lunedì 27 febbraio 2017

EUTANASIA



In Svizzera per morire.

Io so che in tanti se ne vanno solo con uno sguardo tra medico, paziente e parenti.

Solo un'intesa.

Quell'intesa triste che c'è dietro le attese, le notti al neon, il silenzio maleodorante, la stanchezza.

Io so che in tanti se ne vanno e vengono lasciati andar via senza riflettori, stampa, giornali, rivendicazioni, urla, denunce, proclami. Se ne vanno punto.

In Svizzera per morire ci va chi fa casino. Anche per far sparire il sotterfugio di tanti.

Che non è sotterfugio poi, ma solo disperazione, dolore privato,

Speranza sparita per sempre.

31 commenti:

  1. bel post Franco, la tua riflessione fatta di poche parole corrisponde al mio pensiero

    RispondiElimina
  2. Io sono da sempre favorevole all'eutanasia e trovo crudele che in Italia manchi una legge al riguardo. In Svizzera si può, in Olanda (davvero una buona legge quella olandese) è possibile e non soltanto lì. E' vero forse chi va in Svizzera ci andrà anche per sensibilizzare ma non soltanto. Io so che termini la vita in modo più umano, potendo avere vicino a te i tuoi cari, potendo organizzare tutto al meglio. Insomma morire con dignità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per poter morire di eutanasia non c'è bisogno di una legge in fondo. Basta comprensione, intesa, cuore e forza, consapevolezza delle condizioni, complicità spirituale e d'intenti, e rispetto, tra medico e controparte.
      Certo sarebbe ora che cambiassero le cose.

      Elimina
  3. Beatissimi quelli che non ne avranno mai bisogno.
    Ma beati quelli che, nella disgrazia, possono fuggire in un Paese Civile per esercitare il personalissimo Diritto a una morte dignitosa e senza più sofferenza.
    C'è una sola possibilità che io mi scomodi ancora a votare nel nostro arretrato paese: che qualcuno metta l'Eutanasia al primo posto del proprio programma.

    RispondiElimina
  4. Non è un paese civile quello che obbliga una persona consapevole di ciò che fa in una prigione, si tratta di una scelta individuale, si tratta di laicità dello stato perché il punto è quello... noi siamo fermi in molte cose perché succubi del Vaticano
    un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Dichiarazione anticipata di trattamento sarà una conquista. Consapevole.

      Elimina
  5. "Basta comprensione, intesa, cuore e forza", più che giusto e aggiungo che all'occorrenza sarebbe il più grande atto d'amore verso chi hai messo al mondo e verso una persona che ami.
    Noi vorremmo una legge umana, invece i francesi...
    https://mail.google.com/mail/u/0/#all/15a7e97451aef13d
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. Perché l'amore si legge in mille modi.

      Elimina
  6. Per sua natura in tutto il mondo c'è uno stato laico. In Italia causa l'ingerenza del Vaticano nella vita politica di questo Paese il nostro Governo è confessionale. Basta. Credenti e non credenti sono uomini di pari dignità. Quando la vita diventa insopportabile gli ospedali devono smettere di tenere in vita uno che la rifiuta. Tutto deve essere fatto onde evitare che una la mattina si sveglia depresso e si butta dalla finestra. Serve una legge seria che impedisca che la normativa possa diventare uno stimolo al suicidio. Insomma, non deve accadere come l'aborto che in molti casi diventa un contraccettivo come il preservativo.

    RispondiElimina
  7. Franco, la tua soluzione istintiva è sempre quella di affidarsi al "buon senso" e non alla legge, ma per rendere valido un testamento biologico serve la normativa.

    RispondiElimina
  8. argomento delicatissimo...per la prima volta non so risponderti...

    RispondiElimina
  9. In Italia c'è ancora molto da lottare, su questo versante.
    E.. la vedo come Gus!

    Moz-

    RispondiElimina
  10. L'assurdo è che in Italia io posso non firmare un consenso ad un intervento che potrebbe salvarmi la vita, ma non posso chiedere, perfino da cosciente, di togliermi un ventilatore meccanico

    RispondiElimina
  11. Come diceva qualcuno oggi, "in Italia si fa fatica a vivere ma anche a morire". Quanta ipocrisia bigotta contraddistingue questo paese, quanta sofferenza inutile!

    RispondiElimina
  12. Credo nel diritto all'autanasia, ma decidere se concedere tale diritto è veramente tosta ;-(

    RispondiElimina
  13. La tematica morale non può essere scollegata da quella medica.
    Ci sono malattie e casistiche talmente diverse che ognuna andrebbe esaminata da un punto di vista specifico.
    I singoli casi non sono estensibili a piacere per la stesura di una normativa univoca, purtroppo. E per fortuna.
    Ma l'intesa col medico non è sempre così scontata, almeno per la mia esperienza personale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' il commento migliore che ho letto.

      Elimina
    2. Quasi ovvio dover considerare caso per caso nelle pieghe più specifiche. E da tutti i punti di vista possibili, prima di qualsiasi decisione estrema. Di non ritorno. Su questo non si discute neanche.

      Elimina
  14. Io provo grande rabbia pensando che in Italia si limiti un diritto di libertà, libertà di decidere di morire... Abbraccio

    RispondiElimina
  15. Questo non è un paese arretrato , questo è un paese immobile

    RispondiElimina
  16. E' stato vergognoso assistere nuovamente ad un episodio così devastante.
    Ed è insopportabile il misero teatrino dei ministri e di chi ci governa.
    Non siamo un paese di diritto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso essere d'accordo solo su una cosa. Può essere relativamente facile fare testamento biologico mentre si sta bene, e magari poi, anche in momenti di estrema devastazione, trovare o sperare in una seppur remota scintilla che ci possa salvare. Un istinto di conservazione che respira fino all'ultimo.

      Elimina
  17. Si fa pure in Italia...in tacito accordo...se si osserva bene.

    RispondiElimina
  18. Si fa pure in Italia...in tacito accordo...se si osserva bene.

    RispondiElimina
  19. Forse Fabo ha voluto, come nella vita professionale, fare "casino" farci parlare; non va giudicato, ma compreso, con la comprensione per tutti coloro che in piena consapevolezza decidono di "smettere di soffrire". Il caso Welby dove intervenne anche il partito Radicale e' un esempio: il parroco non riteneva degno Welby di un funerale rispetto a una religione che predica "il perdono". Accanimento terapeutico e donne che muoiono di parto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si muore anche di appendicite o di tiroide, se è per questo. Ieri sentivo uno di questi movimenti per la vita che obiettava "anche io ho avuto dei momenti di depressione, ma me li hanno fatti superare", giustamente gli hanno fatto notare che il testamento biologico non prevede di poter morire se siamo depressi. Ma questi "integralisti" non ci arrivano...

      Elimina
  20. Mi ha dato una scrollata questa storia, che non hai idea...
    Che almeno trovi pace, ora.

    RispondiElimina
  21. Di sicuro alcune di queste cose succedono anche qui. E meno male. Solo che come dici tu, non trovo assolutamente giusto che debba essere un sotterfugio, qualcosa da non far vedere a nessuno, quasi di cui vergognarsi. La legge si deve fare, non è possibile chiamare vita una sopportazione forzata dell'esistenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credano che i tempi non siano maturi.. il Papa e la Chiesa incidono più di quanto si immagini...

      Elimina

Sottolineature