giovedì 2 agosto 2018

NOBEL PER LA MATEMATICA



Quando ho letto che il “nobel” per la Matematica, oltretutto italiano, 

Alessio Figalli, 

aveva creato equazioni in grado di studiare il movimento ottimale delle bolle di sapone e analizzato teorie sul sistematico ammucchiamento delle nuvole, 

ho pensato che, finalmente i leggendari divari tra la leggerezza ondivaga della poesia e gli astrusi calcoli matematici che rendono algida tale materia, andavano finalmente smussandosi, proprio come lievi fiocchi di nubi residue, al calar del sole…



Ora aspetto un diagramma per la composizione degli incanti, 
una funzione per la manipolazione delle ombre, 
un coefficiente che sveli l’equilibratura dei sogni, 
un derivato che calcoli - anche approssimativamente - il differenziale tra vento e controvento…

tutte cosine delle quali sono un “mega” esperto (come si evince dal mio CURRICULUM), ma che rispondono a stime puramente empiriche, e non sono certificate dal minimo conteggio, e neanche dal più scrauso dei master...







28 commenti:

  1. Be’ un punto a favore di questo matematico, il tema che ha scelto di studiare mi colpisce positivamente più del premio che ha vinto
    massimolegnani

    RispondiElimina
  2. È una splendida notizia!
    Lui ed altri quattro, se non erro, hanno vinto questo meritatissimo premio e sono giovani.
    Per una patita della materia come me ancora di più.
    Prossimo calcolo spero sia su come velocizzare l'intelligenza e la cultura...possibilmente in maniera umana...😁😘
    Ciao Franco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdonami mi correggo, insieme ad altri tre. Ciao.

      Elimina
  3. Franco, dici così perché non lo hai visto in faccia: geniale.
    Il lavoro di Figalli ha permesso di risolvere un’equazione complessa che risponde a questa domanda: qual è il modo più economico di trasportare una massa da un luogo a un altro, supponendo che il costo dipenda dalla distanza percorsa? Domanda che racchiude un rompicapo geometrico, antico quanto la leggenda di Didone sulla fondazione di Cartagine, e che Figalli ha risolto studiando la forma delle bolle di sapone.

    http://www.lastampa.it/2018/08/02/societa/ad-alessio-figalli-il-nobel-della-matematica-prossimo-problema-vedere-di-pi-mia-moglie-njhaE7seVwOtsKisVnQpZL/pagina.html

    RispondiElimina
  4. Posso dirti che il tuo curriculum mi è interessato più della notizia?
    Ahah
    Scherzo.
    Che il nobel vada ad un Italiano è una bella soddisfazione. Sul fatto che la sua scoperta sia scientificamente trascurabile, invece, non mi trovi d'accordo.
    Mi è sembrata originale e, per certi versi, fantasiosa.
    Comunque, il coefficiente per l'equilibratura dei sogni interesserebbe anche a me. Se lo scopri o se lo fanno altri, avvisami! 😜
    Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vuoi te li sfiletto, i sogni, e te li servo freddi. Con ghiaccio. Di questo periodo è il minimo... ;)

      Elimina
    2. Bravissimo Alessio,
      ma anche io ho preferito il curriculum di Franco, ahaah

      Elimina
  5. Io ho sempre invidiato chi ci capisce di numeri.
    Del resto faccio il lavoro che faccio :-)

    RispondiElimina
  6. Un genio e il mondo ha bisogno di Geni. Resto affascinata sia dalle bolle che dalla sua ricerca che approfindiró...maaaa non bisogna studiare proprio tutto... bisogna che la magia resti.
    È la magia che dà speranza, non i calcoli matematici.


    RispondiElimina
  7. Il genio misura il non-misurabile.

    RispondiElimina
  8. Un premio che ci rende tutti orgogliosi, con tutti, tanti, troppi italiani che ci fanno vergognare, questo giovane uomo è una speranza.
    sinforosa

    RispondiElimina
  9. Un autentico genio, specialmente per chi, come me, è negato per la matematica.
    Ho letto da Mariella che voli in Grecia , goditela e fai scorta di quei colori abbaglianti.
    "L’ho odiata. La Francia." dici, io l'ho odiata e la odio. Pensa che avevo anche scommesso 50 euro su di essa, convinta di portarle sfiga, dato che non vinco mai niente.
    Buon relax!
    Cristiana

    RispondiElimina
  10. Nel blog di Mia Euridice ho risposto al suo intervento che ha scritto nei miei confronti.

    Complimenti al matematico.

    Buona notte

    RispondiElimina
  11. Peccato.
    Pensavo che il Nobel per la matematica quest'anno l'avrebbero dato a me... :)

    RispondiElimina
  12. Non capendo nulla di numeri, buon per lui ma who cares 😅?!

    RispondiElimina
  13. Matematica poesia e musica sono sempre andate a braccetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La poesia è dappertutto, poco ma sicuro...

      Elimina
  14. Non comprenderei mai i matematici, neanche se entrassi sotto la loro pelle per una settimana intera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho sempre avuto difficoltà estreme con la matematica, con cruccio estremo della mia mamma, insegnate privata della materia, che con me non riusciva a cavare un ragno dal buco invece...(forse perché non le pagavo le lezioni?!?)

      Elimina
  15. Il sistematico ammucchiamento delle nuvole..te ci avevi già fatto un post a riguardo te ricordi?
    ...e io son l’anonimo dell’ultimo commento a cui avevi risposto.
    ( devo essermi dimenticato di scrivere il nome , strano non essermene ricordato bho...!)
    Con le nuvole c’eri arrivato prima te...;)
    Sul diagramma per l’incanto e Tutto il resto...in soldoni vuoi sapere di che materia son fatti i sogni?
    Speriamo non lo scoprano mai!
    Complimenti al matematico ...e anche a tutti quelli che hanno vinto il Nobel adesso e anche nel passato, italiani e non.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi affascina troppo l'indefinito e l'impalpabile..e anche l'idea di potergli attribuire una qualsiasi forma di razionalità.. (portando pure a casa una sorta di nobel..)

      Elimina
  16. Per Pitagora il numero era un'entità divina:forse la matematica andrebbe insegnata meglio, per recuperare quella venerazione di cui è degna.

    RispondiElimina
  17. Straordinariamente italiano.
    Talento, studio e passione. Un es. Per giovani di questi tempi.

    RispondiElimina

Sottolineature