venerdì 1 febbraio 2019

PIOGGIA ATOMICA



Piove. E non avrebbe dovuto.

Ma vatti a fidare delle previsioni… e quindi ci si attrezza da pioggia, pantaloni impermeabili e giacca pure, ma ci si attrezza anche da freddo, che in questi ultimi giorni non scherza; sembro uno yeti, l’uomo alieno, mi muovo a malapena,  e devo sbrigarmi a partire altrimenti schiatto anche di caldo...dura la vita del centauro… ma per evitare il traffico..questo ed altro…)

Auto a non finire, e io contromano a superare la fila… con cautela però, gocce sulla visiera del casco e pochi altri scooter folli come me.. in lontananza ne avvisto uno che va spedito, e tra gli “espedienti di guida meno noiosa” del motociclista metropolitano, c'è l'inseguimento allo scooter che sta davanti: un'illusoria gara che aiuta la concentrazione e a trangugiare chilometri...lo sto quasi raggiungendo, eccolo nel mirino.. è un Beverly come il mio, e col pilota imbacuccato come me.. gli sto quasi addosso... l'occhio va distrattamente sulla targa, ed il gelo diviene polare...

è la mia..
mi sto inseguendo..

sono precipitato in un piovigginoso universo parallelo?

L'attimo di stupore e inquietudine basta a farmelo perdere tra un sorpasso e l'altro... devo sincerarmi.. sto prendendo abbagli, perdo i colpi? Ho le visioni? Mangiato pesante?...no...

accelero, ce l'ho di nuovo davanti.. fa la mia strada del resto.. e utilizza le mie traiettorie... Dio mio... questa è follia...devo guardarlo in faccia… devo sapere... ci sono quasi quando una Fiesta - forse per evitare una buca, niente di più facile a Roma - mi taglia la strada.. inchiodo miracolosamente, considerato l'asfalto bagnato, e strabuzzo gli occhi... è la Fiesta di mia moglie.. grigiolina metallizzata.. ma io l'ho lasciata a casa, a prepararsi con calma, uscirà solo tra mezz'ora... sono prigioniero di un incubo, o forse è tutto perversamente reale...

quanti universi possiamo percorrere prima di riuscire ad intersecarli tra loro, e ad accavallarci con le nostre esistenze?

Resto basito e inchiodato con le altre auto a suonarmi addosso, la Ford dileguata, l'altro mio io ormai lontano..starà andando al lavoro anche lui… ed io sono ripiombato nel mio universo o gravito ancora sospeso in questo mondo parallelo dove di me ce n’è già uno?!

Ma allora, mo' che ci penso razionalmente, posso tornarmene a casa oggi?
Tanto c’è un altro che sta andando al lavoro al posto mio?!


25 commenti:

  1. Direi ottima soluzione di sfruttare il tuo doppio.
    Complimenti
    Ciao

    RispondiElimina
  2. Ho visto un film dove il protagonista aveva costruito un suo clone.
    Lui stava in poltrona a vedere la TV e il clone lavorava in ufficio per conto tuo.
    Comodo, no?

    RispondiElimina
  3. Oh mio Dio vai a lavoro sotto la pioggia!!!
    Noooooo Franco ti ammalerai parti prima è prendi auto.
    Santiddio rischi di arrivare in sede come un babba... Non dalla pioggia, ma dal sudore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le alternative sono una tragedia peggio della pioggia...

      Elimina
  4. Quindi praticamente mi stai dicendo che se torno a Roma devo sperare ci sia il sole, per non vederti arrivare come lo Yeti?
    E vabbè dai, mi organizzerò.
    P.S. Questo tuo post mi ha messo un po' d'ansia, ma è bellissimo. Che poi voglio immaginarti a fare a gara con uno scooter qualunque. Dai su, non hai più l'età. Guida piano e vai lontano.
    Oggi mi sono svegliata più perfida del solito.
    Ihihiihihih <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda mi prendo il "bellissimo"...e ti perdono il resto ;)

      Elimina
  5. Solo a chi abita a Roma è concesso di vedere l'inferno su questa terra: e capita quando piove. E quelli che vanno in motocicletta si illudono di evitarlo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo evitano, ma lo fanno durare mooolto meno...

      Elimina
  6. Già mi è venuta l'ansia a pensare al traffico romano, figuriamoci al doppio :D

    RispondiElimina
  7. tutta una scusa per fare un cazzo insomma :-)

    RispondiElimina
  8. Io dico che puoi. Fallo. Poi ci racconti come è andata ^^

    RispondiElimina
  9. Eheh purtroppo non si può... funzionano sempre contro di noi, gli universi paralleli XD

    Moz-

    RispondiElimina
  10. Sono prosaico. Ma lo stipendio poi chi lo prende?

    RispondiElimina
  11. Ho letto e riletto questa tua breve storia metropolitana.. bella! mi ha fatto molto sorridere il centauro - yeti!

    RispondiElimina
  12. Infatti non avrebbe dovuto piovere anche oggi, e invece non si è fermata un attimo da stanotte.
    Ora è tornato un vago sereno. Da domani finalmente ci sarà il sole per almeno 4-5 giorni. Buona domenica sera :)

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  14. Mi stai dicendo che là fuori c'è una Paola S. che sta vivendo la vita che non ho il coraggio di vivere io?:-D

    RispondiElimina
  15. Tesoro mio di un Franchino stavi mica sognando?
    Ad ogni modo la storia è affascinante! Bacioni

    RispondiElimina
  16. delizioso questo spaccato di surrealismo metropolitano, la pioggia e le buche a dare concretezza all'inseguimento del proprio doppio.
    massimolegnani

    RispondiElimina
  17. Io adoro le precipitazioni.
    Purtroppo vivo in una parte d'Italia siccitosa (a naso direi che siamo sui 550mm di precipitazioni all'anno, qui dove scrivo).

    RispondiElimina

Sottolineature