sabato 23 giugno 2018

PROCIDA: L'ISOLA PAZIENTE




Procida ti cattura con una finestrella che sbircia la strada,
con i panni stesi ad abbronzarsi,
i colori pastello mischiati alla rinfusa, ma dalle cromie sempre incredibilmente in tinta.
Con i suoi abitanti che ti raccontano e consigliano subito in confidenza.




Procida ti cattura di folate di aria fresca, di panorami vicini ma distanti un mondo,
da Capri al Vesuvio a Ventotene;

Ischia poi, è un’ombra imponente, ma rotonda, impacciata, faticosa.

Procida, invece, la misurano in passi:
con meno di mille si va da un mare all'altro, dall'onda mossa alla risacca paciosa, dal tramonto che incide, all'ombra quieta.





Procida ti indirizza con le sue strette vie, tra sipari di mura alte, indice di antica ritrosia e difesa estrema, culto della fortezza, retaggio di architetture benedettine e borboniche.

Non c’è auto che non paghi pegno a questi spigoli di strada, viottoli angusti di pareti e colori, che portano sempre, irrimediabilmente, ad un mare.




Le chiesette no, sono un massacro kitsch, sbaroccate indegnamente, quasi tutte di un giallino smorto, che poi qualcuna ci si esalta pure, nello sfavillio di colori di casette e barche.. ma non si può avere tutto: la pace di Corricella, dove cenare nel silenzio più assoluto, una chimera per cittadini come noi, consumati ormai da ogni tipologia di rumore,




il passeggio sulla sabbia nera dove le uniche orme solo le nostre,
la discesa a mare per scoprire un faro,
il viaggio in barca per raggiungere un ristorante,



un attraversare l'intera isola con la notte che guadagna spazio, per godere di tutte le stelle...
non si può avere tutto.. ma Procida ci prova.. e ci riesce..






48 commenti:

  1. Mamma mia che luogo meraviglioso, sarebbe bello poterci andare. Grazie mille per aver condiviso questa tua vacanza.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'isola fuori dai circuiti modaioli... a mio avviso, la sua fortuna!

      Elimina
  2. E' inutile... I posti di mare hanno un fascino immenso ed ineguagliabile.
    Grazie per queste bellissime foto.
    Buon sabato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Claudia.. una location che si presta..molto fotogenica... ;)

      Elimina
  3. Molte di queste foto le avevo già viste, restano davvero piccole perle di luce e colore.
    Hai saputo catturare la paziente forza di Procida.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le ho postate sul rapidissimo facebook..e ora me le sto godendo con la dovuta calma sul mio amato blog, riuscendo a commentare qualche stato d'animo con meno frenesia.. ;)

      Elimina
  4. Bellissima l'isola di origine vulcanica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una miriade di crateri a formare le spiagge circolari...

      Elimina
  5. Posto splendido, oasi di tranquillità, trionfo di colori, ideale per il relax e di ispirazione per scatti suggestivi. Poi è bello pensare che ci siano luoghi in cui le automobili non la fanno da padrone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..non per nulla c'ha casa Baricco... furbo lui... e comunque si, cenare nel silenzio con solo qualche gabbiano di sottofondo, è impagabile..

      Elimina
  6. Risposte
    1. Ma veramente!!! Un culo pazzesco...
      Siamo un po' invidiosi...

      Elimina
    2. Daje che fra un po' ve tocca... e io lavoro tutto luglio!!!

      Elimina
  7. Ciao Frank, non mi sbagliavo quando ti ho definito un giramondo. Dovrebbero istituire il premio "Marco Polo", lo vinceresti sicuramente. Complimenti per il bel reportage. Un abbraccio da un campano/napoletano. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapevo che avresti apprezzato particolarmente..luoghi e atmosfere che ti sono di casa...

      Elimina
  8. L’ho percorsa in lungo e in largo nell’estate del 2014. E ne sono rimasto affascinato. Salta subito agli occhi che Procida vive nel ricordo di un film che fu qui girato nel 1994: “il Postino”, con l’indimenticabile interpretazione di Massimo Troisi; la sua immagine triste e malinconica è presente un po’ ovunque, nelle piazze come nei locali pubblici, e forse nessun personaggio meglio dell’attore napoletano poteva rappresentare la vera essenza dell’isola, che è nel contempo appartata, generosa e malinconica. Ma anche un’altra figura è scolpita nella memoria storica di Procida: è Arturo, l’eroe-ragazzo nato dalla penna di Elsa Morante, protagonista del romanzo “L’isola di Arturo”, che vive la sua avventura adolescenziale in questo luogo incantato a cavallo degli anni ’50. “ la mia isola ha straducce solitarie chiuse fra muri antichi, oltre i quali si stendono frutteti e vigneti che sembrano giardini imperiali…” Così la descrive Arturo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le splendide note... "straducce solitarie chiuse fra muri antichi", leggeva bene la Morante.. e noi le abbiamo percorse e ripercorse, scoprendo angoli nascosti e panorami incredibili.. un'isola da scoprire passo dopo passo, con calma...

      Elimina
  9. Fantastiche le foto e coinvolgenti le parole (i mille passi da un mare all’altro)
    Fai venir voglia di visitarla
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Da te doppio complimento.. se può interessarti, e immagino la cosa ti solletichi.. è un'isola da bici anche.. ;)

      Elimina
  10. Risposte
    1. Da visitare senza dubbio.. c'è pure il Credem col bancomat che frigge...ahahah!

      Elimina
  11. Che meraviglia! Invidio molto chi sa cogliere tanta bellezza in scatti così semplici. Non è per niente facili rendere giustizia a degli scorci come questi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti giuro, a Procida scattare belle foto è di un facile che non immagini... ;)

      Elimina
    2. Ma poi in Calabria ci sei venuto?

      Elimina
    3. Doveva essere il prossimo weekend... ma è saltato tutto... andiamo nel Chianti... uff!!

      Elimina
  12. Oddiooooo che splendore 😍

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo la spiaggia dei sassolini non c'è.. ;)

      Elimina
  13. Ho visto alcune delle tue foto su Instagram.
    Gran bel posto, non ci sono dubbi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'isola di Arturo genera quiete come poche altre, ovviamente non parlo di luglio e agosto... e poi è facile da raggiungere, e da percorrere...

      Elimina
  14. Bel posto che del reato mi è noto. Vedo che non ti fai mai mancare una vacanza qua e là 😜😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brevi, intense e frequenti... prox step, Montepulciano d'estate (di solito è tappa invernale..)

      Elimina
  15. Beato te^^ questi scatti mi evocavano Sepulvéda. Non so. Erano ispiranti. Eppure li avevo già ispirati nel mio Gabbianello, ora li rivivo in versione 4D procidiana.
    Wow.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un bel fotografare Procida, e gli intensi colori pastello usati dai pescatori per le loro case (la leggenda vuole che fossero usati per individuarla anche lontanissimo da riva) aiutano tanto...

      Elimina
  16. Conosco Procida, isola fantastica e dai mille colori.
    Serena domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'altra isola che rimarrà nel cuore...

      Elimina
  17. Mi piacciono tutte queste foto, sono incredibili.
    Ma soprattutto mi piace quella tra le cabine, dove si intravede il mare. Vorrei essere lì, questa è la sensazione che mi ha trasmesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella luce tra le cabine ha riscosso successo.. a volte capita così..passeggi ed è un lampo, come se qualcosa ti attirasse, scatti, e ti porti un mondo a casa.. ;)

      Elimina
  18. Tanti dettagli per un magnifico quadro d'insieme di un'isola fantastica.

    RispondiElimina
  19. E' diventato un travel blogger questo per caso? :D
    Ultimamente stai viaggiando spesso, buon per te ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, in effetti devo dare i resti anche ad altri generi... ;)

      Elimina
  20. Procida è un gioiello della natura!! Ci portai il mio Fra a sorpresa (lui pensava stessi andando a prendere il treno per tornare a Bologna da Napoli e invece andammo al porto :D)per il suo compleanno di qualche anno fa, penso me ne sia ancora grato :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'isola considerata minore, ma incredibile... (anche se Ponza è un altro pianeta...)

      Elimina
  21. Fuori da giri modaioli mi intriga per usare un termine: modaiolo, che non si può sentire :) Ciao, buona estate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fuori da tutti i giri..un po' gli scoccia, si percepisce..

      Elimina
  22. Nice post and great photos!
    Following you! Follow back?

    www.minnieart.blogspot.com

    RispondiElimina
  23. Da vedere! Mi hai fatto venire l'acquolina in bocca! Per ora ho visto solo Capri.

    RispondiElimina

Sottolineature