mercoledì 1 giugno 2022

CORRETTORI DI BOZZE DEL MONDO NE ABBIAMO?

 


Prendo spunto da un articolo su Robinson di Repubblica..  George Steiner che parla di Sebastiano Timpanaro, filologo e latinista, leggendariamente noto come "il" correttore di bozze.

"Quel che ho cercato di dimostrare in questo racconto" precisa Steiner "è che un correttore di bozze può essere l'allegoria di qualcuno che voglia correggere il mondo. Correggere un errore tipografico, infatti, non è una piccola cosa: significa credere in un mondo dove possano esistere l'esattezza e la verificabilità, un'utopia della precisione. Il correttore di bozze come il rivoluzionario".

Mestiere che mi affascina da sempre, perché sono un perenne correttore.. i miei post in bozza sono magma pulsante, leggo e correggo, svirgolo, contraggo, sostituisco.
Quando li pubblico, poi, magari mi do quiete un secondo, ma se capita di rileggerli a distanza, cambierei di tutto.. ed ecco lo spunto:  un correttore di bozze del mondo cosa dovrebbe inventarsi?
Quante guerre debellare, quanti confini spostare, quante bistecche esportare, quanta acqua far defluire da un pozzo o un altro?
E perché magari non mettere a ferro e fuoco l'intero pianeta, anziché solo qualche focolaio sparso in giro?
Il Correttore di Bozze Universale probabilmente non può corrispondere alla nostra idea di mondo, così come ci cancella gli a capo e sostituisce gli avverbi, alle prese col mondo intero potrebbe affossare le Maldive e portare ghiaccio perenne sulla Senna..

Eppure servirebbe un correttore a portata di mano, un emissario del Grande Architetto, uno che si sporca le mani, passa il grasso sulle giunture, rimette in asse una finestra, coniughi qualche verbo magari, o anche solo riordini la sintassi mondiale. 

Eppoi dia l'ok per un nuovo inizio. 

51 commenti:

  1. Ho sempre avuto il sospetto che all'interno di un correttore di bozze alloggiasse un giovane refuso con tanti limiti e svogliatezza. Un tipo pericoloso che trovando un autore con l'intenzione di scrivere "questo" commise la sbadataggine di sbagliare digitando il lemma queto e l'ardito correttore di bozze, ascoltando il suggerimento del giovane refuso, trasformò in "quieto".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al correttore di bozze perfetto dovrebbe poter bastare deviare un abbrivio, rallentare gli accenni, decolorare un tramonto e farlo apparire come ci illumina dentro. Stare a guardare a volte, è già un bel correggersi..

      Elimina
  2. Se guardiamo il mondo vediamo tante cose ingiuste, che sembrano palesemente sbagliate, che andrebbero corrette e ognuno di noi può fare di sicuro qualcosa. Alla fine però non sappiamo molto sullo scopo finale dell'opera... quello lo conosce soltanto l'Autore e non possiamo far altro che sperare in un lieto fine! ;-)
    Ciao, a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sperare si, ma anche far notare gli errori pacchiani, quelli che possono essere commessi per leggerezza, ma non più di una volta.

      Elimina
  3. Se bastasse correggere gli errori di certi "autori" forse tutto si rimetterebbe apposto. Ma sono gli "autori" a non volere che si correggano i loro lavori. Ciao

    RispondiElimina
  4. Io per un po' l'ho fatto :D A dire il vero in quel periodo (gli anni passati a Roma) facevo pure una sorta di "ghost writer". Vabbè... che tempi 😥
    Comunque per me che scrivo correggere e ricorreggere è una vera e propria malattia. Mio dio... se rileggo qualcosa di mio pubblicato anche da appena qualche mese sono capace di disperarmi perché lì avrei dovuto scrivere così invece di così... per non parlare di qualche (rarissimo per fortuna) refuso! Grrrrr

    RispondiElimina
  5. Magari ci fosse un correttore di bozze universale. Vedo che l'hai scritto con la lettera maiuscola, dovrebbe essere quindi un essere giusto, un'entità superiore e perfetta. L'uomo con la sua imperfezione non potrebbe mai stabilire il giusto e perfetto equilibrio del mondo, finirebbe per commettere errori e guai ancora più grandi a causa della visione limitata che ha delle cose.

    RispondiElimina
  6. Per come va il mondo più che un correttore di bozze ci vorrebbe qualcuno in grado di fare un vero editing, un editing che questa volta, al contrario di quello che penso un editing letterario dovrebbe fare, modificasse proprio alcuni contenuti e molti finali in quella che è la situazione adesso nel mondo.

    RispondiElimina
  7. Correttori di bozze, come li intendi tu, non sono di questo mondo, e forse è meglio cosi, si tratterebbe di un'entità che "aggiusterebbe" ogni cosa secondo il suo canone, che in quanto soggettivo sarebbe errato per molti altri.
    Se il Grande Architetto non sa fare il proprio lavoro dubito che ci sia qualcuno che possa fare meglio, se invece è questo il suo disegno allora non serve nessun correttore perché non vi è nulla da correggere.
    Altra opzione potrebbe essere che non essendoci alcun Grande Architetto sono il tempo e lo spazio, intesi per quello che sono e non per quello che da noi vengono percepiti, che "riaggiustano" in continuazione quelle storture naturali che inevitabilmente si formano.
    Tornando nel nostro piccolo, penso che un correttore di bozze servirebbe a tutti, sicuramente a me.
    Ciao Franco, buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS. servirebbe anche a quel genio che ha dato vita al nuovo modulo dei commenti.

      Elimina
    2. Il Grande Architetto si siede un attimo a guardare e rimane sconsolato. Allora chiama il Correttore che arriva, getta un'occhiata pure lui e dice: "Magari se chiamavi un paio di mille anni fa me sarei ammazzato de meno.. "

      Elimina
  8. Io che vorrei correggere e ricorreggere tutto ciò che pubblico chissà cosa farei se avessi a disposizione un correttore "del mondo"; no, no, troppa responsabilità e estrema incapacità da parte mia meglio di no.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi ci correggiamo da soli intanto.. hai visto mai che qualcuno prenda esempio.. ahah

      Elimina
  9. Un correttore di bozze universale, come ben dici, rischierebbe di correggere suoni e lettere che per noi sono vitali. Sarebbe bellissimo se si potesse avere ognuno il proprio correttore di bozze, quasi un'altro noi che conosce ogni nostro pensiero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono venuti in mente quegli sgrassatori universali.. adatti per tutto.. ecco..

      Elimina
  10. Probabilmente sarebbe un compito abbastanza semplice. Basterebbe cancellare la sequenza "sviluppo del homo sapiens" e non ci sarebbero più errori da correggere :-D

    RispondiElimina
  11. per professione il correttore di bozze interviene unicamente sulla grammatica e sull'ortografia ma mai sul contenuto del testo che gli sottopongono. Allo stesso modo anche il correttore universale dovrebbe interessarsi della forma nei rapporti tra gli stati, correggere (estromettere?) per esempio Putin che mette a ferro e fuoco l'Ukraina senza mai usare la parola guerra o Trump che aveva fatto assaltare il Congresso dichiarandosi estraneo ai fatti.
    ml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il correttore spesso suggerisce anche nuovi periodi e scenari incastrati tra le righe. Offre ossigeno, apertura, libertà espressiva.
      Magari certi confini li sbianchetta proprio

      Elimina
  12. Sono gli "autori" che non vogliono più fare correggere le"bozze" pultroppo. Ciao Franco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta mettere da parte un po' dei sana gelosia e lasciarsi guidare..

      Elimina
  13. È un piacere girare per il tuo blog, penso leggero tutti i tuoi post più vecchi sono già a buon punto ciao

    RispondiElimina
  14. Il Correttore Universale c'è e questo è il migliore degli universi possibili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo metto in dubbio. Anche perché questo solo conosco.

      Elimina
  15. In questo momento storico non si tratta di correggere ma di cambiare proprio il sistema di vita. Il disordine, la maleducazione e l'aggressività rendono la quotidianità, forse parlo solo per me, molto onerosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che manca la volontà..tipo con questa guerra.. che sta diventando un altro conflitto di quelli fisiologici e interminabili

      Elimina
  16. Il correttore mondiale di bozze sarebbe corretto continuamente. E forse uno ne abbiamo già: ONU.

    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Correttore Universale ha già esautorato i suoi concorrenti. In casa di correzione.

      Elimina
  17. Come professione la trovo molto affascinante, ma se ci fosse un Correttore universale, la vedo dura aggiustare certe cose, anche per lui!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti il suo procuratore sta cercando di ritoccarne l'ingaggio.

      Elimina
  18. credere è più un atto di fiducia che di fede. cambia il verso. anche metaforicamente. si prevedono molteplici possibilità (e un tempo archiragionevolmente infinito :)
    io raramente correggo. cosa dovrei, quando di solito non arrivo a 30 parole? :))
    buon giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però è il testo breve, a volte, che deve essere ultra preciso.

      Elimina
    2. preciso nel senso di rigoroso, almeno come tendenza dello scrivente. ma non categorico.
      insomma questioni di lana caprina :)
      ciao

      Elimina
  19. Il correttore di bozze è come l'unicorno, tutti sanno che c'è ma nessuno sa dove si trova.
    Ciao

    RispondiElimina
  20. Il correttore di bozze ha in sé una venatura perversa e diabolica. Un giustizialista a tutto campo che non può e non vuole risparmiare nessuno.
    Dietro l'alibi (professionale) della correzione.... aggiusta e corregge tutto.
    Ma con ciò non ci si consente nessuna difformità, nessuna variazione, nessuna eterogeneità. E invece siamo tutti diversi, scorretti o comunque da non correggere..
    Non mi fido di un correttore di bozze universale.. Tutti uguali, omologati quindi gestibili.
    No, proprio non mi va.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovremmo anche non respirare allora, mentre certe omologazioni sono necessarie, anche in letteratura.. altrimenti basterebbe sporcare d'inchiostro il foglio..
      Poi c'è qualcuno che vuole fare per forza come gli pare..ma non si lamentasse della terra bruciata attorno.. ;)

      Elimina
  21. Ma la vera domanda è: lascereste, in ogni caso, correggere a qualcun altro le vostre bozze?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io stupisco ogni volta che qualche "addetto" riguarda la mia roba e mi fa scoprire robe inenarrabili che da solo non riesco proprio a scorgere, neanche dopo mille riletture..

      Elimina
  22. Il correttore di bozze del mondo dovrebbe essere un essere soprannaturale di cui potersi fidare ciecamente ma, come altri hanno sostenuto, dovrebbe essere anche in grado di cambiare i contenuti, non solo la forma. Per risolvere i problemi del mondo servirebbe un vero e proprio miracolo, non credo sia sufficiente un correttore di bozze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh ma infatti parliamo di correttori di bozze da paura.. mica un pinco pallo qualsiasi che fa stages a un centesimo a parola.. ;)

      Elimina
  23. Lo so. Sbagliamo tutti. Vedessi che rabbia quando mi accorgo di errori... però purtroppo capita a tutti. Anche ai correttori di bozze. 😉
    Però mi piace molto chi ha esperienza e correggere errori altrui. Significa, per me ovviamente, che quella persona ci tiene a te e desidera farti scrivere in maniera corretta.
    Poi, magari, te lo può scrivere in maniera che nessuno se ne accorga o eclatante. Lì, c'è da leggere la correttezza e sensibilità che qualche volta latita. 😉
    Forse nel suo intimo il correttore di bozze ha un forte desiderio di aggiustare il mondo intero. Ma come dargli torto visto come il mondo è ridotto?
    Ciao ed abbraccio forte Franco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da qualche parte forse c'è il Perfetto Correttore di Bozze. Immagino che gli abbiano sottoposto il contratto per il nostro mondo, ma lui stia giocando al rialzo della parcella.. ;)

      Elimina
  24. Direi che sopravvaluti il ruolo del correttore di bozze, mestiere che ho la sensazione sia ben poco presente in vari settori, dato che difficilmente trovo un romanzo, un fumetto, una serie doppiata, privi di errori, e mi chiedo dove sia chi avrebbe dovuto correggere, supervisionare, mandare indietro invece di dare l'ok per stampa/distribuzione?
    Solo a scuola dovevamo avere la maestra/prof rompiscatole che arrivava a segnarmi errore "dopodiché" sostenendo che non si scrive tutto attaccato, per dirne una?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti ne idealizzo un super compito.. ne avremmo comunque bisogno.. ;)

      Elimina
  25. tutto bene o quasi?
    lieto giorno

    RispondiElimina
  26. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Cerchiamo di riordinarla, questa sintassi mondiale. Mi candido, sommessamente, a far parte del team: nostra signora correttore di bozze. Ma non so se suona bene ...

      Elimina

Sottolineature