domenica 24 ottobre 2021

"SCRIVIAMO POESIE CHE RIMANO CONTRO"

Rubo il titolo da uno spettacolare calembour linguistico di Alessandro Bergonzoni.

Salviamo il pericolo dal suo scampato

Certi suoi arzigogoli lessicali sembrano frugare talmente in fondo all'evolversi della comunicazione da lasciarti basito nella meraviglia.
Mentre leggi devi rivelarti pronto a spiccare il volo, lanciandoti dalle sue righe in mille altri universi attigui o anni luce lontani.

Ci procuriamo ustioni di buon grado

Siamo abituati a leggere secondo parametri collaudati. Può non piacere essere spiazzati ad ogni riga, dover ricollocare il pensiero in cima alle parole, ritarare ciò che viene proposto e che parte per la tangente di nuove proposizioni. Doppi sensi che sfociano in una marea di multisensi, ad alla(r)gare primarie percezioni.

Preferirei essere un'edera senza muro, piuttosto che crollarci sotto di sana pianta

Si viaggia a tentoni, come ad occhi chiusi su un terreno continuamente dissodato, che non fornisce comodo appoggio, ma sempre nuovi trampolini, lanci nel vuoto.
Vuoto a (buon) rendere, per fortuna.

Io sono per la chirurgia etica: bisogna rifarsi il senno.


32 commenti:

  1. Alessandro Bergonzoni è un artista di teatro. Non è uno come noi con gli orari dell'Ufficio, la pensione e qualche divagazione poetica che in fondo è solo una cosa buffa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laureato in giurisprudenza ha coraggiosamente percorso la sua strada. E dopo il lancio al mauriziocostanzosciò, non ha più cercato una facile ribalta televisima conquistandosi il suo spazio in teatro. Mi pare notevole, Gus.
      Com, del resto, è notevole l'ufficio e il cartellino e la pensione se fatto con impegno

      Elimina
    2. Per mettere su anche solo "cose buffe" ci vuole arte. E anche gli orari d'ufficio possono essere tra le cose più buffe mai viste.

      Elimina
  2. Se parli di alessandrobergonzoni con me sfondi una porta sfondata. Sfondata e mai richiusa. Mi porta in un mondo, anzi in più mondi paralleli e mi ci porta non tenendomi per mano, ma prendendomi per un'orecchio.
    Uno dei miei artisti (definirlo un comico per me è riduttivo) fondamentali. Gli devo tanto e spero di non incontrarlo mai o mi chiederà di restituirglielo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un genio davvero e te decisamente sulla sua strada.. immaginavo un tuo sorriso.. ;)

      Elimina
    2. Ho visitato il tuo blog, Alberto e ti ho ascoltato ammirata: notevole! Tornerò a leggerti.
      Ciao.

      Elimina
  3. Amici, su Bergonzoni niente da dire, siamo noi i limitati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..ma lui invita a scardinarle certe porte, invece di rimanere semplicemente ad origliare.. nessun problema se non ci si riesce, ovvio. Importante é essere tentati dal tentare.. ;)

      Elimina
  4. bergonzoni è uno spasso che non cede il passo se non al trapasso con scasso :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..e la lingua si diverte un sacco!

      Elimina
    2. "trapasso" ovviamente di significato :)
      ciao (antonypoe sloggato)

      Elimina
    3. mi son dovuto loggare. altrimenti non faceva pubblicare il commento

      Elimina
    4. Riloggare semmai, ti eri sloggato? Prova con Reparil gel..fa miracoli!! (questa me la invidierebbe pure il bergonzo.. ahah)

      Elimina
    5. non credo sia invidioso.
      buon giorno :)

      Elimina
    6. Buongiorno Antony.. non sono il solo mattiniero, a quanto pare.. ;)

      Elimina
    7. per me le 05:51 è quasi tardi :)
      buon giorno

      Elimina
  5. Bergonzoni è un grande, non è semplicemente un comico, è un genio. Ci invita ad uscire fuori dalle righe, dagli schemi già prestabiliti, e non è sempre facile. Vorrei che ci fossero più persone come lui, ma come si sa, gli artisti sono unici. Buona domenica, Franco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una tipologia particolare, un divertissement senza limiti, che sorprende ad ogni riga.

      Elimina
  6. Non so quanti pensieri "laterali" abbia a disposizione Bergonzoni, ma credo parecchi. Consola notare quante persone è riuscito, anche qui, a contagiare con il suo apparente non sense.
    Oltre la straordinaria visione delle cose, è anche persona generosa e attenta alle tematiche sociali. Grande Alessandro Bergonzoni!
    Ciao Franco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammiro i tentativi di emulazione, ogni tanto tento anche io.. importante è provarci! Esplorare.. ;)

      Elimina
  7. Bergonzoni un vero artista, intelligente e graffiante, soprattutto indipendente, niente e nessuno lo può manipolare ed ancor meno lo può "comprare". Riprendendo un tuo commento a Gus, peno che lo scardinare porte dovrebbe essere un must per tutti noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se non si scardina una porta, trovare un'altra via di entrata. ;)

      Elimina
  8. Non lo conoscevo! Ma mi incuriosisce decisamente :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No dai.. leggi qualcosa in giro.. eccezionale..oppure googalo direttamente, esce di tutto, tracima proprio dal pc..infatti ogni volta un casino rimettere tutto dentro!! ahah

      Elimina
  9. non ho capito se l'ultima battuta è sua o tua, ma certo è la più azzeccata.
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I corsivi tutti suoi, e l'ultimo micidiale, davvero.. ;)

      Elimina
  10. È un "tutto"..non manca e non pecca di nulla..

    "Non si può concepire di punire chi da giorni, da mesi, vuole unire, chi ubbidisce al suo senso morale, d'amore totale"
    Alessandro Bergonzoni

    Toccò con un articolo qualcosa che avevo nel cuore..
    Buongiorno Franco buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una sensibilità che affonda nelle pieghe dell'anima..😘

      Elimina
  11. Mica è facile ribaltare ciò che s(app)iamo.
    Aprire gli occhi e ricominciare a vedere quello che abbiamo sempre dato per scontato costa fatica.
    Bella banalità che ho scritto 😅

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No perché? Anzi..tra parentesi hai collocato quella che potrebbe essere l'APP per definire la differenza tra l'essere e il sapere.. ahah

      Elimina
  12. "Consiglio di leggerlo prima di svegliarsi a fondo per restare sempre a galla e soprapensiero senza scendervi mai." (Le balene restino sedute- Bergonzoni)
    Leggendo il post mi è venuta voglia di riprendere in mano i testi di Bergonzoni letti un po' di anni fa, un genio delle parole.

    RispondiElimina

Sottolineature