venerdì 22 ottobre 2021

SABBIA

 



Un rosa sabbia 

ed un folto cielo scuro carta da zucchero.


Stropicciati  a scannerizzarsi l'un l'altro

fino a creare l'unica copia di tramonto

nel quale affogo i sensi

per un istante soltanto.

Immasterizzabile.

32 commenti:

  1. L'occhio e l'orecchio.
    La vista e l'udito.
    I due sensi che trasformano la comunicazione in Arte.
    Buongiorno.
    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono momenti nei quali usciamo da noi, osserviamo attorno e ci osserviamo incantati. Riusciamo a percepirci distaccati dal quotidiano, creiamo come una dimensione senza spazio e senza tempo, che ci rapisce totalmente, anche solo pochi istanti, ma in grado di farci sentire davvero Altro. Grazie sempre..

      Elimina
  2. L’uomo non sarà mai in grado con tutta la sua arte, con tutta la sua scienza, con tutta la sua tecnologia di emulare perfettamente la Natura. C’è un limite invalicabile oltre quale l’uomo non può andare, un limite come lo stupendo tramonto della foto, come quel “ cielo scuro carta da zucchero” ( verso bellissimo), che non puoi fare altro che contemplare e realizzare che siamo solo un piccolo granello di sabbia di fronte a tale immensità. Bella poesia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Caterina.. per fortuna ci rimane una sensibilità capace ancora di incantarsi di fronte alla bellezza.

      Elimina
  3. Molto interessante l'utilizzo di termini caldi e tradizionali con quelli tipici invece del gergo informatico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piaceva il contrasto, l'umanizzazione di termini teoricamente freddi e asettici.. ;)

      Elimina
  4. Il mondo ci offre ogni giorno spettacoli meravigliosi. Che peccato tutta la distrazione della maggior parte della gente.
    Non è il tuo caso, ovviamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene. Siamo prede della distrazione, della frenesia, di Altro da fare sempre e comunque, mentre tante volte basta porgere un occhio, fare attenzione ad un suono come ad un silenzio.

      Elimina
  5. Belle le parole
    che danno sostanza al sentimento che nasce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sorprendersi il trucco. Sorprendersi nonostante la ciclicità degli eventi, sorprendersi come fosse una prima volta, ed in effetti, lo è ogni volta.

      Elimina
  6. Perché per un istante soltanto?

    ancora e ancora e ancora
    😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un istante per volta. Unico nel suo dna irreplicabile, da riscoprire il giorno dopo, e poi ancora..

      Elimina
  7. Molto interessante l'uso di termini tecnologici per descrivere la sensazione di un momento!
    Ciao, buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un connubio che non stona.. meglio di prosciutto e melone comunque.. ;)

      Elimina
  8. Una volta, quando ancora sognavo, aspettavo tante ore per fissare nella mia Kodak immagini della natura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è vero che hai smesso di sognare. Ogni riga scritta è un sogno. ;)

      Elimina
  9. Versi che trasmettono simbiosi con la natura.
    Sereno giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che ogni sera, basti guardarsi attorno al crepuscolo, scoprire dove va a nascondersi il sole, ma soprattutto come. Dedichiamoci tempo.. ogni volta che possiamo.. ;)

      Elimina
  10. Sabbia come colore e sfumatura di rosa. Che si assorbe ed amalgama al colore del cielo. Tutto donato dal grande pittore qual è il sole.
    E non può esistere copia perché dura un solo istante. Qualche attimo prima o dopo già è diverso. E tu godi di questo istante. E fai bene perché ti dona pace che tu in tutto questo post poi doni a noi.
    Sublime. Semplice solo all'apparenza. Semplicemente grazie Franco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Pia. Istanti che so collezioni avidamente..

      Elimina
  11. La natura è sempre uno spettacolo ! Interessante l'uso di parole "tecnolociche", in versi poetici ! Bravissimo ! Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo accostare due mondi apparentemente lontani, eppure quotidiani..

      Elimina
  12. Bello!l'assoluto della natura, trova sempre nuove espressioni in cui manifestarsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un tramonto merita sempre il distrarsi dalla distrazione costante, quella che ci occlude sensi e vista..

      Elimina
  13. Eh sì, anche se dura pochissimo, l'istante fugge e non si può masterizzare.

    RispondiElimina
  14. "Stropicciati a scannerizzarsi l'un l'altro"
    voglio restare così per il resto della mia vita. Se si potrà.
    Grazie per l'emozione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che si potrà, basta davvero poco a chi riesce ancora a sorprendersi, che poi il trucco è tutto là.. ;) Grazie a te carissima.

      Elimina
  15. Affogare i sensi anche solo per un istante è un'iniezione di vita..sai quando sono andata in Marocco su un lago salato prosciugato i colori fortissimi e caldo del sole a tramonto sui cristalli del lago mi hanno fatto svenire..la spiegazione scientifica è stata stanchezza, la spiegazione della guida è stata miraggio, la mia spiegazione ( non è interessata a nessuno 😊) è stata per un attimo ho vissuto altro ed il mio equilibrio psico-fisico non l'ha retto..a distanza di anni sento ancora quel brivido quando ci penso..
    Buongiorno Franco, buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, quei brividi, quel pieno di emozione dentro che gonfia come un vento la vela, sono il nostro lasciapassare. Quelle spiegazioni che riguardano solo noi sono l'esatta misura per rendere unica ed irripetibile ogni singola visione, ogni unico punto di vista.
      Buona domenica a te!

      Elimina

Sottolineature