona chi non la rispetta.

    RispondiElimina
  6. Forse il buono è proprio questo: che ci estingueremo e la smetteremo di disturbare. Se non ci riusciamo in altro modo...
    😬

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo capaci anche di estinguerci disturbando.. ;)

      Elimina
  7. Quanto ci malediranno i posteri! Come dargli torto?

    RispondiElimina
  8. Risposte
    1. Ci mettiamo una pezza da una vita. Forse siamo noi il tappullo..

      Elimina
  9. Non riesco a scherzarci su, purtroppo. Tutta questa situazione mi preoccupa e non poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un malinconico scherzarci spero mi assista sempre.

      Elimina
  10. Da minima formichina, mi adopero a utilizzare al minimo l'automobile e l'aereo, a mangiare meno carne e pesce, a diminuire l'uso di energia. E lo faccio con 'prio' (piacere) perchè è bello, giusto e sacro tentare di fare qualcosa per la Madre Terra...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi chiedo a che pro comunque, ogni volta che assisto a scene di ordinario sfacelo, sia tra noi formichine, sia da parte di chi dovrebbe davvero spostare equilibri ormai precarissimi.

      Elimina
  11. terminato l'antropocene la Terra si riprenderà alla grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è visto con il lockdown.. a me solo lo sparire dei sentieri nei giardinetti sotto casa, ingoiati in un amen da nuova e lussureggiante vegetazione, ha fatto pensare a quanto ci metterà il sistema mondo a scordarsi di noi: un altro amen.

      Elimina
  12. Stiamo riuscendo quasi a distruggerci. Che bravi. Il non rispetto della natura prima o poi si paga. Però vogliamo ancora sperare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sperare fino all'ultimo sempre, magari operando in qualcosa di utile.. chissà..

      Elimina
  13. Pandemia, epidemie, guerre e guerriglie, riscaldamento globale e medusa a frotte, incendi, disboscamenti e terremoti, ghiacci sciolti e esondazioni.
    Crisi finanziarie e politiche, inflazione e corruzuoni, omicidi, femminicidi e matricidi.
    Cos'ho dimenticato?
    Stavolta L'abbiamo fatto incazzare sul serio.
    Forse anche per chi non ci crede.
    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che abbiamo messo a soqquadro quasi l'intero campionario.. io ci metterei anche De Ketelaere che non arriva al Milan ma comprendo che andiamo a spulciare nel sottobosco di troppe aspettative rigorosamente ad personam.. ;)

      Elimina
  14. Mi dispiace perché a mio nipote lascerò questo mondo, peggio di come l'ho trovato io. Purtroppo la singola persona può fare ma è l'unione che determina un risultato. Sta peggiorando tutto e cosa fanno? Parlano e non stabiliscono delle regole da rispettare. Se aspettano ancora degli anni, non ci sarà più niente da rattoppare.

    RispondiElimina
  15. Abbiamo inserito l'autodistruzione, allo stato attuale non vedo un futuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devastante ma reale.. e poi adeguiamo come nulla fosse, come questa ultima assurda guerra che ora sfiora appena i telegiornali..

      Elimina

Sottolineature