martedì 12 luglio 2022

CASACCIO (SCRIVERE A)

 


Scrivere a casaccio di cose che passano per la mente e trovano comunque modo di arenarsi su un foglio bianco, senza fuggire via come da una finestra spalancata.

Una soluzione funzionale, ammesso che chi legga ne tragga spunto, profitto, piacere, sorpresa, traccia, memoria.
O non è necessario?
Basta quel gusto liberatorio di chi riesce a scrivere esprimendosi, in effetti.
Il lettore giunge sempre dopo, e anche lo scrivente che rilegge, giunge comunque a giochi fatti.

Se ci appelliamo all’assioma che chiunque legga è già a conoscenza - per esperienza, tradizione, cultura - dei diversi strati di letteratura, di fantasia, di personalità allo sbando che si concepiscono su carta come elementi spesso lontanissimi da noi, anche dal nostro personale assemblarli,  apparendo a volte assurdi e indefiniti o invece particolarmente arguti, possiamo credere di non dover fornire, a nessuno, noi compresi, spiegazione alcuna, nessun appiglio.

E possiamo quindi semplicemente scrivere o leggere, dare sfogo di cose che non esistono se non per il fatto che sgorgano da noi, luci che adombrano, tempeste che rasserenano, videocitofoni che digitano il nostro interno, elementi che ci spariscono sotto il naso, o dentro, chissà.. tutte robe che si adoperano solo per acquisire forma, utilizzando noi che le originiamo (e noi che le leggiamo), sogni che ricordiamo appena, strazi della mente che atterrano convulsi tra pixels e inchiostro.

Perché trattasi di sensazioni, sfumature di pensiero che si sostengono l’un l’altra senza una base di partenza, o un tentativo di conclusione.
E molti considerano questa, letteratura: il pieno e partecipe, forse unico coinvolgimento di chi legge e interpreta ciò che magari avrebbe voluto, con sorpresa, generare.

Gli scrittori solo un blocco di inchiostro che vaga come iceberg alla deriva.
E i lettori, orsi polari rimasti prigionieri, in attesa di un approdo significante, e condannati a vagare all’infinito finché, sperduti entrambi nell’oceano artico, un lembo di terra non si riveli, a suo dire, punto di arrivo.
O anche solo punto alla fine di periodo confuso.


36 commenti:

  1. Forse sono proprio una di quelle che scrive a casaccio, cosa mi viene in mente lo scrivo e pure su un blog che poi leggono altri. Ma io che non mi definisco una scrittrice, a volte non riesco a sfogare piccoli o grandi sentimenti su un semplice post. Adoro vagare, e tu lo sai, nei blog dove c'è veramente dietro uno scrittore, dove ogni parola è calcolata e ha un significato speciale, dove i temi trattati hanno alle spalle una ricerca accurata. Da piccola avevo una amica di penna, ogni settimana ci scrivevamo, ci siamo mangiate un sacco di francobolli eppure vivevamo a poca distanza. Lettere di due ragazzine scritte a mano, con l'aggiunta di faccette e cuoricini. Quando nella buca vedevo la sua lettera io ero felice e lei pure. Una cosa che durò anni. Le conservo tutte, anche lei. Siamo mamma, adulte, con figli, viviamo lontano, le mie mani non mi permettono più di scrivere in una calligrafia accettabile. Ci siamo trovate alla festa del paese, lei sempre bellissima tanto che l'ho riconosciuta subito, io cambiata, ma anche lei mi ha riconosciuta subito. In mezzo alla folla, davanti a figli e mariti, due donne che si abbracciavano con gli occhi umidi. IN pochi minuti ci siamo raccontai tutto, figli, lavoro, vita....come se avessimo scritto una lettera.
    Tu sai che giro per il tuo blog, c'è un motivo, tu passi da argomenti seri a quelli divertenti, tu sei uno scrittore, usi giusta punteggiatura, termini corretti. Io non lo sono. Ma vedo che tu mi leggi lo stesso grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ritenessi punteggiatura e coniugazioni più importanti di una scrittura che intriga e comunica, sarei un gran pirla.. 😁

      Elimina
    2. ma tu comunichi tante cose per quello io quando ho un po' di tempo vado a leggermi i post, più vecchi, è come leggere un libro, scopri sempre qualcosa che spesso non sapevo o semplicemente che mi dice qualcosa

      Elimina
    3. Sei un tesoro unico io molto orgoglioso di questo tuo peregrinare.. un abbraccio!!

      Elimina
  2. Io credo che alla domanda, “perché si scrive?” si possano dare mille risposte, belle e fantasiose. Resta però un fatto: è la domanda più sciocca che si possa fare. E’ come chiedere perché mangi, o perché dormi o perché fai l’amore. Certo, “il lettore giunge sempre dopo” – come dici tu – ma dipende sempre da cosa scrivi: altrimenti quel lettore non arriva mai. E questa è la cosa più frustrante per chi scrive. Perché si scrive sempre per essere letti, anche quando si scrive a casaccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io scrivo innanzitutto per me, un po' come il respirare o il mangiare che sottolineavi..tutto il resto è contorno, arredo, accessorio..😁

      Elimina
  3. Quello che scrivi riflette sempre uno stato d'animo. Chi legge dovrebbe comprenderlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte non lo comprende chi scrive..giustifico il lettore eventualmente spiazzato..😁

      Elimina
  4. oh, ecco il casaccio promesso)
    mi piace fare l'orso polare che passeggia sul lastrone di ghiaccio alla deriva.
    ml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti vedo meglio in montagna.. ma anche gli esempi, erano un po' a casaccio.. ;)

      Elimina
  5. Il caro vecchio Stream of Consciousness di Virginia Woolf. Lo faccio da tutta la vita :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un colloquio multiplo dove si comunica ad ampio raggio.

      Elimina
  6. Scrivo per rendere visibili i pensieri che mi balenano nella testa. Se rileggo ciò che ho scritto anni prima, a volte tento a non riconoscermi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembra molto democratico, a casaccio, o perlomeno libero.. o comunque uno ci prova..ecco, provarci sempre..

      Elimina
  7. Scrivere a casaccio è molto liberatorio e funziona... io lo faccio qualche volta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si..funziona..come iniziare a correre e poi trovare un sentiero, una pista; oppure un odore guida, un sentimento, una memoria che ispiri.. intanto però ti sei mosso, hai preso una penna, aperto una pagina word, smosso le cianfrusaglie di pensiero..

      Elimina
  8. Secondo Prezzolini, il vero primo lettore è colui che scrive, consapevole o meno del suo stesso sguardo giudicante.
    Scrivere, quando non è solo divertimento, è mettersi a nudo e la cosa è imbarazzante quasi come giudicarsi allo specchio dopo la doccia del mattino. Scrivere, secondo me, è mediare fra quel che si pensa, si sente, e la capacità di esprimerlo... e più si è c0lti più il compito si fa arduo.
    Io scrivo per me, per protesta e divertimento ma mi fa piacere il commento di chi legge perchè mi arricchisce e spesso aggiunge qualcosa di più o di inedito al mio testo.
    La scrittura è sicuramente necessaria, oltre i motivi che citi, per conoscersi. Leggendo i miei scritti passati e non pubblicati, infatti, noto quanto sia cambiata la mia visione del mondo e quanto siano diminuite forza e determinazione... leggere un mio vecchio testo diventa come guardare vecchie fotografie... e un po' si sorride e un po' ci s'immalinconisce.
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trovo tutto perfettamente calzante, si cambia; a volte si cambia che neanche hai finito di scrivere la riga.. rileggi e dici: ma che ha scritto questo? In un processo di estrinsecazione e sguardo apparentemente oggettivo, teso forse a migliorare, o a sorprenderci, o di allenamento a criticare tutto, niente e nessuno escluso.

      Elimina
  9. Non ho una propensione per la scrittura soggettiva e non riuscirei a scrivere a casaccio. Forse sono ancora influenzata dagli insegnamenti del liceo che non contemplavano la scrittura a casaccio. Ci hanno sottomesso a regole di scrittura così rigide che, almeno personalmente, hanno frenato il mio libero sfogo creativo, a tal punto da preferire la scrittura oggettiva e impersonale. Da lettrice è diverso. Mi piace naufragare in quel mare di parole senza un punto di arrivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avere paura..è come navigare a vista, la mano sembra autonoma, la penna sorprende la vista mentre disegna ghirigori che mai avresti generato, se sottoposti a troppi check in.. come in poesia..

      Elimina
  10. Da tempo hi messo a punto il sistema dell'annoiarsi al computer. L'importante è che la sedia sia comoda. Poi si può stare lì, a scrivere, a casaccio, qualsiasi cosa venga in mente. Ho sperimentato che dopo un po' (e qui occorre avere le antenne tese) vengono in mente ricordi e idee. Allora la scrittura è anche sostanziosa, condivisibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovvio si produce tanta roba che non piace. In un dato momento. Poi la riscorgi, un giorno, depositata in un angolino semibuio, e un riflesso di idea sbuca dallo schermo, o dalla pagina di bloc notes, e ti chiede se ora ricordi.

      Elimina
  11. Sì, infatti ogni lettore può trovare il "suo" scrittore: lo leggi tu e ti lascia indifferente, lo leggo io e mi sento sollevato sopra il più alto empireo.
    È una sorta di incontro indiretto e imprevedibile fra due persone che all'atto pratico quasi certamente non avranno mai uno scambio di vedute diretto tra loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Incroci di sensazioni che viaggiano per conto loro ma possono intersecarsi e rimanere abbagliati. E vale anche per le nostre cose. Per questo tendo a rileggere, e a rileggermi.

      Elimina
  12. ci sono un sacco di giornalisti che lo fanno e sono pure pagati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dire, il dilettevole e pure l'utile.. un casaccio a peso d'oro.. ;)

      Elimina
  13. Io non so se scrivo soggettivamente, scrivo quello che sento senza sovrastrutture quindi la risposta dovrebbe essere Sì ma non scrivo quasi mai di me stesso quindi... Scrivere a casaccio, non ci ho quasi mai provato perchè già senza provarci scrivo tantissimo se poi scrivessi anche in quel modo... Che poi " a casaccio" io lo tradurrei in modo più figo ma anche vero, stream of consciousness. Cmq provo ora a vedere se e come funziona ovviamente in poesia. Unica concessione alla fine il titolo sarà deciso rileggendola e quindi non a casaccio 😁

    "ESPERIMENTO EMOTIVO"

    Pulviscolo negli occhi
    Lista passeggeri cartacea
    Non la puoi falsificare
    Non puoi modificarla
    Hackerarla

    Se è il tuo turno
    Su quel volo
    Non puoi scansarlo
    Nè sperare che precipiti
    Prima che arrivi al tuo Gate.

    A volte capita
    Che parta in anticipo senza di te
    In realtà non è quello che realmente succede,
    Semplicemente non eri registrato
    Su quel volo
    Non era il tuo momento.

    E vai a zig zag
    Finestre chiuse
    Per non sentire la disperazione dell'uomo
    Ed al contempo
    La sua ferocia.

    Ed intanto segui il flusso dei tuoi pensieri
    E speri che non ti porti fuoristrada
    Che non ti faccia dire cazzate
    E mentre rifletti su tutto questo
    Senti che le tue emozioni ti portano
    Dritte verso due grandi amori:
    Quello per LEI
    E quello per gli unici colori che amo
    I più antichi d'Italia.

    E mentre chiudo gli occhi
    Per sognare il momento più bello della mia vita
    Mi accorgo che per oggi
    Questo esperimento
    Può concludersi qui
    E penso
    Che in fondo
    Anche quando scrivo
    Con un tema da me predeterminato
    Avendo già ben chiaro cosa vorrò dire,
    Non seguo poi uno schema emotivo
    Così lontano da oggi
    Lascio comunque
    Che le mie emozioni
    Scorrano a briglia sciolta
    A casaccio...

    DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Daniele.. citi Sara anche tu riguardo lo stream of consciousness, io volo più basso ma in fondo ci piace il disordine, l'appiglio volante, l'emozione che ti sale e che comanda lei.
      Alla fine esiste solo questo: essere autentici, non prendere in giro. Molti fanno fatica, troppi.
      E continuano a falsificare la carta d'imbarco...Un abbraccio!

      Elimina
  14. Molto semplicemente: si scrive come si crede e si legge come si crede, e quando scrittore e lettore s'incontano (a casaccio?) è una piccola, piccola magia

    RispondiElimina
  15. Molte scrivere a casaccio può essere anche una buona soluzione.
    Sereno pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..un po' come respirare a casaccio in montagna, felice solo di far girare dentro aria buona, e di immettere nell'aria, in risposta, sorriso e soddisfazione..

      Elimina
  16. Per scrivere deve arrivarmi un'ispirazione: un fatto successo, un incontro, una riflessione su un dato argomento...Ultimamente scrivo poco, ho scarse ispirazioni. Non ho mai scritto a casaccio, credo di non esserne capace.

    RispondiElimina
  17. Buongiorno Franco,
    No... Non si scrive mai a casaccio.
    Scrivere significa materializzare il pensiero, molto più che con il verbo, e rendere pubblico il pensiero stesso.
    Dandoli in pasto o in omaggio a chi ci leggerà.
    No... Non si scrive per "noi stessi".. Che bisogno avremmo? Non basta ascoltarci? Ascoltare il moto dei pensieri nella testa? No, non si scrive se non per chi noi vorremmo che ci legga.
    Incuranti, forse, del loro commento o, peggio, del loro giudizio.
    Scrivere è comunicare.
    Lancia un "message in a bottle" nel mare magnum della vita o, meglio ora, della rete e attendere che un battello passi a darti un cenno, di vita, di saluto, di aiuto.
    Io ciò che scrivo non lo rendo pubblico, per una atavica paura del dissenso o il mancato commento.
    E non sbaglio.
    Ma chi scrive e pubblica, come ho più volte affermato, ha la responsabilità di poter dare al modo tanta bellezza e non farlo, non regalare gioia è un delitto contro l'umanità.
    Quindi continua! Continuate a scrivere (anche a casaccio!) la bellezza sarà sempre vittoriosa sul brutto, sul dolore, sul banale
    A.

    RispondiElimina
  18. Perché precludersi questa possibilità.
    A volte può essere proprio un bell'esperimento.
    Comunqui io scrivo a casaccio da sempre, fin dalla scuola, fin da piccolo, fin dalla fine, proprio.

    RispondiElimina
  19. Tu Franco dimmi la verità, pensi che io scrivo a casaccio sul mio blog, perchè una persona mi ha accusato di questo. Forse io sono spinta più dal istinto, dal cuore, dai sentimenti, ma questa cosa di scrivermi che scrivo a casaccio e che spesso non capisco cosa gli altri scrivono lasciando a mia volta anche commenti a casaccio, mi ha fatto stare un po' male. Per quello chiedo un parere a te che so sarà schietto e sincero. Grazie

    RispondiElimina
  20. Si può scrivere a casaccio? non so. Io credo che si scriva quello che per noi è urgente scrivere, quello che sentiamo necessario per darci pace. Anche pensieri sparsi, emozioni, sentimenti lasciati su un foglio a caso possono diventare un' antologia da rileggere.

    RispondiElimina

Sottolineature