sabato 9 marzo 2019

LE BARZELLETTE DI ASCANIO



Parlando di questa raccolta, la definisce un'operazione antropologica.

l'ho sfogliato curioso in libreria, leggendo barzellette alla rinfusa, assieme ad alcuni brevi  commenti del Nostro, magari intesi a sviscerare natura e significati reconditi.

Tralascio il - non credo trascurabile - dettaglio che, nella sventagliata di quelle lette,
non ce n'era una che non avessi già sentito.

Ora vorrei davvero conoscere l'utilità di certe operazioni.

Perché alla fine di raccolta di barzellette si tratta, non prendiamoci in giro.

Anzi, ecco, la migliore è proprio questa: "operazione antropologica"

19 euro di deja vu. Ad opera di uno scrittore che - comunque - amo.

Forse in crisi creativa. Forse con troppe mutuo di rate arretrate, chissà...

forse dopo aver visto Baglioni direttore artistico a Sanremo pur avendolo schifato per decenni,
avrà pensato: "allora si può tutto!"

"ognuno c'abbiamo i suoi problemi"

28 commenti:

  1. Si chiama "arrivare a fine mese", vale anche per le partite Iva e dintorni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi sembra si possa definire in altro modo.. posso capi' Totti (che comunque fa pure un sacco di beneficenza...e certo non c'ha problemi de fine mese, er pupone...)

      Elimina
  2. Ma commenti del tipo? Perché una raccolta di barzellette mi sembra veramente cosa banale..mi viene in mente quando regalavano i librettini di barzellette nel Topolino di inizio anni '90...
    Poi barzellette politicamente scorrete ci sono? Tipo quella del nero che va in lavanderia e dice "Borrei una lavatrice"; alla risposta del commesso "Candy?", risponde cantanto "Borrei una lavatrice" :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...guarda ce ne sono di questo livello..con qualche "pseudo commento autoriale teso ad introspezionarne le radici"
      Ascanio che me combini... :(

      Elimina
  3. Bisogna pur vivere, comunque un po'di buonumore fa solo bene.
    Sereno giorno.

    RispondiElimina
  4. Ti dirò... avrei anche accettato una presunta operazione sulle origini e la cultura popolare della "barzelletta".. ma se in realtà il 90% del libro è un elenco di roba trita, ritrita e risaputa.. permetti che mi puzzi un po'?!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La "barza" è un'arte, e lui non la possiede.

      Elimina
    2. ..neanche Totti se è per questo, ma se fa un libro sulle barzellette, rientra nei canoni... ;)

      Elimina
  5. Non lo conoscevo fino a quando, ieri, Repubblica ha postato un video Ne ho guardato un pezzetto perché citava barzellette sui cani e tutto ciò che riguarda i cani mi attira
    Eccone una
    Un tale sbaglia numero di telefono e gli risponde un cane
    Bau Bau.
    Ma chi è, chi parla?
    Bau bau
    Non capisco!
    B come Bologna
    A come Ancona
    U come Udine !
    Non è carina?
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho visto il video. Era carina quella su Andreotti, che giustamente non è nel libro perché gli sarebbero diecimila querele. Comunque quella del bau, come tutte le altre, è vecchia. E tu, Ascanio, non puoi fare un libro simile. Non esiste proprio.

      Elimina
  6. Lo vedo meglio a fare spettacoli dal vivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..ma ha scritto anche robe deliziose davvero: La pecora nera e Io cammino in fila indiana sono libri magici...

      Elimina
  7. Mi trovo d'accordo con Francesco. L'arte non dovrebbe forse essere mercenaria. Ma lo è tante di quelle volte...
    Bisogna pur arrivare a fine mese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che non glielo compri nessuno...così impara...

      Elimina
  8. Più che un'operazione antropologica mi sembra un'operazione da canna del gas.
    OT Da buon italiano medio- provinciale dico solo " Forza Atletico".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul Forza Atletico spalanchi un portone aperto... ;)

      Elimina
  9. mi auguro tu ti sia limitato alla sfogliata di sfroso in libreria e non abbia speso un penny.
    massiolegnani

    RispondiElimina
  10. Io i libri sulle barzellette non li ho mai capiti. Secondo me, se non hai l'empatia di uno bravo a raccontarli non provi nessun divertimento.

    RispondiElimina
  11. Io le amo anche le barzellette, ma devono essere divertenti, originali (dove originali sta per: uscire dai soliti cliché) e mai sentite. ;)

    RispondiElimina
  12. Visto ed evitato. Contento?😆😆😆

    RispondiElimina
  13. Fatto il salto dell'asticella, inciampando tra un mio libro e l'altro, ecco e ora sono qui con Ascanio con le sue barzellette che non conosco, comunque il salto di qualità l'ho fatto 😜

    RispondiElimina

Sottolineature