lunedì 27 giugno 2022

27 GIUGNO 1980 USTICA



Mi sembra di fare il verso a Moz, retronostalgico anche io oggi, a ricordare 42 anni di una strage che i ventenni/trentenni di oggi neanche sanno di che stiamo parlando.

E ci sono anche quelli saggi un po' più adulti che ricordano benissimo ma ti dicono; "Avresti preferito una guerra mondiale già all'epoca, solo per un aereo di linea abbattuto per sbaglio?"

E chissà, magari hanno ragione loro, e la guerra mondiale, nascondendo le vergogne sotto il tappeto, ce la siamo scansata fino ad oggi, e magari se mettiamo sotto il tappeto anche l'Ucraina, la svanghiamo anche stavolta, e di nuovo tutti al mare.

Tanto non c'eravamo noi su quel DC9. 

32 commenti:

  1. Buongiorno Franc
    Come non ricordare quella sciagura, ho un caro amico ragioniere responsabile di un petrolchimico di Gela doveva prendere quell'aereo ma per un disguido non arrivo in tempo il biglietto e non potete partire parti un'ora dopo se lo ricorda ancora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo ricorderei a vita. Lo sliding door esiste..

      Elimina
  2. già, Ustica. Ho ancora da capire, dopo tante indagini e commissioni parlamentari, se ad abbattere l'aereo furono gli americani i francesi o i libici che giocavano alla guerra.
    Ma il risultato non cambia!
    ml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il risultato preserva segreti folli. E noi si continua a vivere sapendo di poter morire all'istante, se a qualcuno gira storto.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Tanti stati, tanti segreti.. Fatima impallidirebbe a confronto..

      Elimina
  4. "INTANTO NOI NON C'ERAVAMO"

    Non c'eravamo
    Già non eravamo lì
    E le immagini le abbiamo parzialmente rimosse.

    Questa incapacità dell'uomo
    Alludo soprattutto all'essere umano più recente
    Di non sapersi immedesimare in chi soffre
    O, peggio, voltarsi per evitare che quella "disgrazia"
    Qualunque essa sia
    Non lo tocchi,
    È nauseante

    Tanto su quell'aereo non c'eravamo
    E non eravamo neanche alla stazione di Bologna quel 2 agosto 1980
    E se siamo fortunati a noi non capiterà mai una sfiga simile...

    E poi ci sono quelli che non lo sanno
    Che non vogliono saperlo e sono quasi infastiditi
    Se ne parli
    Oppure quelli che ti irridono dicendoti
    "Scusa se non hanno ancora fatto giustizia
    Secondo te la faranno adesso solo perché fai questo post?
    O ancora "Ma che ne parli a fare, è roba vecchia, parla dell'Ucraina!"

    E se i veri colpevoli sono ancora latitanti
    Una piccola, oddio non così piccola in realtà,
    Fetta di colpa è anche causata dalla responsabilità di chi
    Non può trovarli attivandosi personalmente
    Ma può e potrebbe come opinione pubblica
    Tenere sempre fortemente accesi i riflettori
    Su queste stragi.

    Ma non importa
    Sono vicende oramai lontane
    Un'eco flebile che non si percepisce più
    Un'eco da soffocare
    Ed accerchiare
    Tra il rumore di vuote e ridicole notifiche di Facebook,
    E l'assordante ed ovattato silenzio dell'indifferenza

    DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Splendidi e disarmanti versi.. si, a volte mi sento fuori posto, fuori tempo.. ma poi vedo che si muore ancora oggi, ogni giorno, perché qualcuno uccide, magari solo per gelosia, o perché rivendica come sua la tua casa, o perché la sete di sangue deve essere una malattia davvero contagiosa.. altro che Covid.. ma noi saremo qua a ricordare che dovremmo solo volerci bene, e dimenticare sempre ogni offesa, ogni mala parola, ogni cattiveria.

      Elimina
  5. un segreto di Stato vergognoso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo in una coltre di silenzio ovattata di vergogna.

      Elimina
  6. La gente dimentica in fretta, Franco. Le cose se le fa scivolare di dosso e si comporta come se mai nulla fosse accaduto. Ustica sarà sempre avvolta dal mistero e prima o poi, dato che gran parte dei giovani nulla sa di questa strage, finirà nel dimenticatoio. Ennesima ingiustizia italiana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io denuncio nel mio piccolo, e so che ogni giorno veniamo seppelliti da vergogne più grandi, assurdità folli, come questa guerra ridicola. Morire per una guerra. Mi spaventa solo scriverlo.

      Elimina
  7. Ricordo che su quell' aereo c'era un bimba che andava a trovare i nonni e fu trovata vicino alla sua pagella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..capisco che proprio di questi tempi continuano a morire bimbi, giovani vite, popolazioni che mai avrebbero ipotizzato una guerra.. e noi chiediamo giustizia per pochi morti di una vita fa. C'è un modo di fare andare avanti il mondo che trovo davvero assurdo, e mi indignerò comunque sempre, per i morti delle beghe politiche di ieri e quelli di stamattina. Assurdi in entrambi i casi. Ma sembra che non riusciamo a capire, sembra che l'uomo sia davvero fuori di testa..

      Elimina
  8. Mi pare evidente che l'insabbiamento voluto dallo stato italiano sia dovuto solo al non voler mettere in difficoltà un alleato della nato colpevole del crimine. la sicurezza nazionale o i segreti di stato sono solo un paravento. Per me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cerco di convincermi che la realtà delle cose avrebbe potuto provocare conseguenze irrimediabili, ma non mi metto comunque l'anima in pace.

      Elimina
  9. io c'ero...si nascose tutto sotto un tappeto come dici tu...Segreto di Stato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho sempre considerata una cosa assurda.. ma con gli anni ho continuato a vederne di tutti i colori.. forse siamo davvero una forma di vita pericolosa.. nonostante tutto il bello che riusciamo a produrre..

      Elimina
  10. Avevo scritto "che rabbia" forse sono stata così impulsiva che è sparito il commento!

    RispondiElimina
  11. Continuano a sparire i miei commenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finiscono in spam. un po' come le indagini su Ustica.. :(

      Elimina
  12. Una brutta vicenda di cui non sapevo niente.
    Si trova, nonostante, un sacco di informazioni sulla rete. Ne approfondirò...

    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' questo l'assurdo..se ne può leggere di tutto di più senza cavarne un ragno dal buco. Di immensamente chiara solo la vergogna.

      Elimina
  13. Buongiorno Franco,
    Io su quell'aereo ci stavo. Come pure il 2 agosto (meno di 40 giorni dopo) stavo alla stazione di Bologna.
    Ci stavamo tutti in quei luoghi negli anni di piombo e di fango
    Un fango che ha insabbiato la verità e infangato i nomi dei poveretti che la ci stavano sul serio.
    Ciò che mi indigna è che taluni (persone, organismi, entità non meglio identificate) possano beffegguare lo stato di diritto e il diritto alla vira di tanti solo per l'interesse di pochi.
    Proprio come in questo periodo di guerra (nuova nella versione ma antica nei risultati).
    E di nuovo continuamente omissioni, latitanza, valutazioni errate e di nuovo solo morti.
    Tanti.
    Civili.

    RispondiElimina
  14. Dopo tutti questi anni, ancora non esiste verità sulla strage di Ustica e credo che mai ci sarà dato di sapere cosa veramente sia successo, tutto è stato insabbiato.

    RispondiElimina
  15. Ma sapere la verità sarebbe il minimo della giustizia che dobbiamo alle vittime e ai loro cari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se a volte credo che la verità vera possa far ammutolire qualsiasi giustizia

      Elimina
  16. Io rientro tra chi c'era...
    Comunque, non c'eravamo quando l'Enola Gay ha sganciato l'atomica su Hiroshima, non c'eravamo quando un irredentista uccise Francesco Ferdinando, non c'eravamo quando Napoleone capitolò in Russia...
    Esiste la scuola per imparare quanto successo quando non c'eravamo. Ma a scuola si parla di Ustica o essendo storia recente "non c'è mai tempo perché dobbiamo finire le interrogazioni di fine quadrimestre"?

    RispondiElimina

Sottolineature