venerdì 21 settembre 2018

FARE FOTO



Chissà se la luce catturata
in una manciata di pixel,
non sia che un disegno dei nostri occhi.
Non altro che una proiezione
verso l’esterno di un intimo sogno.

Fuori, forse, solo disordine,
una densa fiera
di colore fluttuante,
disposto ad ampie angolazioni e curvature,
e noi, con un clic,
lo adeguiamo al nostro sentire,
al nostro vedere.

Mi piace pensarlo,
mi piace vederlo.





31 commenti:

  1. A me piace pensare quando scatto una foto di riuscire a rendere la bellezza che vedo in quel luogo in quel momento. Che poi, come dici tu, possa essere la proiezione di un nostro sogno o desiderio, sarebbe perfetto. Bacio.

    RispondiElimina
  2. Sono convinto che il fotografo bravo sia come un pittore: riesce a catturare un'immagine e a renderla speciale, emozionando il profano che la osserva.

    Io sono sempre stato un disastro con la macchina fotografica in mano :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fotografare non è lontano dallo scrivere versi, in entrambi i casi gli autori tirano fuori sensazioni che non devono e non possono coincidere con chi guarda o legge. Certo importante è che suscitino (un)qualcosa. Tutto qua. Credo.

      Elimina
  3. E a me piace molto il tuo pensiero. Con uno scatto cerco di catturare l’emozione che provo in quel momento. Buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
  4. Con l’avvento dei cellulari siamo stati colpiti da una malattia che, almeno per il momento, appare incurabile: si chiama bulimia fotografica acuta; ci costringe a riprendere qualsiasi cosa si trovi nei nostri paraggi, che si muova o stia ferma. Fotografiamo pure la pasta e fagioli che stiamo mangiando e poi la mandiamo in rete affinché gli altri la possano guardare ed esprimere un giudizio profondo e complesso: mi piace. Non guardiamo più, o meglio sappiamo guardare solo attraverso un cellulare. Riprendiamo tutto e poi a casa, seduti in poltrona, guardiamo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e mica mi pare una cosa brutta

      Elimina
    2. ..è un po' come andare a caccia col mitragliatore.. si seleziona dopo, anziché prima. Certo col cell facciamo decisamente meno danni che col mitragliatore.

      Elimina
  5. Sai la cosa che mi chiedo da quando c’è stato il passaggio al digitale?
    Da profano , intendo da quando abbiamo abbandonato definitivamente il rullino.
    Il digitale contribuisce a correggere la maggior parte dei difetti legati alla messa a fuoco , esposizione movimento ecc...
    Mi chiedo quanti reali sono quelle foto digitali quanto sono fedeli al momento che rappresentano.
    Le foto fatte con il rullino erano a parer mio più “ calde “ ... magari imperfette ma più vere.
    Adesso vedi foto che sembrano quasi tutte uguali...
    Non sto parlando delle tue.. mha spiegami..?
    È qualcosa che senti anche tu?
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale la risposta qui sopra a Pino, una volta uscivi con 36 foto max 72, da selezionare con cura, oltre a quel "calore" (immagine che condivido), c'era cura, attenzione, dedizione.
      Ora c'è la post produzione, una volta si era artigiani della qualità (tipo quelli della pubblicità..ahah)

      Elimina
  6. Un uccellino me l'aveva detto che dovevo apprezzare ancor di più il tuo regalo, perché sei molto legato alle fotografie che scatti.
    Io, invece, sono negata. Con i selfie, con i paesaggi, con tutto.
    Dovrei assumerti come fotografo personale.
    Magari riusciresti a rendere poetica persino me.. 😉😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo fai potrei addirittura rilasciarti fattura, con pagamento in comode rate per i prossimi ottant'anni... ;)

      Elimina
  7. È una riflessione interessante, originale.
    Riporta al l’etimologia di “scrivere con la luce”, disegnare il mondo coi nostri occhi.
    Essere, noi stessi, obiettivi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..obiettivi non direi, perché è un modo di "colorare e disegnare" oggettivo, a modo nostro.. ;)

      Elimina
  8. "lo adeguiamo al nostro sentire, al nostro vedere" ... Io aggiungerei al nostro cuore.
    Complimenti un bel pensiero il tuo, diventerai un Bresson o un Besson
    Abbraccio siemper

    RispondiElimina
  9. fotografare è un po' come lo scrivere: nella storia che si racconta, per immagini o per parole, c'è sempre una parte di noi. Nella foto di chiusura per esempio si vede il tuo sguardo.
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu poi hai la capacità di scavare tra i pixel (oltre che tra i tornanti...)

      Elimina
  10. Bei versi, mi piacciono tanto Franco.
    Spesso mi son chiesta se effettivamente vediamo tutti allo stesso modo.
    I colori sono gli stessi?
    Le forme sono identiche?
    Gli spazi che percepiamo hanno le stesse distanze nel nostro sguardo rispetto a quello degli altri?
    Adoro le foto mai impersonali, quelle che fanno trasparire qualcosa di chi le scatta e ciascuno lì a chiedersi perché...
    Forse siamo solo noi a renderle belle al nostro sguardo, come accade con tutte le cose nel mondo.
    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, siamo noi a produrre, ma sempre noi a scorgere nostre intenzioni, nostre idee, nostre visioni nelle produzioni altrui.. la sensazione è una cosa tutta nostra, e ci adeguiamo il mondo attorno.

      Elimina
  11. Quando scatto una foto, cerco di non fermarmi a quello che vedo attraverso l’obiettivo, ma mi sforzo di arrivare a quello che l’immagine mi trasmette, come sensazioni e emozioni, e cerco di esprimerle con “lo scatto”. Quando riguardando la foto “rivedo” quelle mie sensazioni e emozioni, allora credo di aver scattato una bella foto.
    Ciao Franco. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte ci vedo io stesso cose diverse nel mio scatto, come se la foto si evolvesse di suo nel frattempo, sfuggisse a quell'attimo teoricamente inchiodato. In realtà siamo noi ad evolverci, e a guardare altro da quello che guardavamo al momento.

      Elimina
  12. Io credo che una fotografia, prima di tutto, debba trasmettere qualcosa.
    Una foto tecnicamente perfetta, se non trasmette nulla, è inutile.
    Quindi si, lo scattare è la proiezione di un sogno.

    RispondiElimina
  13. Mi piace più la prima foto. Oroginale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella prima foto l'ho apprezzata col tempo anche io, perché c'era lo sfondo dei tavoli, quel giallo predominante, un'idea di cucina greca che adoro..

      Elimina
  14. Per me la fotografia, la "bella" fotografia, e ancora quella che cattura l'attimo. Non importa il mezzo che si adopera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'accordo. Puoi avere una macchina fotografica da un miliardo e fare foto tecnicamente perfette. Ma che non arricchiscono di nulla l'occhio di chi le guarda.

      Elimina
  15. Adoro scattare fotografie, per me è una sorta di ossessione.
    Non mi interessa che siano perfette, a volte mi piace proprio l'atto in sé. L'idea di catturare un istante.

    RispondiElimina
  16. Ogni foto ha, sia pure nell'oggettività dell'immagine, un "taglio" emotivo e personale dato dal fotografo. Anche nelle foto di guerra o di ritratti, o anche di foto che immortalano paesaggi, esiste sempre una soggettività dell'occhio di chi scatta ed anche di chi poi quella foto la guarda.

    RispondiElimina

Sottolineature