venerdì 25 dicembre 2020

UNA LETTERINA DI GESU'

 


Così ricevo e così riporto:

 Caro Franco, sono Gesù, ho deciso di scrivere a te, visto che in passato hai parlato con papà ( QUI ) e forse potresti essere avvezzo a certe dinamiche familiari. Alla vigilia della mia Festa, ti confesso di nutrire, come dire.. una malinconica amarezza per quello che sto vedendo in giro.

La gente è molto arrabbiata per i mancati cenoni, le feste saltate, le tavolate precluse, i regali difficili da recapitare… e davvero pochi che considerino queste circostanze come occasione di riappropriazione di una celebrazione sfibrata, dove i lustrini e le cibarie hanno sempre avuto priorità assoluta ed anomala sulla preghiera ed il raccoglimento.

Dovreste gioire tutti per questo ritorno all’intimità familiare, alla sobrietà, al senso della misura, all’intensità; e invece sembra che a tanti mancherà solo la tombola di mezzanotte e le lenticchie a seguire, gli abbracci e i brindisi con i propri cari, e tutti gli altri fuori.

 Quest’anno tutti sarete fuori. 

Fuori dall’ordinario, fuori dalle convenzioni, dalle abitudini, dal “solito”.

Forse vi accorgerete che il Natale bussa piano alle vostre porte, e non gli interessa di cosa abbiate in serbo in forno per lui, o quanto siano brillanti le lucine dell’albero.

Si sentirà importante però, padrone di casa, Protagonista.  Di nuovo.

Buon Sereno Natale..

 

61 commenti:

  1. Non c'è bisogno di scrivere al Signore, perché lui conosca anche il numero dei capelli che hai sulla testa.
    Dio si è fatto uomo attraverso Cristo e ha conosciuto l'uomo, le sue debolezze, latitanze e anche l'incapacità di amare. E questa conoscenza sarà la nostra salvezza.
    Gesù è nato in una mangiatoia. E' un'indicazione sul significato del Natale.
    I cristiani praticamente non esistono, escludendo Francesco, Caterina e Teresa. Essere cristiani significa rispettare i Comandamenti e vivere secondo le indicazioni di Cristo.
    Poi ci sono gli atei. Una barzelletta. Battezzati, cresimati, sposati in Chiesa. Assoluta mancanza di coerenza. Per loro essere ateo significa affermare che Dio non esiste.
    Anche io ti auguro serenità, non per il Natale, ricorrenza laica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah! Gus, sono contento di farti ridere in quanto "barzelletta"
      😀
      Va là, va là! fortuna che sei meglio, molto meglio di quello che (a volte) scrivi.
      Auguroni anche a te

      Elimina
    2. Ti faccio rispondere da un illuminista, logicamente ateo, che non era una barzelletta come Galimberti:

      "Ogni volta che guardo il cielo stellato, non posso non pensare che, se esiste un così perfetto orologio, non esista un orologiaio".
      Ciao.

      P.S.
      Io sono quello che scrivo.

      Elimina
    3. Logicamente parlo di Voltaire, che certamente tu conosci.

      Elimina
    4. ...e pensa che fior di cristiani lo hanno sempre considerato, e continuano a considerarlo, ateo, Voltaire.. ahah

      Elimina
  2. Franco, tu lo sai che sei mio amico e che ti voglio bene. Non è che sto sgridando te, in questa melassa io ci sto dentro. Nel primo rigo del commento la lettura corretta è: perché Lui conosce anche....
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti voglio bene anche io amico mio.. e comunque è Lui che ha scritto a me.. ;)

      Elimina
  3. Ciao Franco, sarà senz'altro un natale diverso, su questo non c'è dubbio. Speriamo migliore come speriamo che il mondo, passato questo periodaccio, sia migliore, più concreto e con meno lustrini.
    Un abbraccione, e auguronissimi davvero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tendo a credere che, scampato il pericolo, non avremo imparato proprio niente.. anzi..

      Elimina
  4. Poteva mandarti solo quel genere di letterina.......Ti conosce bene....
    Auguri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosce tutti, in realtà.. e troppa pazienza c'ha... ;) caro "anonimo registrato su Google" ..

      Elimina
  5. Quando i film di Natale sì che servono, non è consumismo ma tanto altro. Auguri Franco :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne escono a scatafascio.. ma io ho rivisto La vita è meravigliosa, per la centoottantesima volta, credo, ripiangendomi l'anima come fosse la prima.. ;)

      Elimina
  6. Bella letterina, Franco. Il Natale consumistico piace più di quello cristiano. Sin da bambini ce lo inculcano come festività adibita allo scambio dei regali e ai divertimenti - merito anche dell'intrusione di elementi pagani come babbo natale. Penso anche io che il ritorno ai valori più essenziali della Natività possa e debba (dovrebbe) essere un momento particolare in cui riavvolgere il filo del reale significato dell'essere cristiani (che alcuni millantano di essere ma realmente non sono).

    Ancora Buon Natale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima, la Festa si è strapersa nei secoli, basterebbero rispetto, cortesia, sorriso...non dico fare del bene, ma anche solo non fare del male..ma spesso dimentichiamo l'abc del buon vivere, del buon convivere.. ci lasciamo andare, e neanche avvenimenti eccezionali come questa pandemia, sembrano risvegliare un senso comune di appartenenza, di serena coscienza... staremo a vedere.. un abbraccio!

      Elimina
  7. Molto bella la letterina che ti ha scritto Gesù !! Io , per Natale, non ho mai fatto niente di speciale, nienti di particolare , quindi va bene così. Non amo feste e cenoni, mi sarebbe piaciuto passare qualche giorno in montagna ma non posso. Sarà per un'altra volta ! Auguri di Buon Natale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io nella mia amata Toscana, ma proprio stavolta che non avrei dovuto chiedere ferie.. me ne sto a casa (e impasto il mio primo panettone home made...!!! )

      Elimina
  8. Faro' ridere Gus, ma io sono atea , ho sempre rispettato le convinzioni altrui e mi sono basata sull'etica universale che fore ha meno comandamenti, ma altrettanto validi. Amo il Natale in famiglia e per la cena della vigilia, sono andata da mia figlia e , a mezzanotte , ci siamo scambiati i doni, ognuno in base alle proprie possibilità. Mio genero è stato il più generoso , è un industriale agiato e non dimentica mai nessuno , fra i suoi operai e una consistente beneficenza. E'stato educato da buon cristiano e lo dimostra. Ripeto , sono atea, non posso pensare ad un Dio che abbia abbandonato le sue creature, come cani senza collare.
    Cristiana, che ti rinnova gli auguri per un sereno 2021

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono gli atei coerenti, quelli che hanno fatto una scelta e hanno una loro etica. Ho parlato di altri che ti dicono: io era cristiana , poi è morto mio padre e dio non ha fatto niente.
      Del resto il samaritano che soccorre il ferito è indicato come esempio di amore verso il prossimo a differenza del levita e del sacerdote.

      Elimina
    2. Fior di "atei" (vedi il bistrattato Voltaire) hanno senso civico, etico e morale da vendere a mezzo Vaticano... e mandano avanti una buona parte di mondo senza ipocrisia.

      Elimina
  9. E' appena nato e sa già scrivere! Buon Natale Franco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari toppa qualche congiuntivo (https://francobattaglia.blogspot.com/2016/12/fuga-dal-presepe.html) ma lo perdoniamo.. ;)

      Elimina
  10. Franco, mi sa che oggi tutti hanno fatto un po' come cazzo gli pareva... altroché... :D

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho sentito di belle ammucchiate...e non oso pensare cosa succederà a capodanno... condomini a festa, gente che si trasferisce due giorni prima, sacchi a pelo, bordelli inauditi... praticamente quasi peggio che in fase normale... ma è lo spirito italiota, quello che deve "fregare" sempre in qualche modo..e l'unica cosa che frega, è la sua dignità..

      Elimina
  11. Non sono mai stato tanto d'accordo col buon Jesus. :)
    E bravo il nostro Franco moderno evangelista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicuro che esista un Gesù che se la ride di cuore dei Dizionari Teologici...

      Elimina
  12. Sicuramente delle feste che ci faranno riflettere.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  13. Sai Franco, io non sono molto credente e questa lettera mi ha fatto riflettere, non perché voglia dare torto a Gesù Bambino ma solo perché mi ha ricordato che dietro i cenoni, le feste mancate, i brindisi, la musica e quanto altro serva per i festeggiamenti, ci sono migliaia, forse milioni di persone, che non guadagnano e che dietro i mancati guadagni ci sono gravi difficoltà a mantenere le famiglie. La mia non vuole essere affatto una polemica inutile perché credo veramente, che se non si ha cura prima della propria salute fisica, di conseguenza non si può avere nemmeno quella spirituale. Ti lascio un sorriso e un abbraccio e l'augurio di tornare al più presto alla normalità. Buon Anno Franco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lavoro in banca (anche se solo per altri tre giorni..) e purtroppo vedo molti, tanti in difficoltà, ma anche una moltitudine di gente che si lamenta a prescindere, e che per morire davvero di fame (come denuncia) avrebbe bisogno di ben altro... certo lo Stato avrebbe potuto fare di meglio, senza garantire bici e monopattini a cani e porci, ma salvaguardando le categorie davvero in difficoltà, e quindi aumentando la cassa integrazione alla marea di lavoratori autonomi, ma più che ai proprietari, penso ai camerieri, alle bariste, ai commessi.. ecco.. e speriamo che anche il vaccino aiuti.. anche se a questa data, tra un anno esatto, chissà se ci toccherà pure a noi..

      Elimina
  14. Non sono totalmente d'accordo con lo spirito del post :D Perché la tombola di mezzanotte e gli abbracci non sono una futilità: la tombola è un momento di condivisione (c'è a chi piace e a chi no, ovviamente) che non ha nulla a che spartire con lo spirito religioso del Natale, ma è un momento di gioia e di divertimento che fa parte dello spirito del Natale. Stare insieme ai propri cari, abbracciarli, sorridere con loro.
    Ovviamente vanno rispettate le regole anti Covid e io l'ho fatto.
    E questo non mi ha tolto la felicità del Natale.
    Un Natale con alcune mancanze, ma anche con tante gioie.
    E' questa la lezione del Natale che dovremmo fare nostra: ogni giorno ci sono mancanze, ma ogni giorni ci sono piccole gioie da scoprire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diventano futilità quando finiscono per esistere solo loro e, purtroppo, avviene fin troppo spesso.. per il resto sei l'ultimo cui voler offrire punti di vista illuminanti, tanto sei già illuminato di luce, trasparenza e lucidità, mentale e di cuore.. grande Riky.. ;)

      Elimina
  15. ciao grande scrittore,
    la lettera a Gesù è vera di contenuti ,che noi diamo per scontati ho letto anche l'altra dove parli di amore e umanità ma perchè ci pensiamo mai a queste cose?
    Ti auguro di passare un anno differente un anno all'insegna del come dico io waou spettacolare .ciao Marianna

    RispondiElimina
  16. che bello leggerti e grazie di aver condiviso con noi naviganti questa assurda anormalità
    Andare contro corrente è più faticoso
    buon fine 2020

    RispondiElimina
  17. Natale è passato, ma arrivare da te per darti un saluto e un augurio per il resto del periodo festivo che condurrà al Nuovo Anno e trovare questa letterina mi ha intenerito il cuore.
    Il "contorno" meno sfavillante e meno chiassoso ha senz'altro offerto l'occasione di vivere un Natale più intimo.
    Noi ui a casa abbiamo cercato di far sorridere lo stesso i monelli e a quanto pare ci siamo riusciti :)
    Auguri per tutto ciò che arriverà con il 2021, che sia il momento dello sprint verso l'uscita dal tunnel!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arriveranno giorni sereni e i monelli potranno riabbracciare il mondo, lo so.. ;)

      Elimina
  18. Seguo da un po'i tuoi post.. non è molto che sono approdata su questa piattaforma..ho sofferto un po'la diversità di questo Natale..la tradizione nella mia famiglia fin da piccola ci voleva sempre tutti insieme..quest'anno causa tanti problemi un Natale in solitudine..sarei fuggita nel mio rifugio in montagna ma causa covid non è stato possibile..allora restano i pensieri che insieme ai ricordi fanno sperare in una vera ri-nascita..

    RispondiElimina
  19. Caro Franco
    Visti i tuoi alti contatti :-))) spero farai tu da tramite con Gesù per consegnarli questa mia missiva:

    Caro Gesù
    Qui la gente è stanca, ma non stanca del cenone che non farà, stanca di non poter neanche vivere l'intimità familiare di cui tu parli perché si è in zona rossa ed in due comuni o regioni diverse, stanca di vedere restrizioni assurde, di vedere Report ed apprendere del report dell'OMS europeo su come il piano pandemico italiano era penoso e risaliva al 2006 e nessuno lo aveva realmente aggiornato, di come Ranieri Guerra abbia imboscato tutto, di come Speranza complice ed a conoscenza dei fatti abbia taciuto e di come noi si debba prendere ordini da un ducetto che sembra molto affascinato dal tenerci sotto chiave al punto da mettere perfino in dubbio i vaccini. Vedi Gesù, poi ci sono i problemi economici ma non quelli macro ma quelli legati ai budget familiari di persone che non sanno più cosa fare per tirare avanti.

    E poi se proprio qualcuno crede nella tua esistenza, ci saresti tu con la complicità di tuo padre ad essere il principale colpevole dato che non muovete un dito per aiutarci o quantomeno per aiutare la povera gente che dei potenti e di coloro che gettano morte non ne hanno colpa

    Un saluto e buon compleanno sia pure con qualche giorno di ritardo
    Daniele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sei stato accorto però, perché il Papà nell'intervista è stato abbastanza chiaro sul come ci precipitiamo nel baratro, con le nostre manine. Avremmo i mezzi per aiutarci tutti. Manca la volontà, l'esempio, l'amore. Spesso chi deve muoversi per primo, quel passo proprio non lo fa. Ed è un cattivo esempio anche per quelli più pigri (tra i quali mi pongo anche io, tranquillamente, ma con rammarico)

      Elimina
  20. Io sono spesso un po' "fuori" per cui non è che siamo andati troppo fuori dall'ordinario, ma il mio Natale quest'anno è stato davvero speciale, intimo, caldo, personale. L'ho raccontato con delle foto sul mio blog!
    Spero che il tuo lo sia stato altrettanto.

    RispondiElimina
  21. Un Gesù lucidissimo... :D
    E per quanto mi riguarda, direi di star passando, a parte le mancate ferie, un periodo Natalizio molto sentito, in effetti.

    RispondiElimina
  22. Ciao Franco, condivido in pieno il messaggio della lettera che hai ricevuto perché da sempre amo il Natale trascorso in intima serenità.
    Buon 2021
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
  23. Vedi Franco le colpe non sono di tutti e non capisco perché poi sono soprattutto gli innocenti a pagare delle colpe di altri. E questo Gesù non me l'ha chiarito proprio bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono ingiustizie che continuano a perpetrarsi, questo si, bimbi che muoiono di fame in paesi sempre più poveri, tsunami e terremoti che vanno a fare strage spesso proprio dove manca anche un tozzo di pane.. manca una "giustizia" di fondo di cui tutti, ma e compreso, lamentiamo l'assenza, ma confido che Dio (o chi per lui) ci abbia fatto un dono immenso a prescindere, con libera facoltà a chi può, di donare e fare e salvare.. come un esame, una prova, un test..chiamalo come vuoi.. ma non lo stiamo superando..

      Elimina
  24. Franco, se e quando vorrai, mi dareti la tua mail? vorrei chiederti una cosa. Comunque vedi tu , rispetterei la tua privact, senza fare capricci.
    Buon 2021, di cuore!
    Cristiana
    cristianamarzocchi2@gmail.com

    RispondiElimina
  25. L'hai poi fatto il panettone home made?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto recuperando gli ingredienti con cura, facendo la media di una decina di ricette diverse, e dal quattro gennaio si parte.. ;)

      Elimina
  26. Olla peppa, finisce che lo prepari per San Biagio!

    RispondiElimina
  27. È dal lontano 2005 che mi preparo a questo e quando è arrivato io ero pronta! Il primo Natale all'estero, precisamente in Repubblica Dominicana. Tonno e piselli per pranzo, noi tre e tanto caldo. Era la mia prima volta e ho pianto ma dopo averlo fatto mi sono data dell'idiota. Ero nel posto più bello del mondo e lascivo che la nostalgia di ciò che non poteva essere mi rendesse triste. Il sorriso è tornato subito e da lì è iniziato Tutto.
    Da quel giorno non mi sono più interessata a quella tradizione. Per me ora natale è un occasione; di trovarsi o di restare soli 'tanto faz", come di dice in portoghese. Anche quest'anno eravamo solo io e Tomo mangiando fusilli in bianco, che per quanto triste possa sembrare era meglio di tanti altri pasti fatti in passato. Nostro figlio era con la moglie in Brasile e la mia famiglia in quel di Bergamo. Mi sono mancati? Certo, come ogni giorno e come ogni giorno sono grata del loro esserci anche solo per una chiamata!
    Buona vita caro Franco, a Te tutto il buono che c'è!
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo Natale Sara.. con chi ami, anche se da lontano...Auguri di bel blogging.. ;)

      Elimina

Sottolineature