Archivio blog

venerdì 16 ottobre 2020

CRIMINAL - NETFLIX - LA SERIE CHE MANCAVA.

 


Criminal è il thriller nudo.

Una stanza. Un tizio da interrogare. Un team che cerca di capire.

Uno specchio unidirezionale che separa da un'altra stanza, 

dove il resto del team osserva da fuori 

tentando di carpire, a freddo, qualcosa che, 

a caldo, faccia a faccia col diretto interessato, può sfuggire.

Come un mettere a fuoco da lontano, quello che da vicino può abbagliare o distrarre.

Il team si alterna negli interrogatori, o nei colloqui.

Il protagonista sotto i riflettori è diverso ad ogni episodio.


E gli unici spazi scenici sono le due stanze, il corridoio che le unisce, 

ed un ingresso comune, fronte ascensore, 

con i distributori automatici di bevande calde e fredde.

Claustrofobico, ridotto all'osso, dove dinamiche di interrogatorio, 

rapporti all'interno del team e psicologia del soggetto da decifrare, 

si accavallano nel giro di appena  una quarantina di minuti.

E noi si resta incastrati in quegli spazi minimi.

Si resta intrappolati in quelle evoluzioni, quegli scarti di telecamera, 

silenzi, respiri, sguardi.

Grandissime prove attoriali, molta tensione.

Spesso sorprendenti gli epiloghi.


 















27 commenti:

  1. Hugo Drodemberg • un anno fa • edited
    Questo il mio commento col Castelli 2 giorni fa:
    L'attesissima "Criminal" di Netflix meriterebbe un tetrapilot di 56 secondi. No perchè da bravo serialminder ieri sera non ne ho visto mica uno, ma tutti e quattro, accomunati più dalla povertà d'idee che dal format... e, per capirci, ancora oggi continuo a consigliare "In Treatment", che ha un terzo degli attori e la metà delle location.
    Insomma: l'idea di fondo del format mi garbava un sacco, ma l'esecuzione secondo me è pessima. Attori a parte (bravi inglesi e tedeschi, gli altri, meh) sembra davvero di guardare delle fiction (no serie, "FICTION").
    Ottima anche l'idea di mostrare le storie per sottrazione: peccato che le storie in sé siano il più trito e ritrito dei gialli da ombrellone...
    Bocciata
    PS: pure a Tennant, che come molti adoro, hanno dato una parte in cui l'unica cosa che spiccasse era il trucco per i pestoni sugli occhi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'avevo letta questa stroncatura.. magari è uno che vede Montalbano.. ha bisogno dei suoi tempi.. ahah

      Elimina
  2. Non guardo Netflix. Solo Sky.
    Per esempio: "La vita infelice di Euridicde Gusmano".

    RispondiElimina
  3. La tua recensione è straordinaria quasi una poesia, il che mi ha portato ad essere curioso e vederlo anche se anch'io per ora non ho netlflix

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre gentile.. certo Netflix e Prime due pozzi profondi dalle risorse inesauribili.. fai fatica solo a scegliere, chissà la roba che mi perdo..

      Elimina
  4. adesso che arriva il lockdown ci sarà più netflix per tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. io le scuole non le avrei riaperte proprio... ma non faccio il politico, non vado in cerca di consensi...

      Elimina
  5. Vista! Mi era parsa un'idea interessante, ma mi sono fermata alla serie inglese: monotono e privo di suspence, a mio avviso. Guarderò gli altri per fare un raffronto. Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima la Germania, discreta Francia, forse un po' sopra le righe Spagna.. ;)

      Elimina
  6. Che mi dici di David Tennant? E' la voce di Zio Paperone nella nuova serie Ducktales..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quasi tutti gigioni i protagonisti, ma sempre attenti e mai fuori le righe.. ottime prove, e la sua particolarmente..

      Elimina
  7. Solo due spazi scenici in tutte le puntate? No grazie, cose così non mi piacciono.

    RispondiElimina
  8. Da appassionata di crime in tutte le sue forme (libri, documentari, serie tv, film, docuserie, documentari, mixer di minoli, telefono giallo di augias, blu notte di lucarelli, storie maledette di leosini- e giuro che me la faccio addosso dalla paura) mi è piaciuta moltissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Contento di leggerti.. Elementary ti piace?!

      Elimina
    2. Sì è carino, anche se "Le avventure di Sherlock Holmes" degli anni 80/90 con Interpreti e personaggi
      Jeremy Brett e David Burke per me sono un capolavoro. Non mi è piaciuto il più recente "Sherlock" con Cumberbatch. Se inizio ad elencare non la finisco più!

      Elimina
  9. Da come la descrivi, dev'esser particolarissima.
    E, paradossalmente, potrebbe piacermi più delle altre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provala.. ti consiglierei l'episodio uno della serie Germania.. Incredibile!

      Elimina
  10. Troppo claustrofobica per me.
    In questo momento sto guardando Penny Dreadful che mi sta stregando.
    Tutti bravissimi, le atmosfere che amo di più e una Eva Green superlativa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..per te consiglio anche Modern Love su Prime... tenerissimo!

      Elimina
  11. Questo mi attira parecchio!
    Minimale, circoscritto, molto mentale.
    Mi ricorda, almeno dalla tua descrizione, certe scene del primo True Detective.

    Moz-

    RispondiElimina
  12. e certo, cosa vuoi che siano le scuole, mica hanno importanza... tanto se non vanno a scuola i genitori riescono a trattenerli a casa i ragazzi, non vanno in giro.....

    RispondiElimina
  13. Non conoscevo questa serie, ci darò uno sguardo:)
    Un saluto,

    EM

    RispondiElimina
  14. Appena iniziato. Ho deciso di cominciare con quella britannica.
    Ah... secondo te ci sarà anche un Criminal ITALIA? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta che non lo fanno con roba tipo Petra.. ahahah

      Elimina

Sottolineature