sabato 16 febbraio 2019

DUBAI - LA CITTA' CHE NON C'ERA



L’impressione è quella di un agglomerato urbanistico in ebollizione, che non trova quiete, anche perché la prossima EXPO 2020 sarà proprio qui, a Dubai, e se già così stupiamo ad ogni girar di occhi ed alzar di capo, immagino solo cosa potranno inventare per il prossimo anno…




la nave attraccata offre uno skyline iperbolico, grappoli di grattacieli, archi immensi, strade a sei corsie, tutte auto sovradimensionate e pulitissime...tutto lo scimmiottabile delle metropoli e delle grandi capitali riverbera di riflessi luccicosi e voglia di incantare;



fino a quindici, venti fa, qui era quasi deserto...quello stesso deserto dove ci portano a fare un mirabolante Dune Drive sopra ad arrembanti Jeep con le gomme sgonfiate proprio per affrontare le onde di sabbia finissima; 
ed il mare - a pochi chilometri - solo azzurro infinito, come sulle coste dell’Oman, emirato confinante..



ora si attira l’economia del mondo con tassazioni irrisorie, arrivano tutti da ogni dove, anche i contrabbandieri iraniani, e impazza l’urbanizzazione a filo d’acqua e a forma di palma, con effetto altamente evocativo, specie dall'alto… 






c’è mania di Grandezza.. si respira a pieni polmoni... anche nella Dubai superstite di una storia millenaria, anche nei suk con l’oro che trabocca e le pachmine di ogni foggia, mercatini dal frenetico andirivieni, accalcati attorno al Creek, il braccio di mare che separava, e separa, Dubai in due, e sopra le tipiche barchette (abra) gremite di locali e turisti, e frotte di gabbiani a seguirne le traiettorie.



Una città che non rifiuta le proprie origini, anzi, se le coccola spavaldamente, ma è risolutamente lanciata verso l’avvenirismo più totale, la caccia al record, la voglia di apparire, e di aprirsi, di accogliere e stupire; 





una terra abbandonata dalle mire colonialiste inglesi proprio poco prima che  si scoprissero i giacimenti petroliferi, l'oro nero che ha permesso ad un oculato Sultano di distribuire ricchezza per tutti i locali, di riunire negli Emirati Arabi i sultanati confinanti, di creare pace e prosperità, anche se i lavori peggiori, la manovalanza edile, è tutta pakistana, indiana, del Bangladesh, e non vanta certo condizioni di vita ideali.. 






35 commenti:

  1. Dubai la chiamano la Manhattan del deserto.
    Non mi emoziona. Non ha storia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A ben guardare ci trovi più storia che a New York... solo che stanno bruciando le tappe... e alle mentalità bradipesche come le nostre, la cosa fa paura...

      Elimina
    2. Infatti detesto New York.
      Praga, andiamo a Praga.

      Elimina
    3. Praga tra le più belle città d'Europa, assieme a Bruges.

      Elimina
  2. Queste cose non mi stupiscono: mi inquietano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inquieta, bravo: resti basito dinanzi a robe mai viste...

      Elimina
  3. Bellissimo posto in effetti. Mi piace l'intreccio fra ultramodernità antichità, ma non so se ci andrei (a parte la mia storia su Instagram)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luoghi da scoprire, da valutare... la Polizia in Ferrari, del resto, la puoi trovare giusto là...

      Elimina
  4. Sarà un paese arretrato culturalmente, però lo stile non gli manca ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hanno cultura beduina da vendere, e genio anche, le torri del vento, con un sofisticato sistema per far circolare aria fredda all'interno delle case, lo hanno inventato loro...la prima aria condizionata della storia...

      Elimina
  5. Come al solito, grazie alle tue foto, mi sembra di esserci stata.
    Bacio

    RispondiElimina
  6. Certamente ha un suo fascino...ma personalmente non mi verrebbe voglia di visitarla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..fa impressione come si evolva in tempo reale... noi siamo davvero fermi a confronto... immobili..

      Elimina
  7. Io sogno di andarci e ho anche un appoggio.
    Magari proprio per l'expo.

    Voglio andare nel palazzo cornice.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spettacolo!!..te lo auguro di cuore...per l'Expo poi..sarà pazzesco!!

      Elimina
  8. Conosco una persona che ci ha lavorato per alcuni anni, decisamente una città fuori del comune.
    sinforosa

    RispondiElimina
  9. Le foto sono bellissime, come sempre, ed è affascinante il confronto tra la storia e i grattacieli...
    Ma..la bistecca all'oro di Ribery l'hai assaggiata? :D

    RispondiElimina
  10. La parte di me spezzina direbbe: l'interno dell'edificio nella quartultima foto sembra la Cattedrale di piazza Europa.

    RispondiElimina
  11. ci sono stato nel 2007

    una volta va bene vederla, due sono decisamente troppe.

    RispondiElimina
  12. Guardando le tue foto, come faccio con i miei amici che ci conosciamo da 40 anni, giramondo, io viaggio con loro, senza esserci stata.
    Grazie Franco.

    RispondiElimina
  13. Mai stato. Sapevo del suo aspetto avveniristico ma non che nonostante tutto, a Dubai si avesse anche profondo rispetto per la Storia ed il passato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. PS: ad aprile google plus morirà e con esso pare tutti i commenti lasciati non solo sulla piattaforma in questione ma anche ovunque. Quindi per favore quando vieni da me commenta col simbolino di blogger perché ho visto che purtroppo molti tuoi commenti passati ma non solo tuoi ingiustamente temo spariranno ad aprile e quindi almeno evita di loggarti da google plus per evitare l'oblio

      Elimina
  14. Grazie per l'informazione, ma sai che non ho la più pallida idea di come si commenti con la B di blogger?!

    RispondiElimina
  15. Fai log out credo da google plus e poi vai sul tuo blog su blogger: in alto a destra troverai la scritta "entra". Cliccaci e fai la breve trafila

    RispondiElimina
  16. Dubai a me non ha mai ispirato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Particolare lo è...i suoi giochi d'acqua e luce, con getti di 150 metri a ritmo di Whitney Houston a tutto volume, fanno pelle d'oca come in poche altre occasioni...

      Elimina
  17. Sono posti che ritengo orribili.
    Sono le iperboli dell'artificiale.

    RispondiElimina

Sottolineature